User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,576
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    103

    Predefinito MAFIA IN LOMBARDIA (Un Cancro tutto Italiano)

    La partita con la mafia poteva essere chiusa molti anni fa e invece…”. Parole amare quelle pronunciate al Corriere della Sera l’11 gennaio scorso da Carlo Macrì, ex sostituto procuratore nazionale antimafia e attuale procuratore generale di Ancona.
    Invece… la Lombardia è la quarta regione italiana per immobili sequestrati alla criminalità organizzata, dopo Sicilia, Calabria e Campania, ed è seconda classificata per numero di fatti di reato riguardanti l’estorsione (336), superata solo dalla Campania (468). Dalla relazione della Direzione investigativa antimafia (Dia) del primo semestre 2011 risulta che il numero di reati è in netto aumento rispetto a quanto riscontrato nel secondo semestre del 2010, dove risultavano essere 286. Bisogna però tenere conto che “l’elaborazione dei dati consente di condensare soltanto uno spaccato, peraltro limitato, di una realtà molto complessa, la cui esatta dimensione non è ancora perfettamente definibile, essendo in gran parte afflitta da reati sommersi, la cui mancata denuncia è strettamente connessa con il timore e la ritrosia delle vittime di estorsione e di usura.
    In Lombardia le varie organizzazioni criminali si sono spartite città e comuni e hanno siglato accordi di pace con le mafie straniere: romeni, albanesi, nigeriani e cinesi.
    Dall’analisi svolta dal Servizio centrale operativo della polizia di Stato e dai carabinieri del Raggruppamento operativo speciale risulta che la presenza più massiccia nel capoluogo lombardo è costituita dalla ‘ndrangheta: costruzioni edili (nolo a freddo e movimentazione terra), traffico di rifiuti, appalti pubblici e subappalti al sistema sanitario, ecomafie, ma anche alberghi e ristoranti. E naturalmente il narcotraffico.
    La Dia, sempre nella relazione del primo semestre 2011, non usa mezzi termini nel definire la situazione: “La Lombardia, per la sua densità demografica, la sua importanza economico-finanziaria, le sue potenzialità di sviluppo, la sua prossimità al confine elvetico si connota come regione di vitale importanza nel panorama nazionale, polo d’attrazione per gli illeciti interessi della criminalità di ogni tipo”. La relazione spiega anche in che modo la mafia siciliana e la ‘ndrangheta siano riuscite a infiltrarsi nel tessuto sociale: “La realizzazione degli scopi delle associazioni mafiose non passa necessariamente per l’occupazione del territorio e l’intimidazione ma per la pratica dell’avvicinamento/assoggettamento (spesso cosciente e consenziente) di soggetti legati negli stessi luoghi da comunanza di interessi, come ad esempio gli imprenditori edili operanti nella zona dove maggiore è l’influenza del gruppo criminale o, ancora, politici e amministratori pubblici disposti a sottoscrivere patti di connivenza per tornaconto elettorale o economico”.
    La relazione riporta inoltre che l’attività della ‘ndrangheta è organizzata dalle ‘ndrine locali (accertate 16 tra Milano, Como, la Brianza e Pavia).
    “Qua in Lombardia siamo cinquecento uomini, Cecè; non siamo uno”, riferisce Saverio Minasi, capo della ‘locale’ di Bresso, a Vincenzo Raccosta della ‘locale’ di Oppido Marmetina in Calabria. Nei comuni di Buccinasco (definita ‘la Platì del nord’) e Cernusco sul Naviglio si sono insediate le cosche storiche calabresi: Talia, Bruzzaniti, Barbaro e Papalia, questi ultimi poi condannati in primo grado per aver conquistato con l’intimidazione il settore del movimento terra. A Lecco è presente la potente cosca dei Coco Trovato, mentre a Monza spiccano i clan Mancuso, Iamonte, Arena e Mazzaferro. A Varese il dominio spetta alla cosca di Catanzaro dei Farao Marincola, mentre a Brescia e Bergamo (ma anche a Sondrio e Como) quella dei Bellocco di Reggio Calabria. Per quanto riguarda Brescia e Bergamo, la Dia riporta: “Passate attività di indagini nei confronti di personaggi affiliati alla ‘ndrangheta calabrese presenti nel bergamasco e nel bresciano, hanno evidenziato come tali soggetti abbiano fatto riferimento alle cosche dei luoghi di provenienza per risolvere le reciproche controversie e per ricevere direttive sulle varie attività da svolgere, non esitando ad associarsi tra loro, a seconda delle diverse esigenze operative. Alla presenza di tali gruppi è legato il fenomeno delle estorsioni ad alcune attività commerciali, in particolare locali notturni e dei recuperi crediti svolti facendo leva sulla forza di intimidazione derivante dall’appartenere alla criminalità meridionale.
