User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 33
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La destra e la tentazione dell’oriente.

    La destra e la tentazione dell’oriente.

    di Francesco Marascio


    Il fenomeno della tentazione dell’oriente, si è affermato a partire dagli anni 60’/70’, anche oltre il mondo della destra, divenendo un fenomeno di massa: la moda dei guru, delle arti marziali, la pubblicazione di testi sulle religioni orientali, testimoniano un crescente interesse verso civiltà così diverse e lontane.

    La destra non resta immune al fascino orientale ed è fortemente attratta dal suo spiritualismo e dalla vitalità delle sue tradizioni, aspetti ormai difficili da ritrovare con tanta evidenza nel mondo occidentale secolarizzato. L’attrazione dei giovani di destra per l’oriente è, soprattutto, favorita da alcuni pensatori tradizionalisti tra i più letti negli ambienti della politica militante: Julius Evola e Renè Guenon.

    Per l’importanza che i due hanno avuto ne tentiamo una breve analisi critica.


    1. EVOLA: LA TRADIZIONE IRRAGGIUNGIBILE.

    La tradizione evoliana consiste nella descrizione delle forme proprie della civiltà indoeuropea in epoche molto remote; tale studio permette al pensatore di disegnare ciò che definisce come mondo della tradizione. Contrapposto ad esso, si trova il mondo moderno, che per Evola è rappresentato dai blocchi contrapposti USA-URSS. Tra i due mondi c’è il vuoto, un baratro profondo migliaia di anni che rappresenta una distanza insuperabile tra moderno e tradizionale[1]. La tradizione evoliana è astorica, non esprime trasmissione ma incomunicabilità. Il mondo moderno va rifiutato in toto, non conserva neppure un minimo residuo tradizionale: perfino le sue patrie sono prive di valore e, perciò, è solo nell’Idea che si può riconoscere una patria[2].

    Il mondo tradizionale descritto da Evola sembrerebbe più indiano o barbaro che indoeuropeo: le sue forme - le caste - nell’uomo di oggi suscitano un’immediata ammirazione per tutto ciò che è orientale. Questa ammirazione, unita al rifiuto del mondo in cui si vive, porta al pericolo di abbandono dell’occidente per l’oriente: certo, gli evoliani più raffinati sapranno evitare questo rischio, ma alcuni meno raffinati non sempre ci sono riusciti.

    Pur dovendo dare atto ad Evola del merito di aver riproposto valori tradizionali come onore, gerarchia, fedeltà, non possiamo non denunciare l’errore di rifiutare le nostre tradizioni concrete per abbracciare una tradizione così lontana da non poter esser vista ma soltanto pensata; errore, aggravato dal rischio che, non potendo raggiungere quella evoliana, vengano abbracciate tradizioni ad essa simili, comunque lontane dalla propria, ma ancora tangibili, come quelle orientali.


    2. GUENON: LA PRETESA DI SCEGLIERSI LA TRADIZIONE.

    Come molti tradizionalisti c.d. integrali, anche Guenon ritiene che tutte le tradizioni particolari (quelle con la “t” minuscola) convergano nella Tradizione (scritta con la “T” maiuscola), anche se poi non sarebbe una vera e propria unione ma un accordo sui principi: il presupposto da cui si parte è, quindi, che le tradizioni, pur se differenti, sono tra loro sempre e comunque compatibili. In particolare tale compatibilità si sarebbe avuta tra Oriente e Occidente premoderno, di modo che, i contrasti tra le due civiltà, sarebbero una conseguenza dell’abbandono della Tradizione da parte dell’occidente[3].

    Con questi presupposti, è chiaro perché Guenon attribuisca una superiorità metafisica all’Oriente: l’Occidente per Guenon è tradimento della Tradizione, oppure è una tradizione scadente come quella del Cattolicesimo al quale egli, al pari di Evola, rimprovera di aver agito solo sul piano della devozione popolare (che non sarebbe vera tradizione ma soltanto superstizione) e non sul piano esoterico come ha fatto l’Islam attraverso il sufismo.

