User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
Like Tree5Likes

Discussione: Un oscar alla propaganda

  1. #1
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un oscar alla propaganda

    La Stampa - Premi Oscar 2013, Argo è miglior film Ang Lee porta a casa quattro statuette

    Toh..caso strano che ha vinto il film antiiraniano Argo..
    Da sempre Hollywood è una fucina di propaganda
    che vede ogni volta il nemico degli USA messo in croce
    e dipinto a tinte fosche,mentre gli americani sono i buoni
    che salvano il pianeta.
    Andiamo per ordine
    Film antitedeschi: Il grande dittatore,Fuga per la vittoria
    Film sugli indiani d'america: Tutte le schifezze con John Wayne,orrendo
    attore e pessima persona(massone e delatore ai tempi del maccartismo)
    Film antirussi: Rambo 1,2,3
    Film contro il Myanmar(prima della svolta occidentale): Rambo 7
    Film che glorificano il sionismo:Exodus,Delta force,Operation Entebbe
    Film che glorificano gli USA: Berretti verdi(filmaccio che segnò l'illuminazione
    di un tale...),Indipendence Day
    Film che denigrano gli islamici: Delta force,Decisione critica
    Film antiiraniani: Argo,True Lies

    queste sono le pellicole che ricordo io,ma se spulciate a fondo
    i titoli aumentano..
    In alcuni film anche se il tema trattato è diverso (es Inferno di cristallo con il pessimo Willis)
    i terroristi rimangono sempre iraniani,siriani,iracheni..e ovviamente i buoni restano gli usa
    e i sionisti.
    cadutima likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda



    Da leggere.
    don Peppe likes this.

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    BANNED
    Data Registrazione
    26 Nov 2012
    Località
    in esilio
    Messaggi
    1,722
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    ma quanto gli rode ?


    io sto ancora godendo

    444 Days - US Embassy under seige Iran 1979 - YouTube
    Ultima modifica di cadutima; 25-02-13 alle 14:41
    Kroenen likes this.
    Solidarietà infinita a Daniele, Diego, Luca e Mirco, in prigione dal 16/11/12 al 08/04/13 per un reato di opinione. Italia come Cina e Birmania

  5. #5
    paracadute zen
    Data Registrazione
    23 Feb 2011
    Messaggi
    10,543
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Trattasi di pura casualità.
    cadutima likes this.
    Trollhunter delle 2 Sicilie.

  6. #6
    BANNED
    Data Registrazione
    26 Nov 2012
    Località
    in esilio
    Messaggi
    1,722
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    Citazione Originariamente Scritto da Kroenen Visualizza Messaggio
    Trattasi di pura casualità.

    Ultima modifica di cadutima; 25-02-13 alle 14:48
    Kroenen likes this.
    Solidarietà infinita a Daniele, Diego, Luca e Mirco, in prigione dal 16/11/12 al 08/04/13 per un reato di opinione. Italia come Cina e Birmania

  7. #7
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    28,536
    Mentioned
    427 Post(s)
    Tagged
    118 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    Il problema è che milioni di persone pagano pure per andare a vedere ste stronzate. Ma dal loro punto di vista, quello usraeliano, il botto di soldi che spendono per insozzare chilometri di pellicola è ben speso, è tutto lavaggio del cervello che molto spesso, purtroppo, va a buon fine.

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    Citazione Originariamente Scritto da Kavalerists Visualizza Messaggio
    Il problema è che milioni di persone pagano pure per andare a vedere ste stronzate. Ma dal loro punto di vista, quello usraeliano, il botto di soldi che spendono per insozzare chilometri di pellicola è ben speso, è tutto lavaggio del cervello che molto spesso, purtroppo, va a buon fine.
    Disse quel tale "La cinematografia è l'arma più forte"
    Quanto aveva ragione...

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    15 Jul 2009
    Messaggi
    21,699
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda

    DI PEPE ESCOBAR
    asiatimes.com

    Persino nel suo periodo da selvaggio, fattone, folle easy rider, Jack Nicholson non avrebbe mai immaginato che un giorno avrebbe fatto squadra con la first lady degli Stati Uniti per presentare l’Oscar per il Miglior Film.

