User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
Like Tree2Likes

Discussione: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    LA DONNA NEL 2013 FRA IL PESO DELLA STORIA E L?ATTUALITA? | UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE
    Il taglio dato a queste righe è destinato ai ruoli che il corso della Storia ha riservato alle Donne sino all’epoca attuale e pertanto così va interpretato senza discorsi in “politichese” figli del votificio inutile, consci che taluni giudizi scateneranno sicuramente un acceso dibattito. Siamo infatti giunti anche quest’anno alla data dell’“8 Marzo” con annessa la corsa ai simboli, alla mimosa, ai pugni alzati, ai megafoni; giorno pervaso ancora da sentimenti di contrapposizione e settarismo che corrono il rischio di rappresentare l’altra faccia della stessa medaglia di un’incomprensione atavica tra il mondo femminile e quello maschile, sfociata oggi in un desiderio di riscatto da parte delle donne e in una smania di riappropriazione del presunto diritto di possesso da parte degli uomini. Proviamo a partire da lontano, a percorrere con snellezza il filo della storia, quella storia nell’arco della quale generazioni di donne si sono succedute tra Natura delle Cose ed Eventi Sociali:

    - già nel paleolitico tra l’uomo e la donna si denotavano tendenze a svolgere attività e ruoli diversi, l’uomo si orientava verso lavori duri e alla caccia; la donna si manteneva più stanziale, lavorava i campi ed accudiva i figli seguendo l’andamento degli accampamenti

    - ai tempi dei sumeri e dei babilonesi, la donna godeva di notevole indipendenza giuridica anche se nel contempo continuava ad essere “acquisita” dall’uomo attraverso la “compera” e poteva esserne ripudiata.

    - In Egitto, l’importanza giuridica delle donne era minore, ma venivano rispettate e la loro presenza veniva accettata durante i culti religiosi

    - Nel giudaismo (la religione nata prima di ogni altra forma di culto) venivano seguiti i dettami del testo sacro Talmud. Tra i tanti versetti spiccano i seguenti: “La nascita di una bambina è un evento infelice (Baba Bathra, 16b)”; “Non è mai una buona cosa parlare troppo a lungo con le donne, inclusa la propria moglie (Aboth, 1.5)”; “È giusto divorziare dalla propria moglie se rovina il cibo, o se si trova una donna più bella (Gittin, 91a)”

    - Presso gli Arabi, l’avvento dell’Islamismo (con Maometto) limitò la poligamia che imperava in precedenza, ma segregò la donna, sotto un’esasperata “iperprotezione da possesso” e la minorò dal punto di vista giuridico; nonostante ciò la donna Araba poté attingere alla cultura e dedicarsi alle scienze, alle arti, alla filosofia

    - In India ed in Persia in tempi remoti la donna poté godere di un’accettabile posizione sociale (ridimensionata dalle influenze dell’islamismo); nel contempo il Bramanesimo comportò la comparsa (in India) del crudele rito del sacrificio della vedova sul rogo del marito

    - Nella Cina antica la dona godeva di notevole rispetto, ma veniva relegata alla segregazione e diffidata dall’avvicinarsi alla cultura

    - In Giappone, alla cultura e all’arte erano destinate soltanto le donne geishe: iniziavano il ciclo di formazione all’età di 7 anni in scuole particolari e una volta divenute abili in una delle diverse arti venivano cedute ad un proprietario di locale da tè per prestar la loro opera, ovvero servire il tè secondo antichi cerimoniali, danzare, cantare, recitare poesie ed intrattenere i clienti. Una volta vendute dalle famiglie, le ragazze potevano svincolarsi da tale attività soltanto attraverso un matrimonio.

    - Nella civiltà etrusca la donna poteva godere di una buona considerazione e partecipava alla vita sociale insieme al marito; le raffigurazioni etrusche rappresentavano la donna vestita elegantemente e in atteggiamento vicendevolmente affettuoso con la figura maschile

    - Ai tempi dell’Antica Roma le donne erano libere ed avevano un ruolo rilevante nella società. Le donne degli imperatori svolgevano anche vita politica collaborando a tesserne trama e ordito.

    - Tutto cambiò nel medioevo, quando a causa dell’integralismo clericale, il mondo femminile venne stigmatizzato in due categorie: in angelico e spirituale oppure in stregoneria o malignità. Quel clero incarnò sulla figura delle povere donne l’espressione del conflitto tra il Bene e il Male, pur di scaricare (come nel simbolismo di Adamo ed Eva) l’espiazione della “colpa della sessualità”sulla figura femminile.

    - Nel Seicento, come conseguenza, scaturì una vera e propria fobia dinnanzi alla forza, all’intelligenza ed alle arti femminili, tanto da innescare una spietata persecuzione che vide mettere al rogo con l’accusa di eresia tutte quelle donne che decidevano di ribellarsi al volere maschile e alle regole sociali che le relegavano ai margini

    - Il Settecento rappresentò un periodo di stallo in quanto vide le donne chiuse tra le mura domestiche o nelle corti, aventi come unico scopo quello di prendere marito come soluzione di sicurezza

    - Nell’Ottocento la donna tornò alla ribalta acquisendo un ruolo sociale in veste di lavoratrice, conquistando un’indipendenza maggiore e pertanto maggiore possibilità di sottrarsi dall’eventuale pressione esercitata da mariti o padri

    - Da fine Ottocento figure femminili cominciarono a permeare il mondo del lavoro e cominciarono a liberare il proprio abbigliamento da bustini e strati di tessuti castiganti.

