User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 74
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    12 May 2009
    Messaggi
    7,952
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Scusate, non ho capito una cosa in proposito.. Ma i singoli cittadini possono partecipare o ci vuole un'autorizzazione?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Credo ci voglia un'autorizzazione, ma di solito le singole visite sono coordinate preferibilmente da un parlamentare radicale che ha il diritto costituzionale di entrare in carcere.

  3. #3
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    un motivo in più per andare......



    Carceri/Radicali: Condanna della Corte Europea dei Diritti dell’uomo nei confronti dell’Italia. Se vere frasi attribuite dal Corriere al capo del Dap, occorrono le sue immediate dimissioni


    Roma, 5 agosto 2009

    • Dichiarazione di Rita Bernardini, Deputata Radicale eletta nel PD e membro della Commissione Giustizia della Camera e dell’Avv. Giuseppe Rossodivita, Segretario del Comitato Radicale per la Giustizia Piero Calamandrei

    Le dichiarazioni dell’attuale Capo del DAP, così come riportate nell’articolo del Corriere.it di oggi - in relazione alla condanna inflitta della Corte di Strasburgo allo Stato Italiano per le condizioni relative alla detenzione patita dal detenuto bosniaco, ristretto in condizioni inferiori agli standard stabiliti dal Comitato per la prevenzione della tortura che stabilisce in 7 metri quadri a persona lo spazio minimo sostenibile per una cella - lasciano basiti.

    Il dott. Ionta, se son vere le frasi virgolettate a lui attribuite dal Corriere, dice di non credere “che casi denunciati dal detenuto bosniaco siano oggi così diffusi in Italia”.

    Contrariamente alla affermazione attribuita dal Corriere al dott. Ionta e che francamente speriamo sia il frutto di un errore giornalistico, ad oggi – e ne avremo i numeri precisi dopo la tre giorni di ferragosto in cui i Radicali Italiani stanno organizzando la più imponente visita ispettiva nelle carceri italiane, con oltre cento deputati, eurodeputati e consiglieri regionali di tutte le forze politiche che hanno già dato la loro disponibilità a visitare le oltre 200 carceri della penisola – quasi tutti i detenuti potrebbero agevolmente ricorrere, passando per il preventivo e scontato provvedimento negativo del magistrato di sorveglianza, alla Corte Europea dei diritti dell’Uomo e, stando a quanto già dalla Corte statuito, ottenere soddisfazione ed indennizzo.

    Se davvero il dott. Ionta ha detto ai giornalisti di non credere “che casi denunciati dal detenuto bosniaco siano oggi così diffusi in Italia”, il dott. Ionta mostra di non conoscere la complessa e grave realtà che dovrebbe governare ed amministrare.

    Se davvero il dott. Ionta ha detto ai giornalisti di non credere “che casi denunciati dal detenuto bosniaco siano oggi così diffusi in Italia” il dott. Ionta mostra di non conoscere la realtà di un sistema carcerario al collasso, che ogni giorno infligge ai detenuti - circa la metà dei quali presunti innocenti - pene ulteriori, rispetto alla privazione della libertà cui sono sottoposti; il dott. Ionta mostra di non ascoltare il grido di allarme proveniente dagli operatori della polizia penitenziaria, il dott. Ionta mostra di non credere neppure a quello che dice il suo Ministro della Giustizia, Angelino Alfano, che già da diverse settimane ha ammesso e confessato che le carceri italiani e le condizioni cui sono costretti i detenuti sono fuori dalla legge e dalla Costituzione.

    Se davvero il dott. Ionta ha detto ai giornalisti di non credere “che casi denunciati dal detenuto bosniaco siano oggi così diffusi in Italia”, occorrono le sue immediate dimissioni e la sua immediata sostituzione al fine di governare la drammatica situazione delle carceri.

