User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Dalla crisi del marxismo a un marxismo della crisi?
    Il progetto imperiale statunitense è in visibile riflusso. L’elezione di Barack Obama ne è il
    sintomo più vistoso. Ormai solo gli ottusi senza speranza non riescono a capire che quella
    attuale è una crisi capitalistica sistemica che, quindi, non lascerà gli assetti geopolitici
    come li ha trovati. Ciò che è in crisi non è la finanziarizzazione minata dai titoli tossici,
    non è l’economia reale lasciata senza ossigeno creditizio e tradita da finanzieri e manager
    attratti dalle chimere della speculazione finanziaria: ciò che è in crisi è il ciclo capitalistico
    di accumulazione globalmente egemonizzato e coordinato dagli Stati Uniti, ciclo iniziato
    alla fine della II Guerra Mondiale, l’evento che risolse la grande crisi del ’29 e consentì di
    riempire il vuoto egemonico mondiale lasciato dal declino dell’impero britannico. Il resto
    sono conseguenze, sintomi, fenomeni ed epifenomeni collegati.
    L’11/9 e ciò che ne è seguito ha costituito un tentativo degli USA di contrastare il declino
    della loro egemonia occupando le aree considerate strategiche per posizione geografica e
    per materie prime indispensabili (innanzitutto gli idrocarburi fossili): Medio Oriente e
    Asia Centrale. L’Heartland, il Cuore della Terra. Da lì si poteva tenere sotto controllo
    quello che sembrava il futuro competitor globale: la Cina. E si potevano tenere a distanza i
    suoi possibili alleati più pericolosi, la Russia e l’India.
    Era ciò che in un saggio del 2003 avevo chiamato “imperialismo preventivo”.
    Un concetto che non ebbe assolutamente seguito nella sinistra no-global, alteromondista,
    di classe e con altre qualifiche “antagoniste” e “radicali”; e men che meno in quella
    moderata.
    In quest’ultima nemmeno ci si accorgeva dei sintomi di una crisi incipiente e quando la
    crisi si è conclamata si è voluto vedere lo zampino di oscure forze politiche ed
    economiche; per giunta proprio quelle che in rarissimi casi si sottraggono oggettivamente
    all’egemonia statunitense di cui la sinistra moderata (con la copertura di quella “radicale”
    e con poche eccezioni personali) sono i paladini.
    Nella prima, invece, si continuava a immaginare un neocolonialismo rapinoso
    rappresentante degli interessi di un Capitale concepito come un Behemoth
    sostanzialmente unitario. E’ solo in questa prospettiva che si può infatti sostenere la
    trasformazione del comunismo da movimento politico che si inserisce con durezza nelle
    contraddizioni intercapitalistiche (si ricordi il treno blindato tedesco con cui Lenin arrivò
    in Russia per fare la rivoluzione) in un salmodiante “andare verso gli oppressi” molto
    simile all’andare verso il popolo di manzoniana memoria, ovvero un tutto indistinto dove la
    lotta di classe, la mensa della Caritas, le rivolte degli indios latinoamericani o dei contadini
    asiatici rientrano nello stesso quadro ideale di resistenza. Ma resistenza a cosa? Al
    capitalismo neo-liberista, dove l’aggettivo “neo-liberista” nasconde di tutto: dalle
    nostalgie keynesiane-assistenzialiste magari sposate con la teoria dei “beni comuni”, allo
    statalismo lasalliano confuso allegramente col comunismo marxiano.
    Ma, finalmente, ecco la crisi dell’odiato neoliberismo. Esultiamo! I più moderati già
    prevedono la rivincita del welfare-developmental state (sempre concepiti come anticamera
    del socialismo) e i più audaci addirittura la crisi del capitalismo tout-court, vuoi perché si
    è rifatta viva la “caduta tendenziale del saggio di profitto” come “previsto” da Marx, vuoi
    perché ormai il capitalismo è “immateriale” e non fa che approfondire l’ineffettualità della
    “legge del valore” che dovrebbe stare alla sua base. Oppure perché il capitalismo (neoliberista)
    ha polarizzato la popolazione mondiale in un 20% di ricchi e in un 80% di