    Si tratta di roba più alla Hunter S. Thompson che da Oscar, difficilmente qualcosa di presidenziale. Tuttavia, ha perfettamente reso l’idea del matrimonio tra Washington e Hollywood. Se George Clooney sposa il Sudan (ma non la Palestina), perché Jack non dovrebbe farsela con Michelle?
    E poi? Obama che si intende con Jessica Chastain?

    Il matrimonio che conta veramente – per il futuro – potrebbe essere nel cuore del complesso militare, industrial e di sicurezza di Hollywood, come in Zero Dark Thirty una variazione senza fine dell'ethos della Marvel of the Marvel ma per ora, in termini di giustizia poetica, niente ha più senso che l’Oscar per il Miglior Film assegnato al film diretto da Ben Affleck (e co-prodotto da George Clooney) Argo.

    I giurati degli Oscar, più di 6000, non hanno proprio saputo resistere ad una trama liberamente basata su eventi per cui un hollywoodiano patriottico e pieno di risorse salva la CIA; e con un finale certificato da Hollywood come bonus. Quindi, prevedibilmente, si è trattato dell’auto-premiazione di Hollywood, una premiazione all’iper-nazionalismo, agli eroi americani ed ovviamente ai buoni (gli americani) contro i cattivi (gli iraniani).

    E come diventa poeticamente importante questa giustizia, quando un film che parla di un film falso che ha preso in giro gli iraniani rivoluzionari della crisi degli ostaggi di 444 giorni viene coronato come Miglior Film, solo due giorni prima che gli Stati Uniti ed altri membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU, più la Germania, tornino al tavolo per discutere se ora è l’Iran a prenderli in giro e quindi creare un’arma nucleare.

    Argo si dà da fare per provare che l’Iran odia il diavolo Americano, ma che gli iraniani amano Hollywood. Dopo trent’anni, gli iraniani non sono tanto creduloni; spareranno anche al loro anti-Argo. La maggioranza assoluta della popolazione – persino sotto le dure sanzioni di Usa e Europa – sostiene il programma nucleare civile. In parallelo, sarà divertente vedere come viene proiettato Argo da Karachi fino a Caracas.

    Ad Hollywood, come ci ha insegnato Orson Welles, è tutto falso. Persino l’ex presidente Jimmy Carter ha ammesso sulla CNN che la sceneggiatura stessa di Argo era canadese – inventata per lo più dall’ambasciatore in Iran Ken Taylor. Tutti lo sanno in Canada, ma ovviamente negli Usa no.

    Chiedetelo a Christoph Shultz

    Quello che davvero conta agli Oscar è il tappeto rosso, con il suo motto implicito “Cosa indossi”. In un festival di guardaroba guasti, che meriterebbero un’investigazione dell’FBI, gli occhi annoiati si sono consolati con una Charlize Teron in Dior, una Naomi Watts in Armani e una Anne Hathaway in Prada. Questo è quello che girerà in digitale in tutto il pianeta, dal momento che la maggior parte dei vincitori sono già stati dimenticati.

    Non ci sono state sorprese. Se Daniel Day Lewis chef fa la parte del Dio Americano, alias Lincoln, non avesse preso il suo (terzo) Oscar, sarebbe stato vittima di un attacco cibernetico cinese. In realtà, una sorpresa c’è stata: lo Zeus di Hollywood, Steven Spielberg, è stato respinto in favore del film di Ang Lee, Vita di Pi I cinici hanno immediatamente proposto che la cosa aveva molto a che fare con il fatto che Hollywood si sta dirigendo verso il proficuo mercato asiatico.

    Quentin Tarantino ha detto che questo è stato l’anno degli scrittori e degli Oscar. È stato certamente il suo anno. È perfettamente sensate che il suo classico sulla vendetta Django Unchained abbia vinto per la Miglior Sceneggiatura ed il Miglior Attore non Protagonista (il maestro viennese, Christoph Waltz).

