User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    Utente cancellato
    Data Registrazione
    13 Jul 2009
    Messaggi
    5,455
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Rivoluzione Italiana e la resistibile ascesa di Silvio I

    Contemporaneamente alla crisi economica del 2008 l'Italia vive una profonda crisi socio-politica, i governi senza appoggi sufficienti cadono uno dietro l'altro, l'imprenditore miliardario Silvio Berlusconi decide di ritornare in campo nonostante prima avesse in mente di lasciare il posto della direzione partitica a qualche suo fedelissimo. Nel 2013 la storica rielezione come Capo di Stato di Giorgio Napolitano, molto anziano e stanco, è chiaro indice di profonda divisione nella classe politica nostrana, la Sinistra è scissa e a nuove elezioni incredibilmente la coalizione politica costituita appositamente dal nostro imprenditore di Arcore ha successo anche grazie a brogli elettorali, Angelino Alfano è eletto Presidente del Consiglio, ma la dirigenza del partito rimane nelle mani di Berlusconi che ha in mente un piano politico mai ideato prima. Alla fine del 2014 Giorgio Napolitano annuncia le sue dimissioni, il nostro imprenditore ha preparato una cospirazione con l'aiuto di buona parte dell'esercito stanziato a Roma e nei punti nevralgici del Paese. I militari guidati dal vecchio generale Ciarrapico occupano il Parlamento e pongono sotto sequestro i Presidenti di Camera e Senato e tutti i senatori e deputati oppositori al golpe. Inizialmente non si sa chi abbia emanato l'ordine di occupazione, alla sera del giorno stesso in diretta nazionale va in onda il discorso di Silvio Berlusconi, pronunciato dal Quirinale, dove annuncia di essere stato eletto nuovo Presidente della Repubblica Italiana con la maggioranza dei voti. Il giorno dopo sui principali quotidiani del mondo si parla di "seconda marcia su Roma" e di golpismo in Italia, l'opinione pubblica è incredula, le istituzioni avevano retto in passato a simili atti, spesso falliti sul nascere. Mettiamo che la crisi economica finisca in buona parte dell'Occidente, il governo Alfano vara leggi a favore di aziende ed imprese ovviamente favorendo una classe molto benestante e ricca e non certo quella medio-bassa. Nel 2015 avviene un secondo golpe, il Parlamento è dichiarato sciolto, il Presidente Berlusconi concentra nelle sue mani tutti i poteri, finisce il parlamentarismo, il Presidente del Consiglio Alfano non può che accettare il fatto compiuto e poco dopo neanche un mese, il nostro amato imprenditore si autoproclama con un atto ufficiale e solenne Re d'Italia, ma non è solo una nomina, l'imprenditore milanese è abbagliato da sogni di grandezza, il regime repubblicano è abolito, rinasce un Regno d'Italia. La Costituzione è di poco modificata e il nuovo Re (che ha assunto il nome di "Silvio I") garantisce all'Unione Europea che il Paese rimarrà nell'Euro e sotto la legislazione comunitaria, ma ciò non può che cozzare con il nuovo corso politico del Bel Paese. La democrazia è un ricordo, il nuovo governo è riconosciuto subito dagli amici del Re, la Russia di Putin, il Kazakistan e altre nazioni eurasiatiche corrotte. Succede come in passato, che oppositori politici ed intellettuali sono costretti a fuggire all'estero seguiti da qualche milione d'italiani, ma la nuova dittatura è nata da subito senza reali appoggi della massa, Papa Francesco condanna il regime berlusconiano e accoglie qualche rifugiato politico cattolico in Vaticano. Non è restaurata la pena di morte, ma la tortura è ampiamente praticata in molte prigioni, ora legittimata per abbattere il morale dei carcerati e degli oppositori. Nel frattempo si tiene l'Esposizione Universale di Milano del 2015, che è un successo ed è l'orgoglio di Re Silvio I, ma la resistenza clandestina si attiva, compaiono le N.B.R. (Nuove Brigate Rosse) che falliscono più volte nell'attentare alla vita del monarca plebiscitario. La repressione militare di numerose manifestazioni sindacali e anti-berlusconiane in tutta