  4. #4
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Ferragosto in carcere: La Uil PA Penitenziari sostiene l’iniziativa ed esprime soddisfazione per le tante le adesioni


    Roma, 7 agosto 2009

    • Comunicato di Eugenio Sarno, Segretario Generale della UIL PA Penitenziari

    “Apprendiamo con piacere e soddisfazione che sono circa 80 i parlamentari che hanno aderito all’iniziativa promossa dall’On. Rita Bernardini e dal Partito Radicale “Ferragosto in carcere”. Quattro gli europarlamentari, circa trenta i consiglieri regionali e 4 garanti per i diritti delle persona detenute completano il quadro delle visite che saranno effettuate a cavallo delle giornate del 14-15-16 agosto. Ma riteniamo che altre adesioni possano aggiungersi“



    Eugenio SARNO, Segretario Generale della UIL PA Penitenziari, non fa mistero dell’apprezzamento e della condivisione dell’iniziativa



    “Abbiamo sempre sostenuto che occorresse favorire una coscienza politica e dei politici sulla questione penitenziaria che rappresenta un dramma umanitario e un problema di ordine pubblico. Per questo è utile che i nostri parlamentari possano verificare de visu le nostre denunce. Una iniziativa – sottolinea SARNO – che la UIL ha da sempre auspicato, sostenuto e sollecitato. Non a caso qualche giorno fa a Palazzo Chigi ebbi modo di sostenere che di fronte al dramma che si consuma quotidianamente nelle nostre prigioni occorreva parlare non solo alla testa ma anche alla coscienza dei politici. “



    La UIL PA Penitenziari comunica che ha pubblicato sul proprio sito UILPA Penitenziari l’elenco delle personalità che hanno aderito all’iniziativa che avrà un sostanziale contributo anche da parte della stessa Organizzazione Sindacale



    “Noi della UIL ci siamo resi disponibili con entusiasmo. In molte realtà i visitatori troveranno nostri quadri dirigenti ad accompagnarli nelle visite, in modo da aver contezza anche delle tante, enormi, difficoltà in cui sono costretti a lavorare gli operatori penitenziari. Il 14 agosto accompagnerò Rita Bernardini nella sua visita a Regina Coeli, il 15 agosto sarò a Lecce. Nella stessa giornata il nostro Segretario Nazionale URSO visiterà Milano Opera. Siamo, insomma, pienamente impegnati. Il momento ci pare delicato e non possiamo sottrarci ai nostri doveri anche di rappresentanza fisica. Riteniamo questa iniziativa una irripetibile opportunità per squarciare il velo di silenzio e indifferenza verso l’universo penitenziario. Auspichiamo che dopo possa aprirsi un sereno, proficuo, dibattito parlamentare che possa individuare, favorire e sollecitare quelle soluzioni che appaiono urgenti per evitare l’implosione definitiva del sistema”



    Ieri la UIL ha incontrato il Capo del DAP, Franco IONTA



    “Nel corso dell’incontro di ieri abbiamo consegnato al Capo del DAP l’auspicio che l’Amministrazione Penitenziaria colga la valenza di questa iniziativa e si predisponga di conseguenza. Abbiamo ribadito le nostre preoccupazioni e avvalorato la necessità di lavorare per una implementazione degli organici della polizia penitenziaria cui mancano in organico ben 5mila unità. Il Pres. Ionta – conclude il segretario della UIL PA Penitenziari - nel rimarcare che unitamente al Ministro Alfano sta lavorando per aumentare gli organici, ha anche reso noto che il DAP ha predisposto un elenco (ancora riservato) di venti istituti penitenziari presso cui è ipotizzabile l’impiego di militari da impiegare in compiti di sorveglianza e sentinella in modo da favorire un recupero di forza lavoro della polizia penitenziaria. Un po’ poco rispetto alle necessità, ma siamo nelle condizioni di benedire ogni goccia d’acqua che arriva nel deserto delle difficoltà, degli abusi e dei soprusi quale è oggi la condizione di lavoro dei poliziotti penitenziari”

  5. #5
    ********** ***** Radicali
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    http://www.radicali.it/
    Messaggi
    5,427
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Citazione Originariamente Scritto da hidetoshi777 Visualizza Messaggio
    Scusate, non ho capito una cosa in proposito.. Ma i singoli cittadini possono partecipare o ci vuole un'autorizzazione?
    Per partecipare da semplice cittadino:

    :: Radicali.it ::

  6. #6
    100% Radicale
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    3,866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Gli Psicologi Penitenziari aderiscono all’iniziativa “Ferragosto in Carcere“

    Padova, 10 agosto 2009

    La SIPP, ( Società di Psicologi Penitenziari Italiani ) aderisce all’iniziativa promossa dall’ Onorevole Rita Bernardini e dal Partito Radicale “ Ferragosto in Carcere” che vede coinvolti 80 parlamentari e senatori ed europarlamentari, che a cavallo del 14-15 e 16 agosto visiteranno le 128 carceri italiane.

