User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
Like Tree3Likes

Discussione: Un solco tracciato

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Un solco tracciato

    UN SOLCO TRACCIATO. | UNIONE PER IL SOCIALISMO NAZIONALE
    A Pontinia nell’ultimo fine settimana abbiamo avuto modo di avere un confronto franco ed aperto con realtà associative di varia natura e genere di Italiani non abbagliati dal fenomeno grillino e fortemente decisi a riprendere in mano la sovranità derubata in questi quasi settanta anni di occupazione atlantica.

    Il manifesto di pochi punti qui riportato é stato siglato come primo protocollo di una intesa partecipazione comunitaria di lotta che vede in quelle parole il viatico per iniziare a rompere le catene di una schiavizzazione in atto da parte della cupola plutocratica dell’usura apolide.

    Ora a questa riunione – grazie al fattivo contributo del nostro raggruppamento territoriale di Roma e del Lazio con Alessio Provaroni e con la partecipazione del nostro referente campano Nicola Abbate – personalmente come presidente USN-RSI ho inteso dichiarare che eravamo lieti di contribuire a “dare un’anima” a questo spirito movimentista con il nostro progetto politico che doniamo alla lettura di tutti ed eventualmente al suo miglioramento attraverso emendamenti, suggerimenti e quant’altro lo possa arricchire e rendere ancora più un serio strumento di proposta ineludibile di ALTERNATIVA AL SISTEMA partitocratico fallimentare.

    Ho ribadito che noi tutti SIAMO LA POLITICA contro l’antipolitica del vuoto pneumatico di Grillo e l’arrocamento della “casta” parlamentar-istituzionale. Da qui in avanti vedremo in sinergia di poter comprendere qual’é la mappatura delle singole realtà così da rendere fattive ed attive entità territoriali di Comunità Nazionale di autodifesa in cui ognuno può e deve rimarcare certo la propria identità ed autonomia di gruppo ma nel concetto imprescindibile di appartenenza ad un COMUNE DENOMINATORE che é legato al fine ultimo della mobilitazione per la riconquista della sovranità e la costituzione di uno Stato Nazionale del Lavoro.

    Crediamo opportuno a tale scopo – come abbiamo già fatto presente a Pontinia – darci anche un regolamento disciplinare e comportamentale etico-estetico che sia condiviso a chi vorrà essere parte integrante della resistenza nazionale perché da qui ai prossimi mesi dovranno essere svolte attività pubbliche di informazione popolare che devono portare alla condivisione tanti compatrioti e dimostrarsi all’altezza dell’oneroso compito di essere la nuova avanguardia di liberazione nazionale.

    Non sappiamo allo stato attuale se saremo tutti insieme in grado di reggere il fronte ma certo é che Socialismo Nazionale non arretrerà di un metro………..fosse anche l’ultimo ed in eroica solitudine.

    Avanti !

    Presidenza USN-RSI

    M.C.
    Ultima modifica di Avanguardia; 19-03-13 alle 10:28

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Dal forum Destra Radicale riporto una lungo appello scritto dall' utente Balù circa l' unità d' area. Testo di Noreporter tranne le considerazioni finali che sono di Balù.
    http://forum.termometropolitico.it/f...ttenzione.html


    Più diventa tutto inutile più ti sembra che sia vero.
    La competizione elettorale più vana della storia ha attirato gli interessi e le energie di tanta gente.
    Il risultato annunciato sarà il varo di una maggioranza che assicurerà la prosecuzione dell'Agenda Monti più l’avvento dello Ius Soli. Ovvero l'accelerazione del Piano Morgenthau destinato a ridurci in poltiglia.
    Qualsiasi cosa abbiate fatto, che abbiate votato o che vi siate astenuti, voi come me, avete quasi certamente avallato ob torto collo il varo della dittatura Pci-Trilateral che si prospetta all'orizzonte né potevamo purtroppo farne a meno, il potere non essendo mai stato così forte come oggi.
    L'avete avallato anche pensando di opporvici perché la macchina approntata inesorabilmente ha ingabbiato e strumentalizzato matematicamente ogni forma di antagonismo, sia nel voto che nel non-voto.
    Tecnicamente c'erano due sole eccezioni possibili, ovvero votare per Grillo oppure per Berlusconi, non tramite la lista pdl piena zeppa di gente prontissima a passare con Monti, bensì mediante una lista minore.
    Eccezioni probabilmente illusorie visto che i deputati grillini difficilmente passeranno più di qualche mese senza essere catturati dal gioco e che Berlusconi quand'anche gli riuscisse l'ennesimo miracolo – cosa resa abbastanza ardua dal posizionamento del Vaticano e dal fascino grillino – non avrebbe con lui molta gente disposta a battersi contro i poteri forti.
    Insomma, fatto salvo un miracolo, stiamo per entrare nell'era dell'orrore.

