Un po’ di scorie nucleari in Piemonte: ormai è quasi la normalità.
Tra le decisioni della Giunta Regionale del 16 gennaio si legge anche quella di avere una favorevole “volontà di intesa sulla realizzazione nel sito Eurex di Saluggia dell’impianto di solidificazione dei rifiuti liquidi radioattivi (processo Cemex), comprensivo di deposito temporaneo per lo stoccaggio dei manufatti a più alta attività provenienti dalla cementazione”.

Che cosa significa?
Come forse non tutti sanno, ma molti hanno sentito dire, il Piemonte è spesso attraversato dai treni che nottetempo trasportano le scorie nucleari vero la Francia e i siti di stoccaggio.

Tuttavia la stessa visibilità non è stata data, forse, ai siti di stoccaggio sul nostro territorio.
Eppure con il 72,3% in termini di attività ed il 96,42% dei materiali di scarto radioattivi, il Piemonte è la regione che più mette a rischio d’irradiazione la propria popolazione.
A Saluggia, vicino a Chivasso...

Cotinua su:Retrò Online