User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Nicola

Discussione: con Fermare il Declino? con il PSI ? soli?

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    101 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito con Fermare il Declino? con il PSI ? soli?

    io ancora non vedo un futuro in solitaria per il partito radicale.

    vorrei che scegliesse tra la sua componente più liberista e quella socialista liberale (tecnicamente i radicali sono dei liberali di sinistra).

    e quindi vorrei che si fondesse con Fermare il Declino oppure con il PSI.
    al limite che riproponesse i verdi arcobaleno con i verdi di bonelli (ma questi ultimi sono così pochi che ci si guadagnerebbe poco).


    ci sono svantaggi e vantaggi sia con i socialisti che con i liberisti di fid.
    naturalmente ciascuno comporterebbe la perdita di un'area del partito (i liberisti con i socialisti, i socialisti liberali con fid) anche se ... in un Paese con partiti clientelari come PD,PdL,Lega,(ex)UDC che non sono nè liberali nè socialdemocratici.... un socialdemocratico e un liberale potrebbero, e forse dovrebbero, preferirsi a vicenda piuttosto che darla ai clerico-clientelari.

    cmq...

    i socialisti hanno il pregio di essere presenti nelle istituzioni, dal parlamento ai comunisti.
    questo non solo è convienete da un punto di vista di potere ma anche come esperienza di gestione-
    dall'altro canto, nessuno ignora che il PSI è un partito estremamente clientelare, un classico partito di assessori.

    fid invece è l'inverso: è priva di potere e quindi, almeno per ora, più onesta e movimentista
    ma non ha molta esperienza di gestione.


    i socialisti hanno circa 50 mila iscritti.
    fid molto meno.
    ma probabilmente fid ha(aveva) più voti. dico aveva perchè passata la novità e presa la batosta giannino, non mi pare che fid stia in gran forma.


    i socialisti hanno delle forti aperture ai diritti civili e quindi potrebbero essere attraenti anche per questo.
    mentre fid pare, a voler essere buoni, scordarsi delle tematiche dei diritti civili e concentrarsi sull'economia.


    economicamente, fid condivide il dimagrimento dello Stato e un'organizzazione del welfare alla anglosassone estremizzando la visione che appartiene anche ai radicali (Stato che non può far l'imprenditore, modello scolastico selettivo,...)
    un po' meno liberisti invece lo sono i socialisti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    *****istrator
    Data Registrazione
    29 Mar 2009
    Messaggi
    863
    Mentioned
    15 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: con Fermare il Declino? con il PSI ? soli?

    ti segnalo questo articolo di Pier Paolo Segneri
    http://www.avantidelladomenica.it/si...i_fallito.aspx

