Centrostudi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 53/13 del 29 maggio 2013, Santa Maria Maddalena de Pazzi
Rassegna stampa del 29.05.2013
REPETITA IUVANT: Lamoltiplicazione degli errori di Bergoglio
Un’affermazione di Bergoglio di incredibile gravità è passatasotto silenzio: la rendiamo pubblica e aspettiamo la risposta di chi preferiscearrampicarsi sugli specchi invece di testimoniare la verità.
- Secondo iVangeli, Cristo ha più volte sfamato migliaia di persone con pochi pani epesci. Per Bergoglio non si trattò di una moltiplicazione. Si trattò almeno diun miracolo, naturalmente inspiegabile? Bergoglio si guarda dall'affermarlo.Resta la spiegazione dell'esegeta modernista scomunicato Loisy: "Per ilLoisy la moltiplicazione dei pani è una allegoria mistica (benché sia riportataanche da tutti e tre i Sinottici) e simboleggia la stessa dottrina delsuccessivo discorso di Gesù sul pane vivo; ma né la moltiplicazione né ildiscorso sono realtà storiche" (Giuseppe Ricciotti, Vita di Gesù Cristo,n. 372).
- Jorge M.Bergoglio, 17 maggio 2013, Città in Vaticano: “(…) In particolare in quello deipani e dei pesci, i quali “non si moltiplicarono” - ha spiegato - ma“semplicemente non finirono, come non finì la farina e l’olio della vedova.Quando uno dice ‘moltiplicare’ può confondersi e credere che faccia una magia…No, semplicemente è la grandezza di Dio e dell’amore che ha messo nel nostrocuore, che, se vogliamo, quello che possediamo non termina (…)”.
http://www.zenit.org/it/articles/papa-francesco-si-vendano-le-chiese-per-dare-da-mangiare-ai-piu-poveri
- Proposizionen. 14 condannata dal Sant’Uffizio col decreto Lamentabili del 7 luglio 1907:“Gli Evangelisti riferirono in molte narrazioni non tanto ciò cheeffettivamente accadde, quanto ciò che essi ritennero maggiormente utile ailettori, ancorché falso”.
Armenofobia
8/5/2013 - “Siete diventati troppo numerosi”.Assalto a fuoco a Istanbul contro i cristiani armeni - Tre uomini nonidentificati hanno sparato sette colpi di arma da fuoco davanti alla chiesaarmena ortodossa Surp Hovhannes a Istanbul, creando il panico tra i fedeli. Treuomini non identificati hanno sparato sette colpi di arma da fuoco davanti allachiesa armena ortodossa Surp Hovhannes a Istanbul, creando il panico tra ifedeli. L’attacco è avvenuto domenica scorsa alle 12.30, mentre i cristianierano riuniti in chiesa per celebrare la Pasqua. «Siete diventati tropponumerosi» avrebbero gridato gli uomini prima di sparare, secondo il patriarcaarmeno ortodosso di Istanbul Aram Atseyan, il quale ha rivelato che lo stessogiorno un cristiano è stato assalito davanti alla chiesa di un quartierevicino. «Questi attacchi hanno come obiettivo quello di spaventare la nostracomunità cristiana e quelle delle altre minoranze». Gli ultimi attacchiarrivano appena una settimana dopo quelli avvenuti in altre chiese. Il 27aprile scorso un gruppo di 40 persone ha preso di mira la chiesa evangelicaNuovo Spirito, che doveva aprire in un quartiere a ovest di Istanbul, «gettandopietre e spaccando i vetri ma non sono riusciti ad entrare», riporta uncomunicato delle chiese protestanti della Turchia. Il 28 aprile scorso, lastessa sorte è toccata alla chiesa greca-ortodossa Ayois Ionis, vandalizzata daun gruppo di giovani turchi. In Turchia ci sono circa 51.870 cristiani su unapopolazione di oltre 70 milioni di abitanti. Ancora oggi i cristiani sonospesso apostrofati con il termine “javur”, [infedeli], e considerati allastregua di «stranieri che introducono costumi occidentali, nocivi all’integritàdell’Islam, e che fanno proseliti soprattutto tra i giovani». La Turchia si stasempre di più radicalizzando con la svolta islamista del premier Erdogan. Oltreal recente divieto per le hostess della compagnia aerea Turkish Airlines diusare il rossetto e lo smalto, fa discutere la proposta allo studio di unacommissione parlamentare di trasformare di nuovo la Cattedrale di Santa Sofia,oggi museo, in una moschea.
http://www.comunitaarmena.it/comunita/comunicati/tempi%20080513.html
Casalingofobia
16/5/2013 - ''L'Italia ètappezzata di manifesti con donne discinte e ammiccanti. Tutto si vendeattraverso il corpo delle donne. In tv i modelli sono quelli della casalinga odella donna seminuda. Da lì alla violenza, il passo è breve''. Lo ha detto la presidente dellaCamera, Laura Boldrini, ad un convegno a Roma sulla violenza sulle donne.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2013/05/16/Boldrini-pericolosa-pubblicita-ose-_8716332.html
Paesi Bassi sempre più in basso
22/5/2013 -Venerdì scorso in Olanda è stata riconosciuto ufficialmente il primo caso dipoligamia “legale” in Europa. Victor de Brujin (46 anni) ha sposato sia Bianca(31 ani) che Mirjan (35 anni) in una cerimonia davanti a un notaio che haregistrato la loro unione civile. Ne da’ notizia il “Brussels Journal”. “Amosia Bianca che Mirjam, così le sposo tutte e due” ha detto Victor. Era sposatogià con Bianca; due anni e mezzo fa hanno incontrato Mirjam Geven grazie a unachat box su Internet. Due mesi più tardi Mirjam ha lasciato suo marito perandare a vivere con Victor r Bianca. “Un matrimonio fra tre persone non èpossibile in Olanda, ma un’unione civile sì. Siamo andati dal notaio, vestitida sposi, e abbiamo scambiato gli anelli. Pensiamo che questo sia solo unnormale matrimonio”. Olanda e Belgio sono stati i primi Paesi a dare pienidiritti di matrimonio agli omosessuali, aprendo così la strada a forme legali diversedal matrimonio fra un uomo e una donna.
http://www.lastampa.it/2013/05/22/blogs/san-pietro-e-dintorni/poligamia-in-olanda-legale-NFoNaNuClU5EfIoPtDBNwL/pagina.html