    Illusioni ed equivoci

    Magari sbaglierò io ma temo che nessuno abbia colto la portata, la profondità e il peso della dittatura che si sta varando.
    Ho l'impressione che in molti s'illudano della sua transitorietà e si attendano il ritorno a una normalizzazione premontiana mentre altri credono nell’imminenza di una crescente ed inarrestabile insoddisfazione popolare tramite la quale rivoluzionare tutto.
    Sono convinto che si continui a confondere la crisi della società che stiamo vivendo con una crisi di sistema, cose che spesso sono addirittura antinomiche, e che ci si aspetti quindi un'ondata futura di consensi che metta in difficoltà l'oligarchia.
    A me suona di déjà vu e vi ravviso inoltre un grosso equivoco: quello di credere nelle regole del gioco come se il gioco non lo decidessero i capitali, il palazzo e gli arbitri.
    Solo un altro gioco potrebbe mettere in difficoltà la tecnousura.
    Un gioco diverso che, come ho avuto più volte modo di esprimere, entri anche nel gioco vigente ma lo faccia in diagonale e in maniera incursiva e squadristica.
    Ma che, soprattutto, si basi sulla costruzione di un altro immaginario e di una società politica e civile forte, nutrita, autonoma e parallela.
    E resto della convinzione che i mesi dedicati alle elezioni avrebbero consentito a chi lo avesse voluto di costituire le basi di un nuovo soggetto. Un soggetto in divenire, fatto di produttori e di combattenti, che non si vadano ad allineare dietro un movimento preesistente ma che siano i costitutori di un soggetto trasversale nuovo al quale a noi spetterebbe il compito di fornire i quadri e le linee guida, non necessariamente i rappresentanti e gli eletti.
    Tuttavia sembra che questo lo pensi solo io o che lo condividano ben pochi.

    Casa Pound e Pirandello

    Noto l'evoluzione di Casa Pound passata dapprima all'espansione geografica con la costituzione di Casapound Italia e ora, per la prima volta, lanciatasi in una competizione elettorale con le proprie bandiere.
    Casa Pound ha svolto per anni un ruolo speciale. Irrituale, artistica e aritmica, essa ha assunto una funzione pirandelliana che ha folgorato tutti ad iniziare dagli intellettuali avversi.
    Come Pirandello ha fatto “teatro nel teatro”, ovvero ha portato con irruenza il richiamo alla tragedia, alla folle saggezza e alla metafisica violentemente al centro della comune messinscena spiazzando così gli spettatori e modificando regolarmente e brillantemente lo spettacolo.
    Adesso si è mossa nella convinzione di fare un salto di qualità, di crescere, di scendere nell'arena, di competere insomma nel teatro piuttosto che ipnotizzarlo come faceva prima e, senza entrare nel merito dei toni e delle affermazioni della campagna elettorale condotta, dobbiamo dire che comunque questa le ha permesso di portare a casa risultati in numeri, visibilità e adesioni che condurranno ad un lungo periodo di espansione ed euforia.
    In questo senso la mossa è azzeccata perché la gente comune si sente protagonista partecipando al televoto e si entusiasma nelle competizioni, nei campionati che, come tante scatole cinesi, formano l’interno di un sistema-spettacolo. E quindi al richiamo di questi campionati scatta e si mobilita.
    Perché si mobilitasse per altri obiettivi dovrebbe assumere una mentalità che allegoricamente possiamo definire militare e ragionare con logica selettiva e chirurgica molto più che con l’euforia della proiezione numerica e del protagonismo sociale.
    A me sembra che questa crescita numerica e questa maratona spettacolare abbiano un costo eccessivo perché mutando ruolo è come se Casa Pound si fosse cimentata nel progetto di scalare dal basso la città da espugnare quando prima ne aveva già conquistato la rocca senza colpo ferire.
    Non è quindi proprio esatto dire che io non comprenda la scelta fatta, è che non ne colgo le finalità ultime a differenza di quanto accadeva prima.
    Visto che escludo che si possano cambiare le cose ponendosi come arruolatori del popolo o delle forze sociali ma ritengo che lo si possa fare solo svolgendo la duplice funzione di avanguardia nella provocazione e nell'organizzazione del popolo, non del suo inquadramento in un movimento precostituito.
    Sono convinto che l'estendersi sotto una sigla comporti più esclusioni di quante inclusioni produca e che le stesse inclusioni, dovendosi disciplinare, perdano efficacia.
    Casapound Italia oggi è indirizzata a partecipare come un competitor non inteso come elemento in divenire, da costruire in armonia plurale, bensì come un soggetto che voglia camminare da solo fin dove lo porteranno le sue pur agili e robuste gambe.
    Questa è la mia riflessione che solo il tempo consentirà di valutare correttamente.