    La grave situazione in cui versano gli Istituti carcerari ed in particolar modo alcune figure altamente a rischio come gli psicologi penitenziari del Settore adulti e minorile, è stata già evidenziata in una manifestazione indetta, appunto, dagli psicologi svoltasi a Roma il 26 giugno davanti al Parlamento, in cui hanno aderito anche sociologi e criminologi..

    La protesta non è stata solo la rivendicazione di una categoria ormai stabilmente precaria da trenta anni ma ha voluto evidenziare la quasi totale impossibilità, dovuta alle riduzioni drastiche sugli orari di lavoro, a svolgere funzioni che contribuiscono alla sicurezza perché aiutano a ridurre la tensione nelle carceri e contenere il rischio di recidiva quando i detenuti saranno restituiti alla società per fine pena o concessione di benefici.

    Questi professionisti operanti nel sistema carcerario possono dedicare, in media, solo due ore l’anno ad ogni detenuto, troppo poco per fornire le valutazioni richieste dalla magistratura che concorrono a definire la pericolosità dei detenuti per la concessione di pene alternative alla detenzione e per aiutare il reo alla consapevolezza dei propri comportamenti e al danno arrecato alla collettività.

    L’aumento della popolazione detenuta, è dovuta anche all’introduzione di nuovi reati perseguibili penalmente come lo stolking, la clandestinità mentre per quanto riguarda il trattamento interno, in riferimento all’osservazione scientifica della personalità si aggiungono circolari interne che lo rendono obbligatorio per i sex-offender e per la popolazione detenuta in alta sicurezza.

    In una fase in cui il sovraffollamento ha raggiunto i massimi livelli di guardia ( mai lo spazio vitale disponibile è stato così ridotto ) e il clima di allarme sociale chiede una maggiore attenzione per monitorare i soggetti in esecuzione penale esterna, assistiamo alla totale precarietà e riduzione dell’impiego di competenze specifiche..

    I dati al 4 agosto registrano 63.567 presenze di detenuti a fronte di una capienza di 43.327 unità, dall’inizio dell’anno sono morti 89 detenuti e 34 di loro si sono suicidati, poniamo l’accento su un sistema penitenziario nel quale metà dei detenuti è in custodia cautelare e tra i condannati 9.000 hanno pene inferiori ad un anno.

    Inoltre, da una recente intervista all’Onorevole E. Casellati , sottosegretario alla Giustizia, emerge che il 2007 ha visto un turnover di arresti, che ha coinvolto 94 mila persone, di cui 24 mila scarcerati nei 3 giorni successivi all’arresto.

    Sottolineiamo che i tagli finanziari, non aiutano a contenere il triste primato dei suicidi che evidenziano un forte disagio di natura psicologica legata alle condizioni interne ed esterne.Giovanna Donzella, Referente Regionale

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2009
    Messaggi
    905
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    "Ferragosto in carcere": Appello di Radicali Italiani a tutti i soggetti titolati a visitare le carceri

    Roma, 11 agosto 2009

    Radicali Italiani, di fronte alla straordinaria risposta di deputati, senatori, consiglieri regionali e garanti per i diritti dei detenuti che in 150 parteciperanno all’iniziativa “Ferragosto in carcere” e che nelle giornate del 14, 15 e 16 agosto visiteranno 175 dei 221 istituti penitenziari italiani, hanno deciso di rivolgersi anche agli altri soggetti che in base all’art 67 dell’Ordinamento Penitenziario sono titolari del diritto di visitare le carceri senza autorizzazione. Tra di essi, i componenti del Consiglio Superiore della Magistratura, i vertici dei Tribunali e delle Procure della Repubblica, i Vescovi, i Prefetti e i Questori, i medici provinciali, l’ispettore dei cappellani e, seppure previa autorizzazione del Direttore del Carcere, i ministri di culto cattolico e di altri culti.