All’Ikea inversione di tendenza
22/5/2013 - “Ikea non licenzia causa crisi. Non è successonemmeno l’anno scorso, quando in effetti c’è stata una flessione del fatturato.Piuttosto, per garantire il livello occupazionale, Ikea ha escogitato nuoveformule. Ad esempio? I trasferimenti su base volontaria. Oppure le formulepart-time con la possibilità di fare un tot di mesi a tempo praticamente pienoe un tot di mesi a zero ore. (…) Novità di questi giorni per i dipendentil’estensione dei benefit già previsti per le convivenze matrimoniali anche allecoppie di fatto (che si tratti di gay, lesbiche, bisessuali o transessuali nonfa differenza).
http://www.romagnanoi.it/news/home/1187940/L-Ikea-pensa-anche-a-gay.html

Gli Aperirom andranno a ruba?
23/5/2013 - Milano ècittà di stilisti. E anche se la settimana della moda è passata da un pezzo,c’è sempre l’occasione per far debuttare un giovane emergente, magari un futuroArmani. O, nel caso di oggi, per dare spazio a qualcosa di ancora piùinaspettato, una sfilata di «ostumi e creazioni di moda rom. Con l’unicadifferenza che a investire nell’iniziativa non è un’azienda in cerca del nuovoValentino, ma un’agenzia governativa dipendente dai Ministeri per le Pariopportunità e per l’Integrazione. L’Ufficio nazionale anti discriminazionerazziale (Unar) ha finanziato la data, ultima di cinque tenutesi tra la secondametà dello scorso anno e l’inizio del 2013, per sensibilizzare e combattere ipregiudizi e gli stereotipi nei confronti dei rom e sinti e camminanti», con lacampagna Dosta!, termine romanes che significa Basta. Un’intera giornata,patrocinata dalla Commissione europea e anche dalla giunta arancione diGiuliano Pisapia, dedicata alla cultura di un popolo che in Italia conta140mila persone. Le iniziative previste comprendono un dibattito, la proiezionedel docufilm Miracolo alla Scala, un aperirom,un concerto e una sfilata di moda con costumi rom e macedoni. L’idea dell’Unar,nata nel 2011 e concretizzatasi durante il 2012, quando nei Ministeri dicompetenza sedevano Elsa Fornero e Andrea Riccardi, è nata con l’intenzione difavorire l’integrazione aumentando il livello di conoscenza della cultura rom esinti da parte della cittadinanza. (…)
http://www.liberoquotidiano.it/news/milano/1248174/La-sfilata-di-moda-dei-rom--la-fanno-pagare-a-noi.html
Link dell’evento: http://www.etuquantizingariconosci.com/eventi/milano

