User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12
Like Tree1Likes

Discussione: La germanica italia (addio italiani!)

  1. #1
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito La germanica italia (addio italiani!)

    La penisola Italiana penso sia stata la piu colpita dal ceppo nordico indoeuropeo, il centro nord dell'Italia è la zona ove persistono maggiormente queste caratteristiche fisiche-antropologiche.
    Di italiano in siffatta penisola è rimasto ben poco, se non solo nella lingua (di origine sempre indoeuropea), ma gran parte della popolazione porta con evidenza questi tratti, ove si scorgono chiaramente i caratteri fisici di quei Germani del Nord.
    Le genti che popolano queste terre, sono le piu, verosimilmente comparabili, con le genti che formano i popoli del Nord.
    La primi ondata della razza nordica-indoeuropea nella penisola italiana, avvenne con il processo di migrazione-colonizzazione dei popoli indoeuropei, provenienti dalla Russia, dalla Siberia, dal Kazakistan, dal Uzbekistan, dal Kirghizistan, dal Turkmenistan e sal Tagikistan.
    Una volta entrati in Italia si fusero e si cristallizzarono con le popolazioni autoctone (pre indoeuropee), che già abitavano queste terre, creando le primissime comunità di popolazioni degli Osco-Umbri e dei Latino-Falisci ((ai quali si associano anche gli antichi Veneti).
    Altre comunità che si formarono in seguito furono quelle degli Siculi, dei Ausoni-Aurunci, degli Opici, degli Enotri, degli Itali, dei Sabini, dei Piceni, dei Sanniti (Carricini, Pentri, Caudini e Irpini), dei Lucani (tra i quali gli Ursentini), i Bruzi, i Sabelli adriatici (Marsi, Peligni, Marrucini, Frentani, Pretuzi, Vestini), i Sabelli tirrenici (Ernici, Equi, Volsci), gli illirici Iapigi o Apuli (suddivisi in Messapi, Peucezi e Dauni), i Galli Cisalpini (Boi, Cenomani, Senoni, Orobi, Leponti, Carni, ecc.), i coloni Greci della Magna Grecia (Italioti)), Sicelioti.
    Hans F.K. Gunther scrisse che la prima costituzione romana, come già quella spartana, ci da un'immagine esatta della stratificazione razziale: i 300 patrizi, che da soli costituivano lo stato romano, corrispondevano alle 300 stirpi latine, che erano quelle dei conquistatori nordici: i plebei, mancanti di ogni diritto politico, erano le popolazioni autoctone, di razza prevalentemente occidentale anche se già misti di estide, dinarico e levantino. Patrizi e plebei, inizialmente, non costituivano una contrapposizione di classi sociali, ma una separazione razziale: i plebei erano i discendenti di genti liguri e iberiche, prevalentemente di razza occidentale. Rimangono delle indicazioni secondo le quali i plebei erano retti da istituzioni matriarcali; mentre i patrizi di razza nordica avevano usi patriarcali, sui quali si insiste in modo particolare nelle loro leggi.
    L'educazione alle virtù civiche e le abitudini semplici e guerriere che erano proprie degli antichi romani ricordano sotto molti aspetti le costumanze nordiche pure documentate per l'Islanda nei secoli X e XI; e perfino nelle espressioni verbali della lingua latina si è trovato molto in comune con quelle usate nelle saghe islandesi.
    La seconda ondata della razza nordica (già kurganizzata) in Italia, fu durante le invasioni-migrazioni celtiche nella Cisalpina, verso il primo secolo A.C.
    La terza ed ultima ondata della razza nordica in Italia, fu quella del Medioevo, ove si posso trovare tracce in molti scritti e opere pie.
    Scriveva Stendhal, introducendo il saggio Historie de la peinture en Italie descrive, nel sangue, le origini della nostra civiltà pittorica : "Voi sapete che, verso l’anno 400 della nostra era, gli abitanti della Germania e della Russia, vale a dire gli uomini più liberi, più intrepidi, più crudeli che la storia ricordi, ebbero l’idea di venire ad abitare la Francia e l’Italia./ Ecco un aspetto del loro carattere./ Aroldo, re di Danimarca, avendo fondato sulle coste della Pomerania una città di nome Julin o Jomsburg, vi aveva inviato una colonia di giovani danesi guidata da uno dei suoi guerrieri, Palna-Toke./ Questo governatore, dice la storia, proibì in modo categorico che si pronunciasse la parola paura, anche nei pericoli più imminenti. Un cittadino di Jomsburg non poteva mai cedere al numero, per soverchiante che fosse : doveva battersi fino all’ultimo respiro, senza indietreggiare di un passo. Nemmeno la prospettiva di una morte certa era una scusa.
    Moeller Van den Bruck ebbe a scrivere Contro Burckhardt, che vedeva l’arte italiana culminare nel momento del Rinascimento, egli pone l’apogeo della "classicità" italiana nell’ Italo-Germanentum, fra il tredicesimo e il quindicesimo secolo. La bellezza italiana, scrive, è nata nella Toscana etrusca, donde ha da poco invaso la Roma dei papi, la Ravenna soggetta ai Goti di Bisanzio, la Lombardia germanica e la Sicilia moresca. E’ il risultato del matrimonio fra "uno spirito toscano originario" rinascente ed influenze germaniche ancora influenze germaniche ancora fiorenti ; la si può definire come il frutto di un equilibrio fra il plasma germanico ed il carma toscano, il frutto di un equilibrio fra una vita creativa traboccante di uomori e principi d’ordine non ancora diventati convenzionali e "civilizzati.
