User Tag List

Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 89
Risultati da 97 a 107 di 107
Like Tree14Likes

Discussione: Lavoro per tutti

  1. #97
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    Arriva Mya, il robot che seleziona i candidati per le aziende - Tiscali Tecnologia
    Ecco Mya, il robot intelligente che sostituisce gli uomini nella selezione del personale

    Può dialogare in chat in modo naturale con gli aspiranti dipendenti







    di Michael Pontrelli - Twitter: @micpontrelli
    Gli uffici del personale delle aziende tra i vari compiti hanno quello ingrato di mandare a casa i dipendenti. Con l’avvento dell’intelligenza artificiale il paradosso è che potrebbero presto essere costretti ad auto licenziarsi, sempre che non lo faccia un robot.
    Il robot Mya può automatizzare il 75% del processo di recruitment

    Potrebbe apparire una provocazione ma non lo è. L’azienda americana FirstJob ha lanciato, sulla sua piattaforma di recruitment, un robot intelligente che si occupa della selezione del personale. Si chiama Mya che, secondo quanto affermato dal management, sarebbe in grado di automatizzare ben il 75% dell’intero processo di scelta dei nuovi dipendenti.
    Mya dialoga in chat in modo naturale

    Il robot utilizza l’intelligenza artificiale e il linguaggio naturale per interrogare i candidati e verificare le loro competenze. Il dialogo tra il robot e l’essere umano avviene via chat. Mya è capace di porre quesiti per capire le capacità e le aspirazioni dei candidati e sulla base dei dati raccolti stilare delle classifiche di merito.
    Esempio di Mya al lavoro


    Mya con linguaggio naturale si rivolge alla candidata dicendole: "Sfortunatamente non hai i requisti richiesti per la posizione però la tua domanda è ancora presa in considerazione perciò questo è il momento per spiegarci perché il tuo profilo potrebbe essere quello giusto". Se uno non sapesse che si tratta di una risposta scritta da un algoritmo penserebbe sicuramente di fare una conversazione con un altro essere umano.
    Mya non è l'unico robot sviluppato per la selezione delle persone

    Mya potrebbe diffondersi presto nelle aziende per effettuare la scrematura degli aspiranti dipendenti per poi lasciare ai professionisti delle risorse umane in carne ed ossa la parte conclusiva della selezione. FirstJob non è l’unica realtà ad investire sull’applicazione dell’intelligenza artificiale nel campo delle risorse umane. Anche YCombinator attraverso l’applicazione Tara sta puntando al perfezionamento di un assistente virtuale da utilizzare nella selezione dei candidati.
    Nei prossimi 20 anni a rischio automazione il 47% delle professioni

    Quanto sta accadendo nel settore delle risorse umane con Mya è solo la punta dell’iceberg di un processo più vasto che coinvolge praticamente tutti i settori dell'economia. Secondo uno studio dell’Università di Oxford nel giro di 20 anni negli Stati Uniti ben il 47% delle professioni sarà automatizzata e affidata a un robot. Il nostro futuro potrebbe essere nelle loro mani.


    15 settembre 2016
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #98
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  3. #99
    socialista indipendente
    Data Registrazione
    25 Nov 2015
    Località
    Kepler-442b
    Messaggi
    1,765
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    Anche la pizza finisce robotizzata. La disoccupazione colpirà pure gli automi?
    di Francesco Piccioni
    http://contropiano.org/news/scienza-news/2016/10/04/anche-la-pizza-finisce-robotizzata-la-disoccupazione-colpira-pure-gli-automi-084280