    - In Italia durante il Ventennio Fascista la donna venne coinvolta nel lavoro e nelle attività sportive ed atletiche, non soltanto in funzione dell’integrità fisica in quanto future madri, ma anche in quanto vennero riconosciute quale parte organica della società. Vennero altresì arruolate nell’apposito Servizio Ausiliario Femminile.

    - Durante il Novecento nell’occidente si mossero anche il fenomeno delle suffragette, del movimento femminista, della lotta per i diritti civili; nella seconda meta dello stesso secolo si poté riscontrare la conquista dell’indipendenza economica, giuridica, politica e sessuale (vedi anni ’60) da parte delle donne, anche se ad oggi in molteplici settori sono presenti ancora delle criticità.

    E attualmente da cos’è contraddistinto il ruolo della donna nella società moderna?

    La Donna è davvero libera di essere quello che realmente è e che quindi merita di essere?

    Sicuramente ha acquisito ampio margine di discrezionalità nelle sue scelte che purtroppo però non è bastato a garantirle la Libertà di Esprimere Sè Stessa; laddove era giunta la ventata di libertà di movimento e di scelta ecco innescarsi una nuova forma di “potere” ovvero la pressione dei Modelli Mediatici. La donne più insicure e pertanto più condizionabili (purtroppo la maggioranza), sono state portate a sdoppiare la propria identità per aggrapparsi ad “apparenze” pur di non percepirsi inadeguate; molti di questi condizionamenti sono legati all’estetica ed hanno prodotto un mondo femminile bulimico, anoressico e atrocemente omologato nelle fattezze mediante chirurgia estetica, botulino e silicone.

    Questa smania va a collidere pericolosamente con l’esperienza della maternità che con le sue trasformazioni fisiche, se guardata con l’occhio implacabile dei modelli televisivi, rappresenta per le donne più fragili una distorsione destabilizzante per la loro potenziale aspirazione ad essere accettate ed apprezzate socialmente.

    Esistono anche donne tenute in prigionia, mi riferisco a quelle donne che tra le mura domestiche sono vittime di violenza fisica o psicologica (non da meno demolitiva in quanto si sostanzia in una quotidianità di negazioni, di pressioni, di manipolazioni, di intimidazioni, di intimorimenti, di precarietà imposta alla vittima…..)

    In conclusione, un ultimo pensiero speciale a quelle donne che in molteplici territori sopravvivono (anche madri, con i loro bambini) in mezzo a solitudine , stenti, violenze, guerre e abusi….meritano non la celebrazione di un giorno, ma il Pensiero di Ogni Giorno!

    D.R.
    Ultima modifica di Avanguardia; 08-03-13 alle 10:44
    Kroenen likes this.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Una razza nemica, meglio soli
    di Massimo Fini - 10/03/2009

    Le donne sono una razza nemica. Bisognerebbe capirlo subito. Invece ci si mette una vita, quando non serve più. Mascherate da «sesso debole» sono quello forte. Attrezzate per partorire sono molto più robuste dell’uomo e vivono sette anni di più, anche se vanno in pensione prima. Hanno la lingua biforcuta. L’uomo è diretto, la donna trasversale. L’uomo è lineare, la donna serpentina. Per l’uomo la linea più breve per congiungere due punti è la retta, per la donna l’arabesco. Lei è insondabile, sfuggente, imprevedibile. Al suo confronto il maschio è un bambino elementare che, a parità di condizioni, lei si fa su come vuole. E se, nonostante tutto, si trova in difficoltà, allora ci sono le lacrime, eterno e impareggiabile strumento di seduzione, d’inganno e di ricatto femminile. Al primo singhiozzo bisognerebbe estrarre la pistola, invece ci si arrende senza condizioni.

    Sul sesso hanno fondato il loro potere mettendoci dalla parte della domanda, anche se la cosa, a ben vedere, interessa e piace molto più a lei che a lui. Il suo godimento — quando le cose funzionano — è totale, il nostro solo settoriale, al limite mentale («Hanno sempre da guadagnarci con quella loro bocca pelosa» scrive Sartre). La donna è baccante, orgiastica, dionisiaca, caotica, per lei nessuna regola, nessun principio può valere più di un istinto vitale. E quindi totalmente inaffidabile. Per questo, per secoli o millenni, l’uomo ha cercato di irreggimentarla, di circoscriverla, di limitarla, perché nessuna società regolata può basarsi sul caso femminile. Ma adesso che si sono finalmente «liberate» sono diventate davvero insopportabili. Sono micragnose, burocratiche, causidiche su ogni loro preteso diritto. Han perso, per qualche carrieruccia da segretaria, ogni femminilità, ogni dolcezza, ogni istinto materno nei confronti del marito o compagno che sia, e spesso anche dei figli quando si degnano ancora di farli. Stan lì a «chiagne» ogni momento sulla loro condizione di inferiorità e sono piene zeppe di privilegi, a cominciare dal diritto di famiglia dove, nel 95% dei casi di separazione, si tengono figli e casa, mentre il marito è l’unico soggetto che può essere sbattuto da un giorno all’altro sulla strada. E pretendono da costui, ridotto a un bilocale al Pilastro, alla Garbatella, a Sesto San Giovanni, lo stesso tenore di vita di prima.

