User Tag List

Pagina 5 di 11 PrimaPrima ... 456 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 107
Like Tree22Likes

Discussione: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

  1. #41
    patriota progressista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Località
    Appennino Ligure
    Messaggi
    14,672
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Zaia ignorante chi c'è stato al governo in questi anni? Eri anche te ministro...

    Aggiungi un buco a tavola. Luca Zaia e il crac di Buonitalia - Panorama
    don Peppe likes this.
    IL BACICCIA E' BULICCIO

    Bossi, un disastro, una mente contorta e dissociata, un incidente della democrazia italiana, uno sfasciacarrozze con il quale non mi siederò mai più allo stesso tavolo.

    (Silvio Berlusconi, 1994)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #42
    Super Troll
    Data Registrazione
    25 Aug 2011
    Messaggi
    58,509
    Mentioned
    276 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da Watson Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Non con te.
    Saluti.
    Mettiamola così: non hai nulla da esporre perchè quello che affermi è una menzogna e non hai nessun elemento per dimostrare il contrario che io o chiunque altro non possa demolire in pochi minuti.

    Sei un bugiardo perchè dici menzogne.
    Sei un colluso perchè complice di chi compie reati.
    Sei un imbrogione perchè fai affermazioni mendacee convinto che nessuno si prenderà mai la briga di verificare quanto da te sostenuto.

    Mi dispiace per te ma hai incontrato questo qualcuno.
    Puoi affrontarlo e venire sconfitto o scappare per tutta la vita.
    Non vedo differenza tra le due alternative.
    Andre86 likes this.

  3. #43
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    39,249
    Mentioned
    355 Post(s)
    Tagged
    51 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da Watson Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    C'è una cosa che Zaia non ha detto , ma che è sottintesa e ovvia : e cioè che la crisi , che c'è , da cosa dipende ?
    Da congiunzioni astrali ?
    Dalla maledizione di Tutankamon (o Tutankamen) ?
    No , viene da uno stato che da un lato ci sfrutta peggio delle colonie africane , dall'altro rende la vita impossibile alle imprese con una burocrazia ottusa e allucinante.
    Quindi , prima che la crisi finanziaria internazionale ecc. il problema è Roma , intesa come centro della pessima amministrazione da sempre , la Roma burocratica , centralista , dirigista , assistenzialista , corporativa , antimeritocratica , amica del pubblico e nemica del privato....nemica delle autonomie locali , specie l'ultimo governo Monti - Casini - Caltagirone.....
    Questo ha omesso di dire Zaia , perchè sottointeso , evidente e ovvio......
    Ha citato la globalizzazione come fonte di crisi del modello Nord Est, più chiaro di cosi...
    Citazione Originariamente Scritto da Only_Van Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Che non sia in campagna elettorale si vede, ho l'idea comunque che dopo le elezioni ci sarà un bel casino nella Lega, magari con una scissione dei Veneti e l'ambizione a diventare una specie di Sudtiroler Volkspartei...
    Ma magari, invece di proclami roboanti piccoli passi giorno per giorno ma concreti.
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  4. #44
    Ex Donald ed ex Max50
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    16,847
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da Robert Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Ha citato la globalizzazione come fonte di crisi del modello Nord Est, più chiaro di cosi...