    La notizia arriva dagli Stati Uniti, logicamente, e viene ripresa con entusiasmo da Repubblica, con logica altrettanto ferrea.
    Laggiù ha cominciato ad operare una nuova startup dal nome Zume Pizza. Non farebbe nulla di rivoluzionario – porta pizze a domicilio – se non fosse che il pizzaiolo è un robot. Montato sul furgone della distribuzione, cuoce la pizza durante il viaggio e quindi il consumatore può finalmente mangiarsene una calda. "Abbattiamo costi e tempi di produzione grazie ai nostri pizzaioli robot, ma senza rinunciare alla qualità del prodotto finito", afferma uno dei due fondatori della società, Alex Garden.
    Lasciamo da parte tutte le considerazioni italiane sull'argomento (da “te la mangi tu, quella schifezza” – che ha un senso di buon gusto inoppugnabile – fino al disperante “dove andremo a finire, signora mia!”) ed anche tutte le alternative possibili (dal farti la pizza da solo alla pizza surgelata del supermercato). E lasciamo anche da parte ogni sacrosanta ironia sulle abitudini alimentari americane, ai limiti dell'horror puro. Sappiamo bene che purtroppo la demenza commercializzata attecchisce ovunque (quante battute sono state spese sull'arrivo in Italia di McDonald's?).
    La questione rilevante è infatti il processo di automazione della produzione che arriva a insinuarsi anche nelle mansioni considerate poco robotizzabili, come la ristorazione o la cura della persona (stanno già per entrare in produzione dei robot-badanti, ci dicono). Perché non allineabili lungo un catena di montaggio per la produzione di massa e comunque relegate a una dimensione uno-a-uno. Se anche queste mansioni vengono robotizzate resta uno spazio ancora più limitato per il lavoro manuale (e persino intellettuale) fatto da esseri umani.
    Non siamo passatisti. Non consiglieremmo mai di distruggere i robot impegnati nella produzione (ci possono essere eccezioni illuminanti, ma non è questo il tema). Il progresso tecnologico applicato alla produzione è per un verso inevitabile, per un altro assolutamente progressivo. La possibilità concreta, scientificamente provata e ormai effettivamente operante, di liberare l'uomo dalla fatica ripetitiva, dalla necessità di distruggersi fisicamente per guadagnarsi da vivere, è un'opportunità epocale.
    C'è un problema, però. In ambito capitalistico questa possibilità di liberazione è pervertita nel suo opposto: pochi lavoratori a dannarsi oltre i limiti fisiologici della fatica tollerabile (allungamento della giornata lavorativa, aumento dei ritmi, eliminazione di riposi, notti, festività, ecc) e una quota di disoccupati che tende rapidamente a coincidere con la maggioranza della popolazione (si veda per esempio Il piano inclinato degli imperialismi. F. Piccioni | Contropiano). Di fatto, i sempre meno lavoratori vengono istintivamente trattati come robot, "purtroppo fragili o sensibilii", in attesa di poterli sostiutuire com un ammasso di ferraglia. La "liberazione dal lavoro" assume insomma i connotati della disoccupazione di massa.
    Problema che ne implica immediatamente – o progressivamente, nella realtà empirica – un altro: chi consumerà merci e servizi prodotti con l'automazione?
    In ambito capitalistico non c'è soluzione. Il profitto è l'unico obiettivo di ogni singola impresa, che non si cura affatto degli aspetti sistemici. È anche la contraddizione generale di quella che viene genericamente chiamata “politica dell'offerta” e che, tirata al limite (come sta avvenendo nella realtà della produziona automatizzata), implica – sì – costi di produzione bassissimi, ma anche la progressiva scomparsa di una domanda solvibile.
