User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: Il ghetto di Malano

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il ghetto di Malano

    Senza dimenticare ovviamente Quarto Oggiaro, altra perla del famoso arricchimento culturale dei terroni mafiosi con boss, galoppini e compagnia cantante. La terronizzazione (alla quale si aggiunge la sudamericanizzazione e africanizzazione negli anni seguenti) ormai dilaga. Nelle usanze, nei costumi, nel crimine. L'assuefazione e la collaborazione la rende ancora più forte. E chi non applaude allo scambio culturale unidirezionale è un razzista, un retrogrado, che non coglie le opportunità. Meglio razzista e reazionario che complice e/o artefice di un genocidio culturale, etnico e morale di queste proporzioni. “E tutti si scandalizzano quando sentono dire: quel tale tipo di mammifero o di uccello ormai è sparito dalla faccia della terra, non lo vedremo più; è una grave perdita. Certo, si tratta di gravissime perdite. Ma non sarebbe forse più grave se sparisse una comunità umana?”.


    Baby-sentinelle e pitbull feroci
    Il ghetto della cocaina di Milano


    Sei palazzi trasformati in una fortezza. E i bimbi in bici danno l’allarme. Unica telecamera girata verso il muro



    Baby-sentinelle e pitbull feroci Il ghetto della cocaina di Milano - Corriere della Sera

    MILANO — In una cantina, sul muro, tra bestemmie e frasi di ses*so, hanno tirato una scritta, enor*me, che schiaccia e nasconde le al*tre: the ghetto of Milan. I pitbull vengono lasciati appesi una notte e un giorno a un albero, per edu*carli alla rabbia, così diventano più che da guardia cani da assalto, assalto contro i poliziotti.

    I bimbi girano su biciclettine nei grandi giardini interni spoglia*ti di alberi, altalene, scivoli; hanno otto e nove anni, fanno le sentinel*le per trenta euro a settimana. Quando arriva un estraneo, fischia*no. Allora altri bambini vanno su e giù a bussare, due tocchi brevi e uno lungo, oppure tre lunghi e uno breve, è un linguaggio in codi*ce. Bussano agli appartamenti di insospettabili e incensurati — ulti*mi arrestati un magazziniere e una mamma — ai quali i boss, per quattrocento euro la settimana, or*dinano di conservare la cocaina. La coca è acquistata dai narcotraffi*canti sudamericani: le analisi della polizia scientifica hanno rilevato una purezza dell’84%. In città, do*ve 150mila persone pippano in un anno sei tonnellate di roba, la me*dia di purezza è del 40%, con un prezzo al grammo di 70 euro. Alle «case» è di 90, 100. È cocaina altro*ve tagliata con aspirina, gesso e la velenosa stricnina, e qui invece trattata quasi con delicatezza. È la più buona. Non si tirano mai pac*chi. E infatti c’è la coda.

    Le «case» e basta. Le chiamano così. Lo schema (il fantasma?) di Gomorra. I boss garantiscono assi*stenza legale e sostegno economi*co a chi finisce in galera. Sei civici di palazzi popolari dell’Aler, l’Azienda lombarda di edilizia resi*denziale; palazzi uguali e vicini, al*ti nove piani, in mezzo a due stra*done della periferia nord, prima che inizino Sesto San Giovanni e l’hinterland. I civici: 304, 306, 308 e 310 in viale Fulvio Testi; 361 e 365 in via*le Sarca. L’Aler ha messo le «case» tra le priorità, manda ispettori, li rimanda; deve fare i conti con il 24% delle famiglie in arretrato da più di un anno con il pagamento dell’affitto. Dei 216 alloggi (36 in mano agli abusivi) la metà sono abitati da stranieri.

    Ma questa non è una storia di stranieri. Negli anni Settanta i sei condomìni furono oc*cupati ancor prima che chiudesse il cantiere. Negli anni Ottanta arri*vò la solita soluzione all’italiana, una megasanatoria per tutti, fosse*ro pregiudicati e operai (siamo in un’antica terra industriale, nobile e proletaria: la Pirelli, la Breda). I boss, racconta la polizia, sono i tre Porcino, fratelli originari di Me*lito di Porto Salvo, il Paese più a sud dell’Italia peninsulare, e due famiglie di nomadi italiani, i Brai*dic e gli Hudorovich. Gli investiga*tori associano questi ultimi ai furti di motorini e auto (agguantati nei parcheggi dei vicini centri com*merciali, trasportati nelle cantine delle «case», spezzettati e vendu*ti), mentre sui primi la voce è una soltanto: cocaina.