    Le estreme destre

    Sempre parlando di competitors sono sbalordito da Forza Nuova.
    Qualche mese fa i media avevano provato ad assimilarla ad Alba Dorata offrendole così un abbrivo non da poco. Bastava fare molto rumore usando toni particolarmente scorretti e il gioco era fatto.
    FN si è fatta invece notare per l'assenza d'iniziativa e si è fatta scippare il palcoscenico da Casapound Italia in modo incomprensibile.
    Più senso ha l'attendismo silenzioso della Fiamma che pesca per inerzia i voti nel rimasuglio veteromissino, il quale però è un giacimento che va esaurendosi.
    Questo gli istituzionalizzandi; non meglio fanno però i competitors istituzionalizzati di provenienza neo/post-fascista.
    Nel pdl i separati in casa (berlusconiani come Gasparri e montiani come Alemanno) semplicemente aspettano.
    Chi ne è uscito per riproporre un'an riveduta e corretta ha pensato bene di presentarsi in due liste separate (Destra e Fratelli d'Italia) confondendo e sgomentando l'elettorato.
    Se a questi, in quanto comunque ex missini, si aggiungono i montiani di Fini, possiamo sostenere che, una volta venuta meno l'eccezionalità berlusconiana ed essendo stati costretti tutti a inventarsi qualcosa, il fatto che i resti di una storia sessantennale si siano dispersi in sette formazioni diverse ha qualcosa di grottesco. Come lo ha il dato che su dodici candidati governatori della Regione Lazio ben quattro vengano dall'estrema destra. Le ragioni soggettive delle incompatibilità insuperabili naufragano di fronte all'oggettività della disgregazione più totale.
    Altro che incolmabile ritardo, qui si è in presenza di una vera e propria regressione!

