User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15
Like Tree5Likes

Discussione: Padania al collasso.

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,605
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Padania al collasso.

    Le regioni del Nord al collasso

    L’evoluta Padania, è uno fra i territori più inquinati e caotici del pianeta dove il consumo, di farmaci, psicofarmaci, antidepressivi e di cocaina, sono a livelli impensabili e allarmanti. Lo dice il “Rapporto Osservasalute 2010″ dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Un dato, che misura nel merito, il grado felicità (oramai sotto lo zero) di questo popolo e il suo livello di frustrazione e repressione.

    Una condizione patologica grave, dal potere destabilizzante che, per reazione relativa a un singolare spirito autoconservazione dai connotati psichiatrici, finisce per innescare pulsioni secessioniste, odio razziale, manie di persecuzione.
    L’assenza poi di una cultura fortificante, solidale e socializzante, tradisce ogni forma di consapevolezza, annullando così ogni gratificante e rigenerante impulso di autostima. Per tanto, parlare di evoluzione del popolo padano, è a dir poco sconcertante.

    Vorrei inoltre ricordare ai signori della Padania che, in soli cinquant’anni, hanno trasformato il loro territorio in un deserto. Pesticidi, diserbanti, antiparassitari e intrugli chimici di ogni genere, hanno per sempre resa sterile la terra, un tempo, più fertile e produttiva del nostro paese. L’uso e l’abuso, poi, di tonnellate di fertilizzanti, di concimi chimici, e alimenti dopati per uso animale, fanno dei prodotti di questa terra, quanto di più inquietante potremmo trovare sulle nostre tavole.

    Nell’acqua usata per irrigare campi e prati, sono disperse percentuali inimmaginabili di diossina, metalli pesanti, arsenico, pcb, clorurati, e un’infinita varietà di veleni industriali che una moltitudine di fabbriche fumanti riversano nei fiumi, trasformandoli in cloache a cielo aperto. La loro flatulenza e miasmi, si mescola con l’aria circostante già pregna di CO2 e fumi tossici di ogni natura.
    L’Adriatico, a partire dal golfo di Trieste in giù, fino a Bari, è uno fra i mari più inquinati del pianeta. Come non potrebbe essere diversamente, quando la più grande industria chimica d’Europa, vanto dei padani, ha sede nel caotico Nord?
    In questa enorme vasca da bagno, si riversano alcuni dei fiumi più tossici d’Europa e del globo terraqueo. Il Po’, fiore all’occhiello della Lega e meta di riti pagano-comici, accoglie nel suo percorso verso l’Adriatico, affluenti come, il Lambro, l’Olona, il Ticino, l’Adda, l’Oglio, il Mincio, l’Adda, il Sesia, l’Arno (una vera fogna) ecc.., e infiniti rigagnoli e torrentelli che con il loro carico di bombe chimiche (pcb, diserbanti, pesticidi, fertilizzanti & C.), vanno ad aggiungersi alle flatulenze e miasmi del “Grande fiume” padano.

    Tutta questa merda chimica (e mortale), finisce come lo scarico di un grande cesso “nell’Adriatico selvaggio che erboso “era” come i pascoli dei monti”.
    Se a tutto questo, aggiungiamo gli infiniti scarichi delle stazioni balneari, e le tonnellate di abbronzanti, creme rassodanti, snellenti, tonificanti e rivitalizzanti ( trionfo della chimica) che milioni di bagnanti senza speranza, cospargono sui loro corpi deformati da anni di sedentarietà invalidante al chiuso di asfittici e mortificanti uffici e di malsane fabbriche fumanti, allora, ogni speranza a trascorrere una vacanza salutare e rigenerante, viene miseramente disattesa.
    Non possiamo non considerare, nonostante la loro natura biologica, migliaia di ettolitri di urina, sputacchi e scorregge che pur mimetizzandosi fra le torbide acque, concorrono ad elevare la percentuale di inquinamento del “Grande Stagno”.

