User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree2Likes
  • 1 Post By Avanguardia
  • 1 Post By Kavalerists

Discussione: SOCIALISMO E NAZIONE

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,657
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito SOCIALISMO E NAZIONE

    SOCIALISMO E NAZIONE. | UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE
    Socialismo e Nazione sono due parole che, anche in Europa come negli Stati Uniti, sono adesso divenute bestemmie. Ebbene, come premessa a questo intervento di ultimo e primo d’anno, noi abbiamo preso l’impegno di vivere e morire “bestemmiando”. Proprio perché noi siamo consapevoli che non è limitandoci ad “indignarci” che potranno cambiare le cose ; è solo con un progetto autenticamente alternativo al capitalismo finanziario che sarà possibile sconfiggere gli usurai, un progetto nazionale e socialista che sfoci in un’azione concreta di ribellione popolare.



    Sappiamo che alla fine un forte intervento dei ceti popolari potrà dare alla protesta nei confronti dell’attuale regime, quella base sociale in grado di invertire la rotta e costruire il modello di economia socializzata, unica soluzione per uscire dalla crisi economica, finanziaria e morale. L’attuale democrazia liberal-capitalista non rappresenta più niente ed è solo un apparato nelle mani dei “banksters”, è ridotta a quella che noi definiamo da sempre una “democrazia senza demos”.

    Anche il rituale del voto ha perso ogni significato ed anche per questo non si va più a votare. Ed anche quelli che vanno a votare non lo fanno per scegliere i migliori, ma con l’unica speranza di eliminare i più dannosi oppure si va ha votare non per “vincere” ma per fare perdere gli altri. Già alla fine del XIX secolo i sindacalisti rivoluzionari sostenevano che il suffragio universale era una mistificazione

    E questa sarebbe democrazia ! Noi siamo consapevoli che il nostro percorso politico e personale dovrà affrontare, difficoltà, pericoli, problemi, delusioni, sì anche delusioni, soprattutto perché la mamma de’ bischeri è sempre incinta – come si dice in Toscana. Noi rifiutiamo totalitariamente il mondo che contestiamo ma- sul piano organizzativo, culturale e istituzionale – lo conosciamo a fondo perché è proprio attraverso il nostro studio ed i nostri approfondimenti che abbiamo con sicurezza individuato il “nemico”.

    E il nemico, come tutti coloro che detengono il potere, applica alla perfezione l’antica parola d’ordine: “divide et impera”. E chi ancora non ha compreso che, di fronte al comune nemico, tutto il resto è secondario, finisce per essere funzionale al sistema dominante. Ma chi è il nemico ? Rubiamo ad Alain de Benoist la indicazione del nemico perché la condividiamo totalmente e senza eccezioni.

    1) “Il nemico principale è il più dannoso e, soprattutto, il più potente. Oggi è rappresentato dal capitalismo e dalla società di mercato sul piano economico, dal liberalismo sul piano politico, dall’individualismo sul piano filosofico, dalla borghesia sul piano sociale e dagli Stati Uniti sul piano geopolitico. Il nemico principale occupa il centro del dispositivo. Tutti coloro che, in periferia, combattono il potere centrale dovrebbero essere solidali. Ma non lo sono. Alcune persone sono convinte che la cosa più importante sia sapere <da dove si viene> o <da dove si parla>: sono quelle che, quando una casa brucia, ritengono sia più urgente chiedere prima i documenti a coloro che vengono a spegnere il fuoco. In nessun caso, ai loro occhi, i nemici dei loro nemici, possono essere loro amici. Io la penso esattamente al contrario ( e noi con lui ! ) : i nemici dei miei nemici non sono necessariamente miei amici, ma sono necessariamente degli alleati. Come è noto, non sono un castrista, ma sosterrò sempre Castro nella sua lotta contro l’imperialismo americano. Come è noto, non sono cristiano, ma sosterrò sempre i cristiani ogni volta che lotteranno contro il potere del denaro. Chi ragiona diversamente, non ha il senso delle priorità né quello delle poste in gioco. A meno che non sia semplicemente un complice“.

    Non c’è altro da aggiungere se non che noi socialisti nazionali riteniamo di rappresentare la scintilla, quella scintilla che – come affermava il presidente Mao – “sarà la scintilla che incendierà la pianura“. Chi vorrà, insieme a noi “potrà soffiare sulle braci per fare crescere la fiamma“ come sostenuto dallo stesso Alain de Benoist a conclusione del suo libro.

    Stelvio Dal Piaz.

    - 1) “SULL’ORLO DEL BARATRO – Il fallimento annunciato del sistema denaro“ – Arianna Editrice.
    Ultima modifica di Avanguardia; 01-01-13 alle 18:21
    CON LA PALESTINA likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SOCIALISTA ILLIBERALE
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    29,237
    Mentioned
    445 Post(s)
    Tagged
    118 Thread(s)

    Predefinito Re: SOCIALISMO E NAZIONE

    Inutile dire che condivido ogni singola virgola di quanto detto da S. Dal Piaz. Aggiungo solo che ho da poco finito di leggere proprio quasto recentissimo libro di A. de Benoist, e lo consiglio vivamente a tutti.