    La percezione del nemico

    Come mai tanta disinvoltura? L’impressione, ripeto, è che tutti pensino che si stia voltando pagina e che si sia comunque in normalità.
    Io ne ho un’altra. Se i fascisti, pur affermando spesso il contrario, e con loro la gente per bene, hanno creduto e credono ancora nella correttezza, nel gioco pulito e in tutte le regole che esistono in questa democrazia e se s’illudono di vivere in una Polis da amministrare in pace e con la pace, lo stesso non fanno i loro nemici, che sono poi i nemici di tutta la nazione e di tutto il popolo.
    Nemici, non avversari, non prendiamoci in giro con le parole.
    Nemici perché sono ostili e sul piede di guerra, perché odiano e agiscono strategicamente.
    La minaccia della dittatura Pci-Trilaterale o dell’oligarchia tecno usuraia mondialista (che è esattamente le stessa cosa) è sì denunciata da molti ma pare più trattarsi di un concetto ideologizzato o di un’immagine di riferimento che non di una realtà compresa appieno e con la quale si sia pensato di fare i conti. Al massimo sembra che si pensi a loro come gli esponenti di un partito vincibile nel confronto pubblico. Cosa rappresentano, cos’hanno dietro, pochi ne hanno un’idea precisa; l’avessero si spaventerebbero.
    Temo, anzi direi che ne sono sicuro, che non si abbia la percezione esatta della potenza, dell’odio, della ferocia, della slealtà e dei mezzi di cui dispone il nemico.
    E nemmeno della sua mentalità.
    Essendo in programma la riedizione di Nos belles années de plomb in Francia e dovendo aggiornarla mi sono tuffato proprio in questi giorni nella lettura di tutti i dati, gli elementi e le prove che inchiodano il partito stragista e le cellule della tensione: ovverosia il partito comunista-trilaterale con tutto il suo gene partigiano e le sue coperture internazionali(ste) a maggior lode dell’Antico Testamento e del comunismo mistico.
    Siamo in presenza di un dispositivo formidabile, con stati maggiori, relazioni gerarchiche e differenze funzionali da far rabbrividire.
    E chi pensi che parliamo al passato sbaglierebbe: centrati i loro obiettivi costoro hanno solo fatto un passo più in su nella scala. A loro non serve più il terrorismo non perché non siano più terroristi ma perché non gli è più indispensabile praticarlo, così come accade in certe città dove la Mafia non chiede più il pizzo ma offre i locali in franchising perché già li possiede.
    Non serve necessariamente il terrore ma questa gente, che si muove con metodi, modi e schemi che corrispondono perfettamente alla teoria del Caos, è terrorista per indole e per fanatismo mistico.
    E sta lì, pronta, con ogni arma spianata.

    Non facciamo come ad Azincourt!

    Questo nemico è all’opera e sta eliminandoci come popolo, come nazione, come cultura, come civiltà e perfino nella natalità e nella demografia.
    E come si pensa di combatterlo, con le regole del suo gioco?
    Magari avanzando, come i cavalieri francesi ad Azincourt che ritenevano di poter vincere gli archi inglesi con il proprio coraggio andando all’attacco? Ma finendo decimati, stipularono la fine della cavalleria mentre il nemico, cinico e non cavalleresco, completava l’opera sterminando prigionieri e feriti.
    No; il nemico forte e potente si affronta con incursioni improvvise e irregolari e con l’allargamento dei fronti.Con la logica delle macchie di leopardo e con la strategia infettiva del virus.
    Nel 1968 il partito comunista sciolse la sua federazione giovanile e la lasciò confluire nel movimento degli studenti per essere più efficace. Era certo che le convinzioni e la preparazione dei quadri avrebbero consentito a quest’operazione di svolgersi senza troppe perdite.
    Per fare qualcosa di analogo si dovrebbe però ragionare in modo strategico.
    Si racconta che Togliatti abbia detto “attenzione ai fascisti, essi fanno in tre giorni quello che noi facciamo in tre anni”. Autentica o no, questa citazione corrisponde al vero.
    Ma c’è il rovescio della medaglia di questo entusiastico volontarismo soggettivista; manca del tutto – nel neofascismo, nel fascismo non sempre – una visione oggettiva e funzionale che consenta non solo di solidificare e capitalizzare ma anche di fare programmi organici e finalizzati.
    Perché, diciamocelo onestamente, tra i neofascisti, i postfascisti e i fascisti della seconda metà del secondo millennio e dell’inizio del terzo si programma sempre sulla base di quel che si ha raggiunto. E adesso? Ci si chiede. E si passa ad una tappa successiva che qualcuno centra e molti no. Ma se questo può talvolta andare bene per la crescita fisiologica di un organismo ed ha un’efficacia sia pure limitata in un gioco in cui si parte alla pari, tipo Monopoli o Risiko, non consente però mai in una contesa asimmetrica di assumere la posizione da cui tenere uno sguardo strategico.
    Muoversi giorno dopo giorno senza la snellezza delle piccole formazioni, farlo senza una distribuzione organica di ruoli e di funzioni tra entità distinte, trascina obbligatoriamente nella dimensione dello spontaneismo tattico. Chi dovrebbe scagliar frecce e fare incursioni a gatto selvaggio si ritrova così senz’altra scelta nell’obbligo di guidare colonne in mezzo alle foreste lasciando ai signori del terrore l’iniziativa sul come e quando colpire.

