User Tag List

Pagina 1 di 217 121151101 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 2166
Like Tree492Likes

Discussione: Il suicidio del fracking

  1. #1
    Clandestino
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,126
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Il suicidio del fracking

    Loading...
    L?età dell?oro del gas: tutti pazzi per il fracking | Voglio cambiare aria

    L’età dell’oro del gas: tutti pazzi per il fracking
    Daniela Patrucco

    L’estrazione del gas dai giacimenti di carbone sta rivoluzionando il mercato dell’energia. Nei paesi anglosassoni il fracking infiamma l’economia, gli agricoltori e gli ambientalisti.
    Attraverso il pompaggio di acqua, sabbia e sostanze chimiche, si frattura la roccia che si trova in profondità portando in superficie la miscela di gas e acqua salina. Con la tecnica del fracking questo gas “non convenzionale”, un tempo troppo difficile da estrarre, è oggi economicamente molto vantaggioso.
    Vantaggioso per chi?
    In Australia la produzione di gas è aumentata di 22 volte dal 2010 e si prevede che entro il 2020 gli aussie sorpasseranno il Qatar, attualmente leader dell’esportazione mondiale di gas. Il boom ha sinora interessato in particolare il Queensland e la città di Roma dove il tasso di disoccupazione è al 2%, meno della metà del tasso australiano medio. L’estrazione di gas in Australia non è cosa di oggi ma si è sempre praticata nell’entroterra, lontano dalla maggior parte degli Australiani e dai terreni agricoli.
    Lock The Gate è il movimento di protesta che si è diffuso nel New South Wales, lo stato più popoloso dell’Australia che comprende Sydney e Canberra (la capitale), dove la pratica del fracking è attualmente meno avanzata. Gli agricoltori, che a malapena condividono la ricchezza di questo boom, sono invitati a “chiudere i cancelli” delle loro proprietà. Già perché se loro sono proprietari della superficie, ciò che c’è sotto è dello Stato. Le aziende che hanno le licenze di esplorazione, pur obbligate a negoziare accordi di compensazione con i proprietari terrieri, non hanno bisogno di chiedere alcun permesso per trivellare.
    Chi paga?
    Un recente rapporto della Queensland Water Commission, un ente pubblico australiano, ha rivelato che i livelli dell’acqua di 528 falde acquifere diminuiranno a causa dell’estrazione di quella utilizzata per il fracking. A chi si preoccupa per l’inquinamento delle falde, l’acqua utilizzata deve infatti essere depurata con processi di osmosi inversa, Mr Knox, presidente dell'Australian Petroleum Production, ha garantito che si tratta dell'"acqua potabile più pura della terra".
    L’IEA, International Energy Agency, ha stimato che in assenza di interventi da parte dei governi, entro il 2035 l’estrazione di gas non convenzionale si triplicherà, determinando un arresto nello sviluppo delle energie rinnovabili. In Gran Bretagna i conservatori vedono nella pratica del fracking la soluzione alla crisi energetica del paese e vorrebbero avviare le perforazioni. Il ministro democratico dell’energia, attualmente orientato allo sviluppo dell’energia eolica, ha avviato un’indagine per verificare l’entità dei giacimenti del Regno Unito. Secondo gli ambientalisti inglesi il gioco non vale la candela: la pratica del fracking può causare pericolo per le popolazioni a causa dell’inquinamento dell’acqua e dei terremoti che potrebbe provocare.

    Fracking: gli scienziati allertano sui rischi sismici


    • Articolo Washington, 27 marzo 2013
    • Da una ricerca della US Geological Survey, University of Oklahoma e Columbia University

      Fracking: gli scienziati allertano sui rischi sismici
    • Un gruppo di scienziati riconduce il terremoto di magnitudo 5.7 che colpì l’Oklahoma nel 2011 alla tecnica di estrazione di gas naturale e petrolio detta fracking