    I bisogni degli esseri umani sono praticamente infiniti. Ma in ambito capitalistico quel che serve a soddisfare un bisogno va comprato. E, come recita il comandamento di Milton Friedman, "non esistono pasti gratis". Dunque, a meno di non essere un imprenditore o un rentier (proprietario di terre… e di quello che c'è sotto), bisogna avere un lavoro, vendere per un salario la propria forza lavoro. Ma se la maggior parte della produzione e dei servizi è automatizzata il lavoro diventa una chimera. Non per caso, alcuni imprenditori della Silicon Valley – quelli che i robottini o i robottoni li creano, modellano, programmano e vendono – hanno cominciato a proporre l'istituzione di un reddito di cittadinanza. SI stanno insomma rendendo conto che risparmiare sul lavoro e sul suo costo ha una controindicazione per loro scabrosa: ammazza la platea dei potenziali clienti. Insomma: c'è bisogno di dare pasti gratis, e anche qualche cosa di più.
    Gli apparenti paradossi sono a questo punto pressoché infiniti: ti pago poco per lavorare molto, ma poi devo chiedere che lo Stato dia a milioni di altri come te un equivalente del salario perché si possa comprare anche se non si lavora. Non occorre essere dialettici provetti per capire che, se sono gli imprenditori a proporlo, il reddito garantito non ha nulla di rivoluzionario. Per i potenziali beneficiari, ci mancherebbe, può diventare la manna dal cielo. Ma sul piano sistemico è di fatto una misura tardo keynesiana: negli anni '30 si era arrivati a pagare gente che scavava buche per poi riempirle, solo per crare una domanda solvibile; ora si propone di raggiungere lo stesso risultato saltando la farsa di un lavoro inutile, anche se comunque faticoso.
    Il motivo sta in un altro apparente paradosso: le potenzialità della produzione automatizzata sono quantitavamente quasi senza limiti, ma il modello neoliberista restringe progressivamente la platea dei consumatori con soldi. I primi produttori che automatizzano la produzione hanno ovviamente un vantaggio, che – purtroppo per loro – dura solo il tempo necessario perché i concorrenti facciano lo stesso. La quantità di merci fabbricabile si espande in proporzione inversa al numero degli occupati.
    Non è finita. Il dogma neoliberista è solo la veste ideologica della "centralità dell'impresa privata". E questo dogma -dominante al punto di essere chiamato anche "pensiero unico" – predica da oltre 40 anni che lo Stato si deve ritirare dalla vita economica, ridurre la spesa, tagliare servizi e welfare, pensioni e sanità. Figuriamoci se può concepire un "reddito di cittadinanza" o, che è lo stesso, un salario garantito…
    Tra l'altro, l'aborrita "politica keynesiana" era concepita come politica temporanea, necessaria a rimettere in moto un mecannismo inceppato per poi rientrare nei ranghi a fine crisi. Qui invece la funzione di "foraggiatore del consumo" dovrebbe essere sistemica, tendenzialmente eterna (l'automazione è irreversibile, anzi tendenzialmente onnivora, come si capisce da Zume Pizza). E diventa difficile capire dove lo Stato potrebbe trovare le risorse necessarie se – come dettato dal dogma liberista – non deve intervenire come produttore in prima persona e al contempo deve anche ridurre al minimo infinitesimo la tassazione sulle imprese.
    Nessuno, in ambito capitalistico, può fermare questa dinamica impazzita. Può spezzarla solo un'implosione sistemica (in forma di guerra guerreggiata globale) oppure una rivoluzione; o un mix dei due momenti. Non certo la "stagnazione secolare" di cui parlano ormai i principali protagonisti della scena economica globale (vedi anche Se i capitalisti diventano catastrofisti... | Contropiano)
    E quindi il robottino pizzaiolo, per quanto non senta la fatica, non pretenda le ferie e le otto ore, non scioperi mai e non chieda la 104… rischia anche lui di restare disoccupato prima del tempo. Per scarsità di clienti…
    Kavalerists likes this.
    "L'ideologia dominante è sempre stata l'ideologia della classe dominante" (Karl Marx); Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese (Karl Marx); "Patria o Muerte!" (Fidel Castro)