    Cos’accadrà adesso?

    So che tra poche ore, per effetto dei risultati del gioco elettorale, qualcuno sarà euforico e qualcun altro abbattuto e che quanto scrivo parrà a entrambi intempestivo, freddo o inadeguato.
    Ma è un allarme necessario perché corrisponde al grande problema cui ci troviamo di fronte con urgenza.
    Certo, può sempre succedere un miracolo; che poi contempla tre condizioni che devono verificarsi tutte insieme, ovvero una grande affermazione di Grillo, una grande ripresa di Berlusconi e l’incagliamento di Monti sotto il quorum necessario per entrare in Parlamento.
    Altrimenti la dittatura comunista-trilaterale partirà come un rullo compressore e allora ci troveremo di fronte a due sole possibilità di cui non so proprio quale sia la peggiore.

    1) Il dispositivo repressivo partirà a pieno regime e, vi giuro, non avete nemmeno la più pallida idea di cosa si tratti. Gli assaggi di questo primo anno che vi hanno giustamente scandalizzati (l’arresto e la condanna di Zippo, gli arresti di Napoli e quelli di Stormfront) rispetto a quando la repressione marciava a pieno regime sono prove di autentico garantismo. Purtroppo non scherzo affatto, conosco più di una persona che ha trascorso dai quattro agli otto anni in prigione prima di essere stata assolta e non vi parlo nemmeno degli indizi su cui si sono fondate centinaia di condanne, non solo quella “di Stato” della strage di Bologna. E tutto questo potrebbe persino essere poco rispetto a quanto può attenderci da un momento all’altro.

    2) Malgrado l’odio incommensurabile che provano nei nostri confronti - e che a nulla serve denunciare come ingiusto perché è giusto che ci sia l’ingiustizia contro cui combattere e non contro cui frignare - malgrado quest’odio, dicevo, essi potrebbero soprassedere perché hanno altro da fare e, vistici alla prova in questi venti anni di clamorose possibilità fallite, ora ci considerano innocui.

    Vedremo. Io temo una lunga e brutta quaresima durante la quale a nulla servirà, se non a neutralizzarci ulteriormente, qualsiasi autocompiacimento e qualsiasi soddisfazione di sé.
    E se anche in qualche caso potranno essere giustificati non è concesso indugiarvi e men che meno distrarsi o divenirne tronfi perché il mirino è già puntato e il fucile è carico.
    All’erta, quantomeno!
    Noreporter.org

    Concordo. Aggiungo che dopo anni di "querelle" interne all'area, sia arrivato il momento di sedersi ad un tavolo e costruire un fronte comune al nemico. Ma un fronte vero, non fatto da pagliacci. Il pericolo è
    autentico. E' finito il tempo di giocare.


    Share
    Ultima modifica di Avanguardia; 19-03-13 alle 10:25

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Ieri mente camminavo tra i i boschi pensavo che una volta per tutte i rappresentanti delle migliaia di tribù dell' area nazionalpopolare, i rappresentanti dei cani sciolti, delle realtà skinheads, più gli eurasisti, le varie realtà di sinistra nazionale, dovrebbero essere messi dentro uno stadio da calcio, e gli altri sostenitori serrare lo stadio fino a che non se ne esce con un soggetto unitario come il Front National in Francia. Ficcarsi nella zucca che da soli non si conta, che ci vuole impegno, rifiutare ogni compromesso con forze politiche avverse come il centrodestra berlusconiano e al tempo stesso dialogare con la società civile, il mondo del volontariato, quello delle imprese (provarci almeno), smussare tutti quegli aspetti che ci allontanano come il moralismo e il razzismo biologico. Dovrebbe trovarsi una sorta di condottiero, "giudice", dell' area, punto di riferimento. Un soggetto populista, socialista nazionale.
    Ma ogni volta che si è cercato di radunare le varie tribù ...