    (Rinnovabili.it) – Non cessa il dibattito sugli eventuali rischi ambientali della tecnica di estrazione di petrolio e gas naturale detta fracking. Ad allarmare geologi e ambientalisti è soprattutto il pericolo di causare veri e propri eventi sismici. Ma quella che fino a ieri era considerata solo un’eventualità, oggi potrebbe diventare una certezza. Un gruppo di ricercatori della University of Oklahoma, Columbia University e US Geological Surveyha condotto uno studio che dimostra, per la prima volta in modo scientifico, il legame tra terremoti di rilevante entità e il fracking, ossia la tecnica con cui si iniettano fluidi ad alta pressione per provocare fratture nelle rocce e agevolare la fuoriuscita di petrolio e gas. Nello specifico, tale pratica estrattiva avrebbe provocato, secondo i ricercatori, il sisma di magnitudo 5.7 che colpì l’Oklahoma nel 2011 e che fu seguito da numerose scosse di assestamento. Secondo lo studio, vicino la città di Prague furono pompati fluidi in pozzi petroliferi abbandonati per ben 18 anni prima del terremoto e nel 2006 si registrò un’eccessiva crescita della pressione nel sottosuolo. Un rischio generale di eventi sismici è stato accertato già nel 2012 dalla National Academy of Sciences e uno studio effettuato da alcuni scienziati presso il Geological Survey degli Stati Uniti ha evidenziato che dal 1972 al 2008 sono stati segnalati dai due ai sei eventi sismici ogni anno, spesso troppo poco intensi per essere avvertiti; nel 2009 sono invece stati registrati più di 50 terremoti e il numero è più che raddoppiato nel 2010. Ciò ha indotto molti studiosi a chiedersi se questa insolita sismicità fosse legata all’aumento nella zona delle attività di estrazione con la tecnica del fracking. “Il rischio che l’uomo possa provocare terremoti di grandi dimensioni anche attraverso una piccola iniezione di fluidi – spiega Abers Geoffrey, coautore dello studio – è probabilmente molto più alto di quanto si era creduto in precedenza”. Se state iniziando a pensare che questi fluidi sparati ad alta pressione possano provocare forti scosse anche in Italia, paese ad elevatissima sismicità, non temete: in Europa, almeno per ora, il fracking è vietato dalla legge.


    Poi questo articolo molto interessante
    L'agronomista: Fracking: che cos'è e quali sono i rischi della "nuova età dell'oro del gas naturale"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    47,565
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    Alle cacchiate non c'e mai fine !!!

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    47,565
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    of huge oil-containing Texas shale formations, such as the Eagle Ford Shale in South Texas and the Wolfcamp/Wolfberry play in the Permian Basin, has been truly astonishing. Just three years ago, Texas statewide oil production had bottomed out at just more than 1.1 million barrels a day after a 25 year decline from the boom times of the early 1980s. By February of this year, that daily output had more than doubled, to 2.295 million barrels a day. “Astonishing” may not be a strong enough word, but I’m out of adjectives here.


    Why The Shale Miracle Has Happened In Texas - Forbes

    The next day, on April 30, Kate Galbraith, writing in the Texas Tribune online newspaper, detailed what that rapid rise in oil production means to the Texas state treasury. Quoting James Lebas, a highly regarded fiscal consultant in Austin, the story relates that the oil and gas industry paid approximately $12 billion in Texas taxes during 2012, “up from $9.25 billion in 2011 and $7.4 billion in 2010.”

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    47,565
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    47,565
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking


  6. #6
    Clandestino
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,126
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    Shale gas: non è neanche un buon investimento!
    Shale gas: non è neanche un buon investimento!