    dannati della terra dimostrando, come già “previsto” da Marx e da Engels, di non essere
    in grado nemmeno di mantenere i propri schiavi (ora globalizzati) e in aggiunta - novità
    teorica - di devastare le risorse ecologiche. O infine per un mix di queste motivazioni.
    Eppure quel concetto di “imperialismo preventivo” non mi era venuto in mente come
    arguto gioco di parole, per spiritosa assonanza con le “guerre preventive” di Bush. Era
    stato l’esito di una lunga riflessione sulle tesi che alcuni importanti studiosi, specialmente
    statunitensi, da tempo proponevano e che io filtravo attraverso la lettura di due marxisti
    italiani maudits ed emarginati: Gianfranco La Grassa e Costanzo Preve. Ma queste tesi
    venivano se del caso travisate e più spesso del tutto ignorate, specialmente in un’Italia in
    tutt’altre teorie affaccendata.
    In particolare facevo riferimento a Giovanni Arrighi che già più di dieci anni fa avvertiva
    che eravamo in vista della fase terminale della crisi sistemica del “ciclo statunitense”.
    Oggi qualcuno sembra accorgersene (ma non a “sinistra”). Così vediamo che i giornali
    della “borghesia” ammettono tranquillamente che “il mondo non sarà più targato Stati
    Uniti”. Ma, come al solito, “targa” non riesce a prendere un significato molto diverso da
    “griffa”. Si continua a rimanere sul puro piano dell’economia: a destra come a sinistra,
    l’unica cosa su cui si conta è che di riffa o di raffa ha da passà 'a nuttata.
    La sinistra “antagonista” o “di classe”, come avrebbe detto la prostituta Gail in Sin City,
    “è morta ma è troppo stupida per accorgersene”. E così continua a gesticolare, a far finta di
    attaccare o di difendersi. I suoi cavalli di battaglia sono la democrazia, la redistribuzione
    del reddito e la de-finanziarizzazione dell’economia. In linea di massima potrei essere
    d’accordo su tutti e tre gli obiettivi: anche se non sono “comunisti”, sembrerebbero sensati
    (ad ogni modo li ho dovuti estrarre dalla polvere confusionaria con cui li ricoprono).
    Ma cosa significa tutto ciò nella fase finale - che può protrarsi molto a lungo - di una crisi
    sistemica globale e non nella generica lotta degli sfruttati contro gli sfruttatori, dei poveri
    contro i ricchi o degli oppressi contro gli oppressori? Forse occorrerebbe prima capire
    perché l’economia si è finanziarizzata per poi valutare come e con che forze politiche e
    sociali de-finanziarizzarla. Forse bisognerebbe capire quali forze sono in conflitto, quali
    stanno vincendo e quali stanno perdendo e, soprattutto, che sviluppi prospettano a livello
    di formazione nazionale, europea e poi globale, per decidere quali blocchi sociali e quale
    alleanze internazionali favorire.
    E, per finire, bisognerebbe capire che se di “fascismo” vogliamo parlare, il punto di
    snodo sta proprio qui, non in Berlusconi, Fini o Bossi e nemmeno nei nostalgici di estrema
    destra.
    L’assetto egemonico planetario nato dalla II Guerra Mondiale è in crisi. L’aspetto
    decisivo non è tanto che esso sia nato dalla lotta al nazi-fascismo. Questa lotta ne è stata la
    veste ideologica, importante certo (tutta la mia famiglia ne ha preso parte) ma comunque
    non quella sistemica, non quella i cui effetti si sono fatti sentire “strutturalmente”. Prova
    ne è il rimpianto per un’occasione perduta con cui si è a lungo pensato alla Resistenza.
    Prova ne è la continua denuncia del “tradimento” di una Costituzione nella cui parte
    programmatica una “rivoluzione promessa” ne ripagava una mancata. Prova ne sono,
    infine, i crimini “fascisti” e “contro l’umanità” che si sono perpetrati contro la Serbia e
    l’Iraq proprio sotto la bandiera della lotta al fascismo, per la democrazia e per i diritti
    umani, onda lunga della lotta contro il “male assoluto”.
    Il problema “fascismo” sta dunque altrove. Si situa in quel terreno dove si gioca la
    partita della rinascita di una sovranità nazionale, dopo l’internazionalismo globalizzato
