User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23
Like Tree6Likes

Discussione: In Italia pochi laureati: perché?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito In Italia pochi laureati: perché?

    Meglio un uovo oggi: In Italia pochi laureati: perché?
    giovedì 13 gennaio 2011

    In Italia pochi laureati: perché?

    Lo sappiamo: in Italia il numero di laureati in rapporto alla popolazione, è più basso che negli altri paesi sviluppati. Questo è vero qualunque sia il livello di titolo di studio considerato (laurea triennale, specialistica, o dottorati e specializzazioni varie).

    Per coloro che non se ne fossero ancora convinti, estrapolo due grafici dal rapporto OECD Education at a Glance 2008. Per chi non avesse tempo o voglia di leggersi le oltre 500 pagine del ricchissimo documento preparato dall'OECD, ecco qui sotto la situazione nel 2006. Il grafico rappresenta il numero di laureati in corsi di durata almeno pari a 3 anni. I triangoli sono i valori per i giovani fino ai 34 anni, i quadrati rappresentano la coorte tra i 55 ed i 64 anni. L'Italia è laggù, tra gli ultimi cinque paesi (clicca l'immagine per ingrandire):


    A questo punto le ipotesi speculative si sprecano. Perché facciamo così pietà? La prima risposta che viene alla mente è che forse in Italia studiare non paga. Ma il prossimo grafico, anch'esso prelevato dal rapporto OECD, ci smentisce immediatamente (clicca l'immagine per ingrandire. Dico davvero, come fai a leggere i numeri così piccoli!?):


    La tabella ci regala tante informazioni utili. La prima è che, in media, un laureato italiano guadagna molto di più di un lavoratore che possiede solo il diploma di maturità. Questo è vero sia per i giovani tra i 25 ed i 34 anni, che per i più anziani tra i 55 ed i 64 anni (non si vede nella tabella qui sopra, ma nel rapporto OECD è ben spiegato da una enorme tabella che separa i dati per fasce d'età, a pagina 173). I giovani guadagnano in media +57% rispetto ai colleghi non laureati, mentre gli over 55 guadagnano ben +94%.

    L'altra informazione è che le donne sono meno fortunate. Come prevedibile in un paese ancora molto maschilista, in Italia le donne over 55 guadagnano un +62% contro il +101% dei colleghi maschi. Considerando l'intero arco d'età tra i 25 ed i 64 anni, la penalizzazione delle donne laureate appare ancor più accentuata: +88% per i maschi contro appena un +38% per le femmine. La differenza è invece molto meno marcata per i laureati giovani: +69% e +55%, rispettivamente ragazzi e ragazze under 34.

    Quindi, pare che in Italia la laurea paghi bene, soprattutto per i maschi. Il maggior reddito ottenibile è abbastanza in linea con Francia, Germania, Regno Unito. Allora perché così pochi laureati? Non si tratta di un fenomeno femminile, dato che i nuovi iscritti nelle università italiane sono per il 63% donne, e maggiore è anche il numero di nuove laureate nell'anno (circa il 47% del totale dei laureati) rispetto ai laureati maschi. Se dunque il maggior reddito ottenibile grazie agli studi universitari è interessante, almeno quanto gli altri paesi europei, cos'è che riduce il numero dei nostri laureati?

    Non ho la risposta, ma un'opinione che individua due possibili cause. La prima è la follia nostrana che porta ad incrementi del salario non dovuti a maggiore produttività del lavoratore, ma piuttosto a scatti automatici di anzianità. In questo modo si privilegia sempre e comunque il collega anziano, anche se poco preparato e quindi meno produttivo. E quindi, meglio cercar subito un lavoro per maturare l'anzianità, piuttosto che studiare e laurearsi.
    La seconda causa può trovarsi nel valore legale del titolo di studio. Se la laurea è solo un certificato che serve accedere ad albi professionali ed abilitazioni, è ragionevole per lo studente cercare quell'università dove laurearsi è più facile, veloce ed economico. Questo atteggiamento riduce l'offerta di qualità dell'insegnamento, e rende poco utile frequentare corsi universitari per coloro che non aspirano ad accedere a professioni protette. L'università italiana si trasforma così da luogo di apprendimento (che porta a maggiore produttività e specializzazione), ad esamificio la cui durata si somma per lo studente ai vari periodi di apprendistato, tirocinio, specializzazione, che le professioni di avvocato, commercialista, medico, notaio ecc. richiedono obbligatoriamente nel nostro paese.

    Si noti bene, che poco c'entrano la riforma Gelmini ed i problemi legati agli sprechi ed ai baroni. La questione è strutturale, e riguarda il meccanismo di remunerazione del lavoro assieme ai molti vincoli posti all'ingresso delle professioni ad elevata specializzazione. Due mali che andrebbero presto eradicati se vogliamo davvero ottenere un'università "europea".