    26.04.13 | Mario
    Parlando del gas di scisto, lo shale gas come lo chiamano gli anglofoni, ho sempre sottolineato due aspetti che ritengo essere i più importanti per capire di cosa stiamo parlando.
    Il primo è il fatto che l’estrazione di questa fonte fossile non convenzionale è un modo per risolvere in parte la crisi delle risorse primarie di energia, specie in paesi, come gli USA, in cui è enormemente più forte la spinta a produrre e consumare che quella a conservare l’ambiente per le generazioni future.
    Fanculo la sostenibilità dunque a favore di imprese, multinazionali e lobby varie.
    Il secondo aspetto è invece quello legato agli effetti che il metodo di estrazione dello shale gas ha sull’ambiente e di conseguenza sulla salute dei cittadini. Ho spiegato molte volte come tutto questo avviene. Su questo sito trovate una meravigliosa animazione in 3D della Trial Exhibits Inc., che mostra perfettamente il funzionamento del fracking e quali danni esso possa provocare alle falde d’acqua con tutto quello che ne consegue in termini di allevamento di bestiame, coltivazione agricola, uso sanitario e personale.
    Se negli Stati Uniti la questione è stata messa da parte con una certa fretta tanto che oggi più di un terzo del gas usato nel sistema produttivo viene dai giacimenti scistici, in Europa, dove i movimenti ecologisti hanno un peso specifico maggiore o forse dove le Big Oil & co. hanno un appeal leggermente minore, ci si muove con i piedi di piombo. Alcuni stati (la Francia ad esempio) hanno bloccato anche le ricerche e il Parlamento Europeo ha ammonito i suoi membri a non muoversi nella direzione dello shale gas senza essere più che sicuri che l’ambiente non verrà danneggiato.
    A dire il vero un po’ di confusione ancora esiste, perché le informazioni su questo tipo di risorsa sono frammentarie e poggiano, prevalentemente su indagini condotte da grandi compagnie petrolifere, come la BP, trascinandosi dietro un enorme puzzo di conflitto di interesse.
    Il movimento statunitense, mosso dalla realizzazione nel 2010 del documentario Gasland di Josh Fox (che trovate qui con sottotitoli italiani), si va allargando ogni giorno di più ed è facile capirne il motivo quando si pensa che uno dei più grandi giacimenti, il Marcellus, si trova sotto stati come la Pennsylvania, New York, Ohio, ma soprattutto sotto una enorme falda che “abbevera” più di 20 milioni di abitanti, compresi i cittadini di New York City. E questi l’acqua del rubinetto la bevono regolarmente, in percentuali elevatissime, anche quando vanno fuori a cena.
    Le preoccupazioni sono dunque legate alla propria salute, a quella del bestiame nelle fattorie, all’inquinamento dei pozzi d’acqua, all’esplosione causata dall’acqua carica di metano che esce dai rubinetti delle abitazioni.
    Ma, a queste “quisquiglie” l’establishment (tutte le grandi aziende gasiere) e buona parte della politica oppongono l’esigenza di avere energia per far funzionare la macchina dei consumi, per avere sempre hamburger da McDonalds, per abbagliare Times Square con le mille pubblicità. E poi, continuano, il prezzo del combustibile è calato, visto che il gas che estraiamo da noi non dobbiamo più comprarlo da quegli antipatici dei paesi produttori (come la Russia, il Canada, il Qatar, …). E, continuano nel loro comizio, compriamo anche meno carbone così da ridurre l’effetto serra. Peccato che il minor acquisto di carbone statunitense ne abbia fatto diminuire il prezzo così da consentire ad altri paesi di comprarne di più. Peccato che non si consideri che anche l’estrazione di shale gas provoca effetti serra, regalando all’atmosfera quantità di metano non previste. Il metano è un gas serra 70-80 volte più dannoso della CO2 per la nostra atmosfera.
    Cadiamo dunque nel solito dilemma se la preservazione di un ambiente adatto a sostenerci sia più o meno importante del mantenimento di condizioni di “benessere” (nel senso usato per questo termine dalla società dei consumi) raggiunte e rispetto alle quali la maggior parte della cittadinanza dei cosiddetti paesi avanzati non ha intenzione di recedere.
    Su questo aspetto si potrebbe aprire un capitolo immenso che ci coinvolge tutti. Basta un dato qualsiasi estratto da tutti quelli che fotografano la situazione. Potremmo parlare del consumo di carne che implica consumo di suolo e di acqua; o del consumo di carburante per muovere persone e oggetti con motori a scoppio (37 milioni gli autoveicoli in Italia con un rapporto di 10 a 1 tra il trasporto su gomma e su ferro delle merci); o la costruzione di centrali termoelettriche inutili (il pacchetto di produzione di energia italiano da fonti fossili è il doppio di quello che serve) e si potrebbe continuare a lungo.
    Si fa dunque fatica, molta fatica, a convincere il nostro vicino che il gas di scisto è una porcheria perché non risolve affatto i problemi del mondo, anzi li acuisce e ne crea di nuovi.
    Ci vorrebbe, per convincere gli scettici, un argomento economico, di quelli che dimostrino che tutti questi vantaggi che la Halliburton, La Exxon, la Total sbandierano sono dei falsi miti, delle bugie proprio come tutto l’ambaradan che hanno messo in piedi spacciando per progresso l’indebitamento economico, sociale e soprattutto ambientale che abbiamo subito negli ultimi 60 anni.
    Bene, oggi quell’argomento ce l’abbiamo.
    A febbraio di quest’anno è uscito negli Stati Uniti uno studio molto robusto di circa 180 pagine, ricchissimo di dati, tabelle, grafici, chiamato “Drill, baby, drill”. Il che significa: “Trivella baby trivella”. E come sottotitolo: “Può il combustibile non convenzionale portarci verso un’era di abbondanza energetica?” L’autore è David Hughes, geologo, il quale ha studiato per 40 anni i problemi delle fonti non convenzionali soprattutto in Canada. Si è occupato anche del picco del petrolio e del gas, diventando come scienziato un punto di riferimento in questi ambiti.
    Il documento di cui sto parlando è stato realizzato per il Post Carbon Institute. Si tratta di un’associazione che ha come scopo quello di guidare la transizione verso un mondo più resiliente, equo e sostenibile. Lo fa coinvolgendo aspetti di ogni genere: individuali, delle comunità, della produzione e politici. Il loro sito, in inglese, è www.postcarbon.org, ricchissimo di materiale e di informazioni.
    Quanto segue è un riassunto delle parti che riguardano lo shale gas. Tutte le informazioni e le immagini sono di proprietà del Post Carbon Institute.
    Si comincia con un’analisi decisamente interessante, ma che qui ci porterebbe troppo lontano, sui consumi pro capite dei combustibili fossili divisi per aree geografiche e per tipo.
    Quello che si capisce è che la produzione di fonti primarie fossili negli Stati Uniti è nettamente calata negli anni. Ad esempio il numero di pozzi petroliferi attivi è sceso dal 1970 ad oggi del 30%, con un andamento progressivo che non fa certo sperare in una ripresa miracolosa.
    La produzione di gas, al contrario, non ha subito negli ultimi 15 anni variazioni degne di nota; essa è sempre stata insufficiente, costringendo gli States all’importazione, che tuttavia a partire dal 2006 si è progressivamente ridotta.
    clicca per ingrandire