    Per comprare la droga l’accesso è su viale Fulvio Testi, da un parcheggio che costeg*gia la cancellata e separa da un ho*tel quattro stelle. C’è un’inchiesta della Direzione antimafia. Cocaina partita dalle «case» e consegnata agli emissari della ’ndrangheta in Calabria. Con*tatti dei padrini anche durante le partite allo stadio Meazza di Inter e Milan contro la Reggina, la squa*dra di Reggio Calabria. La Reggi*na, nel campionato appena finito, è retrocessa. La presenza del Comune è una telecamera che fa tenerezza e fa ri*dere. Sporge da un muro, ha fun*zionato per qualche minuto; tem*po di installarla, e i giovani si ar*rampicarono e la girarono verso lo stesso muro. Poi, certo, diranno che ci sarà il nuovo metrò. A dieci metri, su viale Fulvio Testi, sta sor*gendo una delle stazioni della li*nea 5. Il questore Vincenzo Indolfi con*sidera questo posto una ferita, an*zi, dice, «un tumore». Ha dato mandato al commissariato di Gre*co- Turro, guidato da Manfredi Fa*va, di martellare le «case». Fava ha una squadra di gente da strada, che salta amori e riposi. I risultati ci sono, anche se certe amministra*zioni gradirebbero altre operazio*ni, magari più in centro. Ogni due settimane, comunque, c’è un arre*sto. Faticoso: i residenti non colla*borano, non denunciano. Sotto*missione. Terrore. L’abitudine che non prevede scatti, di rabbia o in*dignazione. La routine di un’esi*stenza in ciabatte e canottiera.

    Andrea Galli
    Cesare Giuzzi
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista junior
    Data Registrazione
    07 Jul 2009
    Messaggi
    18
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    su questi argomenti si potrebbe discutere per secoli. aggiungo delle brevi note, cose capitate in prima persona.

    1 la diffusione della cocaina. Sono rimasto sorpresa dalla ordinairetà del consumo e quindi dello spaccio. per molte persone è diventata una cosa quasi normale

    2 la presenza della ndrangheta nel nord milano e nella brianza è palese ma le istituzioni locali ignorano (volutamente in certi casi) il problema.
    le famiglie calabresi (vere e proprie famiglie composte da nonni padri mogli zii cugini ecc.) controllano il traffico di droga ed armi, hanno forse agganci con il controllo della prostituzione (affidata ad albanesi rumeni e nigeriani).
    Il settore in cui riciclano il denaro sporso proveninete da tutto ciò è l'edilizia.
    non a caso ogni paese ha il suo ras del mattone che spesso affida i lavori a dittarelle gestite da meridionali. capita a volte di passare vicino ad una cantiere e di cogliere gli idiomi oltre che dell'est europa e nord africa anche quello calabro.
    Da qui il passo entro uffici tecnici e uffici comunali è breve...

    Ci sono tanti ghetti meno visibili ma altrettanto pericolosi a Milano e dintorni

  3. #3
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Posso garantire
    che droga,criminalità spicciola e altre meraviglie
    non sono prerogativa dei "terroni".
    Tu puoi trovare quartieri simili in Sicilia come a New York,come a Londra,come a Parigi.
    E non sempre gli abitanti sono meridionali o comunque
    stranieri,è il fallimento dello stato capitalista,guadagnano pochi e si impoveriscono tanti
    ,e i risultati sono poi questi:degrado e miseria,oltre
    ad ovviamente la microcriminalità.

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,696
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    C'è sempre la scusa pronta !

  5. #5
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    C'è sempre la scusa pronta !
    Ovvio, colpa dello schtato, colpa della società, colpa degli egoisti razzisti che devono ospitare tutto questo ben di dio, ma lo fan tutti, ma il crimine non ha colore, bla bla bla. Già sentito e risentito, poi vai a vedere i cognomi, vai a vedere che le carceri del nord senza terroni ed extracomunitari non avrebbero alcun problema di sovrappopolamento e si capisce tutto come sempre. Ognuno ha le sue magagne, che ci lascino le nostre e non rompano, ma nessuno ha il diritto di esportare le proprie in terre altrui senza il consenso degli abitanti di queste ultime. Ciò che è stato invece fatto dallo stato mafioso itagliano stuprando le nostre terre, favorendo l'invasione del peggio del peggio di ogni feccia e facendo il lavaggio del cervello alle nuove leve autoctone ora perfettamente anche loro, salvo meritevoli eccezioni, itagliane e che hanno recepito alla perfezione l'italica virtù dell'omertà. Menghia.

