Oramai la tattica del silvio, che chi osa contraddirlo è comunista, perchè lui ha sempre ragione, è arcinota, e solo chi non vuole vederla non la vede..
ora la polizia si sta stancando.. ma, che siano anche loro diventati comunisti??

:laugh:

Roma, 29 mag. 2008

I sindacati di Polizia, Forestale e Penitenziaria tornano a denunciare i tagli del governo al comparto e i pochi finanziamenti stanziati.

In una nota le organizzazioni sindacali della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria e del Corpo Forestale dello Stato, lamentano "il taglio delle risorse per tutti gli uffici di Polizia delle diverse articolazioni del Comparto Sicurezza delle polizie ad ordinamento civile.

In particolare:

- il taglio degli straordinari, degli stanziamenti per l'ordine pubblico, delle missioni (per intenderci gli accompagnamenti alla frontiera ed ai Centri di identificazione ed espulsione dei cittadini extracomunitari irregolari e per i servizi di traduzione e trasferimento dei detenuti), dei fondi per i fitti e la pulizia degli stabili, alcuni dei quali sono sotto sfratto esecutivo;

- il blocco del turn over a fronte del massiccio pensionamento, che in quest'ultimo triennio interesser le Forze di Polizia, a fronte del quale il Governo non ha pianificato n stanziato adeguate risorse economiche per nuove assunzioni di personale".

In una riunione svolta il 26 maggio i sindacati hanno evidenziato:

- un inadeguato del piano pluriennale di finanziamento per il risanamento ed il funzionamento degli apparati;

- l'insufficienza degli stanziamenti per il rinnovo del contratto economico per il biennio 2008/2009, che non prevede un solo euro per le specificità ed i trattamenti accessori;

- la mancanza dell'impegno assunto formalmente, nel dicembre 2008 e poi nel febbraio scorso, dal governo attraverso il ministro Brunetta per l'avvio delle procedure e relativo stanziamento delle risorse economiche integrative per il riordino delle carriere;

- l'impegno ripetuto pi occasioni ufficiali dai vari Ministri e sottosegretari del comparto Sicurezza e Difesa.

"Inoltre - proseguono le organizzazioni sindacali - la rimodulazione dell'impianto contrattuale del Comparto Sicurezza e Difesa, alla luce dell'esaltazione delle specificit militari, operata attraverso una serie di leggi e leggine, trasciner il comparto verso un modello corporativo e militare, portando il libero sindacato dei poliziotti verso schemi anacronistici".

"Alla luce della gravit delle problematiche suesposte, le scriventi organizzazioni sindacali si aggiorneranno in una successiva ed imminente riunione per decidere le iniziative di protesta congiunte e nazionali, anche in forme eclatanti, da porre in essere per contrastare le inconcludenti politiche del Governo in materia di sicurezza", conclude la nota.

http://www.forzearmate.org/sideweb/2...090529-275.php