User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
Like Tree4Likes
  • 1 Post By Artico
  • 1 Post By Rasputin
  • 1 Post By atvar51
  • 1 Post By dDuck

Discussione: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Inserzioni Blog
    10
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    La dittatura della Rete ha sostituito quella del proletariato



    La sinistra è passata dalla dittatura del proletariato a quella dei follower. Dalla definizione di coloro che seguono un qualsiasi leader su Twitter, la nuova piazza urlante della politica italiana. E la novità non è affatto positiva.

    Abbiamo sostituito la «gente», il «popolo», le «piazze» con Twitter.

    La cosa, significativa dal punto di vista del costume, sarebbe comunque irrilevante se tutto filasse per il verso giusto. Il leader si apre un account (un profilo) sulla bacheca elettronica. Scrive le sue frasette da massimo 140 caratteri. E un gruppo di persone più o meno interessate lo segue, gli scrive, lo incalza.

    Ma qua si è ribaltato tutto. Come ha dimostrato lo psicodramma del Pd per l’elezione del presidente della Repubblica, i leader sono diventati follower e i follower sono diventati leader. Un ribaltamento completo dei ruoli. Che ha la sgradevole conseguenza di autoalimentarsi.

    Più i seguaci (chiamiamoli così all’italiana) diventano dominus della politica, più i leader diventano marionette in balia dell’onda del momento.

    C’è una pericolosa, pericolosissima tendenza (si chiama così anche nella rete) a formare un’equazione: pensiero dei follower, urla della rete uguale democrazia.

    Dobbiamo cambiare tutti pusher: inteso come spacciatore di sostanze psicotrope.

    La rete, Twitter, non ha nulla a che vedere con la democrazia e non ne è neanche una sua pallida approssimazione.

    Ciò non vuol dire che essa non sia importante, che non si debba ascoltare, farsene dominare però è da fuori di testa.

    «Ma avete visto cosa scrivono su Twitter?» diceva un parlamentare di peso nei giorni scorsi in occasione del tentativo Marini.

    Sono forse suoi iscritti, o elettori?

    No, solo follower che sono lì, in alcuni casi, proprio per condizionarlo senza pagare alcun prezzo di iscrizione al club.

    Non sono uomini in carne e ossa: sono Avatar di un mondo perfetto in cui non esiste un second best, ma solo l’ottimo. Alcune volte sono perfetti idioti che spiegano a Bersani come Marini sia un vecchio arnese della politica, mentre Prodi o Rodotà siano due volti nuovi.


    Non è importante la ragionevolezza del loro pensiero, ma i retwitt (rilanci) che ottengono; l’onda sulla rete che trasfigura un leader debole in un vinto follower.

    Ci stiamo facendo condizionare (il discorso vale per tutti) dall’umore mutevole e immediato che si riscontra sui social network.

    È come se la politica degli anni ’70 si fosse fatta dettare la linea solo (una parte per la verità lo ha fatto) dai Boia chi molla o dai Kossiga scritti sui muri.

    C
    on il piccolo particolare che i graffiti elettronici avvengono in tempo reale. Non sono punibili (grazie al cielo, anche se la libertà d’insulto non si capisce perché sia lecita se intermediata da un pc) e danno l’impressione di essere numerosi.

    I numerosi gradassi dei social network sono simili a quegli automobilisti incazzosi che vi insultano da lontano. Sono tutti leoni quando sono protetti e chiusi al calduccio dell’involucro di metallo e vetro: un tempo facevano gestacci, oggi urlano e insultano.

    E anche la rete dà quella tiepida e vigliacca sensazione di poter insultare liberamente un terzo con la certezza di non guardarlo mai dritto negli occhi, senza alcuna possibilità di replica. Con il pensierino irresistibile per il quale la rete è democratica, disinteressata, numerosa, giusta e sempre libera.


    Ma fateci il piacere.

    S
    e ci fosse stato Twitter la Thatcher sarebbe stata sommersa di pernacchie. Così come la Signora di ferro se ne sarebbe bellamente infischiata.

    I nostri leader che diventano follower sono l’incubo di una democrazia. È il grande fratello degli eterodiretti.

    P.S.: In italia ci sono 20 milioni di cittadini che non hanno una connessione internet e ce ne sono 29 milioni che si collegano una volta al mese. In Italia ci sono 4 milioni di utenti twitter (comprese duplicazioni e falsi). Il 96 per cento delle famiglie italiane dispone di una Tv, il 92 per cento un cellulare, il 67 per cento un decoder, un 63 per cento un dvd e solo il 58 per cento un computer.





    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Zemlja i Volja
    Data Registrazione
    14 Feb 2006
    Messaggi
    17,757
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete




    atvar51 likes this.
    "We intend to destroy all dogmatic verbal systems."
    William S. Burroughs

  3. #3
    Mangiare gli evasori!
    Data Registrazione
    19 Aug 2009
    Località
    ove Friedrich impazzì
    Messaggi
    16,554
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Solo in Italia c'è un fastidio così forte verso la Rete, roba da Mubarak.

    E' chiaro che Internet mette un minimo in difficoltà le luride manovre dei nostri politicanti
    Andre86 likes this.
    PEOPLE SMASH AUSTERITY

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,427
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Citazione Originariamente Scritto da Rasputin Visualizza Messaggio
    Solo in Italia c'è un fastidio così forte verso la Rete, roba da Mubarak.

    E' chiaro che Internet mette un minimo in difficoltà le luride manovre dei nostri politicanti

    Puo' contribuire, se usato correttamente

    Altrimenti e' solo una sorgente di rumore
    Rolling Stone likes this.

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    Portovenere e La Spezia
    Messaggi
    42,581
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    27 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Infinitamente meglio la rete, dei TG controllati da tizio o caio.

    Anche se in rete girano cazzate tremende.
    benjamin_linus likes this.


    Again Sevres


  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    20 Jun 2011
    Messaggi
    3,061
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Siamo in Cina o in Italia? Almeno in Cina hanno la crescita!

  7. #7
    Clandestino
    Data Registrazione
    16 Aug 2009
    Messaggi
    7,478
    Inserzioni Blog
    7
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Citazione Originariamente Scritto da Rasputin Visualizza Messaggio
    Solo in Italia c'è un fastidio così forte verso la Rete, roba da Mubarak.

    E' chiaro che Internet mette un minimo in difficoltà le luride manovre dei nostri politicanti
    E' in atto uno scontro generazionale, il web è compreso poco dagli over 60 (tranne eccezioni) mentre lo è molto di più dalle nuove generazioni.
    Poi ovviamente il web non è né buono nè cattivo di suo, dipende dall'uso che se ne fa, il web è versatilissimo, si può intrattenere una conversazione sui massimi sistemi con qualcuno posto agli antipodi e divertirsi con YouPorn...
    Controllori di volo pronti per il decollo,
    telescopi giganti per seguire le stelle
    (F. Battiato, No time no space)

  8. #8
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,021
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: C'era una volta la dittatura del proletariato ora quella della rete

    Vi conviene abituarvi.
    Tanto indietro non si torna.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


 

 

Discussioni Simili

  1. Dittatura del proletariato
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 20-12-09, 21:55
  2. Italia dittatura del proletariato
    Di LegioSH88 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-12-07, 11:25
  3. Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 02-05-07, 19:27
  4. Sanguineti e la dittatura del proletariato
    Di Darthè nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-11-06, 00:00
  5. Risposte: 84
    Ultimo Messaggio: 07-06-02, 20:56

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224