    Non fan che provocare, sculando in bikini, in tanga, in mini («si vede tutto e di più» cantano gli 883), ma se in ufficio le fai un’innocente carezza sui capelli è già molestia sessuale, se dopo che ti ha dato il suo cellulare la chiami due volte è già stalking, se in strada, vedendola passare con aria imperiale, le fai un fischio, cosa di cui dovrebbero essere solo contente e che rimpiangeranno quando non accadrà più siamo già ai limiti dello stupro. Basta. Molto meglio restare soli.


    Una razza nemica, meglio soli, Massimo Fini
    Kroenen likes this.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  3. #3
    paracadute zen
    Data Registrazione
    23 Feb 2011
    Messaggi
    10,543
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Dedicato alle donne VERE!

    Trollhunter delle 2 Sicilie.

  4. #4
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    ahò, a massimo fini, contento te! saran pure una calamità naturale, ma ancora senza mona non ci posso stare!
    fatto pure una bella assonanza
    dai cristo santo, vent'anni c'ho! non puoi mettermi sti articoli majorana
    e kroenen che ci da pure il like
    Ultima modifica di Adriano; 08-03-13 alle 20:16
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  5. #5
    paracadute zen
    Data Registrazione
    23 Feb 2011
    Messaggi
    10,543
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Citazione Originariamente Scritto da -Caligola- Visualizza Messaggio
    e kroenen che ci da pure il like
    Posso parlare per la mia esperienza.
    Leggendo quell'articolo pareva parlasse in pieno della mia ex.
    Trollhunter delle 2 Sicilie.

  6. #6
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Citazione Originariamente Scritto da Kroenen Visualizza Messaggio
    Posso parlare per la mia esperienza.
    Leggendo quell'articolo pareva parlasse in pieno della mia ex.
    parla della tua ex, della mia e delle nostre future ex, di majorana e tutti gli uomini del mondo.
    le donne son così, ed è per questo che ci fan girare la testa e i maroni
    fa parte della loro detestabile perfezione, un richiamo a volte fastidioso a cui è fisicamente impossibile resistere..
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Citazione Originariamente Scritto da -Caligola- Visualizza Messaggio
    parla della tua ex, della mia e delle nostre future ex, di majorana e tutti gli uomini del mondo.
    le donne son così, ed è per questo che ci fan girare la testa e i maroni
    fa parte della loro detestabile perfezione, un richiamo a volte fastidioso a cui è fisicamente impossibile resistere..

    Leggilo bene l'articolo, ti accorgerai che ha una chiave di lettura profondamente veritiera.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  8. #8
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Leggilo bene l'articolo, ti accorgerai che ha una chiave di lettura profondamente veritiera.
    si ma guarda che concordo! ma non ho comunque intenzione di dire "basta meglio restare soli"
    e anche se sembra vero che nel mondo moderno le donne siano peggiorate e incattivite, lo è solo per certi aspetti..
    perchè sin da quando la terra gira e finchè non smetterà di farlo, il coltello dalla parte del manico ce l'han loro..
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  9. #9
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Diciamo che ci sono donne stronze e uomini altrettanto stronzi.
    Premesso questo, io dico che non è preferibile tanto restare soli quanto piuttosto distanti senza invasioni di spazio, ognuno un pò per i propri cazzi. No a convivenze forzose e a illusioni romantiche.
    L' importante è che ogni tanto si pomici, si chiavi, poi per il resto rapporti cordiali come con le persone del proprio sesso.
    Io credo che gli atteggiamento scorretti, fastidiosi, provenienti tanto dall' uomo tanto dalla donna, siano forse il risultato di forzature secolari nei rapporti tra i 2 sessi, prodotte dalle religioni abramitiche e da quelle da esse influenzate come l' induismo.
    Ultima modifica di Avanguardia; 08-03-13 alle 21:53

  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: La donna nel 2013 tra il peso della storia e l' attualità

    Un pò di materiale sulla donna nel Terzo Reich:
    Per una cultura sulla Donna | Thule Italia

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 20-08-11, 11:54
  2. Liberalismo: storia ed attualità
    Di Gino Cerutti nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 64
    Ultimo Messaggio: 04-06-03, 02:29
  3. Liberalismo: storia ed attualità
    Di Gino Cerutti nel forum Repubblicani
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-05-03, 20:19
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-03-03, 15:22
  5. Liberalismo: storia ed attualità
    Di Gino Cerutti nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 55
    Ultimo Messaggio: 22-08-02, 10:02

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226