    Ma magari, invece di proclami roboanti piccoli passi giorno per giorno ma concreti.
    E sbaglia , perchè , tutto sommato , le imprese del nordest hanno retto e stanno reggendo alla globalizzazione, alcune esportano il 90% del loro fatturato , per dire.....
    Ma lui è così , ha un'anima antiglobal , per dire è un nemico giurato degli OGM , nonostante abbia basi culturali e scientifiche che gli permetterebbero di avere opinioni più equilibrate sul tema.
    Bene , per dire , il Veneto è il maggiore produttore di mais..
    La scorsa estate è stata una delle più calde e siccitose , forse la maggiore , e i raccolti , e si tratta di milioni e milioni di quintali , con relativi valori di centinaia di milioni di euro , sono stati pesantemente colpiti dalla Piralide , insetto che trasmette nelle cariossidi le micotossine...
    Morale : raccolti , enormi da buttare....
    Eppure.
    Eppure se ci fosse stata , da parte di Zaia , un poco di maggiore apertura sugli OGM , questi sono , come noto , immuni da micotossine.
    Certo , la questione è molto più grossa , e non decide certo lui , dato che sono decisioni europee....
    Ma concordo con te , diciamolo Zaia è bravo , non per nulla è il secondo come popolarità , però su queste faccende , parlo di globalizzazione , dovrebbe mostrarsi più aperto , a costo di farsi nemiche organizzazione corporative , come Coldiretti....

  5. #45
    Drugrillo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    39,249
    Mentioned
    355 Post(s)
    Tagged
    51 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Concordo con te che Zaia come mentalità è tendenzialmente anti-modernista, da come l'ho sentito parlare diverse volte.
    Mi ha colpito un suo pensiero dove diceva che per gli appalti andrebbero favorite le aziende venete se non addirittura di quella provincia dove si fa la gara...
    ma se un'azienda extra-provinciale o non veneta offre di meno alla stessa qualità perchè non dovrebbe vincere l'appalto?
    insomma ci sono delle ambiguità di metodo nel suo approcciare la modernità e l'economia.
    Secondo me su questi aspetti mi dà l'idea di essersi un pò incartato.
    Per quanto riguarda gli OGM bisogna anche vedere chi ci guadagna, cioè ci guadagna da un lato l'agricoltore che li compra ma soprattutto chi li produce, a monete.
    Vale come per i pannelli fotovoltaici, invece di stimolare gli acquisti di moduli dai cinesi, che comunque fanno risparmiare chi li installa sul proprio tetto, dovremmo stimolare la produzione qui, sul nostro suolo, di pannelli migliori.
    Alla fine il profitto maggiore è sempre di chi produce.

    Comunque lui, Tosi e Gentilini sono la santa trinità del Veneto.
    Salvini, finto sovranista e vero neocon (sionista, americanista, ricchista)
    Maduro ce l'ha duro e ve lo mett'ar culo!

  6. #46
    Forumista
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    265
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da stefaboy Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    non avrebbe mai potuto funzionare con la globalizzazione galoppante, un modello economico basato su terzisti del manifatturiero e svalutazione competitiva della moneta. Neanche nel terzo mondo si usa più questo schema
    E aggiungerei 90% di imprese a dimensione familiare, un unicum a livello globale.
    Era un intero settore industriale che sarebbe dovuto riorganizzarsi 15-20 anni fa e l'euro è stata una grandissima opportunità non capita e non sfruttata, con i risultati che vediamo tutti.
    Sì all'internazionalismo e alla società multiculturale

  7. #47
    patriota progressista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Località
    Appennino Ligure
    Messaggi
    14,672
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da fiume sand creek Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Le inchieste sulle allegre finanze della Lega sono incandescenti. A Roma, come abbiamo già pubblicato, sono nel mirino dei magistrati i fondi dei senatori leghisti. E la procura milanese punta, ed è noto dall’aprile dell’anno scorso, alla contabilità occulta del partito, che veniva gestita dal tesoriere Francesco Belsito e che aveva vari beneficiari senza diritto. Tra questi la famiglia di Umberto Bossi, che infatti mollò la sua creatura politica e fece un <<passo indietro>> e Rosy Mauro, costretta alle dimissioni.

    Questa contabilità, che tra Tanzania e Svizzera, diamanti e lingotti d’oro, prelievi in contanti e false fatture, società schermo e viaggi off shore poteva far impazzire più di un commercialista, è stata faticosamente e finalmente ricostruita. Ed è nella settimana 7-13 gennaio, secondo indiscrezioni, che viene consegnata al procuratore aggiunto Alfredo Robledo.