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    18 Jul 2010
    Messaggi
    350
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Ieri mente camminavo tra i i boschi pensavo che una volta per tutte i rappresentanti delle migliaia di tribù dell' area nazionalpopolare, i rappresentanti dei cani sciolti, delle realtà skinheads, più gli eurasisti, le varie realtà di sinistra nazionale, dovrebbero essere messi dentro uno stadio da calcio, e gli altri sostenitori serrare lo stadio fino a che non se ne esce con un soggetto unitario come il Front National in Francia. Ficcarsi nella zucca che da soli non si conta, che ci vuole impegno, rifiutare ogni compromesso con forze politiche avverse come il centrodestra berlusconiano e al tempo stesso dialogare con la società civile, il mondo del volontariato, quello delle imprese (provarci almeno), smussare tutti quegli aspetti che ci allontanano come il moralismo e il razzismo biologico. Dovrebbe trovarsi una sorta di condottiero, "giudice", dell' area, punto di riferimento. Un soggetto populista, socialista nazionale.
    Ma ogni volta che si è cercato di radunare le varie tribù ...

    front national ?
    magari qualcosa di diverso

    ci si lavora, ma i giardinetti autoreferenziali sono ancora troppi ed è per questo che il nemico non è preoccupato...

    ora sono occupati a spartirsi le poltrone...

  5. #5
    Alleanza Ribelle
    Data Registrazione
    19 Oct 2012
    Località
    Shanghai, RPC
    Messaggi
    6,721
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Tante belle parole. Io ci ho sbattuto la testa più volte.

    Fate un discorso del genere ai rappresentanti di Fascismo e Libertà (...e altri) e vedrete come vi risponderanno.

    La realtà è triste, molto triste, tristissima.

    E' un tempo dominato dall'imbecillità, e il germe del fascio e porchetta ormai ha infettato fino alle arterie l'area.

    Avete un profilo Facebook? Se non ce l'avete NON APRITELO. Lontano dagli occhi lontano dal cuore. Scene di idioti che inneggiano a S.E Benito Mussolini e al Fuhrer facendo parte de La Destra.

    Non c'è coscienza politica tra "il pubblico", non c'è serietà e tra i patetici ducetti scorre vero e proprio odio, al punto di giocare a spionaggi appena tra i movimenti si accenna a parlare d'altri, offese, insulti, insomma uno scenario avvilente.

    Leggetevi il blog di Tassinari e fatevi quattro risate, ovviamente per non piangere.

    Supporto e apprezzo gli amici di USN per il loro interessantissimo progetto, iniziativa che sto attentamente seguendo, un incoraggiamento anche perché l'USN è stata una formazione che nel dare fiducia agli altri da quel che so ha ricevuto sonore sberle.

    Fin'ora io personalmente sono sempre stato disponibile, chi volesse infatti può contattarmi in qualsiasi momento (Etrvsco ve lo può confermare!), giacché io non scrivo in un forum di politica per passare il tempo, ma per trovare il modo di FARE politica attivamente, dando tutto il mio umano contributo.

    Fin'ora, tranne rari casi, ho trovato solo camerati da tastiera, papponi e smidollati che hanno solo costruito la propria immagine da "Sgammeraden" ma appena proponi qualcosa se la danno a gambe.

    Si lavano la bocca con la RSI e la battaglia di Berlino restandosene rintanati a casa e in ufficio.

    Io vorrei l'unità, ma non ci spero quasi più. Troppo grande l'eredità di merda (scusate la rabbia!) lasciata da rintronati ex missini e imbecilli punkers annoiati, troppo grande il divario tra l'essere e l'apparire e troppo, troppo poca la gente seria.

    20 anni di attività d'area, 20 anni di CHIACCHIERE.

    E chi si mette in gioco sul serio PAGA. Io mi unisco ai pochi, pochissimi che se la sentono di pagare. Perché sono stanco di piagnistei, immobilismo e palle.

