Tra ex dipendenti che rubano software proprietari segretissimi e super performanti alla Goldman Sachs, trimestrali che fanno invidia a tutte le altre banche, TARP I, TARP II e Rolling Stone pare che tutto il mondo sia interessato ai gossip che circolano sull’istituto d’investimenti ieri, commerciale oggi, attraverso una velocissima operazione di cambio d’abito. A stupire più di tutto è un articolo apparso sulla rivista Rolling Stone a firma dell’arrembante cronista Matt Taibbi che descrive la banca come un’organizzazione “che tutto può e tutto fa”.

Che Goldman Sachs abbia dei “santi in paradiso” più santi di quelli delle altre banche con uomini di governo posizionati in molti paesi è indubbio, basta guardare la stessa Italia dove Prodi e il governatore di Bankitalia DRaghi traslocano a seconda di dove serve il loro intervento, tra la sede di Goldman Sachs e i palazzi istituzionali; ma siamo davvero convinti che Goldman Sachs da sola riesca a pilotare i mercati finanziari mondiali, pur godendo di molte agevolazioni? Davvero crediamo che la sua ottima trimestrale sia dovuta ad un software segretissimo che facendo trading manipola i mercati? Non crediamo proprio, il risultato entusiasmante è dato dal fatto che Goldman dopo aver succhiato dollari dal TARP II ha ricominciato a riempirsi la pancia con derivati tossici come quelli che ha venduto al governo (alias contribuenti) che la metteranno di nuovo nei guai nei prossimi mesi e in più daranno il via alla prossima fase della crisi mondiale.Si tratta, probabilmente, solo di una gigantesca operazione di propaganda per far vedere che Goldman Sachs è l’unica banca leader che fa i mercati, non si adegua ad essi, dotata di agganci ed agevolazioni che altri non hanno e, inoltre, è l’unico istituto a fare utili giganteschi anche in tempi duri. Insomma, come dire: se vuoi vincere vieni con noi! In modo che possa continuare a distribuire bonus miliardari ai propri managers, bonus che in teoria apparterrebbero ai contribuenti che prestando soldi hanno salvato la banca dal fallimento. Ognuno ha la banca che si merita…

Fonte: “Goldman Sachs, mafia di Wall Street e madre di tutte le truffe ”  - LASTAMPA.it