User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
Like Tree7Likes
  • 2 Post By amaryllide
  • 1 Post By Red Shadow
  • 1 Post By Malaparte
  • 1 Post By Troll
  • 1 Post By Gianky
  • 1 Post By Gianky

Discussione: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

  1. #1
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    29,462
    Mentioned
    547 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Un’appassionante e dettagliata biografia del grande rivoluzionario internazionalista. Dzeržinskij fu uno degli organizzatori della socialdemocrazia in Lituania e in Polonia. Dal 1906 membro del Comitato centrale del Partito Operaio Socialdemocratico Russo. La sua fede nella causa della classe operaia, e nel comunismo non venne mai meno malgrado le numerose carcerazioni, le condanne ai lavori forzati e all’esilio. Le sue audaci fughe dal confino lo restituivano nuovamente alla lotta: sulle barricate e in clandestinità, nel lavoro di elaborazione teorica, agitazione, propaganda, e organizzazione. Durante la rivoluzione d’Ottobre fece parte del Comitato militare rivoluzionario di Pietrogrado e fu uno dei dirigenti dell’insurrezione. Fu chiamato da Lenin, che lo qualificò “giacobino proletario” a dirigere la Commissione Straordinaria di tutta la Russia (Čeka), creata dal Consiglio dei commissari del popolo per combattere la controrivoluzione, il sabotaggio e la speculazione. Dzeržinskij, in questo difficile compito, tenne fede a quelle che egli stesso indicava come le qualità indispensabili di un čekista: “un cuore ardente, mente fredda e mani pulite”. Nei i terribili e sanguinosi anni in cui l’intervento delle potenze imperialiste e la guerra civile misero in pericolo l’esistenza stessa del giovane Stato sovietico, Dzeržinskij impegnò tutte le sue energie gettando la sua organizzazione nella difesa dei confini, nella lotta contro le truppe mercenarie dei Bianchi, nella caccia allo spionaggio straniero. La stessa completa dedizione Dzeržinskij mise al servizio dei compiti del “tempo di pace” per risollevare la Russia sovietica dalle rovine, dalla carestia, dalla fame. Eletto alle più alte cariche del governo e del partito, egli e la sua organizzazione assunsero nuovi, importanti compiti: dall’assistenza e recupero fisico e morale dei bambini e degli adolescenti rimasti senza famiglia e senza casa, alla difficile organizzazione dei trasporti ferroviari, essenziale per l’approvvigionamento dell’immenso paese. Come presidente del Consiglio per l’economia popolare dell’URSS, Dzeržinskij condusse la lotta per la ricostruzione e lo sviluppo dell’industria metallurgica e dell’industria pesante, affinché – come aveva previsto Lenin – “la Russia della NEP si trasformasse nella Russia socialista”, indipendente economicamente e politicamente dalle potenze imperialiste. La morte prematura lo colse nel fuoco della sua ultima battaglia in difesa dell’unità del partito e della linea leninista, nel compimento di quello che egli considerava un dovere non imposto ma profondamente sentito come “una necessità organica”. Dovere a cui aveva deciso, fin dalla prima giovinezza, di dedicare la sua intelligenza, la sua volontà, le sue energie, sempre anteponendo l’interesse della classe operaia a qualsiasi sentimento ed esigenza personale.
    Zambon verlag - it_book
    Dogma and cocco27 like this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Komunista Estetizzante
    Data Registrazione
    07 Apr 2005
    Località
    Cavriago-Reggio Emilia
    Messaggi
    12,084
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    Un’appassionante e dettagliata biografia del grande rivoluzionario internazionalista. Dzeržinskij fu uno degli organizzatori della socialdemocrazia in Lituania e in Polonia. Dal 1906 membro del Comitato centrale del Partito Operaio Socialdemocratico Russo. La sua fede nella causa della classe operaia, e nel comunismo non venne mai meno malgrado le numerose carcerazioni, le condanne ai lavori forzati e all’esilio. Le sue audaci fughe dal confino lo restituivano nuovamente alla lotta: sulle barricate e in clandestinità, nel lavoro di elaborazione teorica, agitazione, propaganda, e organizzazione. Durante la rivoluzione d’Ottobre fece parte del Comitato militare rivoluzionario di Pietrogrado e fu uno dei dirigenti dell’insurrezione. Fu chiamato da Lenin, che lo qualificò “giacobino proletario” a dirigere la Commissione Straordinaria di tutta la Russia (Čeka), creata dal Consiglio dei commissari del popolo per combattere la controrivoluzione, il sabotaggio e la speculazione. Dzeržinskij, in questo difficile compito, tenne fede a quelle che egli stesso indicava come le qualità indispensabili di un čekista: “un cuore ardente, mente fredda e mani pulite”. Nei i terribili e sanguinosi anni in cui l’intervento delle potenze imperialiste e la guerra civile misero in pericolo l’esistenza stessa del giovane Stato sovietico, Dzeržinskij impegnò tutte le sue energie gettando la sua organizzazione nella difesa dei confini, nella lotta contro le truppe mercenarie dei Bianchi, nella caccia allo spionaggio straniero. La stessa completa dedizione Dzeržinskij mise al servizio dei compiti del “tempo di pace” per risollevare la Russia sovietica dalle rovine, dalla carestia, dalla fame. Eletto alle più alte cariche del governo e del partito, egli e la sua organizzazione assunsero nuovi, importanti compiti: dall’assistenza e recupero fisico e morale dei bambini e degli adolescenti rimasti senza famiglia e senza casa, alla difficile organizzazione dei trasporti ferroviari, essenziale per l’approvvigionamento dell’immenso paese. Come presidente del Consiglio per l’economia popolare dell’URSS, Dzeržinskij condusse la lotta per la ricostruzione e lo sviluppo dell’industria metallurgica e dell’industria pesante, affinché – come aveva previsto Lenin – “la Russia della NEP si trasformasse nella Russia socialista”, indipendente economicamente e politicamente dalle potenze imperialiste. La morte prematura lo colse nel fuoco della sua ultima battaglia in difesa dell’unità del partito e della linea leninista, nel compimento di quello che egli considerava un dovere non imposto ma profondamente sentito come “una necessità organica”. Dovere a cui aveva deciso, fin dalla prima giovinezza, di dedicare la sua intelligenza, la sua volontà, le sue energie, sempre anteponendo l’interesse della classe operaia a qualsiasi sentimento ed esigenza personale.
    Zambon verlag - it_book
    Chiedi all'utente Feliks da cosa deriva il suo nick
    amaryllide likes this.
    Militia est vita nostra super terram.
    Siamo nati per soffrire e io ho soffritto molto.