    Un’altra osservazione interessante è la riduzione negli ultimi tempi del gas proveniente dall’oceano (è assai probabile che la disgrazia nel golfo del Messico qualche strascico l’abbia lasciato), che ormai è solo un piccola parte del combustibile proveniente dai pozzi in terraferma.
    Quello che stupisce è il fatto che, mentre i pozzi crescono di numero, quasi raddoppiando, la produttività media di ogni singolo pozzo si riduce drasticamente di quasi il 40%. Questo si può tradurre dicendo che per mantenere la produzione attuale è necessario scavare nuovi pozzi in numero sempre maggiore.
    Quando si comincia a discutere di shale gas ci imbattiamo nelle previsioni dell’EIA (Energy Information Administration) un reparto del ministero dell’energia statunitense che si occupa delle valutazioni su qualunque cosa abbia a che fare con l’energia. Certo che fare previsioni sullo shale gas non è semplice anche perché è comparso da poco sulla scena in modo importante. Così l’EIA offre diversi scenari possibili dipendenti dal tipo di crescita economica e dal costo del petrolio.
    clicca per ingrandire

    Ma tutte le situazioni portano allo stesso risultato: la crescita nei consumi di metano per gli USA è basata sul gas di scisto!
    EIA fornisce anche, a seconda degli scenari, le previsioni di quanto costerà nei prossimi anni il gas. E le valutazioni, anche quelle “peggiori” portano a valori che sono comunque inferiori a quelli sperati e valutati dai produttori di shale gas. E questa non è sicuramente una bella notizia per Halliburton e soci.
    E brutte notizie arrivano anche sulle quantità necessarie a sostenere la società attuale degli Stati Uniti fino al 2040. In sostanza secondo EIA la quantità di combustibile di cui occorre disporre è davvero troppa rispetto a quella disponibile, una quantità che oggi nessuno sa dove si potrà andare a cercare.
    Serve infatti l’intera produzione di gas tradizionale attualmente disponibile più quasi altrettanto da fonti che non si sa nemmeno se esistono. Più precisamente si dovrà disporre dell’intera produzione attuale più il 60% di quella potenzialmente presente nei giacimenti, ma che in questo momento non si può dire se si potrà estrarre.
    I conti sono presto fatti:

    • serve tre volte il gas recuperato dai giacimenti minerali;
    • cinque volte quello disponibile oggi dai pozzi offshore;
    • il doppio delle riserve certe dell’Alaska;
    • il doppio del gas convenzionale da pozzi realizzati in terraferma.