    “targato USA” e la sudditanza alla finanza e alla politica statunitense portata avanti da
    tutti i governi della Seconda Repubblica, con una furfanteria particolare da parte di quelli
    di centrosinistra, e dall’Unione Europea nel suo complesso.
    Credo che non sorprenda che di fronte a un riflusso dello stato-nazione finora egemone e
    l’apertura lenta e, per ora, cauta di una fase policentrica (l’unica che può far sperare in
    reali cambiamenti in senso anticapitalistico) gli stati nazionali - dati troppo in fretta per
    estinti sia dai teorici di destra della “fine della Storia” sia dai teorici di sinistra dell’
    “impero” - giocheranno un ruolo rinnovato. In questo contesto, in questo tipo di crisi, se
    non si vuole gridare nel deserto non si può fare politica senza sporcarsi le mani con i
    concetti di “nazione” e di “territorio” (David Harvey e Giovanni Arrighi stanno ripetendo
    da anni che addirittura non si può parlare di capitalismo senza usare quelle due nozioni; e
    Costanzo Preve e Gianfranco La Grassa aggiungono che senza di essi non si può parlare
    nemmeno di anticapitalismo).
    Se ciò è vero, come credo che sia vero, allora è evidente il pericolo. Il marxismo ha quasi
    sempre lasciato ai suoi avversari questi punti centrali. Un po’ per un legittimo rifiuto del
    nazionalismo razzista imperialistico e coloniale, ma più che altro perché scambiando il
    modello del “modo di produzione capitalistico” con la complessità del reale, la tradizione
    marxista non ha visto altro che l’internazionalismo proletario e la rivoluzione mondiale. Ci
    volle il realismo di Lenin - che pure credeva in entrambe le cose - per criticare l’ostilità di
    due grandi rivoluzionari come Rosa Luxemburg e Karl Radek (alias “Parabellum”) all’idea
    di “autodeterminazione delle nazioni” e per capire in generale che al di sotto del modello
    operava una realtà “difforme e poco armonica”:
    «Il manifesto di Zimmerwald, come la maggior parte dei programmi e delle risoluzioni tattiche dei
    partiti socialdemocratici, proclama "il diritto delle nazioni all'autodeterminazione". Il compagno
    Parabellum (nei nn. 252-253 della Berner Tagwacbt) dichiara "illusoria" la "lotta per l'inesistente
    diritto di autodeterminazione" e ad essa contrappone la "lotta rivoluzionaria di massa del
    proletariato contro il capitalismo", assicurando, nello stesso tempo che "noi siamo contro le
    annessioni" (questa affermazione è ripetuta cinque volte nell'articolo di Parabellum) e contro ogni
    specie di violenza ai danni delle nazioni. Gli argomenti di Parabellum si riducono a questo: oggi
    tutti i problemi nazionali (Alsazia-Lorena, Armenia, ecc.) sono in sostanza problemi
    dell'imperialismo; il capitale ha superato i limiti degli Stati nazionali; non è possibile "girare
    all'indietro la ruota della storia" verso l'ideale ormai sorpassato degli Stati nazionali, ecc.»
    Dopo una sfilza di critiche a Radek, Lenin aggiunge:
    «Gli utopisti piccolo-borghesi, che sognano l'eguaglianza e la pace tra le nazioni in regime
    capitalista, hanno ceduto il posto ai socialimperialisti. Parabellum combattendo contro i primi
    combatte contro i mulini a vento, e fa, senza volerlo, il giuoco dei secondi.»
    Per poi finire:
    «Come Marx nel 1869 chiedeva la separazione dell'Irlanda non per il frazionamento, ma per
    un'ulteriore libera unione tra l'Irlanda e l'Inghilterra, non per “giustizia verso l'Irlanda" ma in
    nome degli interessi della lotta rivoluzionaria del proletariato inglese, così anche noi consideriamo
    la rinuncia dei socialisti della Russia alla rivendicazione della libertà di autodeterminazione delle
    nazioni nel senso da noi indicato, come un aperto tradimento della democrazia,
    dell'internazionalismo e del socialismo.»
    [Lenin, ottobre 1915]
    E per fortuna che ai tempi di Lenin non c’era ancora stato il nazismo, altrimenti sono
    pronto a scommettere che i socialdemocratici, la sinistra “di classe” di allora (e
