User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    SONO UN LIBERO EVASORE
    Data Registrazione
    26 Feb 2012
    Messaggi
    697
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Eroi delle alpi: gli sfrosatori

    Forza e spiritualità dei poveri contrabbandieri che sfidavano lo "Sctato".
    Come ce ne sarebbe bisogno ora!
    Sono tra i miei eroi preferiti.
    Omaggio ai tanti che morirono di stenti e di freddo per sfuggire ai doganieri.

    La Storia con la esse maiuscola è passata non di rado per le valli e le vette delle Lepontine comasche, così come anche lungo il Lario, da sempre ideale via di collegamento tra la Pianura Padana e le vicine terre d'oltralpe. In particolare il Passo di S. Jorio, raggiungibile con una brevissima deviazione dall'Alta Via del Lario, ha costituito per molti secoli, pare già a partire dall'epoca romana, una via di comunicazione di assoluto rilievo, collegando i Grigioni e Bellinzona al Lago di Como.
    Non mancano a riguardo curiosi aneddoti, come la celebre visita che Feliciano Ninguarda, vescovo di Como, fece nel 1593 all'oratorio di Sant'Jorio: "...lontano dalla pianura otto miglia ... È però d'avvertire che questa strada se ben è breve è però difficile, e pericolosa per molti assasinamenti che si fanno nella summità del monte avanti la calata vicina a S. Jorio, come a giorni passati è occorso a di certi mercanti monferrini de li quali doi ne furno amazati, et spogliati......et perciò sarebbe ben proveder a questo disordine et forse levar detta chiesa". Oggi il S. Jorio è sede ogni anno, la prima domenica di agosto, dell'Incontro Italo-Svizzero, che vede riunirsi in allegria centinaia di persone. Tra le leggende che aleggiano sulla zona, altrettanto suggestiva e di antica origine, nonché assai diffusa sui monti lariani, è quella che vuole numerose vette essere ancora oggi abitate da frati eremiti che si salutano accendendo fuochi. All'escursionista che, malgrado i fuochi, dovesse smarrirsi di notte percorrendo l'Alta Via del Lario converrebbe peraltro tenersi alla larga dalla Zocca di Cortafòn, ove si riuniscono gli "scungiuree", anime travagliate di uomini peccaminosi che non hanno ricevuto degna sepoltura. Ma il fenomeno storico-sociale che più di ogni altro ha lasciato un'impronta indelebile sulle popolazioni e sull'immagine della sponda occidentale del Lario è senza dubbio il contrabbando (ossia la violazione al bando, cioè alla legge, da "bannum", termine di origine spagnola), con la figura degli sfrosatori . Le opportunità offerte dalla Svizzera, posta appena aldilà delle creste ove corre l'Alta Via del Lario, rappresentarono per oltre un secolo una tentazione troppo forte per le popolazioni locali, vuoi sopratutto perchè fortemente disagiate sotto il profilo economico. Artefici della pratica, dall'800 sino alla fine degli anni '60, furono tenaci e coriacei valligiani denominati appunto spalloni o sfrosatori (dal termine dialettale "sfroso", attività di frodo), abilissimi nel conoscere e percorrere ogni angolo di frontiera, per quanto impervia essa fosse, trasportando carichi di 25-30 kg di mercanzie ed altrettanto impavidi nello sfuggire ai "canarini" (cosi denominati i doganieri) gettandosi e rotolando a capofitto lungo i pendii erbosi. Tali contrabbandiere ebbero altresì un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale aiutando gli ebrei in fuga dalle leggi razziali, nonchè portando notizie per conto della Resistenza. Alla buona riuscita dello sfroso contribuivano svariati stratagemmi, come l'impiego di un apripista, lo "stellone", o quello di linguaggi convenzionali. Al calare della sera si preparava il materiale, si calzavano le scarpe rivestite di stracci per attutire qualsiasi rumore, quindi ci si incamminava verso il confine, in gruppi più o meno numerosi, che a loro volte si frazionavano in coppie a uguali distanze, tali che ad un eventuale controllo doganale la coppia seguente potesse nascondersi o fuggire. Qualora venissero scoperti si rischiava qualche notte in prigione, ma pare ne valesse la pena (si pensi che un viaggio veniva retribuito intorno alle 7.000 lire nel '60, quando un operaio aveva una retribuzione mensile pari a lire 25.000 ). Nei recipienti utilizzati dagli spalloni, denominati "bricolle" (altro non erano che sacchi il cui contenuto standard era pari a circa 800 pacchetti di "bionde"), rette da polloni di castagno o nocciolo snervati e attorcigliati, trovavano posto svariati generi alimentari (ma non solo!) quali riso, saccarina e sale, almeno sino al secondo conflitto mondiale, e sigarette nel dopoguerra. Rispettivamente i primi generi in uscita, mentre le "bionde", il caffè e lo zucchero provenivano dalla vicina Svizzera. Caricate sui "sandolini", snelle imbarcazioni dal fondo piatto, le bricolle erano trasportate nei paesi rivieraschi del Triangolo Lariano quindi successivamente smistate in aree limitrofe fino a raggiungere l'area milanese. Dell'epopea degli sfrosatori restano oggi i racconti riportati sulle pagine dei quotidiani locali, storielle tramandate per via orale, le scritte sul famoso Foo di Parol. La loro importanza non risiede ovviamente nell'esaltazione di un'attività illegale bensì nell'intrinseco valore testimoniale di un momento storico e di una società del tutto peculiare. Oggi purtroppo l'arte dello sfroso ha cambiato obiettivi ed ha assunto connotati molto meno epici e condivisibili.

    Gli sfrosatori della Val d' Intelvi su sport e viaggi


    Trackback: 0 - Scrivi Commento - Commenti: 0
    Ultima modifica di pavlov; 24-04-13 alle 20:35

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    29,186
    Mentioned
    266 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Eroi delle alpi: gli sfrosatori

    Belli i tempi delle dogane, i dazi, i muri.....tutto quello che racchiudeva e preservava dalle contaminazioni..
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

 

 

Discussioni Simili

  1. Nei bunker delle Alpi
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-08-11, 23:03
  2. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 05-11-10, 18:33
  3. sole delle Alpi
    Di edera rossa nel forum Repubblicani
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-11-10, 01:33
  4. La sentinella delle Alpi
    Di Miles nel forum Patria Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 27-04-10, 13:51
  5. Importanza delle Alpi
    Di agaragar nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 23-01-07, 00:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226