    Insomma, se davvero si vuole sostenere il ritmo attuale, servono 1 milione e 700 mila nuovi pozzi, una follia!
    La prospettiva terrificante è quella di creare quasi 80 mila trivellazioni l’anno fino al 2040. E non è tutto, perché questo dato non tiene conto della riduzione della produttività (di cui parleremo tra breve).
    In effetti i pozzi saranno sempre meno tradizionali e sempre più orizzontali con l’utilizzo della tecnica del fracking. Secondo l’EIA nei primi anni non ci saranno grossi problemi: nei primi 4 anni (fino al 2016) per incrementare la fornitura del 28% basterà un ritmo di crescita dei pozzi del 4%. Ma poi la quantità estratta calerà inevitabilmente (vedremo meglio più avanti come) e per avere un aumento del 10% di produttività servirà un ritmo di crescita delle trivellazioni di oltre il 70% ogni anno.
    Non sempre ci fermiamo a riflettere quando ci viene detto quanto gas o petrolio rimane a disposizione di questa società energivora. Ci accontentiamo dei valori lordi. Ed è un po’ come calcolare il tempo che occorre per raggiungere in automobile un certo paese, semplicemente in base al chilometraggio, senza badare a semafori, ingorghi, code e quant’altro.
    In questo modo otteniamo i valori migliori possibili, non calcoliamo quale parte di quei giacimenti ha combustibile di alta qualità, quale parte ha combustibile ad alta concentrazione, quale parte è di facile estrazione, quale parte presenta costi di estrazione abbordabili e quale no.
    Se a questo aggiungiamo che i dati forniti al mondo intero provengono da BP (British Petroleum) non è che possiamo avere tutta questa fiducia.
    clicca per ingrandire

    L’immagine a fianco (a piramide) mostra la situazione che mette insieme risorse, spese necessarie per ricavare il gas (sia in termini energetici che finanziari). Più ci muoviamo verso il basso e maggiore è la quantità di combustibile presente, ma diminuisce la sua qualità essendo meno concentrato, più difficile e costoso da estrarre. La prima linea mostra il limite oltre il quale diventa antieconomico operare. E’ sicuramente vero che nuove tecnologie (e tra queste va annoverato il fracking) possono abbassare questa linea permettendo di recuperare combustibile che prima era inaccessibile, ma non si potrà mai superare la seconda barriera che rappresenta la situazione di pareggio energetico, cioè quando l’energia per ottenere il combustibile è uguale a quella che da esso si potrà poi ricavare.
    Spesso, quando sentiamo dire che avremo combustibili ancora per 100, 200 o 300 anni, si tratta di boutade che non tengono in nessun conto questo tipo di osservazioni.
    In effetti chiunque abbia studiato un po’ di fisica sa che il bilancio energetico ha senso se il lavoro compiuto è inferiore all’energia ricavata. Il concetto di rendimento insomma deve essere ben chiaro. A questo riguardo è anche molto interessante osservare che non tutti i combustibili “costano” allo stesso modo. Ad esempio per ricavare un barile di petrolio tradizionale basta bruciarne un ventiquattresimo, il resto è energia netta disponibile; mentre per ottenere un barile di olio dalle sabbie bituminose bisogna spenderne mezzo. Ogni combustibile dunque è più o meno conveniente anche a seconda dell’energia necessaria per portarlo dai giacimenti sul mercato.
    clicca per ingrandire

    Tenendo presenti queste osservazioni possiamo passare al gas di scisto. Che gli USA abbiano riserve più che abbondanti di questa fonte primaria è chiaro guardando l’immagine a fianco, fornita da EIA nel settembre 2011. La distribuzione è abbastanza uniforme, tanto da aver fatto gridare all’industria che l’autosufficienza sarebbe stata raggiunta ovunque. La realtà è diversa, perché non tutti i giacimenti sono uguali: ce ne sono di migliori, che riescono ad offrire gas di qualità a basso prezzo e altri che sono esattamente l’opposto.
    Ma se consideriamo la storia dello shale gas, possiamo osservare che nel 2012 ha raggiunto il 40% della produzione totale di gas degli USA, anche se nel 2012 la produzione si è fermata senza ulteriormente crescere. Questo ha bilanciato comunque il calo nella produzione di combustibile convenzionale.
    Se si analizza la produzione di tutti i pozzi, i sei più attivi forniscono l’88% del gas complessivo. Segno che la maggior parte delle trivellazioni sono a rendimento molto basso. E poi ci sono i “tassi di declino” che sono enormi. Nel giro di tre anni o poco più il livello di produzione scende del 90% e nuovi pozzi vanno scavati. Questo si traduce in 42 miliardi $ di investimenti annui per mantenere la produzione attuale, cifra che probabilmente non sarà coperta dalla vendita dei prodotti al prezzo attuale del gas. E, dal momento che in futuro, a meno di scoperte oggi non ipotizzabili di nuove tecniche meno dispendiose di estrazione, la situazione è destinata a peggiorare, questo imporrà un aumento dei prezzi e manderà a gambe all’aria la teoria secondo cui la bilancia energetica Usa sta migliorando di giorno in giorno.
    clicca per ingrandire

