User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il medioevo contemporaneo

    Giovedì 6 Agosto 2009 – 10:02 – Stefano Natalicchi

    Il mondo globalizzato ha egemonizzato l’economica estendendo il controllo sul maggior numero di individui possibile. In questa espansione, secondo un modello capitalista, l’uomo non partecipa più alla costruzione della società, ne rimane estraneo, legato a un semplice numero matematico, in un progetto schiavizzante e vessatorio in nome del più cieco consumismo. Questa società borghese, si è strutturata mantenendo per se antichi privilegi, alimentando principi di estraneazione con il mondo operaio e il mondo del lavoro dipendente. Questa atomizzazione costruita senza legami di rispetto reciproco, ha favorito il controllo e la sottomissione delle masse: i dipendenti si possono muovere meccanicamente secondo un percorso prestabilito in un’articolazione senza anima e pensiero, stabilendo fini e mete individuali di consumo e produzione, confuse spesso con la libertà. La merce umana, è al servizio del nucleo economico. La legge del guadagno, ha potuto contare sul sacrificio della nostra frammentazione. Divide et impera. I nostri spazi, sono asserviti a progetti ignoti a noi controproducenti, incontrando forme d’egoismo mascherate da individualismo. La società cosiddetta “moderna”, è contraddittoria e paradossale. Come nel medioevo, si vive all’ interno di un sistema: ieri la Chiesa, il podestà, la comunità, oggi le istituzioni e la società. La politica non socializza più con le masse, preferisce allontanarle senza capirle, rispettando il nuovo ordine mondiale.
    L’analisi è inequivocabile: la società contemporanea è molto simile a quella di 700 anni fa. Questa mancata comprensione della società, ha prodotto un ostacolo alla soluzione dei problemi e la deperibilità dei rapporti solidali, innescando la frenetica picchiata della povertà. La soluzione del consumismo, per ora è un fallimento totale. Tutta l’economia mondiale è in recessione e nessuno sembra avere una soluzione a breve. Di fatto, il rilancio dei consumi non ci sarà finché ci saranno stipendi da fame. E’ una verità che tutti sembrano snobbare per interesse o per negligenza, ma prima o poi spunterà fuori con tale forza da sconfiggere anche i più renitenti. L’unica cosa che sembra imbattibile, è il debito pubblico nel suo procedere temporale. Il prezzo che la democrazia occidentale ha dovuto pagare è alto, sia per quelli che ce l’hanno e per quelli a cui si voleva dare. Gli individui hanno pagato anche sotto il profilo personale: alienazione, libertà, esclusione, anoressia culturale e altre malattie psicotiche di cui l’uomo-macchina è vittima. La terapia che i “dottori” in denarologia chiamano carta di credito, sarebbe giusto chiamarla carta di debito.
    L’ubriacamento sfrenato generato dalla moneta unica, ha prodotto speculazione e utopia. La politica mondiale è fortemente assuefatta al drogato americanismo, quindi convintamente atlantica e filo-padronale. I pochi (veri) uomini rimasti a rivoluzionare, sono considerati residuati da museo, fuori rotta e fuori tempo. L’operazione di cambiamento si può concretizzare solo facendo crescere il popolo. L’Italia, non ha una storia rivoluzionaria, tale cultura è stata inculcata dal medioevo: “con la Francia o con la Spagna, purché se magna”. Tale assuefazione costituisce uno sbarramento alla lotta, il potere lobotomizza facilmente il popolo. Dopo il piano Marshall, in particolare, dalla strage di Piazza Fontana a quella della stazione di Bologna, da Ustica a Capaci, la storia nazionale, è una vergogna totale. C’è una preordinata incapacità nel far emergere le verità. L’Italia non è stata fatta dagli italiani ma dagli Stati Uniti d’America. Un popolo è orgoglioso quando costruisce la propria storia, non quando si genuflette a quella altrui.

    http://mercatoliberonews.blogspot.co...emporaneo.html
    Ultima modifica di Eridano; 07-08-09 alle 09:03
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il medioevo contemporaneo

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf Visualizza Messaggio
    L’analisi è inequivocabile: la società contemporanea è molto simile a quella di 700 anni fa.
    E se continua così sarà pure peggio, qui si sta perdendo pure il il senso del Sacro e dei valori fondamentali :mmm:

    Muore in spiaggia, indifferenza a mappatella beach


    Muore in spiaggia, indifferenza a mappatella beach :: Ciaopeople Magazine - News WorldInfo > Cronaca

  3. #3
    + calci - calcio
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    590
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il medioevo contemporaneo

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf Visualizza Messaggio
    Giovedì 6 Agosto 2009 – 10:02 – Stefano Natalicchi

    L’analisi è inequivocabile: la società contemporanea è molto simile a quella di 700 anni fa.

    Niente di più sbagliato.
    La società di 700 anni fa era chiusa, organica e gerarchica, formata secondo uno schema superiore, improntato sull'ordine divino.
    Quella di oggi è aperta, disorganica e livellatrice, anche se dominata da una ristrettissima minoranza che impone la sua visione del mondo ed è formata secondo uno schema anch'esso gerarchico ma sbilanciato verso la cima che è ristrettissima.
    Per non parlare poi dei valori fondanti...
    Al massimo si può sostenere che l'attuale società è una brutta copia di quella medioevale, che conserva di questa soltanto i difetti.

  4. #4
    Mi perdoni?
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    14,039
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il medioevo contemporaneo

    700 anni fa era il 1309 inizio della cattività avignonese, già il fatto che non distingua com'era la società prima del 1300 e come è iniziata ad essere dopo la dice lunga sulla capacità di fare paragoni storici.
    Dio scrive dritto anche sulle righe storte degli uomini.

 

 

Discussioni Simili

  1. Karl Marx,un contemporaneo.
    Di danko nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-10-10, 17:20
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-12-08, 13:55
  3. Geopolitica dell'imperialismo contemporaneo
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-05-06, 19:03
  4. Un Medioevo diverso, un Medioevo di pace
    Di Davide (POL) nel forum Storia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-10-03, 17:29
  5. Peppino, un comunista contemporaneo
    Di Paddy Garcia (POL) nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-05-03, 15:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226