  3. #3
    Aghori
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    9,736
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da Red Shadow Visualizza Messaggio
    Chiedi all'utente Feliks da cosa deriva il suo nick
    Quando era ancora un folle bolscevico rivoluzionario, coi suoi sogni di gioventù
    amaryllide likes this.
    Gli Arya seggono ancora al picco dell'avvoltoio.

  4. #4
    .
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    58,680
    Mentioned
    662 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da Malaparte Visualizza Messaggio
    Quando era ancora un folle bolscevico rivoluzionario, coi suoi sogni di gioventù
    lo è ancora

    reazionario sono io che voglio narcotizzare le moltitudini col welfare dalla culla alla tomba
    Ultima modifica di Troll; 27-11-12 alle 20:28
    amaryllide likes this.

  5. #5
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    29,462
    Mentioned
    547 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da Troll Visualizza Messaggio
    lo è ancora

    reazionario sono io che voglio narcotizzare le moltitudini col welfare dalla culla alla tomba
    da quando il bolscevismo è contrario al welfare?

  6. #6
    .
    Data Registrazione
    22 Jul 2010
    Messaggi
    58,680
    Mentioned
    662 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    da quando il bolscevismo è contrario al welfare?
    il bolscevismo vuole proverbialmente il potere politico del proletariato

    accrescere le possibilità di consumo delle persone che in questo modo possono permettersi gingilli e vacanze senza preoccuparsi di modificare i rapporti di dominio è la cosa più controrivoluzionaria che esista

  7. #7
    Klassenkampf ist alles!
    Data Registrazione
    31 May 2009
    Messaggi
    29,462
    Mentioned
    547 Post(s)
    Tagged
    30 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da Troll Visualizza Messaggio
    il bolscevismo vuole proverbialmente il potere politico del proletariato

    accrescere le possibilità di consumo delle persone
    il welfare state esiste solo per far consumare la gente? Fottuto capitalista di Stalin, che garantì al suo popolo un welfare state di primo livello!
    Ultima modifica di amaryllide; 06-12-12 alle 01:21