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    buon articolo

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Citazione Originariamente Scritto da Se dunque il maggior reddito ottenibile grazie agli studi universitari è interessante, almeno quanto gli altri paesi europei, cos'è che riduce il numero dei nostri laureati?

    Non ho la risposta, ma un'opinione che individua due possibili cause. La prima è l[B
    a follia nostrana che porta ad incrementi del salario non dovuti a maggiore produttività del lavoratore, ma piuttosto a scatti automatici di anzianità[/B]. In questo modo si privilegia sempre e comunque il collega anziano, anche se poco preparato e quindi meno produttivo. E quindi, meglio cercar subito un lavoro per maturare l'anzianità, piuttosto che studiare e laurearsi.
    La seconda causa può trovarsi nel valore legale del titolo di studio. Se la laurea è solo un certificato che serve accedere ad albi professionali ed abilitazioni, è ragionevole per lo studente cercare quell'università dove laurearsi è più facile, veloce ed economico.
    Queste due cose per me sono il vero motivo e parlo anche per esperienza personale, in italia si da troppo valore al pezzo di carta come tale e poco alle capacità, cioè si va all'università non per imparare ma solo per dire di averlo fatto.
    Secondo i sindacati che difendono gli operai anziani e magari svogliati e impreparati.
    L'anticristo likes this.

  4. #4
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Queste due cose per me sono il vero motivo e parlo anche per esperienza personale, in italia si da troppo valore al pezzo di carta come tale e poco alle capacità, cioè si va all'università non per imparare ma solo per dire di averlo fatto.
    Secondo i sindacati che difendono gli operai anziani e magari svogliati e impreparati.
    Questo è sbagliato in parte. C'è tutta una interessante letteratura in teoria economica che giustifica questo fatto, ammettendo che l'università possa svolgere la sua funzione anche semplicemente come "segnale".
    Signalling (economics) - Wikipedia, the free encyclopedia

    L'idea di base è che se per finire l'università occorre un certo livello minimo di "abilità" (correlata con le capacità lavorative), che non è osservabile dall'impresa che assume. Dunque il "pezzo di carta" fa da screening.

    Il problema è che secondo me in italia lo screening è sbagliato. Mi spiego meglio.
    L'università negli altri paesi è molto più intensiva, anche se più "facile". Bisogna studiare passo passo, rispettare scadenze, fare presentazioni, consegnare papers. Tutte attività che sono fondamentali nel terziario.
    Invece l'università italiana si focalizza sull'aspetto non solo teorico ma soprattutto mnemonico.

    Per concludere, l'università italiana dà alle imprese un segnale "rumoroso", e queste lo sanno benissimo.
    Juv likes this.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    117 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    Questo è sbagliato in parte. C'è tutta una interessante letteratura in teoria economica che giustifica questo fatto, ammettendo che l'università possa svolgere la sua funzione anche semplicemente come "segnale".
    Signalling (economics) - Wikipedia, the free encyclopedia

    L'idea di base è che se per finire l'università occorre un certo livello minimo di "abilità" (correlata con le capacità lavorative), che non è osservabile dall'impresa che assume. Dunque il "pezzo di carta" fa da screening.

    Il problema è che secondo me in italia lo screening è sbagliato. Mi spiego meglio.
    L'università negli altri paesi è molto più intensiva, anche se più "facile". Bisogna studiare passo passo, rispettare scadenze, fare presentazioni, consegnare papers. Tutte attività che sono fondamentali nel terziario.
    Invece l'università italiana si focalizza sull'aspetto non solo teorico ma soprattutto mnemonico.

    Per concludere, l'università italiana dà alle imprese un segnale "rumoroso", e queste lo sanno benissimo.
    Ma se le imprese sono le prime a lamentarsi dello scarso valore dei laureati italiani, certo se cerchi un chimico o un biologo è più facile, l'università da una preparazione in chimica o biologia, poi tu gli insegni il lavoro.
    Ma per le altri lauree, il discorso è complesso comunque, in italia si dovrebbe facilitare lo studio e alleggerirlo e puntare anche su un percorso più pratico, per la serie la teoria su basa sulla pratica.

  6. #6
    Pallone gonfiato
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,433
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Citazione Originariamente Scritto da Feliks Visualizza Messaggio
    Questo è sbagliato in parte. C'è tutta una interessante letteratura in teoria economica che giustifica questo fatto, ammettendo che l'università possa svolgere la sua funzione anche semplicemente come "segnale".
    Signalling (economics) - Wikipedia, the free encyclopedia

    L'idea di base è che se per finire l'università occorre un certo livello minimo di "abilità" (correlata con le capacità lavorative), che non è osservabile dall'impresa che assume. Dunque il "pezzo di carta" fa da screening.