    sicuramente lo era molto di più dei nostri attuali “comunisti”), lo avrebbero accusato di
    essere un idolatra del Blut und Boden. Perché ci si può girare attorno quanto si vuole, ma il
    concetto di “autodeterminazione delle nazioni” immette inevitabilmente in circolo
    elementi come “nazione” e “territorio”, “cultura” e “tradizione”. E per non rimanerne
    intossicati bisogna affrontarli in un’ottica marxista e leninista rinnovata, ovverosia che
    guardi da qui in avanti e non indietro. Non bastano gli scongiuri, non bastano i
    “guaritori” che ripetono le litanie della lotta di classe o della ribellione degli oppressi,
    agitando amuleti a forma di falce e martello.
    Comunque, se vogliamo rimanere puri e incontaminati possiamo farlo. Si sappia però
    che abbiamo verosimilmente di fronte due alternative: o rischiamo di consegnare le
    prossime mosse a qualcuno che potrebbe congedare nemmeno troppo cortesemente la
    destra e la sinistra, magari facendoci persino rimpiangere i tempi in cui questi due
    insopportabili schieramenti giocavano a riflettere l’immagine dell’uno in quella dell’altro
    (“Tu sei un catto-comunista, toh. E tu sei un clerico-fascista, tié”); oppure rischiamo di
    lasciare che questi due orribili schieramenti continuino a spadroneggiare, ora l’uno ora
    l’altro o in condominio, protetti dai loro padrini statunitensi.
    Se invece vogliamo affrontare seriamente il problema dobbiamo essere consci dei rischi,
    delle poste in gioco pratiche e teoriche, delle differenze nette ma anche delle sottili linee
    rosse di demarcazione. Inutile nasconderselo: si camminerà su territori che quando va
    bene non sono di nessuno, ma spesso sono borderline.
    E’ un lavoro necessario per tentare di evitare catastrofi come quelle già viste nella prima
    parte del secolo scorso, ma poco piacevole, duro e che espone all’odio di tutto
    l’establishment di sinistra: si è fortunati quando si è presi per rinstupiditi o impazziti,
    perché a volte si è persino accusati di essere passati “dall’altra parte” o addirittura di aver
    fatto un “giro di 180°”. Cioè dall’estrema sinistra all’estrema destra. Personalmente posso
    dire che forse sono rinstupidito o impazzito, non posso escluderlo da solo, ma le altre
    accuse sono emerite scemenze: sottoporre a critica alcune categorie e previsioni di una
    grandiosa e geniale teoria (di cui non ci si vuole affatto sbarazzare) e presidiare i confini di
    regni di cui si vuole evitare l’invasione, non significa, come è evidente, servire il
    miserevole apparato pseudo-teorico dell’avversario, ma al contrario guardare nella
    direzione da cui viene il pericolo reale e non andare invece a combattere i mulini a vento
    dalla parte opposta.
    Dovrebbe poi essere chiaro che criticare la diagnosi e la terapia di un medico non vuol
    dire né censurare le intenzioni del medico né la medicina nel suo complesso. E tanto
    meno vuol dire criticare il paziente. E quindi non è accettabile l’accusa di stare
    abbandonando le “idealità comuniste”, perché al contrario si vogliono proprio verificare le
    ragioni che hanno sostenuto scientificamente e storicamente quelle idealità, per evitare che la
    parte ancora vitale di queste ragioni venga lasciata alla rodente critica dei topi assieme alle
    scorie e assieme a tutti gli sventolati ideali. Perché è proprio questo ciò che sta accadendo.
    Sono scemenze, quindi, a volte sgradevoli, giustificabili solo dal fatto che in un momento
    di crisi è più istintivo affidarsi a ogni tipo di fedeltà collaudata che non andare a esplorare
    nuovi mondi. Un po’ come in barca a vela durante una tempesta: gli ingenui cercano di
    avvicinarsi alla costa, gli esperti cercano di prendere il mare aperto. Anche questo è un
    rischio, d’accordo. Ma un tipo di rischio differente: si è sballottati dai flutti, il porto di
    salvezza appare lontano, si rischia di non sapere bene dove si sta andando, ma per lo
    meno si sa che non si finirà sugli scogli.