    Giovinezza? L'Area sembra UNA CASA DI RIPOSO!
    TIOCFAIDH ÁR LÁ
    ╾━╤デ╦︻

    革命无罪,造反有理

  6. #6
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Citazione Originariamente Scritto da Etrvsco Visualizza Messaggio
    front national ?
    magari qualcosa di diverso

    ci si lavora, ma i giardinetti autoreferenziali sono ancora troppi ed è per questo che il nemico non è preoccupato...

    ora sono occupati a spartirsi le poltrone...
    Front Socialistè National!

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Non si deve seguire l'idea partitica, sarebbe inutile ed i media farebbero di tutto per distruggerlo.
    Bisogna cambiare la società, parlare ai giovani partendo dal basso. Non possiamo misurarci in campagne elettorali fatte per loro con le loro regole, si perderebbe prima di iniziare. Dobbiamo, invece, far capire ai giovani, alla gente, ai disoccupati, agli ultimi, al popolo, ai lavoratori, che il voto e la logica perversa della democrazia rappresentativa non li porterà mai da nessuna parte.
    Dobbiamo fargli riscoprire l'idea di comunità, di socialità, di nazione, di cooperazione sociale contro la competizione che vuole gli uomini gli uni contro gli altri, dobbiamo eliminare l'incantesimo del denaro.
    Bisogna diffondere le idee, parlare alla gente, non fondare un partito fine a se stesso immesso in un circuito in cui sarà automaticamente ghettizzato e mostruosizzato.
    Finché il popolo non capirà sarà tutto inutile.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

  8. #8
    Alleanza Ribelle
    Data Registrazione
    19 Oct 2012
    Località
    Shanghai, RPC
    Messaggi
    6,721
    Mentioned
    71 Post(s)
    Tagged
    12 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Non si deve seguire l'idea partitica, sarebbe inutile ed i media farebbero di tutto per distruggerlo.
    Bisogna cambiare la società, parlare ai giovani partendo dal basso. Non possiamo misurarci in campagne elettorali fatte per loro con le loro regole, si perderebbe prima di iniziare. Dobbiamo, invece, far capire ai giovani, alla gente, ai disoccupati, agli ultimi, al popolo, ai lavoratori, che il voto e la logica perversa della democrazia rappresentativa non li porterà mai da nessuna parte.
    Dobbiamo fargli riscoprire l'idea di comunità, di socialità, di nazione, di cooperazione sociale contro la competizione che vuole gli uomini gli uni contro gli altri, dobbiamo eliminare l'incantesimo del denaro.
    Bisogna diffondere le idee, parlare alla gente, non fondare un partito fine a se stesso immesso in un circuito in cui sarà automaticamente ghettizzato e mostruosizzato.
    Finché il popolo non capirà sarà tutto inutile.
    Il problema è sempre quello: tra dire e fare...
    TIOCFAIDH ÁR LÁ
    ╾━╤デ╦︻