    Ciò nonostante e per un perverso meccanismo introdotto dal “profitto ad ogni costo”, che sulla mistificazione della realtà ha mercificato ogni cosa e valore, il litorale adriatico è costellato da “bandiere blu” a certificare il massimo livello di qualità di queste mete turistiche e di uno svago senza precedenti.
    L’Italia del Nord, ha inoltre il primato e il vanto di ospitare la più grande industria chimica d’Europa. Tradizioni e folclore di un tempo, si sono ridotti ad una fotocopia sbiadita, ad una festa volgare e patetica, dove il vociare scomposto riflette una realtà miserevole e in decomposizione, “e la gioia, per lo più, é assente – essa, sola ha disertato la festa”.Una gran parte dei prodotti di questo territorio sono OGM. Parlare di evoluzione del popolo padano, è a dir poco sconcertante. Da una sommaria osservazione dei “volti” e, dell’aspetto in generale di alcuni fra i suoi più eminenti rappresentanti (Maroni, Bossi, Speroni, Borghezio, Calderoli, Trota e amici), viene più facile pensare ad una mutazione genetica degenerativa. Poveri Celti!!

    Vorrei anche sfatare il luogo comune che li vuole lavoratori instancabili e indefessi, ricordando loro che, la fatica dell’uomo veramente evoluto, è l’espressione della sua volontà e della sua conoscenza che, in virtù di tradizioni millenarie e nel rispetto della natura e delle sue leggi, si esercita e si esprime con la sola forza delle braccia e con l’umiltà della bellezza.
    Quella delle società industrializzate, in verità, non è che una moderna forma di schiavitù – un lavoro a perdere; l’applicazione sterile, privata di ogni contenuto rigeneratore e gratificante; l’illusione di esseri liberi, in una società che opprime.
    Tutto questo, è il risultato di un’ignoranza coltivata nel tempo e di un arrogante infantilismo che, nel razzismo e nell’omofobia, fa esplodere tutta la sua violenza giustizialista, espressione di assenza di consapevolezza e di cultura.

    Presto, quando la disoccupazione nel settore dell’industria, raggiungerà livelli tali, da spazzare via ogni dubbio sulla gravità della situazione attuale, dovremo essere in grado di riconvertire lavoro in fatica, la subdola tecnologia in manualità specializzata e l’arido apprendimento nell’ancestrale conoscenza. Sono questi i soli strumenti idonei e indispensabili per sopravvivere ad una tragedia annunciata da tempo, dalle persone ragionevoli.
    La pianura Padana, presto, presenterà il “conto” ai suoi abitanti che, ahimé, non sapranno onorare.
    http://www.stampalibera.com/?p=63317

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio

    La pianura Padana, presto, presenterà il “conto” ai suoi abitanti che, ahimé, non sapranno onorare.
    http://www.stampalibera.com/?p=63317
    Aspetto quel giorno per godermi lo spettacolo.
    Quayag likes this.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    29,647
    Mentioned
    271 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Vorrei sapere chi ha scritto quelle idiozie...non penso Max.
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,701
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Mentre a napoli, roma, bari, palermo,... ecc è tutto un fiorire di virtù, droga e violenza non esistono, l'ambiente è integro come 2000 anni fa, le città costruite in bioedilizia senza traffico e smog, per non parlare del mare...


    ... e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    Mentre a napoli, roma, bari, palermo,... ecc è tutto un fiorire di virtù, droga e violenza non esistono, l'ambiente è integro come 2000 anni fa, le città costruite in bioedilizia senza traffico e smog, per non parlare del mare...


    ... e poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata
    ... perché da loro è effettivamente come 2000 anni fa, nulla è cambiato. Stesse virtù ...
    sciadurel and Quayag like this.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #6
    tra Baltico e Adige
    Data Registrazione
    05 Apr 2009
    Località
    terra dei cachi
    Messaggi
    9,567
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    Le regioni del Nord al collasso

    L’evoluta Padania, è uno fra i territori più inquinati e caotici del pianeta dove il consumo, di farmaci, psicofarmaci, antidepressivi e di cocaina, sono a livelli impensabili e allarmanti. Lo dice il “Rapporto Osservasalute 2010″ dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Un dato, che misura nel merito, il grado felicità (oramai sotto lo zero) di questo popolo e il suo livello di frustrazione e repressione.