    Fin qui il suo pensiero, ma di questo autore è necessario esaminare anche le scelte di vita: il francese Renè Guenon si trasferì infatti in Egitto dove aderì all’Islam e visse la sua vita da buon musulmano. Egli scelse, in sostanza, la tradizione che più lo aggradava come se dovesse acquistare un abito, e abbandonò la sua tradizione d’origine. Ma, è legittimo operare una scelta di questo tipo e restare all’interno di una prospettiva tradizionalista o identitaria?

    Noi crediamo che la incoerenza del gesto di Guenon non sia che la conseguenza cui si perviene decontestualizzando la tradizione: l’errore di Guenon è aver voluto costruire un sistema astratto del tradizionalismo, anziché vivere concretamente la sua tradizione. Egli ha creato una tradizione astratta e ha scelto la propria in maniera artificiale.

    La tradizione, al più, la si accetta o non la si accetta, ma scegliersela è peggio che rifiutarla.


    3. L’EQUIVOCO SULL’OCCIDENTE MODERNO.

    Analizzato sommariamente il pensiero di Evola e Guenon possiamo tentare di focalizzare le ragioni della tentazione dell’Oriente: esse possono riassumersi in una errata valutazione dell’Occidente contemporaneo considerato come totalmente secolarizzato e antitradizionale, oppure come percorso da tradizioni deboli e incapaci di offrire una prospettiva interessante. In quest’ottica la stima per l’occidente si limita all’Impero Romano oppure a Carlo Magno; l’Europa attuale è considerata una vittima irrecuperabile dell’offensiva modernista americana, mentre l’Oriente viene idealizzato come l’unica civiltà capace di resistere all’offensiva.

    Contrariamente, va ribadito con forza, come agli Stati Uniti non si possa attribuire una colpa originaria rispetto alla decadenza dei valori, fenomeno che è, invece, dovuto all’espansione dei principi propri della Rivoluzione francese, e che riguarda, in misura maggiore o minore, tutto il mondo e non il solo Occidente.

    Ora, resta soltanto da aggiungere e puntualizzare che i valori tradizionali dell’Occidente non sono periti con l’avvento della modernità, ma che continuano a vivere, a volte indeboliti ma a volte anche rafforzati, dal confronto con principi opposti:

    insomma l’Occidente non ha perso la sua anima, e se pure essa è meno percepibile di un tempo, ciò non giustifica l’abbandono della propria identità per assumerne una diversa e concorrente.



    [1] Il testo cui ci si riferisce è: “Rivolta contro il mondo moderno”.

    [2] Il testo cui ci si riferisce è “Gli uomini e le rovine”

    [3] Il testo cui ci si riferisce è: “Oriente e Occidente”

    ConservAZIONE.org - Documenti d'interesse


    carlomartello

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    gira così
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    5,185
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    1. EVOLA: LA TRADIZIONE IRRAGGIUNGIBILE.

    La tradizione evoliana consiste nella descrizione delle forme proprie della civiltà indoeuropea in epoche molto remote; tale studio permette al pensatore di disegnare ciò che definisce come mondo della tradizione. Contrapposto ad esso, si trova il mondo moderno, che per Evola è rappresentato dai blocchi contrapposti USA-URSS. Tra i due mondi c’è il vuoto, un baratro profondo migliaia di anni che rappresenta una distanza insuperabile tra moderno e tradizionale[1]. La tradizione evoliana è astorica, non esprime trasmissione ma incomunicabilità. Il mondo moderno va rifiutato in toto, non conserva neppure un minimo residuo tradizionale: perfino le sue patrie sono prive di valore e, perciò, è solo nell’Idea che si può riconoscere una patria[2].

    Il mondo tradizionale descritto da Evola sembrerebbe più indiano o barbaro che indoeuropeo: le sue forme - le caste - nell’uomo di oggi suscitano un’immediata ammirazione per tutto ciò che è orientale. Questa ammirazione, unita al rifiuto del mondo in cui si vive, porta al pericolo di abbandono dell’occidente per l’oriente: certo, gli evoliani più raffinati sapranno evitare questo rischio, ma alcuni meno raffinati non sempre ci sono riusciti.