    N. 12 del 2 maggio 2010

    L'ospite
    Pier Paolo Segneri - La Rosa nel Pugno, il progetto non è mai fallito
    domenica 2 maggio 2010
    Il 1976 è un anno cruciale per la storia della nostra Repubblica. In esso si ritrovano, infatti, alcune analogie sorprendenti con il nostro presente politico, con questo 2010. Non si tratta, dunque, di parlare del passato, ma di scrivere dell’attualità politica che stiamo vivendo. Si tratta, cioè, di riprendere il bandolo della matassa, proprio ora che sembra essersi irrimediabilmente ingarbugliata. E l’attuale crisi della politica, a tutto vantaggio dell’anti-politica di destra e di sinistra, va forse riallacciata al 1976: l’anno del crollo elettorale delle forze risorgimentali e della cocente sconfitta dei socialisti.
    L’ambasciatore Sergio Romano, nel suo libro “Storia d’Italia”, ricorda il 1976 come l’anno in cui il 73,1% degli italiani divise il proprio voto tra la Democrazia cristiana e il Partito comunista. Fu il risultato che aprì la strada alla stagione del “compromesso storico” e al successivo governo di solidarietà nazionale.
    Nel 1976, ricordiamolo, Giulio Andreotti divenne presidente del Consiglio, Amintore Fanfani salì sullo scranno più alto del Senato e Pietro Ingrao assunse la presidenza della Camera dei deputati. Mentre le forze politiche ritenute eredi delle idee e degli ideali risorgimentali uscirono pesantemente sconfitte dalle urne e toccarono il fondo racimo
    lando soltanto uno scarso 25%. Ma da quella sconfitta ripartì una forte volontà innovatrice della politica italiana. Sempre nel 1976, infatti, ci furono due novità inattese che permisero agli eredi delle forze liberali e risorgimentali, date ormai per morte, di arrivare fino a noi e di essere vive ancora nel 2010 come esempio attivo e operativo di una memoria antica e pulsante, sopravvissuta ai micidiali colpi di coda di un ormai vecchio e anti-storico potere illiberale, non-democratico, protezionista, localistico, corporativo, clericale, xenofobo, secessionista, anti-europeo. Colpi di coda a cui hanno resistito, nel tempo, i successori di quelle forze politiche, economiche, sociali e popolari che permisero di realizzare l’Unità d’Italia nel 1861. Ormai 150 anni fa.
    A raccontarla così, sembra una Storia definitivamente consegnata ai libri scolastici, ma non è così. Si tratta di una memoria viva e vitale che va ora proiettata verso il futuro, “se la memoria ha un futuro”, direbbe Leonardo Sciascia. E’ una memoria, dunque, tuttora presente in noi e che non può cedere agli attacchi reazionari di un’ondata anti-risorgimentale.
    Senza falsa retorica.Proprio nel 1976, anno della sconfitta delle forze liberali e socialiste, due segnali controcorrente indicarono un percorso di riscossa da cui oggi possiamo ripartire: per la prima volta, infatti, ci fu l’ingresso in Parlamento dei Radicali di Marco Pannella, che costituirono il gruppo Federalista europeo e nello stesso anno, all’Hotel Midas di Roma, alla fine del Congresso del Partito socialista italiano, venne eletto segretario l’allora quarantenne Bettino Craxi. Tanto che, forse proprio grazie a questi due eventi, qualche anno dopo, per la prima volta nella storia repubblicana, un laico andò alla guida di un governo nazionale. E lo fece proprio sulla scia delle idee risorgimentali. Tanto che, successivamente, l’allora presidente della Repubblica Sandro Pertini, socialista, diede l’incarico a Giovanni Spadolini, mazziniano e repubblicano, di formare il nuovo governo. E Spadolini fu il più risorgimentale dei politici italiani. Ripartiamo dal nostro essere liberali e socialisti. Ripartiamo da Luigi Einaudi e Giuseppe Saragat. E guardiamo avanti perché, al di là delle parti in gioco, dei partiti mass-mediatici e della partitocrazia dominante, al di là delle ideologie ormai defunte e del potere fine a se stesso, al di là dell’età o della generazione di appartenenza, in questo 2010 abbiamo tutti la responsabilità civica, civile e storica di rispondere alle urgenze, alle richieste e alle parole, interiori ed esterne, che ci spronano a cambiare un tale assurdo sistema anti-politico, illiberale e non-democratico fatto soltanto di selezioni al rovescio, di pregiudizi e di pregiudiziali. Senza meriti, senza sbocchi, senza futuro.
    Ci sono sentimenti e ragioni che ci spingono a ritrovare ciò che di più caro e di antico, quindi di più nuovo, la politica italiana abbia espresso negli ultimi quindici anni: il progetto di rinnovamento politico siglato da un patto tra generazioni diverse. Mi riferisco al progetto politico della Rosa nel Pugno, rimasto aperto come una possibilità concreta.
    Un’idea che per primo individuai come una felice intuizione descrivendola, in tempi non sospetti, in un mio pamphlet del 2004: “La Rosa è nel Pugno”. Il progetto non è mai fallito. Mi riferisco al progetto riformatore, laico, nonviolento, liberale, socialista, radicale e libertario su cui possiamo finalmente puntare insieme a tutte quelle forze liberali che vorranno convergere verso un così alto e ambizioso obiettivo politico e culturale per il nostro Paese. Senza retorica.
    MaIn likes this.

 

 

Discussioni Simili

  1. Fare per fermare il declino è già in declino.
    Di Aldino nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 103
    Ultimo Messaggio: 20-02-13, 20:55
  2. Fermare il Declino
    Di marocchesi nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 86
    Ultimo Messaggio: 10-02-13, 13:51
  3. Come Fermare il Declino del trasporto? Fermare il Declino
    Di Mitchell nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-13, 22:45
  4. Scarsa occupazione e declino del paese [Fermare il declino]
    Di Mitchell nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 103
    Ultimo Messaggio: 14-09-12, 11:54
  5. Fermare il declino
    Di Cristo nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 05-08-12, 19:47

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226