    I giacimenti “storici” e più famosi di gas di scisto sono il Barnett in Texas, dove tutta la storia è cominciata e dove è stata elaborata la tecnica del fracking. Un anno fa quasi 15 mila pozzi erano attivi, producendo 6 miliardi scarsi di metri cubi di metano al giorno. Il giacimento di Haynesville tra Texas e Louisiana è oggi il maggior produttore statunitense, mentre il Marcellus, in Pennsylvania, è al terzo posto. Questi ultimi due hanno avuto un boom improvviso negli ultimi anni (dopo il 2007).
    Come tuttavia si vede dall’immagine la crescita impetuosa avvenuta dal 2000 in poi si è arrestata nell’ultimo anno in tutti i pozzi presi in considerazione.

    clicca per ingrandire

    E proprio del giacimento campione, Haynesville, osserviamo la curva di decadimento produttivo, che non è diversa da quella degli altri siti. In essa è stata calcolata la produttività media di tutti i pozzi presenti nei 4 anni di attività. I dati appaiono piuttosto chiari: non sono pozzi destinati a produrre per molto tempo, se nell’arco di 3 anni passano da una produzione 100 a meno di 10.
    Come detto si tratta di valori medi, perché ad Haynesville ci sono alcuni pozzi che pompano decisamente tanto e, guarda caso, sono quelli che vengono regolarmente citati dalla stampa e nelle pubblicità.
    Anche questa immagine è significativa. Se infatti consideriamo solo i pozzi scavati prima del 2011, osserviamo come la loro produttività è calata vistosamente. Per mantenere il livello occorrerebbe perforare 774 nuovi pozzi, con una spesa di circa 7 miliardi € l’anno, al netto di altri costi per le infrastrutture. E siccome la densità dei pozzi è ormai altissima non è che si possa pensare di continuare in questa direzione.
    La conclusione di queste osservazioni (‘) è che l’avventura del gas di scisto non ha un futuro molto roseo. Delle due l’una: o si dovrà continuare a scavare pozzi ad un ritmo forsennato o si dovranno sensibilmente alzare i prezzi del gas.
    Se a questo aggiungiamo i rischi ambientali e sociali connessi con l’utilizzo del fracking, mi sembra che nessun cittadino statunitense possa essere minimamente contento.
    ------------------------------
    (‘) fonti:
    > Mark J. Kaiser and Yunke Yu, 2012, “LOUISIANA HAYNESVILLE SHALE—2: Economic operating envelopes characterized for Haynesville shale,” Oil and Gas Journal, January 9, 2012.
    >
    United States Geological Survey, “Variability of Distributions of Well-Scale Estimated Ultimate Recovery for Continuous (Unconventional) Oil and Gas Resources in the United States,” 2012.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2009
    Località
    new york
    Messaggi
    47,565
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    141 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    La realtà è diversa, perché non tutti i giacimenti sono uguali: ce ne sono di migliori, che riescono ad offrire gas di qualità a basso prezzo e altri che sono esattamente l’opposto.
    Ma se consideriamo la storia dello shale gas, possiamo osservare che nel 2012 ha raggiunto il 40% della produzione totale di gas degli USA, anche se nel 2012 la produzione si è fermata senza ulteriormente crescere. Questo ha bilanciato comunque il calo nella produzione di combustibile convenzionale.
    Se si analizza la produzione di tutti i pozzi, i sei più attivi forniscono l’88% del gas complessivo. Segno che la maggior parte delle trivellazioni sono a rendimento molto basso. E poi ci sono i “tassi di declino” che sono enormi. Nel giro di tre anni o poco più il livello di produzione scende del 90% e nuovi pozzi vanno scavati. Questo si traduce in 42 miliardi $ di investimenti annui per mantenere la produzione attuale, cifra che probabilmente non sarà coperta dalla vendita dei prodotti al prezzo attuale del gas.