    Pur dovendo dare atto ad Evola del merito di aver riproposto valori tradizionali come onore, gerarchia, fedeltà, non possiamo non denunciare l’errore di rifiutare le nostre tradizioni concrete per abbracciare una tradizione così lontana da non poter esser vista ma soltanto pensata; errore, aggravato dal rischio che, non potendo raggiungere quella evoliana, vengano abbracciate tradizioni ad essa simili, comunque lontane dalla propria, ma ancora tangibili, come quelle orientali.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da Leone Visualizza Messaggio
    Secondo noi l'autore dello scritto ha fondamentalmente ragione quando afferma che abbracciare le tradizioni religiose e culturali dell'Oriente di contro alla decadenza dell'Occidente è un'errore.
    Ora al di là del conclamato scetticismo cattolico verso Evola e il "tradizionalismo" su cui si potrebbe discutere sin troppo a lungo, l'articolo dice fondamentalmente il giusto, molti 'tradizionalisti' ormai guardano idealizzandolo l'Oriente e temono tutto ciò che è occidentale.
    Si possono avere dei dubbi sugli Stati Uniti di cui l'autore sembra minimizzare il pericolo un pò come fece Tocqueville contrapponendo la rivoluzione francese matrice del laicismo a quella americana aperta alla religione, ma è assolutamente condivisibile la parte finale in cui afferma: "che i valori tradizionali dell’Occidente non sono periti con l’avvento della modernità, ma che continuano a vivere, a volte indeboliti ma a volte anche rafforzati, dal confronto con principi opposti: insomma l’Occidente non ha perso la sua anima, e se pure essa è meno percepibile di un tempo, ciò non giustifica l’abbandono della propria identità per assumerne una diversa e concorrente."

    carlomartello

  4. #4
    gira così
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    5,185
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    Secondo noi l'autore [...]
    carlomartello
    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    1. EVOLA: LA TRADIZIONE IRRAGGIUNGIBILE.

    A)Contrapposto ad esso, si trova il mondo moderno, che per Evola è rappresentato dai blocchi contrapposti USA-URSS. Tra i due mondi c’è il vuoto, un baratro profondo migliaia di anni che rappresenta una distanza insuperabile tra moderno e tradizionale[1].
    [1] Il testo cui ci si riferisce è: “Rivolta contro il mondo moderno”.
    B)Il mondo tradizionale descritto da Evola sembrerebbe più indiano o barbaro che indoeuropeo
    Citazione Originariamente Scritto da Leone Visualizza Messaggio
    A)Rivolta contro il mondo moderno è del 1934 e Marascio mi parla di contrapposizione del mondo della Tradizione a quello della guerra fredda?!?
    B)C'è bisogno che mi esprima sulla scemenza che ha scritto?

    Ribadisco:

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da Leone Visualizza Messaggio
    A)Rivolta contro il mondo moderno è del 1934 e Marascio mi parla di contrapposizione del mondo della Tradizione a quello della guerra fredda?!?
    B)C'è bisogno che mi esprima sulla scemenza che ha scritto?

    Ribadisco:
    Leone, suvvia, non facciamo i pignoli. hefico: Si intende dire probabilmente che USA e URSS - entrambe contrapposte all'Asse - rappresentavano da un certo punto di vista il mondo moderno plutocratico-bolscevico.

    carlomartello

  6. #6
    gira così
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    5,185
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    Leone, suvvia, non facciamo i pignoli. hefico: Si intende dire probabilmente che USA e URSS - entrambe contrapposte all'Asse - rappresentavano da un certo punto di vista il mondo moderno plutocratico-bolscevico.

    carlomartello
    Ma Evola quando parlava di mondo moderno mica si riferiva al bolscevismo, o certamente non solo a quello.
    La sfida indoeuropei vs indiani-barbari poi è davvero disarmante.
    Ma esiste davvero Francesco Marascio?! E' un artista, pura avanguardia.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    10,854
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da Leone Visualizza Messaggio
    Ma Evola quando parlava di mondo moderno mica si riferiva al bolscevismo, o certamente non solo a quello.
    La sfida indoeuropei vs indiani-barbari poi è davvero disarmante.
    Ma esiste davvero Francesco Marascio?! E' un artista, pura avanguardia.
    Concordiamo sulla superficialità con cui è trattato il pensiero di Evola, ma il punto di vista cattolico è quasi sempre di questa risma su Evola, basta leggere anche C. Nitoglia...

