Jean Seberg - Wikipedia

"È invece attestato da fonti ufficiali che, per il suo appoggio al Black Panther Party e al movimento dei nativi americani, fu, alcuni anni prima, oggetto di una campagna diffamatoria da parte dell'FBI che contribuì fortemente alla sua instabilità nervosa."

Non dimentichamo questa bella quanto sfortunata attrice americana che pagò con la diffamazione e la vita per le sue giuste battaglie.



Anche il marito(un regista di origine ebraica) morì suicida come lei a Parigi.
Di lei si parla nel magistrale libro di John Kleeves I divi di stato,che ovviamente vi consiglio