    Sono indagini che sembravano inabissate, ma in realtà navigavano in acque profonde, come sommergibili. Il siluro giudiziario milanese punta al fu stato maggiore della Lega (e ad alcune figure minori) con il reato di truffa allo Stato. Il ragionamento è semplice. Il prospetto delle spese elettorali deve essere <<veridico>>: bisogna cioè dimostrare di aver speso gli euro (a milioni) a fini istituzionali. E’ pacifico che con i soldi dei cittadini non sono stati pagati manifesti e meeting. Ma i conti delle cliniche svizzere di Bossi, l’operazione ai denti al figlio minore Eridanio, gli alimenti che il primogenito Riccardo doveva versare alla moglie Maruska, le multe di Renzo <<Trota>>, che prendeva pure in contanti 5mila euro al mese. L’elenco delle <<dissipazioni>> è lungo come è lungo l’elenco delle compromettenti intercettazioni effettuate dai carabinieri del Noe.

    Abbiamo già dato conto dell’inchiesta romana sui rimborsi per i senatori leghisti. <<Mi amareggia infinitamente che, con questo fango da campagna elettorale, il mio nome venga accostato alla schiera di quanti hanno sperperato e lucrato sui fondi pubblici, nessuna irregolarità. Abbiamo chiarito>>, dice il presidente dei senatori del Carroccio Federico Bricolo. E Angelino Alfano, l’ex candidato premier del Pdl, nella speranza di contribuire alla tattica a zig sag di Silvio Berlusconi, assicura: <<Abbiamo assistito spesso a inchieste più che giudiziarie elettorali>>. Però i fatti restano.

    Nei giorni clamorosi di Roberto Maroni che sfrattava Bossi a colpi di ramazza verde, Robledo, il procuratore aggiunto milanese, assieme ai colleghi Paolo Filippini e Antonio D’Alessio, chiamò il senatore Piergiorgio Stiffoni a giustificare alcune spese. Era stato Stiffoni con Rosy Mauro ad aprire conti correnti e comperare diamanti (fatto stra-certo). Interrogato, il senatore dette una sua versione, purtroppo per lui seccamente smentita: <<Non ha fatto assegni, lei dice. E questi che cosa sono?<<, domandarono a Stiffoni.

    E così, pochi giorni dopo, davanti ai procuratori finì l’indignato Bricolo. La sintesi estrema è che si trovò una spiegazione. Questa: i soldi solo <<momentaneamente>> erano passati dal Senato a Stiffoni, il quale aveva <<problemi familiari>>. E così Robledo prese carte, documenti, interrogatori e, come prevede la legge sulla competenza, li spedì a Roma: città dove il reato dei soldi pubblici spariti per via leghista s’era consumato.

    I magistrati romani sono andati avanti. L’interrogatorio della segretaria leghista del Senato, dalla quale molti onorevoli ora prendono le distanze (ricordando un po’ il finto stupore dei socialisti nei confronti della mitica Enza, fedelissima di Bettino Craxi), ha aggiunto ulteriori informazioni. Certo, Matteo Salvini, che è diventato la voce della Lega <<pulita>>, difendeva ancora, nonostante l’inchiesta romana, l’operato dei suoi compagni di partito. E in tanti continuano a parlare di <<coincidenze con le elezioni>>.

    Ma chi poteva immaginare che un Berlusconi, appena condannato per frode fiscale a quattro anni, tentasse il suo ritorno a premier e togliesse la sedia di premier al professor Mario Monti? Chi poteva immaginare il voto politico a fine febbraio, mentre pare imminente la chiusura del cerchio investigativo intorno al misterioso ex tesoriere leghista Belsito?