    Particolare carattere di stravaganza (Sic !) hanno le tesi contenute nelle due opere di Woltmann I Germani in Italia e I Germani in Francia. L’idea centrale è la solita : per tutti i popoli "il loro valore di civiltà dipende dalla quantità di razza bionda che essi contengono".Vien ricordata la razza dei biondi Eraclidi, venuti a Sparta dal Nord. Vien ricordata la testimonianza del Tacito, circa la decadenza romana iniziatasi con la penuria di uomini biondi . Ma soprattutto si fa un’analisi volta a mostrare che la Rinascenza è un fatto di razza, è assai meno il risultato di una riscoperta dell’antichità classica che non della trasfusione di sangue germanico in una sostanza altrimenti infeconda ; sì che tutte le famiglie nobili di tutte le maggiori città città italiane e francesi, tutti i nomi degli esponenti più rappresentativi della civiltà italiana e francese sarebbero di origine germanica, allo stesso modo che questi ultimi nelle loro caratteristiche somatiche sempre tradirebbero qualcuno dei caratteri antropologici del dolicocefalo biondo.
    In tema di germanizzazione, si possono citare alcuni scritti antichi, che potrebbero essere da esempio, per confermare tale processo di stanziamento, degli antichi tedeschi:
    Lo storco umbro Bianconi riferisce in una sua pubblicazione, che nel 990 l'imperatore Ottone lll, dovendo remunerare alcuni baroni "Teutonici", concede loro le terre di Deruta con il titolo di nobiles de Deruta.
    In un documento del 1070 si legge una vibrata protesta dei monaci di S. Flora (città di Castello), contro le prepotenze e le usurpazioni dei Longobardi Barbolani; dal che si desume che ancora nell'anno 1070, trecento anni dopo la loro sconfitta, le masnade di arimanni Longobarde davano ancora fastidio ai prelati.
    Un documento del 1184 parla di Goti a Treviso; Boccaccio che ai suoi tempi fu un autentico giornalista, ci descrive la Treviso del '300, nella prima novella della giornata seconda, ove la piazza è piena di tedeschi e d'altra gente armata, la quale il signore di questa terra, acciò che rumor non si faccia, vi fa stare...I tedeschi da lui notati sulla piazza di Treviso erano venuti per le esaquie di un certo Arrigo, loro connazionale, e provenivano quasi certamente dalle zone collinari a nord della città come Asolo e Vittorio Veneto, dove a quei tempi le minoranze longobarde parlavano ancora il loro dialetto tedesco.
    In una cronaca da Brescia si legge che per una testimonianza legale dell'anno 769 un Goto, di nome "Stavila", cittadino Bresciano, redasse un atto secondo il diritto dei Goti; ed un'altra nel 1045, pure a Brescia, nella quale un certo "Obezo de Vico Godi", dichiarava di vivere secondo le leggi del diritto gotico.
    Questo sta a dimostrare che di Goti ne erano rimasti anche a Brescia molto tempo dopo la loro "eliminazione".
    Documenti del genere se ne trovano a quintali..!!!
    IL MUTAMENTO DEI CARATTERI PSICO SOMATICI DEGLI ITALIANI (Gualtiero Ciola)
    Lo storico inglese Edward Gibbon scriveva nel 1774 nella sua <Storia della decadenza e caduta dell'Impero Romano>, parlando della popolazione romana del basso impero: <...la statura delle persone era sempre piu piccola e il mondo romano era in effetti abitato da una moltitudine di nani, quando irruppero i giganti del Nord e migliorarono la stirpe...>
    O. Seck nella sua <Storia della fine del mondo antico> ritiene, non senza ragione, che il popolo romano nella decadenza, aveva nei tratti facciali e nella statura un tipo somatico spiccamente semitico.
    Dopo tali premesse, non c'è nessuno che possa negare il cambiamento avvenuto nella popolazione Italica all'epoca delle migrazioni-(invasioni, aggiungo io) germaniche, nella statura, che anche attualmente è, almeno nell'Italia Settentrionale, pari a quella della Germania Meridionale, e nei tratti facciali, ove il colore azzurro, grigio, verde e nocciola degli occhi è maggioritario rispetto al nero.
    Anche i capelli biondi sono relativamente frequenti, visto che anche nella Germania e nella stessa Scandinavia non sono piu maggioranza.
    Le ultime statistiche danno per il 37% dei giovani Italiani una statura media di livello nord-europeo: grazie alle migliorate condizioni dietetico-alimentari, i valori ereditari si sono nuovamente evidenziati, rivelando, con questa percentuale, quella che deve avere costituito l'apporto di sangue nordico dell'intera penisola.
    Il primo scrittore che intravide la connessione strettamente antropologica tra i Germani ed i grandi geni della rinascenza
    fu H.S. Chamberlain, che nell suo <Grundlagen des neunzehnten Jahrhunderts> (1899), affermò, un pò troppo semplicisticamente, che i protagonisti della rinascenza culturale d'Italia avevano il tipo psico-somatico proprio della stirpe germanica e che essi erano i discendenti dei Goti e dei Longobardi immigrati.
    Ancor piu chiaramente lo Schnaase, nella sua <Geschichte der bildender Kunst>, ha affermato la portata dell'influsso della psiche Germanica nella storia della cultura italiana; L. Wilfer nel 1895 ne ha ravvisato la fondamentale dimostrazione nella differenza prosottasi tra le popolazioni dell'Italia Settentrionale fittamente colonizzata da Longobardi e da altri Germani, e quelle delle province meridionali.
    Ultima modifica di GILANICO; 17-05-13 alle 13:16