  8. #8
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    il welfare state esiste solo per far consumare la gente? Fottuto capitalista di Stalin, che garantì al suo popolo un welfare state di primo livello!
    Avercelo in eterno il Welfare che fa consumare la gente. Certe persone pensano a come era bello il "buon tempo antico" quando i consumi erano pochi e la gente crepava di fame.
    amaryllide likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  9. #9
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,892
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: "Dzeržinskij. Il giacobino proletario di Lenin"

    Citazione Originariamente Scritto da amaryllide Visualizza Messaggio
    Un’appassionante e dettagliata biografia del grande rivoluzionario internazionalista. Dzeržinskij fu uno degli organizzatori della socialdemocrazia in Lituania e in Polonia. Dal 1906 membro del Comitato centrale del Partito Operaio Socialdemocratico Russo. La sua fede nella causa della classe operaia, e nel comunismo non venne mai meno malgrado le numerose carcerazioni, le condanne ai lavori forzati e all’esilio. Le sue audaci fughe dal confino lo restituivano nuovamente alla lotta: sulle barricate e in clandestinità, nel lavoro di elaborazione teorica, agitazione, propaganda, e organizzazione. Durante la rivoluzione d’Ottobre fece parte del Comitato militare rivoluzionario di Pietrogrado e fu uno dei dirigenti dell’insurrezione. Fu chiamato da Lenin, che lo qualificò “giacobino proletario” a dirigere la Commissione Straordinaria di tutta la Russia (Čeka), creata dal Consiglio dei commissari del popolo per combattere la controrivoluzione, il sabotaggio e la speculazione. Dzeržinskij, in questo difficile compito, tenne fede a quelle che egli stesso indicava come le qualità indispensabili di un čekista: “un cuore ardente, mente fredda e mani pulite”. Nei i terribili e sanguinosi anni in cui l’intervento delle potenze imperialiste e la guerra civile misero in pericolo l’esistenza stessa del giovane Stato sovietico, Dzeržinskij impegnò tutte le sue energie gettando la sua organizzazione nella difesa dei confini, nella lotta contro le truppe mercenarie dei Bianchi, nella caccia allo spionaggio straniero. La stessa completa dedizione Dzeržinskij mise al servizio dei compiti del “tempo di pace” per risollevare la Russia sovietica dalle rovine, dalla carestia, dalla fame. Eletto alle più alte cariche del governo e del partito, egli e la sua organizzazione assunsero nuovi, importanti compiti: dall’assistenza e recupero fisico e morale dei bambini e degli adolescenti rimasti senza famiglia e senza casa, alla difficile organizzazione dei trasporti ferroviari, essenziale per l’approvvigionamento dell’immenso paese. Come presidente del Consiglio per l’economia popolare dell’URSS, Dzeržinskij condusse la lotta per la ricostruzione e lo sviluppo dell’industria metallurgica e dell’industria pesante, affinché – come aveva previsto Lenin – “la Russia della NEP si trasformasse nella Russia socialista”, indipendente economicamente e politicamente dalle potenze imperialiste. La morte prematura lo colse nel fuoco della sua ultima battaglia in difesa dell’unità del partito e della linea leninista, nel compimento di quello che egli considerava un dovere non imposto ma profondamente sentito come “una necessità organica”. Dovere a cui aveva deciso, fin dalla prima giovinezza, di dedicare la sua intelligenza, la sua volontà, le sue energie, sempre anteponendo l’interesse della classe operaia a qualsiasi sentimento ed esigenza personale.
    Zambon verlag - it_book
    Un grande rivoluzionario. Tanto di cappello.
    amaryllide likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-01-05, 17:37
  2. La "Grande" alleanza "Democratica" con gli ultimi epigoni di Lenin
    Di Pieffebi nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 04-01-05, 02:30
  3. Pranzo "proletario"...
    Di Wasabi nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 02-12-04, 02:27
  4. Ottimo: condanne pesanti per "l'esproprio proletario"
    Di Mr. Hyde nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 162
    Ultimo Messaggio: 09-11-04, 16:48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226