User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
Like Tree1Likes

Discussione: 1 piccola italiana e una europea perplessa

  1. #1
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito 1 piccola italiana e una europea perplessa

    Quando esisteva la vecchia Pol Ferruccio aveva pubblicato ricordi della Sua infanzia, poi editi a stampa.

    Io colsi l'occasione per invogliare mia mamma a scrivermi lettere sulla sua propria infanzia, parallela eppure completamente differente da quella di Ferruccio.

    Non riesco a pubblicare qui quanto venne salvato dalla chiusura improvvisa di quel primo Forum di Palestra Politica virtuale; forse per il formato web del documento, certamente per mia incapacità tecnica.

    Pazienza.

    Quel che intendo fare ora è proseguire scrivendo quel che so io della mamma di mia mamma, e di sua mamma e di sua mamma e di sua mamma.

    Nella speranza che altri forumisti scrivano quanto sanno delle loro mamme, per scrivere ritratti di un tempo che non tornerà più
    Ivan likes this.
    di necessità virtù

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    Perché questa intenzione di scrivere cammei femminili definiti come appartenenti a un tempo che non irripetibile?

    Perché quelle donne, quelle madri e nonne e bisnonne e trisavole e ave nostre non potevano votare né godere di diritti di voto passivo, mentre noi possiamo votare & sperare, un giorno in futuro, di poter meritare l'elezione politica per rappresentare la volontà di concretizzare programmi condivisi e sottoscritti
    di necessità virtù

  3. #3
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    La mamma di mia mamma si chiama Bice, ed è nata il 4 giugno 1899 in Oleggio (provincia di Novara, Alto Piemonte in stretta relazione con Milano).

    Padre di Bice fu Giuseppe Gagliardi di Oleggio; Sua mamma Paolina, nata a Pavia il 15 luglio 1864 da Luigia Zamperoni.

    Mentre ho conosciuto Bice di persona, di Paolina ho visto fotografie che confermano la validità del soprannome usato per lei "dai fieri occhi grigi".

    Paolina apparteneva a una stirpe di Teatranti: a 7 anni interpretò il ruolo de La figlia del Corsaro nel Real Teatro Bellini di Palermo; a 8 fu Armida nello stesso teatro e nel 1874 a Torino interpretò Affetto o Spirito d'Amore danzando come Prima Ballerina di Rango Francese in Amore e Blasone di Giovanni Pulini.

    A 10 anni terminò la carriera di ballerina e venne mandata a lavorare nella fabbrica di busti da donna dei Fratelli Gagliardi a Oleggio, grazie al fatto che i suoi parenti Zamperoni di Milano vi avevano aperto una sartoria teatrale e conoscevano i Gagliardi per lavoro.

    I Fratelli Gagliardi a Oleggio avevano solo dipendenti femminili, cui assicuravano evidentemente accettabili condizioni di lavoro, dato che venivano benevolmente chiamate "le gagliardine" dai compaesani.
    di necessità virtù

  4. #4
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    L'abitudine di far lavorare i bambini e le bambine era diffusa e accettata: a 10 anni le femmine venivano però ritirate dall'ambiente misto per evitare che raggiunta la pubertà diventassero prede sessuali.

    In "Amore e Blasone" Amore venne interpretato da un bimbo di 5 anni - figlio del coreografo Giovanni Pulini - mentre Paolina, che stava per compiere 10 anni, personificò Affetto o Spirito d'Amore.
    di necessità virtù

  5. #5
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    L'edificio dove lavorò Paolina a Palermo risaliva al Seicento, rinnovato dall'architetto Nicolò Puglia con lavori terminati nel 1809 e chiamato, durante le stagioni teatrali del 1871 e del 1872, Real Teatro Bellini.

    La sala era a forma di Ferro di Cavallo con 4 Ordini di palchi e sala centrale, per un totale di 274 posti.

    Ora non esiste più a causa di un incendio del 1964.

    Il Libretto con la coreografia del Ballo Risorgimentale "La figlia del Corsaro" fu scritto da Ferdinando Pratesi (1831-1879) edito a stampa a Palermo nello Stabilimento Tipografico Lao, nel 1871.