Italia è il presentimento che la monarchia non durerà, il malcontento ormai è endemico. Due anni dopo di pieno controllo della situazione, nel 2017, un cinema in una città italiana prende fuoco e muoiono diverse persone, questo evento drammatico e la responsabilità è addossata a Berlusconi e all'esercito, una manifestazione di protesta a Roma finisce nel sangue tra la polizia e gli insorti, la rivolta da qui in poi dilagherà senza freni. Grazie all'appoggio di una parte dell'esercito gli insorti riescono a prendere il controllo della stazione radiotelevisiva RAI a Milano, mentre si registrano movimenti di truppe verso il Quirinale, sede del Re. Le forze armate anti-governative rendono pubblico il colpo di Stato attraverso un comunicato via radio e via televisione, la Rete Internet intanto è slegata dai filtri imposti dal regime. La fanteria occupa l'aeroporto Ciampino e dopo una lotta contro le forze armate fedeli a Silvio I danno l'assalto alle sedi ministeriali della capitale. Berlusconi è informato delle rivolte, e chiama immediatamente il grosso dell'esercito in suo soccorso. Una nave da guerra riceve l'ordine di bombardare per "spaventare" i ribelli che hanno preso il controllo del porto di Genova, ma questa si rifiuta di obbedire, è l'inizio della Rivoluzione Italiana, un nuovo plotone di militari si dirige a Roma ma si unisce ai ribelli che sono usciti per le strade chiedendo la fine della dittatura e il ritorno della democrazia. A Bologna, Torino, Verona, Palermo e Bari decine di migliaia di persone si sono radunate manifestando notte e giorno, alcune sedi comunali sono state occupate, mentre sono rientrati nel Paese diversi esponenti politici di spicco. I romani inizia l'insurrezione davanti a Palazzo Chigi, Palazzo Madama e al Quirinale mentre la polizia spara sulla folla. La fazione ribelle dell'esercito italiano nella capitale riceve in omaggio delle rose distribuite da una signora anziana di nome "Annarella" per questo la Rivoluzione sarà chiamata "Rivoluzione delle Rose", a Roma giunge anche Don Andrea Gallo che esorta il popolo alla rivoluzione contro la monarchia di Silvio. Questi ha perso tutti gli appoggi possibili, la sua fidata ministra, Fornero consiglia di rifugiarsi all'estero aspettando che la situazioni migliori, ma in città la gente ha alzato barricate, non sono solo romani ma persone provenienti da tutta Italia. Un elicottero soccorre al Quirinale il Re che non ha altre vie di fuga e vola via, mentre è riunito il Parlamento dopo anni in seduta straordinaria e proclama ufficialmente la rinascita della democrazia e della Terza Repubblica Italiana, il regime berlusconiano è finito. Alfano, la Mussolini, Ciarrapico e la Fornero muoiono in uno scontro a fuoco nella fuga da Roma, altri socialisti nazionali vengono impiccati nella pubblica piazza. Gli italiani piangono di gioia. Milena Gabanelli diventa prima donna ad essere eletta come Presidente della nuova Repubblica Italiana. L'ex monarca Silvio contrae la sifilide e muore in Russia dopo una colossale sbornia di vodka con qualche prostituta minorenne al Cremlino con la benedizione del patriarca ortodosso moscovita.
    Ultima modifica di Cattivo; 22-04-13 alle 01:36

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. la resistibile ascesa del rais di Gemonio
    Di furbo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17-05-11, 10:22
  2. La "resistibile" ascesa della Lega
    Di furbo nel forum Padania!
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 06-04-10, 14:52
  3. la "resistibile" ascesa della Lega
    Di furbo nel forum Elezioni amministrative 2010
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-04-10, 00:06
  4. La (ir)resistibile ascesa al potere di Hitler
    Di Muntzer (POL) nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-01-09, 13:59
  5. La resistibile ascesa di uno smisurato padroncino senza qualità
    Di Guido Di Tacco nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-03-05, 20:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226