Gay scout
24/5/2013 - Storicasvolta negli Usa: i ragazzi apertamente gay potranno fare gli scout. Dopo annidi dibattito, i Boy Scout d'America (BSA) hanno deciso di eliminare il bandoche finora impediva a chi era apertamente omosessuale di farne parte. Unadecisione difficile, presa dai circa 1.400 delegati riuniti nel Congresso nazionaledi Grapevine, in Texas.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2013/05/24/Usa-boy-scout-aprono-ragazzi-gay_8757309.html

Maledetta primavera
28/5/2013 - Primaveraaraba è un nome sbagliato, non è stata una primavera, ma un oceanicospargimento di sangue. Molti sono stati i morti ma quelli che perdono di piùsono i cristiani...». Elias Chacour, arcivescovo di Akka, San Giovanni d'Acri,e Tolemaide dei Greco-Melkiti è il capo della più grande comunità di arabicristiani cattolici in Israele, che conta 80mila fedeli, 32 parrocchie e 28sacerdoti. (…) «Non so perché la "primavera" araba, che non è statauna primavera perché io non ho visto crescere il verde e i frutti, abbiaprovocato così tanti morti. Il vescovo caldeo negli Stati Uniti orientali,Ibrahim Ibrahim, mi ha detto che i 4000 cristiani caldei di Detroit sonodiventati 130mila, perché tanti sono scappati dai Paesi dove vivevano. Michiedo: perché l'Occidente non interviene di fronte a ciò che sta accadendo inSiria? 160 piccoli villaggi abitati da cristiani sono stati completamentesvuotati. In tanti stanno scappando in Libano, non sappiamo quanti siano. Hovisto il nostro vescovo di Damasco piangere come un bambino: ogni cristiano inSiria ha bisogno del nostro aiuto, di ogni pezzo di pane, di ogni bicchiered'acqua...». Per l'arcivescovo Chacour quanto accaduto negli ultimi anni inTunisia, Egitto, Libia e Siria rappresenta «un cambiamento nella storiaislamica, prima infatti c'erano lotte di potere al vertice che noncoinvolgevano il popolo. Non eravamo contenti - dice - con i regimi totalitari,ma non lo siamo neanche oggi, anche per il rischio che si finisca per applicarela sharia, la legge islamica, che sarebbe esecrabile. Non sappiamo che cosasuccederà nel lungo periodo».(…)
«Nella primavera araba i cristiani sono quelli che hanno perso di più» - Vatican Insider

Integrazione o devastazione?
28/5/2013 - Attimi di pauravenerdì sera in via del Porto a Cattolica. Un uomo, armato di bastone, hainiziato a prendere di mira le auto parcheggiate, mandando in frantumi quattrospecchietti. Il tutto è successo intorno alle 22 e ad assistere alla scenac’erano decine di persone spaventate. Quando qualcuno dei testimoni dell’attimodi follia ha provato a dirgli qualcosa per placare la sua furia, l’uomo,probabilmente senegalese, ha iniziato a urlare «italiani di m...» e altriinsulti. A uno dei passanti ha anche lanciato un sasso, senza però colpirlo,provocando un fuggifuggi generale. La paura è stata tanta perché il pensieropresumibilmente portava ai tragici fatti di Milano di alcuni giorni fa. Il raidè durato qualche minuto e a colpi di bastone lo straniero ha danneggiatodiverse auto. Alcuni dei proprietari delle macchine ammaccate e con glispecchietti frantumati hanno sporto denuncia ai carabinieri della tenenza diCattolica. La sera stessa, i passanti avevano chiamato il 112 per segnalarequello che stava combinando l’uomo ma quando la pattuglia è arrivata l’uomo siera dileguato.
http://www.corriereromagna.it/rimini/cattolica-valconca/2013-05-28/devasta-le-auto-colpi-di-bastone-paura-cattolica

___________________________________
http://www.centrostudifederici.org/