25/7/2009 (6:10) - RETROSCENA
E ora Cannavaro è un rimpianto Real
Fabio Cannavaro in azione contro il Siviglia
+ A Siviglia, Juve con effetto Amauri

La stampa spagnola: «Presi Ronaldo e Kakà, ma chi gioca vicino a Pepe?»
MASSIMILIANO NEROZZI
DALL’INVIATO A SIVIGLIA
Neppure sono due mesi che ha traslocato da Madrid, Fabio Cannavaro, che già lo rimpiangono. Pure dalle colonne del quotidiano sportivo «Marca», che tante volte lo bastonò. Lui, intanto, si gode l'ottima accoglienza ricevuta in Spagna: «Qui ho passato tre anni magnifici - ha raccontato il difensore bianconero a Juve Channel - e sarei anche potuto restare, ma la Juve s'è mossa molto velocemente e poi ho sentito che era la scelta giusta da fare». Il rimpianto potrà farlo lievitare ancora di più giocando bene la Peace Cup: anche se dal vivo l'hanno visto in pochi, dentro l'enorme Estadio Olimpico, semivuoto, con appena diecimila biglietti venduti, dei circa 70.000 disponibili.

Va bene Cristiano Ronaldo, Kakà, Albiol, Granero, Benzema - ha scritto in sostanza in un commento «Marca» - ma la verità è che manca un degno compagno per Pepe. Uno come Cannavaro insomma - continua il quotidiano - sarebbe potuto restare un'altra stagione». Per supportare la tesi, il giornale ricorda le parole di Jorge Valdano, quando si questionava sul rinnovo o meno di Fernando Hierro: «I difensori che mi piacciano di più - disse - sono quelli brutti e vecchi». Riportato sopra una foto sorridente di Canna con la t-shirt juventina. Ora tocca a lui, farsi rimpiangere.

E ora Cannavaro è un rimpianto Real - LASTAMPA.it