    Però siamo d'accordo con il succo del discorso sinceramente, per questo abbiamo inserito l'articolo, inoltre secondo noi la "fuga" a Oriente dei 'tradizionalisti' è imputabile più a Guénon che a Evola, c'è chi addirittura ha presentato Evola nicciano e politico contrapponendolo a Guénon tradizionalista (Pallavicini se non ricordiamo male) tanto per fare un esempio, e fra l'altro Evola nella guerra fredda non ci risulta essere stato proprio molto equidistante.


    carlomartello

  8. #8
    gira così
    Data Registrazione
    01 Jun 2009
    Messaggi
    5,185
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da carlomartello Visualizza Messaggio
    Concordiamo sulla superficialità con cui è trattato il pensiero di Evola, ma il punto di vista cattolico è quasi sempre di questa risma su Evola, basta leggere anche C. Nitoglia...

    Però siamo d'accordo con il succo del discorso sinceramente, per questo abbiamo inserito l'articolo, inoltre secondo noi la "fuga" a Oriente dei 'tradizionalisti' è imputabile più a Guénon che a Evola, c'è chi addirittura ha presentato Evola nicciano e politico contrapponendolo a Guénon tradizionalista (Pallavicini se non ricordiamo male) tanto per fare un esempio, e fra l'altro Evola nella guerra fredda non ci risulta essere stato proprio molto equidistante.


    carlomartello
    Ma nessuno mette in dubbio questo.
    Si può pensare quel che si vuole di e su Evola ma un articolo come questo non è solo 'superficiale' è proprio il festival della stupidaggine.

  9. #9
    .
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    9,350
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: La destra e la tentazione dell’oriente.

    Citazione Originariamente Scritto da F. Marascio Visualizza Messaggio
    a tradizione evoliana consiste nella descrizione delle forme proprie della civiltà indoeuropea in epoche molto remote; tale studio permette al pensatore di disegnare ciò che definisce come mondo della tradizione. Contrapposto ad esso, si trova il mondo moderno, che per Evola è rappresentato dai blocchi contrapposti USA-URSS. Tra i due mondi c’è il vuoto, un baratro profondo migliaia di anni che rappresenta una distanza insuperabile tra moderno e tradizionale.
    Migliaia di anni?

    Ricordiamo che il Medioevo ghibellino è definito testualmente da Evola "splendida primavera d'Europa".

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Messaggi
    41
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito EX ORIENTE LUX

    la presentazione fatta di Guènon nel testo riportato è completamente stravolta .
    Guènon non ha scelto una tradizione, derivando direttamente dal
    Centro Supremo origine di tutte le tradizioni particolari ,Guènon ha
    esposto per chi aveva un minimo di qualificazioni intellettuali i dati per capire...

    ecco un articolo che può aiutare


    Zenit Studi tradizionali - Bachelet, Cinquant'anni fa, René Guénon



    Zenit Studi tradizionali - Bachelet, Denys Roman e «L'Arca vivente dei Simboli»

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. L'ultima tentazione di Grillo:portare i 5 stelle a destra.
    Di Dav. c. G. nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 01-11-13, 00:38
  2. La NATO all'assalto dell'Oriente
    Di Legionario nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-04-12, 00:23
  3. L'irresistibile tentazione dell'Inciucio - che tristezza noia e delusione.
    Di Bianca Zucchero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-08-06, 21:16
  4. «no» europeo alla tentazione dell'eutanasia
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 28-04-05, 16:17
  5. La gnosi come «Oriente dell’Occidente»
    Di Otto Rahn nel forum La Filosofia e il Pensiero Occidentale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-03-04, 00:11

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226