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,480
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    bah. cazzate. l'italiano è un popolo estremamente misto.

    e la civiltà non dipende dal grado di "nordicità" altrimenti non si spiegherebbe come mai le prime grandi civiltà sono sorte nel medioriente e mentre i mediterranei e ibridi greci/romani elaboravano meravigliose civiltà nel nord europa della purezza bionda il massimo della civiltà era andare a caccia con arco e frecce.

    io suggerirei persino che lo splendore di un popolo diventa tale quando si arricchisce di altre civiltà, specie di quelle che in epoche precedente erano state feconde.
    un po' come roma con i greci.

    tra l'altro, una fetta cospiscua dei giovani settentrionali ha un avo meridionale o è figlia di immigrati ormai.
    quelle statistiche sul 37% lasciano il tempo che trovano.
    Ultima modifica di MaIn; 17-05-13 alle 13:30

  3. #3
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Se mai si avvererà l'Eurasia di George Orwell, sarà certamente un Eurasia di dominio maggioritario Nordico-Indoeuropeo.

  4. #4
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio
    bah. cazzate. l'italiano è un popolo estremamente misto.

    e la civiltà non dipende dal grado di "nordicità" altrimenti non si spiegherebbe come mai le prime grandi civiltà sono sorte nel medioriente e mentre i mediterranei e ibridi greci/romani elaboravano meravigliose civiltà nel nord europa della purezza bionda il massimo della civiltà era andare a caccia con arco e frecce.

    io suggerirei persino che lo splendore di un popolo diventa tale quando si arricchisce di altre civiltà, specie di quelle che in epoche precedente erano state feconde.
    un po' come roma con i greci.

    tra l'altro, una fetta cospiscua dei giovani settentrionali ha un avo meridionale o è figlia di immigrati ormai.
    quelle statistiche sul 37% lasciano il tempo che trovano.
    Ma... ne dubito guarda.. La provincia continua a rimanere ben salda, mio fratello è sposato con una Cilena, naturalizzata Svedese, e vivono Stoccolma. Gran parte degli abitanti della provincia Nordica non portano certo un antenato del sud, anche se poi, gran parte degli stessi abitanti del sud, sono in realtà Nordici del Meridione!!! Non direi che siano proprio "cazzate", l'unica cosa che toglierei in codesti scritti, è solamente l'impronta razzista, che non è da paragonale allo studio della razza. Le più grandi famiglie Patrizie-Aristocratiche di Roma, erano di provenienza indoeuropea; appunto per questo motivo, facevano di tutto per non mischiarsi con la plebe, il populino romanico, non indoeuropeo. I Latino-Falisci e gli Osco-Umbri, erano popolazioni Nordiche-Indoeuropee, che (per scelta personale), avevano deciso di vivere in altra maniera, rispetto ai loro fratelli del nord Europa; penso sia per questa maniera che gli reputavano inferiori a loro, non perché erano diversi, ma perché non vestivano come loro, non pregavano come loro, non parlavano come loro... Gli indoeuropei della Scandinavia (e limitrofi), preferirono seguire l'ideologia del conservatorismo, vivendo a contatto con la natura, come dei selvaggi, continuando le loro tradizioni piu antiche, che gli venivano tramandate da generazioni a generazioni..