    Il problema è che secondo me in italia lo screening è sbagliato. Mi spiego meglio.
    L'università negli altri paesi è molto più intensiva, anche se più "facile". Bisogna studiare passo passo, rispettare scadenze, fare presentazioni, consegnare papers. Tutte attività che sono fondamentali nel terziario.
    Invece l'università italiana si focalizza sull'aspetto non solo teorico ma soprattutto mnemonico.

    Per concludere, l'università italiana dà alle imprese un segnale "rumoroso", e queste lo sanno benissimo.
    Io non la definirei più intensiva ma piuttosto più finalistica. Studi un dato argomento e lo applichi, in questo modo viene valutata la tua capacità di astrazione e di messa in opera di ciò che hai appreso (a questo servono i papers) e questa, come tu stesso affermi, è uno screening realmente utile per l'impresa che poi va a selezionarti. Ripudio il termine intensivo perché sottende che in Italia vi sia un minor carico di lavoro cosa che chiunque abbia avuto a che fare con università extra-italiane sa non essere per niente vera. E comunque tutto questo meccanismo è un estensione di un meccanismo valutativo più ampio: mentre da noi vanno a guardare il voto di laurea, negli altri paesi vanno a guardare i programmi (non il titolo dell'esame) svolti e il voto preso nella singola disciplina così da focalizzarsi sulle competenze particolari dell'individuo e non su una media generale che non serve un bel niente nella valutazione delle skills individuali.

  7. #7
    Pallone gonfiato
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    20,433
    Mentioned
    40 Post(s)
    Tagged
    18 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Ma se le imprese sono le prime a lamentarsi dello scarso valore dei laureati italiani, certo se cerchi un chimico o un biologo è più facile, l'università da una preparazione in chimica o biologia, poi tu gli insegni il lavoro.
    Ma per le altri lauree, il discorso è complesso comunque, in italia si dovrebbe facilitare lo studio e alleggerirlo e puntare anche su un percorso più pratico, per la serie la teoria su basa sulla pratica.
    Certamente, anche il percorso pratico è un enorme mancanza nel percorso universitario italiano. Il percorso pratico serve per due cose fondamentalmente:

    1) Insegnare all'individuo a ragionare di ciò che ha studiato (e questo avviene durante lo scontro tra teoria e pratica)
    2) Far acquisire all'individuo una professionalità sociale (come la definisco io), ossia fare in modo che sviluppi la consapevolezza di cosa significhi essere un professionista all'interno del mondo del lavoro.

    Inoltre l'università dovrebbe seriamente insegnare anche a lavorare in gruppo e a saper utilizzare le competenze dei colleghi.

  8. #8
    Cancellato
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    55,425
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    4

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    No, sia chiaro che per "intensivo" intendevo la ripartizione del carico di lavoro.

    In Italia puoi anche non fare nulla per mesi e poi iniziare a leggere il programma da mille pagine. Tanto l'esame puoi darlo quando ti pare.

  9. #9
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,724
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Mah.. sarei curioso di conoscere la fonte di queste statistiche. Di laureati ce ne sono anche troppi. E pure tanti con redditi modesti.

    In italia storicamente ci sono sempre stati meno laureati che da altre parti, perche' i costi ed il tempo impiegati per laurearsi non erano ritenuti un investimento vantaggioso, in un paese che fino a qualche anno fa dava tante opportunita anche a semplici diplomati. Questo era un paese di pmi dove si prendevano i giovani e li si formavano all interno. Solo negli ultimi anni con l'arrivo del terziario globalizzato e della crisi del manufatturiero, le cose sono cambiate.

    certo l'ưniversita italica era molto selettiva. Almeno fino all introduzione del famigerato 3+2. questo non aiutava a finire i corsi quadriennali.
    Ultima modifica di Juv; 16-05-13 alle 00:06
    "Insomma se è in gamba, ti porta l'aereo così basso.. ehehehe...
    Lei dovrebbe vederlo, è uno spettacolo: un gigante come il B-52.... BHOOAAAMMM!!!!.. con i gas di scarico t'arrostisce le oche vive!!"

  10. #10
    Cromag
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Località
    L'ultima ridotta
    Messaggi
    34,315
    Mentioned
    241 Post(s)
    Tagged
    45 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: In Italia pochi laureati: perché?

    Il mondo delle imprese italiane non ha bisogno di laureati.
    Le imprese italiche sono piccole, sottocapitalizzate, sottoistruite, cercano manodopera poco qualificata e con poche pretese.
    E le grandi imprese estere che li ricercano da mò han preso la via dell'estero perchè costa meno.
    Metabo likes this.
    BAGLIONI FUORI DAI COGLIONI![/URL]

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-12-13, 03:45
  2. Italia in coda per il numero dei laureati
    Di Heidi nel forum Istruzione e Università
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 09-12-13, 15:59
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-09-12, 18:59
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-07-07, 14:02
  5. Perchè Destra Radicale è frequentatissimo ma ha pochi voti?
    Di Granitico nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 21-08-06, 15:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225