    Radicali Italiani auspicano che, anche simbolicamente, i soggetti titolari vogliano esercitare appieno la funzione loro riconosciuta dalla legge in un momento in cui le condizioni di vita della comunità penitenziaria hanno raggiunto livelli di sofferenza e spesso di disperazione mai registrati in passato.

    E’ stata a questo fine inviata una lettera al Presidente della CEI Angelo Bagnasco affinché, accogliendo l’appello radicale, si faccia promotore presso i Vescovi per un’ampia partecipazione alla tre giorni ferragostana di visita nelle carceri.

    Analoga lettera sta per essere inviata anche ai vertici delle altre confessioni religiose pur essendo i loro ministri di culto condizionati all’autorizzazione del Direttore dei singoli istituti penitenziari.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2009
    Messaggi
    905
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    “Ferragosto 2009 in carcere”: l’Associazione Radicali Lucani aderisce all’iniziativa, promossa da Radicali Italiani. Il 14 e il 15 agosto i deputati Radicali, Farina Coscioni e Turco visiteranno le carceri lucane
    Per noi Radicali il ferragosto 2009 sarà dedicato interamente ai problemi della “comunità penitenziaria”

    Potenza, 12 agosto 2009

    Nell’ambito dell’iniziativa “Ferragosto 2009 in carcere” promossa da Radicali Italiani, che ha visto l’adesione di numerosi deputati, senatori e consiglieri regionali di tutti gli schieramenti politici(vedi :: Radicali.it ::), effettueremo una ricognizione approfondita della difficilissima situazione delle carceri italiane.

    In Basilicata, nelle giornate del 14 e 15 agosto, i deputati Radicali Maria Antonietta Farina Coscioni e Maurizio Turco, Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani e Maria Antonietta Ciminelli, Tesoriera di Radicali Lucani, visiteranno le carceri di Potenza(14 agosto mattina), Melfi(14 agosto mattina) e Matera(15 agosto mattina).

    Dichiarazione di Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani e Maria Antonietta Ciminelli, Tesoriera di Radicali Lucani

    L’Obiettivo dell’iniziativa “Ferragosto in carcere” è quello conseguire sul campo un’approfondita conoscenza della realtà vissuta quotidianamente da direttori, agenti, medici, psicologi, educatori e detenuti.

    Il pianeta carcere in Italia è un malato grave, i cui sintomi vanno curati con urgenza. Questo male è testimoniato da alcune cifre che raccontano quanto sia difficile la vita di tutti coloro che operano nelle carceri italiane e quanto queste, molto spesso, non siano degne di un paese civile.

    In Italia, a fronte di una capienza regolamentare delle carceri pari a 43327 detenuti, attualmente vengono ospitate 63557 persone. La massima capienza tollerabile è di 64111 detenuti. Questi i dati facendo una media delle presenze in tutti gli istituti di pena; va da sé che ci sono realtà in cui è stata abbondantemente superata la massima capienza tollerabile.

    Anche sul fronte degli Agenti di Polizia penitenziaria la situazione è tutt’altro che rosea. Infatti, la pianta organica è decisamente sottodimensionata rispetto alle necessità. Abbiamo 35318 Agenti, a fronte di un organico che dovrebbe essere composto da 41268 unità.

    In una situazione di questo tipo il carcere finisce per diventare mero luogo di espiazione della pena, con un evidente tradimento di quanto sancito dal dettato costituzionale.

    Ai lavoratori che prestano la loro attività ad ogni livello negli istituti carcerari, devono essere garantite condizioni di lavoro moralmente, socialmente ed economicamente adeguate ai profili professionali ricoperti, che diano il giusto riconoscimento ai compiti di esemplare responsabilità espletati e che consentano di dare completa attuazione ai risultati delle rivendicazioni e delle conquiste, purtroppo oggi ancora in larga parte disattese.

    Attraverso queste visite vogliamo raccogliere informazioni che ci mettano nella condizione di interpretare i bisogni e le necessità dell’intera comunità penitenziaria e di proporre soluzioni legislative e organizzative adeguate, nel medio e lungo periodo.