  5. #5
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Concordo che gli Italiani siano un popolo estremamente misto nel suo contesto, ma l'italiano autoctono oramai sta scomparendo. L'italiano autoctono è una persona di bassa statura. Io sono anti nordista, anti germanista..

  6. #6
    Realpolitik
    Data Registrazione
    08 Jan 2013
    Messaggi
    727
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    La penisola Italiana penso sia stata la piu colpita dal ceppo nordico indoeuropeo

  7. #7
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,810
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    Concordo che gli Italiani siano un popolo estremamente misto nel suo contesto, ma l'italiano autoctono oramai sta scomparendo. L'italiano autoctono è una persona di bassa statura. Io sono anti nordista, anti germanista..


    "Italia omnium gentium parens"


    (scritto oltre duemila anni fa)
    di necessità virtù

  8. #8
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    MIGRAZIONE DEI GERMANI IN EUROPA.
    Ultima modifica di GILANICO; 19-05-13 alle 21:09

  9. #9
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,512
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    100

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Citazione Originariamente Scritto da Maria Vittoria Visualizza Messaggio
    "Italia omnium gentium parens"


    (scritto oltre duemila anni fa)
    Forse, è anche per questo motivo che il popolo non è mai stato realmente unito, formando, di conseguenza, una vera Nazione. Mentre un Tedesco può vantare un "Germanesimo" con lingua e tradizioni abbastanza omogenee dal mare del Nord al Sud Tirolo, un Francese può appellarsi a suoi piacere ai Franchi o ai Galli, un Italiano non ha altra tradizione di quella della sua regione, che è poi la sua patria. Il principe di Metternich, definiva l'Italia <una espressione geografica>, significando con ciò negare ogni presupposto al costituire in essa una ""Nazione"". Gualtiero Ciola, all'interno del suo libro...
    von Dekken likes this.

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    1,166
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: La germanica italia (addio italiani!)

    Citazione Originariamente Scritto da GILANICO Visualizza Messaggio
    Le più grandi famiglie Patrizie-Aristocratiche di Roma, erano di provenienza indoeuropea; appunto per questo motivo, facevano di tutto per non mischiarsi con la plebe, il populino romanico, non indoeuropeo.
    Scusa, ma su quale base dici che il popolo romano non era indoeuropeo? Intendi di lingua o di etnia? Perché indoeuropeo è una categoria linguistica, non etnica ed il popolo romano parlava latino, una lingua indoeuropea; non solo, ma la tradizione vuole che i gruppi etnici che maggiormente concorsero alla nascita ed allo sviluppo di Roma furono quello albano-latino e poi quello sabino, quindi osco-umbro, quindi linguisticamente indoeuropeo.
    Ci fu un significativo apporto etrusco ma di elite, vedi i Re etruschi, l'influenza della cultura etrusca a Roma nella religione, nel diritto, nei simboli (fascio, sella curule etc), nell'agrimensura e così via e questo fu un apporto da parte di un popolo non parlante una lingua indoeuropea, ma fu elitario, non popolano.
    Quindi non capisco come fai a dire che il popolo romano non era indoeuropeo e cosa intendi di preciso. Cesare parlava latino ed anche il popolano parlava latino.

    Per quanto riguarda la Scandinavia ed in genere il nord Europa, io penso che siano stati indoeurpeizzate (linguisticamente) in tempi più recenti di altre parti d'Europa, vedi il caso della Finlandia e dell'Estonia, che non parlano lingue indoeuropee ma dove trovi gente perfettamente alta e bionda, oltre che lapponi che a loro volta non parlano una lingua indoeuropea.
    Ultima modifica di Tular; 21-05-13 alle 20:32

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Padania celtica e germanica
    Di Erlembaldo nel forum Padania!
    Risposte: 389
    Ultimo Messaggio: 26-02-19, 00:39
  2. 2 - PNM - Confederazione Germanica
    Di Andrea I Nemesi (POL) nel forum FantaTermometro
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 15-07-07, 20:49
  3. Scippatori italiani dovunque: via i ladri italiani dall'Italia?
    Di Myrddin-Merlino nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-07-07, 09:51
  4. Addio Bossi-Fini. Addio Italia.
    Di legio_taurinensis nel forum Destra Radicale
    Risposte: 82
    Ultimo Messaggio: 01-05-07, 13:41
  5. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 17-06-04, 19:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226