    Una condizione patologica grave, dal potere destabilizzante che, per reazione relativa a un singolare spirito autoconservazione dai connotati psichiatrici, finisce per innescare pulsioni secessioniste, odio razziale, manie di persecuzione.
    L’assenza poi di una cultura fortificante, solidale e socializzante, tradisce ogni forma di consapevolezza, annullando così ogni gratificante e rigenerante impulso di autostima. Per tanto, parlare di evoluzione del popolo padano, è a dir poco sconcertante.

    Vorrei inoltre ricordare ai signori della Padania che, in soli cinquant’anni, hanno trasformato il loro territorio in un deserto. Pesticidi, diserbanti, antiparassitari e intrugli chimici di ogni genere, hanno per sempre resa sterile la terra, un tempo, più fertile e produttiva del nostro paese. L’uso e l’abuso, poi, di tonnellate di fertilizzanti, di concimi chimici, e alimenti dopati per uso animale, fanno dei prodotti di questa terra, quanto di più inquietante potremmo trovare sulle nostre tavole.

    Nell’acqua usata per irrigare campi e prati, sono disperse percentuali inimmaginabili di diossina, metalli pesanti, arsenico, pcb, clorurati, e un’infinita varietà di veleni industriali che una moltitudine di fabbriche fumanti riversano nei fiumi, trasformandoli in cloache a cielo aperto. La loro flatulenza e miasmi, si mescola con l’aria circostante già pregna di CO2 e fumi tossici di ogni natura.
    L’Adriatico, a partire dal golfo di Trieste in giù, fino a Bari, è uno fra i mari più inquinati del pianeta. Come non potrebbe essere diversamente, quando la più grande industria chimica d’Europa, vanto dei padani, ha sede nel caotico Nord?
    In questa enorme vasca da bagno, si riversano alcuni dei fiumi più tossici d’Europa e del globo terraqueo. Il Po’, fiore all’occhiello della Lega e meta di riti pagano-comici, accoglie nel suo percorso verso l’Adriatico, affluenti come, il Lambro, l’Olona, il Ticino, l’Adda, l’Oglio, il Mincio, l’Adda, il Sesia, l’Arno (una vera fogna) ecc.., e infiniti rigagnoli e torrentelli che con il loro carico di bombe chimiche (pcb, diserbanti, pesticidi, fertilizzanti & C.), vanno ad aggiungersi alle flatulenze e miasmi del “Grande fiume” padano.

    Tutta questa merda chimica (e mortale), finisce come lo scarico di un grande cesso “nell’Adriatico selvaggio che erboso “era” come i pascoli dei monti”.
    Se a tutto questo, aggiungiamo gli infiniti scarichi delle stazioni balneari, e le tonnellate di abbronzanti, creme rassodanti, snellenti, tonificanti e rivitalizzanti ( trionfo della chimica) che milioni di bagnanti senza speranza, cospargono sui loro corpi deformati da anni di sedentarietà invalidante al chiuso di asfittici e mortificanti uffici e di malsane fabbriche fumanti, allora, ogni speranza a trascorrere una vacanza salutare e rigenerante, viene miseramente disattesa.
    Non possiamo non considerare, nonostante la loro natura biologica, migliaia di ettolitri di urina, sputacchi e scorregge che pur mimetizzandosi fra le torbide acque, concorrono ad elevare la percentuale di inquinamento del “Grande Stagno”.

    Ciò nonostante e per un perverso meccanismo introdotto dal “profitto ad ogni costo”, che sulla mistificazione della realtà ha mercificato ogni cosa e valore, il litorale adriatico è costellato da “bandiere blu” a certificare il massimo livello di qualità di queste mete turistiche e di uno svago senza precedenti.
    L’Italia del Nord, ha inoltre il primato e il vanto di ospitare la più grande industria chimica d’Europa. Tradizioni e folclore di un tempo, si sono ridotti ad una fotocopia sbiadita, ad una festa volgare e patetica, dove il vociare scomposto riflette una realtà miserevole e in decomposizione, “e la gioia, per lo più, é assente – essa, sola ha disertato la festa”.Una gran parte dei prodotti di questo territorio sono OGM. Parlare di evoluzione del popolo padano, è a dir poco sconcertante. Da una sommaria osservazione dei “volti” e, dell’aspetto in generale di alcuni fra i suoi più eminenti rappresentanti (Maroni, Bossi, Speroni, Borghezio, Calderoli, Trota e amici), viene più facile pensare ad una mutazione genetica degenerativa. Poveri Celti!!