    E dopo decenni potranno finalmente dire questi criminali "eh beh, ma la mafia c'è anche al nodde"... grazie.

    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  6. #6
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    C'è sempre la scusa pronta !
    No,no..quali scuse.
    A parte che non vedo perchè dovrei giustificare
    chi vende merda e vive nel degrado,o semplicemente
    indicato le cause.
    Tu prendi un paese come il Brasile,ha una capitale ultramoderna con zone favolose,e dietro le favelas coi
    bambini che si vendono a 7 anni per le strade.
    Prendi i paesi dell'est che fino al crollo del comunismo
    non registravano mafie ne battone(sfido chiunque a smentirmi),ovunque si sia affermato il liberalcapitalismo ha generato ricchezza(per pochi)
    e povertà(per tanti) con conseguente degrado
    e criminalità,e questo sono i fatti a dirlo.
    Non dico questo per fare sociologia da 2 soldi(siamo tutti uguali,è la società che non capisce..bla bla),ma
    perchè alla luce dei fatti mi sembra il ragionamento
    più ovvio.
    Per quanto riguarda il discorso "son tutti terroni i carcerati" mi sembra quantomeno un po irrealistico.

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Tu prendi un paese come il Brasile,ha una capitale ultramoderna con zone favolose,e dietro le favelas coi bambini che si vendono a 7 anni per le strade.
    Allora andiamo a vedere anche in Brasile quali sono le zone più favolose o più sviluppate e quelle parassitarie e da una parte grosso modo troveremo quelle (poche) abitate a maggioranza dai bianchi europei e dall'altra quelle abitate a maggioranza da mulatti, meticci, neri, ecc.. Una casualità, eh?

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda il discorso "son tutti terroni i carcerati" mi sembra quantomeno un po irrealistico.
    Trovami in questo 3d la frase che hai messo tra virgolette. Non c'è. L'hai inventata tu.

    "Vai a vedere che le carceri del nord senza terroni ed extracomunitari non avrebbero alcun problema di sovrappopolamento" è una frase diversa e "non sembra irrealistica", ma è la verità nuda e cruda numeri e dati alla mano. Che tu, non conoscendoli, ignori sparando castronerie.
    Dato che questa è una Magnum 44, cioè la pistola più precisa del mondo, che con un colpo ti spappolerebbe il cranio, devi decidere se è il caso. Dì, ne vale la pena? ("Dirty" Harry Callahan)

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem Visualizza Messaggio
    Allora andiamo a vedere anche in Brasile quali sono le zone più favolose o più sviluppate e quelle parassitarie e da una parte grosso modo troveremo quelle (poche) abitate a maggioranza dai bianchi europei e dall'altra quelle abitate a maggioranza da mulatti, meticci, neri, ecc.. Una casualità, eh?


    Trovami in questo 3d la frase che hai messo tra virgolette. Non c'è. L'hai inventata tu.

    "Vai a vedere che le carceri del nord senza terroni ed extracomunitari non avrebbero alcun problema di sovrappopolamento" è una frase diversa e "non sembra irrealistica", ma è la verità nuda e cruda numeri e dati alla mano. Che tu, non conoscendoli, ignori sparando castronerie.
    Dai un occhiata al sito AMW.com | America's Most Wanted with John Walsh li potrai spulciare
    una vasta galleria di criminali di vario tipo(stupratori,trafficanti,rapinatori)e noterai che ci sono negri,chicanos ma anche bianchi europei.
    Poi potrei citarti alcune zone depresse della Russia o dei paesi limitrofi(Ucraina per dirne uno)ove troverai degrado e criminalità
    ma non meticci.

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,141
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Io so solo che se - dalle prigioni padane togli meridionali, arabi/musulmani, albanesi, rom, e similari - queste si svuotano.

    Il resto sono chiacchiere filoterroniche.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,141
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il ghetto di Malano

    Dove vivono i terroni.

















    ' + titolo + '

    Corriere Milano
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gomorra a Malano
    Di Padanik nel forum Lega
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-03-11, 21:32
  2. Gomorra a Malano
    Di Padanik nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-03-11, 17:14
  3. Il Pdl a Malano
    Di Bèrghem nel forum Lega
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 26-09-09, 22:41
  4. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24-04-06, 15:58
  5. Milàn o Malano?
    Di Dragonball (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-01-03, 18:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226