    "Mentre il sistema finanziario internazionale è scosso dalle basi, la crisi dell'euro sta spaventando il mondo intero e mette in ginocchio le economie reali di vaste zone dell’Europa.
    Il debito continua ad aumentare, come pure i deficit che hanno raggiunto un valore molto alto. Le contraddittorie stime degli esperti si sommano all'impotenza dei politici. Nessuno ha ricette pronte e tutti navigano a vista.
    Siamo forse giunti alla fine del sistema del denaro?
    L'usura sta minacciando fortemente la nostra realtà quotidiana. Sotto accusa sono i metodi con cui i mercati finanziari e le banche operano: acquistano grandi quantità di azioni e obbligazioni degli Stati indebitati, si impadroniscono dei loro averi a titolo di interessi su un debito consistente in una montagna di denaro virtuale che non potrà mai essere rimborsato.
    Ma l'indebitamento è come la crescita materiale: né l'uno né l'altra possono prolungarsi all'infinito, il rischio concreto e attuale è che il sistema del denaro perisca attraverso il denaro medesimo.
    Non è certamente limitandosi a "indignarsi" che cambieranno le cose. Lo sdegno che non sfocia nell'azione è una comoda maniera di sentirsi a posto con la coscienza.
    Solo l'intervento risoluto dei ceti popolari può dare al risentimento suscitato dalle pratiche della Forma-Capitale, o semplicemente al malcontento antibancario, una base sociale concreta in grado di invertire la rotta verso un modello comunitario di economia."

    http://www.ariannaeditrice.it/artico...articolo=43045
    CON LA PALESTINA likes this.
    "L'odio per la propria Nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    "O siamo un Popolo rivoluzionario o cesseremo di essere un popolo libero" - Niekisch

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    2,216
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: SOCIALISMO E NAZIONE

    Assolutamente d'accordo con Dal Piaz. Ottima analisi, concreta e seria.

    L'occidente capitalista , le destre economiche, l'alta finanza odia semplicemente sentire parlare di socialismo e nazione, lo ha dimostrato contro i fascismi europei scatenando la 2a guerra mondiale confermando questa tendenza contro il nazionalismo arabo e con il Venezuela bolivarista di Chavez in tempi recenti.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,342
    Mentioned
    113 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: SOCIALISMO E NAZIONE

    Citazione Originariamente Scritto da CON LA PALESTINA Visualizza Messaggio
    Assolutamente d'accordo con Dal Piaz. Ottima analisi, concreta e seria.

    L'occidente capitalista , le destre economiche, l'alta finanza odia semplicemente sentire parlare di socialismo e nazione, lo ha dimostrato contro i fascismi europei scatenando la 2a guerra mondiale confermando questa tendenza contro il nazionalismo arabo e con il Venezuela bolivarista di Chavez in tempi recenti.
    E' andare contro la loro ragione sociale, dubito che cambieranno mage001: e pensare che quelle son poi solo delle emanazioni di qualcosa di molto più oscuro.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    18 Jul 2010
    Messaggi
    350
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: SOCIALISMO E NAZIONE

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Inutile dire che condivido ogni singola virgola di quanto detto da S. Dal Piaz. Aggiungo solo che ho da poco finito di leggere proprio quasto recentissimo libro di A. de Benoist, e lo consiglio vivamente a tutti.


    "Mentre il sistema finanziario internazionale è scosso dalle basi, la crisi dell'euro sta spaventando il mondo intero e mette in ginocchio le economie reali di vaste zone dell’Europa.
    Il debito continua ad aumentare, come pure i deficit che hanno raggiunto un valore molto alto. Le contraddittorie stime degli esperti si sommano all'impotenza dei politici. Nessuno ha ricette pronte e tutti navigano a vista.
    Siamo forse giunti alla fine del sistema del denaro?
    L'usura sta minacciando fortemente la nostra realtà quotidiana. Sotto accusa sono i metodi con cui i mercati finanziari e le banche operano: acquistano grandi quantità di azioni e obbligazioni degli Stati indebitati, si impadroniscono dei loro averi a titolo di interessi su un debito consistente in una montagna di denaro virtuale che non potrà mai essere rimborsato.
    Ma l'indebitamento è come la crescita materiale: né l'uno né l'altra possono prolungarsi all'infinito, il rischio concreto e attuale è che il sistema del denaro perisca attraverso il denaro medesimo.
    Non è certamente limitandosi a "indignarsi" che cambieranno le cose. Lo sdegno che non sfocia nell'azione è una comoda maniera di sentirsi a posto con la coscienza.
    Solo l'intervento risoluto dei ceti popolari può dare al risentimento suscitato dalle pratiche della Forma-Capitale, o semplicemente al malcontento antibancario, una base sociale concreta in grado di invertire la rotta verso un modello comunitario di economia."

    Sull'orlo del baratro: Alain de Benoist in Italia, redazionale
    ho comprato un doppio tomo di DE BENOIST comprendente i suoi saggi degli ultimi anni,
    molto molto efficace.
    però si perde sempre in troppa teoria...

 

 

Discussioni Simili

  1. Nazione, Socialismo nazionale, Fascismo nella cultura meridionale
    Di Johann von Leers nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-02-11, 16:55
  2. Socialismo, Nazione, Rivoluzione: Otto Strasser
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 05-11-07, 23:17
  3. Socialismo e Nazione
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-06-07, 20:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226