    da: ripensaremarx.splinder.com
    Piotr

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Clandestino
    Data Registrazione
    06 Sep 2009
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Ora che ho riflettutto un pò vorrei sapere semplicemente cosa volete voialtri eurasiatici. E che c'entra la crisi del marxismo. Siete comunisti?

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    A parte che "eurasiatico" lo sei anche tu, visto che vivi, penso, sopra il nostro stesso continente...

    Comunque l'eurasiatismo non è un'ideologia, ha come scopo quello di migliorare i rapporti e la sovranità nel continente, ci possono benissimo essere marxisti eurasiatisti!

  4. #4
    PIANIFICAZIONE TOTALE
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Messaggi
    3,787
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Io non sono mai stato marxista. Eppure vedo nel Socialismo del'800 (Marx-Engels compresi) un fenomeno di antitesti al Capitalismo: il primo vero moto di rovesciamento del consolidamento liberale avvenuto nel secolo precedente. Tutti gli autori dell'epoca hanno un ruolo fondamentale, salvo dover rendersi conto dell'inattualità o dell'impreparazione di altri piuttosto che dei più attenti. Il Socialismo è un modo di comportarsi e di porsi, di cambiare la società umana, un'etica militare addirittura ma non un dogma di religione. L'Eurasia nella sua molteplice diversità ha contribuito alla costruzione di modelli anche molto diversi ma tutti in qualche maniera accomunati da un sentore di equilibrio sociale e spirituale che il mondo atlantico non conosce, dal momento che non ha radici nè tradizioni.

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Jun 2009
    Messaggi
    2,579
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Il Socialismo è un modello ideologico che, a seconda dei luoghi, si è poi sviluppato in totalitarismi di segno diverso.
    Il Socialismo di Marx è qualcosa di molto affascinante ma ha poco a che vedere con lo Stalinismo o il Maoismo ed ancor meno con l'idea di Eurasia.

    L'Idea di Eurasia la intendo come qualcosa di più geopolitico e non di tradizioni comuni, avendo poco da spartire i portoghesi come siberiani.
    Poi ognuno del continente Eurasiatico può e potrebbe studiare e approfondire le tradizioni più confacenti.
    Già l'Europa potrebbe far coincidere geopolitica e tradizione. Per quello un modello eurasiatico funzionante deve passare prima da un modello europeo organico, non certo come quello proposto dal trattato di lisbona.

    Poi che ci possano coerentemente esistere Eurasiatisti intenzionati a sviluppare l'ideologia marxista...nulla vieta

  6. #6
    Clandestino
    Data Registrazione
    06 Sep 2009
    Messaggi
    5
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Citazione Originariamente Scritto da msdfli Visualizza Messaggio
    Il Socialismo è un modello ideologico che, a seconda dei luoghi, si è poi sviluppato in totalitarismi di segno diverso.
    Il Socialismo di Marx è qualcosa di molto affascinante ma ha poco a che vedere con lo Stalinismo o il Maoismo ed ancor meno con l'idea di Eurasia.

    L'Idea di Eurasia la intendo come qualcosa di più geopolitico e non di tradizioni comuni, avendo poco da spartire i portoghesi come siberiani.
    Poi ognuno del continente Eurasiatico può e potrebbe studiare e approfondire le tradizioni più confacenti.
    Già l'Europa potrebbe far coincidere geopolitica e tradizione. Per quello un modello eurasiatico funzionante deve passare prima da un modello europeo organico, non certo come quello proposto dal trattato di lisbona.