    Fonte: Lega ladrona? seconda puntata « Osservatorio per la legalità e la sicurezza

    La Meda SpA è stata un’idrovora di risorse
    VENERDÌ 30 NOVEMBRE 2012 19:25
    Riportiamo le parti salienti dell'intervento di Vilma Galimberti, rappresentante della Lista Civica Con Buraschi per Meda sul primo punto dell'ordine del giorno del Consiglio Comunale del 29 novembre 2012: comunicazione del Sindaco in merito alla Meda Servizi Pubblici SpA

    Avremmo preferito un Consiglio Comunale aperto con un più ampio coinvolgimento della cittadinanza, poiché stiamo a discutere sugli errori dei politici che pagano i cittadini; comunque si poteva perlomeno approfittare per trasmetterlo via internet.
    La Lista Civica Con Buraschi Per Meda preferisce non parlare solamente di numeri ma rimettere al centro del discorso la politica poiché È ciò che veramente "conta".
    Inizieremo con il discorso tenuto alla presentazione del nostro candidato sindaco, Luigi Buraschi, nella conferenza stampa tenutasi il 29 marzo 2007: "La logica perversa degli ultimi 15 anni di politica locale, ha generato un clima negativo di contrapposizione, di litigio, un diffuso clima di malcontento, di sfiducia, di sospetti e di distacco dal cittadino. Riflettere sulla situazione attuale non è sufficiente per cambiare la politica medese, occorre un impegno diretto nella cosa pubblica, con la consapevolezza di una eredità amministrativa pesante. Questa nuova politica la intendiamo diversa da quelle che ci hanno preceduto. La vogliamo competente, ferma, partecipata, capace di indirizzare l’intera amministrazione su scelte politiche compiute nell’interesse della comunità. Luigi Buraschi"
    La Lista Civica Con Buraschi per Meda nacque sulle macerie del fallimento della Meda SpA e sulla necessità di un rinnovamento politico possibile con la partecipazione della società civile medese.
    Il dissesto amministrativo era dovuto in primis alla cattiva gestione della società partecipata Meda SpA ove il Comune era rimasto l’unico socio e i debiti erano cospicui.
    La proposta della Lega Nord di Taveggia del concordato fallimentare ci trovò contrari per principio poiché non era giusto che i cittadini medesi pagassero per gli sbagli compiuti dagli amministratori
    Dall’intervento del 18.12.2008 in Consiglio Comunale: "Noi pensiamo che la materia del concordato fallimentare è di grave rilevanza sul piano economico e che avrà pesanti ripercussioni sulla finanza del Comune di Meda.
    Riteniamo che le amministrazioni Taveggia prima, ed Asnaghi poi, non abbiamo mai risolto la questione Meda SpA procrastinando, in modo irresponsabile, la risoluzione della stessa, fino a giungere al triste epilogo odierno ovvero togliere soldi dalle tasche dei cittadini medesi
    Sottolineamo il paradosso istituzionale di un’azienda municipalizzata che fallisce dove il socio unico è il Comune stesso con la conseguenza, ripetiamo, che il cittadino ignaro e non responsabile pagherà al posto di altri veri responsabili.
    Chiediamo:
    1) di rendere edotti su come verranno prelevate le somme per colmare il deficit prodotto
    2) di avvisare pubblicamente la popolazione del "buco finanziario" creato dal fallimento della Meda SpA sottolineando il fatto che qualora l’attuale amministrazione fosse latitante in tal senso, la Lista Civica "Con Buraschi per Meda" provvederà ad informare la cittadinanza con i mezzi che abbiamo utilizzato finora."
    Per questi motivi votammo contro il concordato fallimentare.
    Come a livello nazionale noi cittadini stiamo sanando l’incapacità amministrativa dei politici (vedi IMU), così sta accadendo a livello locale, infatti noi medesi ci troviamo a pagare questo debito. Soluzioni devono essere trovate e applicate: sicuramente il concordato fallimentare ha consentito a noi cittadini medesi di risparmiare nel dissesto e tra pochi anni si potrà vedere finalmente conclusa la vicenda.
    Come l’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per le spese correnti, anche il fallimento della Meda SpA è stata un’idrovora di risorse per impedire a Meda di svilupparsi in modo armonioso, civile, con servizi pubblici adeguati.
    Abbiamo ereditato una Meda poco vivibile per incapacità conscia o inconscia di chi ci ha amministrato in precedenza. Ora è ancora più difficile la risoluzione dei problemi contabili e dello sviluppo del territorio.
    Non spetta a noi individuare i colpevoli o accusare qualcuno, ma ogni singolo cittadino deve saper quanto è stato pagato e deve ancora pagare e la Lista Civica "Con Buraschi per Meda" invita questa nuova amministrazione ad utilizzare tutti i mezzi quali manifesti, volantini, sito del Comune, una pagina di un giornale locale, per far conoscere il conto della spesa ai medesi.
    Lista Civica "Con Buraschi per Meda" [email protected]
    Dott.ssa Vilma Galimberti [email protected]