    Per Tarantino, solo un mostruoso numero di vittime può portarci alla Giustizia. Uno potrebbe stancarsi delle sue continue esagerate stranezze. Tuttavia, il fatto è che il suo rimedio per l’America – quando il male ti fissa negli occhi, usa le armi a tutto spiano – è credibile, perché i suoi personaggi sono scritti in maniera splendida. Non c’è da stupirsi che la lobby delle armi e svariati fanatici della National Rifle Association stiano usando Django come PR principale tra gli afro-americani. Se dovessero seguire Django alla lettera (“la D è muta”), probabilmente gli Usa del post-apocalisse assomiglierebbero al satirico Django Uncrossed.

    In effetti, l’Oscar potrebbe essersi un po’ salvato dalla sua love story con la CIA quando il premio per la Miglior Sceneggiatura è andato a Tarantino, piuttosto che a Tony Kushner per il totemico Lincoln. Probabilmente Kushner – e Spielberg – hanno creato la loro epopea contro lo schiavismo dando semplicemente un’occhiata a Frederick Douglass o alla “Ricostruzione Nera in America” di W. E. B. Dubois , dov’è chiaro che “sono stati gli schiavi fuggitivi a costringere gli schiavisti ad affrontare l’alternativa di arrendersi al Nord o arrendersi al Negro”.

    Senza i circa 200.000 neri nell’esercito ed altri 200.000 impiegati in ruoli di sostengo, il Nord avrebbe perso la guerra. O, al massimo, la supremazia bianca del Sud sarebbe rimasta com’era, schiavista e tutto. Niente di ciò viene menzionato in Lincoln.

    I due Oscar a Django provano ancora una volta che Hollywood non sa vendicarsi. Anche quando si tratta di uno spaghetti-western distorto e cripto-psichedelico che farebbe vomitare John Ford. Beh, è sempre il selvaggio West. Più selvaggio dei sogni più selvaggi di Jack Nicholson.

    Oggi, Tarantino potrebbe essere il miglior sceneggiatore a decifrare Barack Obama, il nuovo Lincoln. Che ne dite di un western ricercato, che mostra il passaggio dalla guerra globale al terrorismo fino all’invisibile guerra ombra, mentre all’interno il nuovo Lincoln sceglie il controllo delle armi misto alla sorveglianza dei droni?

    O magari Christoph Waltz nei panni del subdolo John Brennan, un confidente dell’allora direttore della CIA George Tenet, sempre al corrente “sull’intelligence e sui fatti sistemati intorno alla politica” per giustificare la Guerra in Iraq e che poi si mette a fissare i parametri sulla tortura e cerca l’approvazione del Dipartimento di Giustizia.

    Immaginate la scena di Waltz, con la sua particolare dizione, che testimonia al Senato del Comitato dell’Intelligence – come ha fatto Brennan all’inizio del mese – che “I regimi di Teheran e Pyongyang si ostinano a perseguire sistemi di consegna di armi nucleari e di missili balistici intercontinentali”.

    Argo è per femminucce. È arrivato il momento di Obomber Unchained.

    Pepe Escobar
    Fonte: asiatimes.com - asian news
    Link: Asia Times Online :: And the Oscar goes to... the CIA
    25.02.2013
    www.comedonchisciotte.org
    Ultima modifica di Lawrence d'Arabia; 25-02-13 alle 23:08
    "Non abbiamo l'unione sociale ma solo quella economica e finanziaria. Finchè non capiamo questo, non capiremo perché i populisti hanno tanto successo!". Gabriele Zimmer
    Gratteri: "L'Ue è una prateria per le mafie"

  10. #10
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un oscar alla propaganda


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Premio Oscar alla Santanchè.
    Di Spetaktor nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 28-09-09, 21:58
  2. Oscar alla carriera......di Andreotti
    Di pacatamente (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 30-05-08, 14:48
  3. Ennio Morricone : Oscar alla carriera
    Di Crack! nel forum Musica
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 26-12-06, 11:26
  4. Oscar alla carriera?
    Di Brontolone nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 17-08-04, 09:27
  5. dino risi, oscar alla carriera
    Di agaragar nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 04-09-02, 17:15

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226