    Tanto per cominciare si cerca sopratutto il gas, mentre il petrolio comporta costi e problematiche diverse.

    Sono in corso diverse analisi su quali siano le potenzialita totali, visto che per pozzi che sono in calo, ce ne sono altri che aprono.

    Ad esempio nel CLINE Shale del texas si pensa ci siano alcune decine di miliardi di barili.
    In Texas and nationwide, many areas like Cline Shale left to explore | Lubbock Online | Lubbock Avalanche-Journal

    cosi come nel niobrara del Colorado

    Blockbuster U.S. Shale Formation



    Il prezzo del gas naturale peraltro negli ultimi 3 anni negli USA si e' piu che dimezzato. E' questo l'effetto piu rilevante degli SHALE, vale a dire portare nel sistema produttivo energia a basso costo e far recuperare margini di guadagno alle industrie.


    Inutile quindi rodersi il culo, gli USA hanno enorme risorse da utilizzare.........gli altri andranno con il cappello in mano!

  8. #8
    Clandestino
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,126
    Mentioned
    114 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    Citazione Originariamente Scritto da paulhowe Visualizza Messaggio
    Tanto per cominciare si cerca sopratutto il gas, mentre il petrolio comporta costi e problematiche diverse.

    Sono in corso diverse analisi su quali siano le potenzialita totali, visto che per pozzi che sono in calo, ce ne sono altri che aprono.

    Ad esempio nel CLINE Shale del texas si pensa ci siano alcune decine di miliardi di barili.
    In Texas and nationwide, many areas like Cline Shale left to explore | Lubbock Online | Lubbock Avalanche-Journal

    cosi come nel niobrara del Colorado

    Blockbuster U.S. Shale Formation



    Il prezzo del gas naturale peraltro negli ultimi 3 anni negli USA si e' piu che dimezzato. E' questo l'effetto piu rilevante degli SHALE, vale a dire portare nel sistema produttivo energia a basso costo e far recuperare margini di guadagno alle industrie.


    Inutile quindi rodersi il culo, gli USA hanno enorme risorse da utilizzare.........gli altri andranno con il cappello in mano!
    Gli americani si sono buttati sullo shale solo perché sono con l'acqua alla gola.
    Di certo se gli usa si suicidano con gli shalegas ci guadagnano gli altri, perché russi e arabi e venezuelani e tutti gli altri produttori, sono costretti ad abbassare il prezzo del petroli.
    Il futuro resta l'energia verde, gli usa già sono indietro, cosi si tagliano le gambe.
    Ultima modifica di Metabo; 07-05-13 alle 10:12
    amaryllide likes this.

  9. #9
    Viva la piadina!!!
    Data Registrazione
    20 Nov 2009
    Località
    Miami, FL, USA
    Messaggi
    76,173
    Mentioned
    159 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Gli americani si sono buttati sullo shale solo perché sono con l'acqua alla gola.
    Di certo se gli usa si suicidano con gli shalegas ci guadagnano gli altri, perché russi e arabi e venezuelani e tutti gli altri produttori, sono costretti ad abbassare il prezzo del petroli.
    Il futuro resta l'energia verde, gli usa già sono indietro, cosi si tagliano le gambe.
    Che fantasia che hai.
    Silver Dollar and Feliks like this.
    Globalizzazione..... si grazie.

  10. #10
    Talebano
    Data Registrazione
    08 Feb 2011
    Messaggi
    7,328
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Il suicidio del fracking

    Non so se faccia male o no lo shale gas, però il consumo di carbone è calato veramente ed è pure tracollato il prezzo, non c'è gente che ne consuma di più, sarà forse anche la crisi ma di certo di carbone in giro ce n'è di meno. E il carbone di sicuro bene non fa.
    "la Le Pen col 40% avrà incassato una grande vittoria" (Candido)


 

 
Pagina 1 di 217 121151101 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Fracking e terremoti
    Di Regina di Coppe nel forum Energia, Ecologia e Ambiente
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 18-07-17, 17:58
  2. Il Massachusetts vuole vietare il fracking dopo i terremoti
    Di dedelind nel forum Politica Estera
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 09-01-14, 13:36
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-05-13, 15:13
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-06-12, 18:21
  5. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-05-12, 07:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225