    Il 14 e 15 agosto, come detto, effettueremo con Maurizio Turco e Maria Antonietta Farina Coscioni una ricognizione delle carceri lucane, che complessivamente vantano una presenza di detenuti al limite della massima capienza tollerabile.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2009
    Messaggi
    905
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    Ferragosto 2009 in carcere, Pagano: una scelta radicale anche per gli Stati-Uniti d'Europa

    Roma, 12 agosto 2009

    • Dichiarazione di Giorgio Pagano, Segretario dell'associazione radicale-

    Il 14 agosto andrò nel Carcere di Latina non solo per informarmi delle-condizioni e delle problematiche delle persone detenute ma, anche, per-offrire loro l'opportunità di costruire, anche da lì, il nuovo e il-futuro, in grande.-Una buona parte di coloro che costruirono gli Stati Uniti d'America-erano fuoriusciti dalle galere europee, sognatori ed emarginati...-Oggi, nella costruzione degli Stati Uniti d'Europa c'è una questione-che ammorba le opportunità di oltre mezzo miliardo di eurocittadini e-di una federazione europea negata dalle patrie nazionali.-C'è oggi una "Peste europea", che proprio coloro che soffrono nelle carceri, i quali, pur nelle limitazioni della detenzione, hanno più tempo di altri per pensare ma anche per agire, possono aiutare a-debellare.-Così come i coloni fecero grande l'America, oggi, nella creazione-della federazione europea, le colonie penali possono essere cinghie di-trasmissione di un meccanismo che parta dalla madre di tutte le-battaglie per il federalismo europeo: quella della lingua federale-degli Stati Uniti d'Europa.-Battersi per una patria europea comune che incarni nella comunicazione-transnazionale le pari opportunità, e non l'esclusivo appannaggio per-nascita dei madrelingua inglesi, è un movimento che dalle colonie-penali può innescarsi come insegnamento di Giustizia verso chi, fuori,-sta svendendo il Paese e i territori della mente di tutti i popoli non-anglofoni dell'Europa.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Jul 2009
    Messaggi
    905
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Iniziativa radicale "Ferragosto in carcere"

    "Ferragosto in carcere": appello di Radicali Italiani a tutti i soggetti titolati a visitare le carceri

    Roma, 11 agosto 2009

    Radicali Italiani, di fronte alla straordinaria risposta di deputati, senatori, consiglieri regionali e garanti per i diritti dei detenuti che in 150 parteciperanno all’iniziativa “Ferragosto in carcere” e che nelle giornate del 14, 15 e 16 agosto visiteranno 175 dei 221 istituti penitenziari italiani, hanno deciso di rivolgersi anche agli altri soggetti che in base all’art 67 dell’Ordinamento Penitenziario sono titolari del diritto di visitare le carceri senza autorizzazione. Tra di essi, i componenti del Consiglio Superiore della Magistratura, i vertici dei Tribunali e delle Procure della Repubblica, i Vescovi, i Prefetti e i Questori, i medici provinciali, l’ispettore dei cappellani e, seppure previa autorizzazione del Direttore del Carcere, i ministri di culto cattolico e di altri culti.

    Radicali Italiani auspicano che, anche simbolicamente, i soggetti titolari vogliano esercitare appieno la funzione loro riconosciuta dalla legge in un momento in cui le condizioni di vita della comunità penitenziaria hanno raggiunto livelli di sofferenza e spesso di disperazione mai registrati in passato.

    E’ stata a questo fine inviata una lettera al Presidente della CEI Angelo Bagnasco affinché, accogliendo l’appello radicale, si faccia promotore presso i Vescovi per un’ampia partecipazione alla tre giorni ferragostana di visita nelle carceri.

    Analoga lettera sta per essere inviata anche ai vertici delle altre confessioni religiose pur essendo i loro ministri di culto condizionati all’autorizzazione del Direttore dei singoli istituti penitenziari.

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 110
    Ultimo Messaggio: 29-04-11, 18:30
  2. L'iniziativa radicale "Ferragosto in carcere" che ne pensate?
    Di Burton Morris nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25-08-09, 15:36
  3. "Lega Nord via da Napoli": iniziativa di "Insorgenza Civile" su Repubblica
    Di Napoli Capitale nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-07-09, 18:26
  4. Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 22-09-08, 13:05
  5. Sull'"omega" della cosiddetta "destra radicale": quale strategia?
    Di donerdarko nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 21-09-08, 23:24

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226