  4. #100
    socialista indipendente
    Data Registrazione
    25 Nov 2015
    Località
    Kepler-442b
    Messaggi
    1,765
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    Our "AI" Future --"Apple's iPhone Manufacturer to Replace 500,000 workers with One Million Robots Over Next 3-5 Years"

    October 14, 2016

    In 2011, China's Foxconn, the company that builds Apple's iPhone and iPad hardware and many of the android smartphones, had announced a plan to replace 500,000 mainland Chinese workers with 1 million robots over the next 3-5 years. The company has so far installed 40,000 production robots across China as it looks to minimize the number of people it employs. Except for components like servo motors and speed reducers, the robots are being built entirely in-house, Foxconn's Dai Chia-peng told Taiwan's Central News Agency, reorts DigiTimes. Dai said that Foxconn is currently manufacturing 10,000 robots per year. Each one can potentially go far towards replacing human labor —in Kunshan alone, Foxconn is known to have cut 60,000 workers.
    Thirty-five Taiwanese companies, including Apple’s supplier Foxconn, spent a total of 4 billion yuan (HK$4.74 billion) on artificial intelligence last year, according to the Kunshan government’s publicity department.
    The Daily Galaxy via Digitimes, South China Morning Post, Apple Insider


    Our "AI" Future --"Apple's iPhone Manufacturer to Replace 500,000 workers with One Million Robots Over Next 3-5 Years" - The Daily Galaxy --Great Discoveries Channel
    "L'ideologia dominante è sempre stata l'ideologia della classe dominante" (Karl Marx); Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese (Karl Marx); "Patria o Muerte!" (Fidel Castro)

  5. #101
    Comunista aristocratico
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Località
    Piccolo Mondo Antico
    Messaggi
    46,215
    Mentioned
    69 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    La robotizzazione, per lo più sconosciuta ai più, potrebbe portare degli sconvolgimenti inimmaginabili nella nostra vita di tutti i giorni.
    Hynkel and Lost Faraway like this.
    Prima ci si vendica poi si fa la pace (F. G. Freda)
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  6. #102
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  7. #103
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  8. #104
    Ass. Cult. Nuova Gestapo
    Data Registrazione
    10 Sep 2009
    Località
    Mestre
    Messaggi
    5,096
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    Indietro non si torna, l'unica soluzione è il reddito di cittadinanza, anzi se a qualcuno interessa l'argomento ne sto scrivendo sul forum 5 stelle, se qualcuno volesse aiutarmi a far capire a Robert che cos'è faccia un salto.

  9. #105
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  10. #106
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    9,639
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  11. #107
    socialista indipendente
    Data Registrazione
    25 Nov 2015
    Località
    Kepler-442b
    Messaggi
    1,765
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Lavoro per tutti

    Citazione Originariamente Scritto da Astolfo Visualizza Messaggio
    Indietro non si torna, l'unica soluzione è il reddito di cittadinanza, anzi se a qualcuno interessa l'argomento ne sto scrivendo sul forum 5 stelle, se qualcuno volesse aiutarmi a far capire a Robert che cos'è faccia un salto.
    L'unica soluzione è costituire un governo socialista che regoli l'automazione, garantendo un passaggio indolore dei lavoratori nei diversi settori produttivi, in modo che nessuno si trovi per strada povero e disoccupato. Il reddito di cittadinanza è un palliativo che non risolve il problema di fondo, serve solo come calmiere sociale temporaneo.
    "L'ideologia dominante è sempre stata l'ideologia della classe dominante" (Karl Marx); Il potere statale moderno non è che un comitato che amministra gli affari comuni di tutta la classe borghese (Karl Marx); "Patria o Muerte!" (Fidel Castro)

 

 
Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 89

Discussioni Simili

  1. Uruguay, il paese dove c' è lavoro per tutti
    Di Murru nel forum Fondoscala
    Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 10-07-11, 22:20
  2. il lavoro precario conviene a tutti
    Di anton nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 15-06-06, 12:34
  3. E ORA? Buon Lavoro a tutti...
    Di aleida88 (POL) nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-04-06, 00:10
  4. Tutti i motivi per votarmi Vol.2 (Economia e lavoro)
    Di Eyes Only (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 15-08-04, 14:27
  5. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 02-07-04, 17:17

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224