    Poi che ci possano coerentemente esistere Eurasiatisti intenzionati a sviluppare l'ideologia marxista...nulla vieta


    Quindi vi considerate socialisti sul modello marxista dell'Ottocento se ho ben capito.

  7. #7
    PIANIFICAZIONE TOTALE
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Messaggi
    3,787
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Citazione Originariamente Scritto da bossanovababy Visualizza Messaggio
    Quindi vi considerate socialisti sul modello marxista dell'Ottocento se ho ben capito.
    se dici a me, ti rispondo di no. Marx non mi ha mai interessato tanto perche rientra in logiche borghesi. Diciamo che agisce in un piano positivista in senso teoretico e progressista-escatologico in senso storicistico, ricadendo in secolarizzazioni di vecchie forme economiche o religiose. Fu però una antitesi al Capitalismo, una negazione dialettica interna al piano dell'economicismo asfittico: in questo ha un proprio peculiare valore di critica e scontro sociale. La sintesi per me sta nel superamento della logica che accomuna ambedue, quella mentalità materialistica, determinista e antropocentrica che contraddistingue il mondo moderno e borghese.

  8. #8
    Iscritto
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    378
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Citazione Originariamente Scritto da Stalinator Visualizza Messaggio
    se dici a me, ti rispondo di no. Marx non mi ha mai interessato tanto perche rientra in logiche borghesi. Diciamo che agisce in un piano positivista in senso teoretico e progressista-escatologico in senso storicistico, ricadendo in secolarizzazioni di vecchie forme economiche o religiose. Fu però una antitesi al Capitalismo, una negazione dialettica interna al piano dell'economicismo asfittico: in questo ha un proprio peculiare valore di critica e scontro sociale. La sintesi per me sta nel superamento della logica che accomuna ambedue, quella mentalità materialistica, determinista e antropocentrica che contraddistingue il mondo moderno e borghese.
    Scusa ma tu non sei un marxista-leninista?
    PATRIA E SOCIALISMO

  9. #9
    PIANIFICAZIONE TOTALE
    Data Registrazione
    02 Sep 2009
    Messaggi
    3,787
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    Citazione Originariamente Scritto da Italicvs Visualizza Messaggio
    Scusa ma tu non sei un marxista-leninista?
    Sì. Appunto. Non marxista. Marxista-leninista è già un'altra cosa. Nella teoria di Marx ci sono una serie di falle teoriche che vanno indubbiamente sistemate e che, in passato, hanno dato adito anche a dei fraintendimenti storicistici, escatologici non indifferenti.
    Se leggessimo Marx alla lettera, la rivoluzione in Russia non sarebbe mai potuta cominciare nel 1917.
    Il mio forum M-L nasce da una necessità che è maturata col tempo (del resto questi miei post sono di un anno e mezzo fa) ed è dedicato allo studio dei rapporti tra la teoria marxista e la sua applicazione politica, cioè il Socialismo Reale, cioè quello che è stato nella realtà.

    PS: io provengo da una formazione basata molto su Georges Sorel e su Arturo Labriola, dunque per me Marx è stato una ri-scoperta successiva conseguente ai miei studi universitari, ci tengo a precisarlo.
    Ultima modifica di Stalinator; 31-03-11 alle 17:29

  10. #10
    Cancellato
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    33,716
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi - per riflettere un pò

    a quel punto meglio definirsi stalinisti, almeno si fa riferimento a un'esperienza reale...

 

 
Correlati:

Discussioni Simili

  1. Dalla crisi del marxismo al marxismo della crisi
    Di Muntzer nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-10-10, 00:01
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-10-10, 18:57
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 30-11-08, 20:37
  4. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30-11-08, 17:26
  5. Il Marxismo dalla A alla Z (A - E)
    Di Gian_Maria nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-05-07, 16:03

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225