    Musica del Maestro Costantino dell'Argine (1842-1877).
    di necessità virtù

  6. #6
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    si avvicendano in scena

    Corsari, Isolani, Marinari, Schiavi, Guardie, Turchi, Persiani
    &

    I Personaggi = Gli Attori

    Aidea.........................................Paol ina Zamperoni
    Lambro, Suo padre.........................Carlo Foriani
    Juanita, Sua ancella.........................Leonlida Isaja
    Kalub, giovane moro.........................Egidio Rossi
    Aroldo, principe armeno.................Cesare Smeraldi
    Un principe persiano......................Calogero De Bernardis
    Un mercante di schiavi...................Giuseppe De Bernardis
    Un guardiano di schiavi..........................Caccamo
    di necessità virtù

  7. #7
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    QUADRO PRIMO

    spiaggia di mare, in un'isola dell'Antica Grecia.
    Un antico tempio è abitato da corsari; un naviglio al'orizzonte, al tramonto.

    La piccola Aidea danza gioiosa fra gli isolani e i marinari; nonostante l'uragano imminente, Suo padre Lambro, appena giunto in scena, ordina di ripartire e lascia Kalub a guardia della Casa.

    La tempesta spinge il naviglio contro gli scogli e le onde gettano sull'arena un giovane privo di sensi, naufrago.

    Aidea accorre in suo soccorso e invita il superstite, che si presenta col nome di Aroldo, a seguirla in casa. Kalub osserva in preda a gelosia.

    QUADRO SECONDO

    Kalub intende pugnalare Aroldo, ma Aidea gli ordina di predisporre festeggiamenti per il salvataggio del giovane, che si è dichiarato essere di stirpe principesca, armena.
    Kalub rimanda i suoi propositi assassini ma rifiuta di festeggiare colui che considera un intruso, e dichiara di essere innamorato di Aidea, che lo respinge lasciandolo avvilito ma rabbioso.

    Mentre Kalub è costretto a partecipare ai preparatavi per i festeggiamenti, scopre Aroldo e Aidea in atteggiamenti affettuosi e si slancia contro il rivale con un pugnale, il cui colpo viene sventato grazie alla velocità con cui Aidea lo previene imperiosamente.

    QUADRO TERZO

    Aroldo viene accudito amorosamente da Aidea e dalle sue amiche, mentre Kalub corre da Lambro denunciando Aroldo come seduttore di Aidea.
    Lambro furioso vuol punire il traditore della sua ospitalità e Kalub lo consiglia di vendere Aroldo a un mercante di schiavi che si trova sull'isola.

    Aidea disperata nel vedersi separare da Aroldo danza davanti al padre: dapprima incerta, poi frenetica fino a svenire fra le braccia della sua fedele ancella e amica Iuanita.
    Esasperato Lambro cede alla figlia ma Kalub annuncia che la nave del mercante di schiavi è già salpata verso Oriente.
    Aidea furibonda strappa la borsa che Kalub stringe e urla:

    " è questo il denaro di Giuda?"

    Kalub tace, mentre Lambro decide di liberare Aroldo e di farsi aiutare nell'impresa sia da Kalub che dalla figlia, ora raggiante di ansiosa speranza.
    di necessità virtù

  8. #8
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    QUADRO QUARTO

    Una piazza con bazar, caravanserraglio, tende con schiavi esposti al mercato.
    Una turba di gente d'ogni nazione si aggira chi per negoziare, chi per osservare i giochi degli Indiani o le danze delle baiadere.
    Tra gli schiavi c'è Aroldo, che in attesa si compia il destino a lui riservato ogni tanto bacia un medaglione donatogli da Aidea. Mentre un aguzzino sta per frustarlo un principe persiano nota il nobile aspetto di Aroldo e ne ottiene l'acquisto.

    Lambro, Aidea e i loro compagni ideano un piano per riscattare Aroldo.
    Organizzano uno spettacolo per il principe persiano, il quale resta incantato al suono del sistro suonato da Kalub e alla vista di Aidea che danza come una silfide, seducente in bianchi veli.
    Il persiano tratta per acquistare Aidea e farne la sua favorita: Lambro accondiscende, a patto che Kalub - che tiene nascosti nel corsetto pugnale e sonnifero - resti a servizio della fanciulla.