    Vorrei anche sfatare il luogo comune che li vuole lavoratori instancabili e indefessi, ricordando loro che, la fatica dell’uomo veramente evoluto, è l’espressione della sua volontà e della sua conoscenza che, in virtù di tradizioni millenarie e nel rispetto della natura e delle sue leggi, si esercita e si esprime con la sola forza delle braccia e con l’umiltà della bellezza.
    Quella delle società industrializzate, in verità, non è che una moderna forma di schiavitù – un lavoro a perdere; l’applicazione sterile, privata di ogni contenuto rigeneratore e gratificante; l’illusione di esseri liberi, in una società che opprime.
    Tutto questo, è il risultato di un’ignoranza coltivata nel tempo e di un arrogante infantilismo che, nel razzismo e nell’omofobia, fa esplodere tutta la sua violenza giustizialista, espressione di assenza di consapevolezza e di cultura.

    Presto, quando la disoccupazione nel settore dell’industria, raggiungerà livelli tali, da spazzare via ogni dubbio sulla gravità della situazione attuale, dovremo essere in grado di riconvertire lavoro in fatica, la subdola tecnologia in manualità specializzata e l’arido apprendimento nell’ancestrale conoscenza. Sono questi i soli strumenti idonei e indispensabili per sopravvivere ad una tragedia annunciata da tempo, dalle persone ragionevoli.
    La pianura Padana, presto, presenterà il “conto” ai suoi abitanti che, ahimé, non sapranno onorare.
    http://www.stampalibera.com/?p=63317
    Certo che ne ha di disprezzo per i settentrionali, credo sia un'ottima cosa, e sarà anche meglio se incomincerà a disprezzare anche i soldi del nord rifiutandoli.

    Ma per quelli ha sicuramente un amore incondizionato, sto vergognoso ipocrita.
    ventunsettembre and attila621 like this.



  7. #7
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,150
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    no. Maxadhego è un uomo all'antica, come il suicida di Notre-Dame, autore del bel gesto gettato in faccia ai Filistei. appartiene alla civiltà dell'onore, non a quella del peccato.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Località
    San Gottardo
    Messaggi
    29,647
    Mentioned
    271 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Ho visto.
    L'autore dell'articolo fogna e' un certo Tirelli (cognome padano)che da 18 anni e' andato a vivere in calabria.......di fatto un rinnegato....chiarito tutto......
    Possiamo concludere che tutto il peggio che succede in Italia e' dovuto alle elites PD ed al vaticano?
    Stupri, attentati, invasione, fallimenti, disoccupazione, emergenza sociale, denatalita',violenza verbale , suicidi, omicidi....

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,993
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    Citazione Originariamente Scritto da animal Visualizza Messaggio
    Ho visto.
    L'autore dell'articolo fogna e' un certo Tirelli (cognome padano)che da 18 anni e' andato a vivere in calabria.......di fatto un rinnegato....chiarito tutto......
    Ha trovato una nuova famiglia, buon per lui.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    2,333
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Padania al collasso.

    E' un articolo pieno d'odio, i classici e noti luoghi comuni pieni zeppi di pregiudizi e di analisi infantili e di una semplicità tale da rasentare l'idiozia umana.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 30-03-11, 15:17
  2. Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 12-03-08, 14:22
  3. Collasso
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 10-11-05, 17:21
  4. Collasso
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 10-11-05, 13:41
  5. Ultimi Sondaggi: Lega Nord Padania al 51%. Nasce la Padania
    Di Vecio-Fighèl nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 06-07-05, 11:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226