    Fonte: Fallimento politico della Lega medese | Infonodo

    Documento opera dell’on. Massimo Donadi, Idv. In corsivo alcuni aggiornamenti (il dossier è stato realizzato un anno prima della caduta del governo Berlusconi V).
    Questo che vi propongo è un file esplosivo che rivela il vero volto della Lega. Troverete tutto quello che non avreste mai osato neanche immaginare sui duri e puri del Carroccio, quelli che predicano bene nelle valli tra ampolle e riti celtici, ma razzolano male, molto male a Roma e lì dove sono riusciti ad affermarsi. E’ tempo di sfatare il mito di una Lega intransigente, legalitaria, dura e pura, che non fa affari con nessuno, che grida Roma ladrona ma che, in realtà, ha le mani in pasta in tutto. Basta con le frottole e le balle che ci propina ogni giorno. La verità è che il verde brillante ha lasciato il posto ad un più intenso verde marcio.

    Cominciamo dalle basi, dall’abc della presunta difesa della legalità dei leghisti, che hanno offerto il loro soccorso verde per salvare dai processi Cosentino e alcuni boss della camorra, De Lorenzo, Di Donato e Crippa, vecchi arnesi della prima Repubblica, così la Lega li chiamava, che, secondo la magistratura, avrebbero causato danni all’erario. Sono trascorsi solo dieci anni da quando Bossi chiamava Berlusconi il mafioso. Nel frattempo, la Lega ha firmato e sottoscritto tutte le 37 leggi ad personam del regime di Silvio. Sono anni che la Lega urla e strepita contro Roma ladrona, contro gli sprechi della pubblica amministrazione ma tutte le volte che Italia dei Valori ha chiesto di abolire le province ha votato contro.

    Ecco un rapido excursus su tutti i posti di potere, enti, società a partecipazione pubblica, banche, autostrade, ospedali sui quali la lega ha messo le mani in questi anni: consip, Cinecittà, age, Finmeccanica, Eni, Fiera Milano, Eni, Sviluppo sistema Fiere, Expo 2015, Enel, Poste italiane, Rai, Banca popolare di Milano, Impregilo. E c’è molto di più, leggere per credere. Volete sapere qual è il partito che detiene il maggior numero di parlamentari con il doppio o triplo incarico? Su 85 camicie verdi, 44 hanno una poltrona in Parlamento, una al governo e una in un’amministrazione locale. Nel dossier troverete nomi e cognomi ed anche quelli di parenti, figli ed amici piazzati su comode e molto remunerate poltrone. Un bell’esempio di nepotismo in salsa verde. Un capitolo a parte del dossier è dedicato a tutte le promesse fatte, agli slogan annunciati, reiterati e mai realizzati, a cominciare dalla presunta difesa delle coste italiane dall’immigrazione clandestina. Vi forniamo numeri, date e cifre di tutte le sanatorie targate Carroccio. Questa è la politica della Lega in fatto di immigrazione. Militari libici sparano contro un peschereccio italiano ed il ministro Maroni non fa una piega, salvo qualche giorno dopo, sorseggiare un drink all’ambasciata libica a Roma, alla festa per il 41esimo anniversario della dittatura di Gheddafi. C’è molto di più nel nostro dossier. L’elenco di tutti i processi a carico dei leghisti, un bel capitolo che abbiamo chiamato “lega ladrona” e la storia dettagliata di come la Lega Nord ha messo le mani sulle banche. Leggere per credere.
    Massimo Donadi, capogruppo IdV alla Camera dei Deputati.