    Mentre il principe persiano si allontana col suo seguito, Lambro ordina ai suoi pirati di trasportare barili di polvere da sparo.

    QUADRO QUINTO

    All'interno di una ricca sala orientale, con un grande verone sul mare. E' notte.
    Alcuni schiavi esortano Aroldo, loro nuovo compagno, ad aiutarli; entra il principe persiano, che tiene abbracciata Aidea.
    Aroldo freme di sdegno, ma Aidea distrae il persiano mentre Kalub spiega al giovane schiavo che è tutto parte di un piano per liberarlo.

    Aidea chiede al principe di riporre la armi che tanto la spaventano, mentre Kalub versa da bere - anche il narcotico -.

    Il principe s'addormenta e la piccola Aidea fugge, con l'aiuto sia di Kalub che di Aroldo.

    Nella confusione che segue, alle urla e ai colpi di fucile di fuggiaschi e di inseguitori si aggiunge la detonazione voluta da Lambro per far saltare il palazzo e liberare i suoi.

    QUADRO SESTO

    La mina fa crollare il palazzo e lascia scoperta la zona del porto dal quale è salpata la nave, sulla quale si salvano liberi e felici i compagni e la figlia del corsaro.
    di necessità virtù

  9. #9
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    Nel 1872, ancora l'Editore Francesco Lao pubblica a Palermo il Libretto di musica a stampa monografica

    ARMIDA

    Ballo romantico fantastico in quattro atti e sei scene, del coreografo Ferdinando Pratesi, musica del Maestro Romualdo Marenco.
    Da rappresentarsi al Real Teatro Bellini nell'Anno Teatrale 1871 - 1872

    I PERSONAGGI - GLI ATTORI

    Dea della Pace.....Ballerino Fabbri
    Ulberico.............Giuseppe De Bernardis
    Armida...............Paolina Zamperoni
    Ballerino.............Giuseppe Parisi
    Norberto.............Cesare Smeraldi
    Tebaldo...............Egidio Rossi
    Nereo..................Carlo Forlani
    Ebe....................Leonlida Isaja
    Alfredo..............Annibale Giordano
    Manfredi............Calogero De Bernardis

    Coreografo Ferdinando Pratesi
    Compositore musicale Romualdo Marenco
    di necessità virtù

  10. #10
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,825
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: 1 piccola italiana e una europea perplessa

    Paolina Zamperoni dopo la Stagione Teatrale palermitana tornò in Italia settentrionale, prima di partecipare alla Stagione Primaverile del 1874 a Torino.

    Dal 1850 a Milano era attiva la Sartoria Teatrale di Luigi Zamperoni, che non so però quale relazione familiare avesse con Paolina e sua mamma Luigia.

    La Tipografia Teatrale di B.Som, Via Carlo Alberto 22 a Torino, pubblicò nel 1874 il Librettodi Amore e Blasone, azione coreodrammatica in cinque parti e sette quadri del coreografo Giovanni Pulini, da rappresentarsi nel Teatro Vittorio Emanuele di Torino,
    nella Stagione di Primavera 1874

    Al gentile pubblico l'Autore scrive di voler dimostrare come la boria del blasone sia vinta dall'amore in virtù di "quell'amor che a nullo amato amar perdona".

    "Personificando l'Amore - scrive Giovanni Pulini - volli addimostrare il possente suo impero sopra blasonata e vanitosa principessa, onde far conoscere che tutti siamo, in faccia ad esso, eguali"
    di necessità virtù

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. SINCERAMENTE PERPLESSA
    Di SCIROCCO nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 06-01-10, 16:47
  2. Una Piccola Italiana
    Di Maria Vittoria nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 68
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 08:01
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-04-08, 20:30
  4. Piccola guerra civile europea 1
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 02-01-06, 18:19
  5. Piccola storia italiana
    Di Mr nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 13-04-05, 12:17

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226