    革命无罪,造反有理

  9. #9
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Citazione Originariamente Scritto da Majorana Visualizza Messaggio
    Non si deve seguire l'idea partitica, sarebbe inutile ed i media farebbero di tutto per distruggerlo.
    Bisogna cambiare la società, parlare ai giovani partendo dal basso. Non possiamo misurarci in campagne elettorali fatte per loro con le loro regole, si perderebbe prima di iniziare. Dobbiamo, invece, far capire ai giovani, alla gente, ai disoccupati, agli ultimi, al popolo, ai lavoratori, che il voto e la logica perversa della democrazia rappresentativa non li porterà mai da nessuna parte.
    Dobbiamo fargli riscoprire l'idea di comunità, di socialità, di nazione, di cooperazione sociale contro la competizione che vuole gli uomini gli uni contro gli altri, dobbiamo eliminare l'incantesimo del denaro.
    Bisogna diffondere le idee, parlare alla gente, non fondare un partito fine a se stesso immesso in un circuito in cui sarà automaticamente ghettizzato e mostruosizzato.
    Finché il popolo non capirà sarà tutto inutile.
    ti racconto una storia:
    io e un altro tizio lavoriamo dieci ettari di terra. nel nostro paese ci sono alcune famiglie che la sera rovistano tra le immondizie per cercare da mangiare e un'altra che vive in macchina. i tempi stanno prendendo una piega sempre più buia e questi casi sembrano, purtroppo, destinati ad aumentare. dunque ci siamo detti: potremmo mettere a disposizione un po'di terra e la nostra esperienza contadina per queste famiglie. a ognuna diamo 200mq di terra e si fanno un bell'orto(si possono risparmiare anche 3000euro all'anno con un orto, sembra poco di questi tempi?!). non sanno come prendersi cura dei pomodori o come trapiantare delle piantine? glielo insegniamo! sempre più persone, soprattutto i giovani rincoglioniti dagli iphone. bisogna farli tornare alla terra, questa è una CONCRETA AZIONE POLITICA che parte dal basso. che tornaconto abbiamo noi? nessuno, almeno economico intendo. lo facciamo per aiutare dei compatrioti, vorremmo anzi. poi quello che avanza si fa su una bella camionetta e si distribuiscono i prodotti della terra a un prezzo ridicolo alla gente che non riesce ad arrivare a fine mese.
    decidiamo quindi di chiamare la famiglia che vive in macchina. si mettono a piangere e ci abbracciano per circa quaranta ore.. li portiamo in campagna e iniziamo a lavorare insieme a loro al recinto dell'orto e mostro ai bambini come mungere. il giorno dopo una telefonata, un vicino agricoltore è favorevolmente colpito e vorrebbe mettere a disposizione i suoi mezzi. un'altra telefonata, è un altro agricoltore che ci vuole regalare delle sementi che ha in più. poi arriva in bicicletta una comitiva di persone che, avendo udito le voci di paese, ne vuole sapere di più.. nel giro di cinque giorni non riusciamo più ad avere respiro hahaha!
    poi, POI, arrivano il sindaco, i carabinieri e altri infami rappresentanti di altrettanto infami partiti.
    "levate via tutto, non si può fare" "è illegale". tutti a bocca aperta. oltre alle forze dell'ordine ci sono questi rachitici di pd e sel che delirano "questa è apologia di fascismo"........
    ???????????? dare un orto in affido costituisce apologia di fascismo?!?!!? poi un altro "quel tizio", ossia il sottoscritto, "in casa ha una copia di mein kampf e l'ho visto comprare una calendario del duce" al che il sindaco mi guarda come se avessi stuprato una bambina con handicap. le FdO si sono comportate benissimo e hanno detto ai signori di darsi una calmata altrimenti avrei potuto denunciarli io per calunnie e diffamazioni. poi la cosa è finita li.
    MORALE DELLA FAVOLA: volevamo che dei nostri amici compaesani che stanno facendo la fame avessero uno stracazzo di pezzetto di terra per coltivarsi due stracazzo di pomodori e dell'insalata e per poco non finiamo in galera.
    figurati se ci mettiamo a fare azioni più strettamente politiche! tsk! mi mettono al muro, mi infilano un palo della luce tra le chiappe e mi sventolano a mò di bandiera.
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  10. #10
    Moderatore
    Data Registrazione
    04 Jun 2009
    Località
    Mein Reich ist in der Luft
    Messaggi
    11,094
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Un solco tracciato

    Sono senza parole, non ho seriamente cosa scrivere.
    Ciò che ci hai scritto, caro -Caligola-, mi ha fatto cascare le braccia.
    C'è da disperarsi per quanto odio possa nutrire la gente.

    Detto ciò, onore a te per averci provato.
    Ce ne fossero di giovani come te, questa nazione sarebbe di gran lunga migliore.
    Adriano likes this.
    ████████

    ████████

    Gli umori corrodono il marmo

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il Solco
    Di Su Componidori nel forum Sardismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18-09-06, 17:39
  2. MXP: schema del tracciato AV/AC (ipotesi 1a)
    Di I-DAVE nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 28-06-05, 18:56
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-04-05, 21:29
  4. Ora il banco di prova è il tracciato di pace
    Di Roderigo nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-04-03, 15:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226