    Fonte: Lega Nord, il dossier dell?infamia « Yes, political!

    Che faccio: continuo?
    Eh già ma è sempre colpa di Roma ladrona e dei terroni...
    IL BACICCIA E' BULICCIO

    Bossi, un disastro, una mente contorta e dissociata, un incidente della democrazia italiana, uno sfasciacarrozze con il quale non mi siederò mai più allo stesso tavolo.

    (Silvio Berlusconi, 1994)

  8. #48
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da EURIDICE Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    è colpa di chi ha aperto le frontiere al MAde in China e agli Immigrati extracomunitari del 3° mondo

    Palle

    Il vero problema e' la mentalita' italiota, che condividono tutti, anche se con accenti diversi

  9. #49
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da Les Paul Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Non mi sembra che parlasse speicifatamente del nord-est, ma poi magari ho capito male io. Mi sembra che l'affermazione di Euridice si riferisse al fatto politoco-economico assoluto, non specifico.

    In effetti è assolutamente assurdo pensare di "cinesizzare" l'economia europea per renderla competitiva con l'Asia.

    Come è assolutamente insostenibile la finanza internazionale che si muove senza regole in tutto il mondo, e che decide la sopravvivenza o meno di un mercato, di una lobby, di uno stato o di una fetta di continente (Spagna, Italia, Grecia, Portogallo).

    Non parliamo dei famosi complotti, ma parliamo di speculatori precisi che hanno un nome e un cognome e che non vengono mai resi pubblici, che decidono si aumentare o meno la credibilità di uno stato, modificando e falsando ed inquinando la borsa, condizionando l' accesso al credito, le aste dei BTP ecc... arrivando a decidere e disporre CHI DEBBA GOVERNARE uno stato, come debba farlo e quando debba farlo. Monti docet.

    Questo non lo risolvi con bersani o berlusconi o Vanna Marchi o gatto Silvestro, ma lo risolvi soltanto decidendo di uscire da questa logica di mercato, con una forza politica di sinistra che interrompa la catena di Sant Antonio a cui assitiamo ormai da 12 anni.

    Sempre imho.
    Da 12 anni?

    Sei indietro di un bel po', questo e' un processo iniziato alla.fine degli anni 60, e con un percorso gia' prevedibile fin da allora, anche se non nei dettagli, ed ha due nomi- internet e containers

    Diciamo anche che siamo ad un punto di svolta, e che i cambiamenti nei costi e tecnologie di trasporto e produzione produrranno una de-delocalizzazione nel prossimo futuro, per chinsapra' cogliere l'opportunita'

    Negli usa ha gia' cominciato a manifestarsi, questa tendenza

  10. #50
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Zaia: “Il Nordest è finito, lo dico da leghista”

    Citazione Originariamente Scritto da Sunrise Visualizza Messaggio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    E aggiungerei 90% di imprese a dimensione familiare, un unicum a livello globale.
    Era un intero settore industriale che sarebbe dovuto riorganizzarsi 15-20 anni fa e l'euro è stata una grandissima opportunità non capita e non sfruttata, con i risultati che vediamo tutti.

    Piu' che vero

 

 
Pagina 5 di 11 PrimaPrima ... 456 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-03-13, 16:25
  2. Nel leghista Nordest le tv locali sono di destra
    Di Marchese di San Marco nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25-07-12, 16:51
  3. La stoccata del Professore «Nordest, il mito è finito»
    Di Galaad nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 672
    Ultimo Messaggio: 24-07-11, 01:19
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-11-03, 15:26
  5. Leghista, hai finito di esistere: ti do una spazzolata
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-11-02, 16:32

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226