    Tali gruppi criminali sono inoltre particolarmente attivi nel settore dell’edilizia dove svolgono anche l’attività di intermediazione abusiva di manodopera (il caporalato, n.d.a.), attraverso cui riescono a inserirsi nelle attività imprenditoriali e ad acquisire la gestione dei cantieri edili”.
    La Dia non parla più di ‘infiltrazioni’, ma utilizza il termine ‘colonizzazione’, espansione in un nuovo territorio, e la ‘ndrangheta in Lombardia è diventata col tempo un’organizzazione con un certo grado di dipendenza dalla casa madre, con la quale continua comunque a tenere rapporti molti stretti. “Linguaggi, riti, doti, tipologia di reati sono tipici della criminalità della terra d’origine e sono stati trapiantati in Lombardia dove la ‘ndrangheta si è trasferita con il proprio bagaglio di violenza […]. L’attività investigativa testimonia della presenza e della capillare diffusione della ‘ndrangheta nell’area lombarda certamente a far tempo dagli anni ’80”.
    La prima famiglia di ‘ndrangheta di cui si abbia notizia in Lombardia è quella di Giacomo Zagari, proveniente da San Ferdinando, nella Piana di Gioia Tauro, trasferitosi nel 1954 prima a Galliate Lombardo e poi a Buguggiate (Varese). Suo figlio diventerà poi un superpentito, testimone chiave del maxi-processo ‘Isola Felice’, alla fine del quale furono disposti sette ergastoli e oltre 600 anni di carcere a 52 imputati. Si ritiene che tra gli anni Sessanta e Settanta almeno 400 uomini delle cosche arrivarono nelle province di Milano, Varese, Como, Lecco, Brescia e Pavia. Il primo sequestro di persona di cui si abbia notizia in Lombardia è quello di Pietro Torielli junior, rapito il 18 dicembre del 1972 a Vigevano (rilasciato dopo il pagamento di un riscatto di 1,5 miliardi di vecchie lire). Tra i condannati c’è anche il boss corleonese Luciano Liggio. Tra il 1974 e il 1983 sono ben 103 i sequestri organizzati da Cosa nostra e ‘ndrangheta in Lombardia. Centinaia le aziende minacciate, ricattate, vittime di estorsioni.
    In Lombardia la mafia è in grado di far convergere su un determinato politico almeno 500mila voti. “La mafia al nord controlla il 5% dei voti”, afferma Nicola Gratteri, procuratore aggiunto a Reggio Calabria, il 29 novembre scorso nel programma condotto da Gianluigi Nuzzi, Gli intoccabili. “Con il sistema elettorale attuale – ha aggiunto Gratteri – basta spostare il 10-15% dei voti tra destra e sinistra per eleggere un sindaco […]. Nelle nostre indagini fino a vent’anni fa era la mafia che portava pacchetti di voti ai politici. Negli ultimi 3-4 anni, invece, abbiamo dimostrato che sono i politici ad andare a casa dei capimafia a chiedere pacchetti di voti in cambio di appalti”.
    L’operazione del marzo 2011 denominata ‘Redux Caposaldo’, con 35 arresti e sequestri di beni per 2,5 milioni di euro, mostra come la ‘ndrangheta sia in grado di creare veri e propri serbatoi di voti in cambio di concessioni e favori all’interno delle giunte locali.

    MAFIE STRANIERE IN ITALIA:


    Leggete anche quello che c'è scritto all'interno di questo sito: Libera - Libera - Internazionale - Mafie straniere
    Ultima modifica di GILANICO; 30-05-13 alle 22:46

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    in silenzio
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    14,823
    Mentioned
    82 Post(s)
    Tagged
    17 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    192

    Predefinito Re: MAFIA IN LOMBARDIA (Un Cancro tutto Italiano)

    l'influenza delle mafie è inversamente proporzionale alla partecipazione diretta del popolo nella definizione di programmi elettorali europei.
    di necessità virtù

  3. #3
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,576
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    103

    Predefinito Re: MAFIA IN LOMBARDIA (Un Cancro tutto Italiano)

    Citazione Originariamente Scritto da Maria Vittoria Visualizza Messaggio
    l'influenza delle mafie è inversamente proporzionale alla partecipazione diretta del popolo nella definizione di programmi elettorali europei.
    Quello che suppone lei, va nettamente in contrasto con la scarsissima affluenza di voto che c'è qui in Italia, per non parlare dei programmi elettorali Europei..
    Ultima modifica di GILANICO; 31-05-13 alle 14:46

  4. #4
    AUTO-MODERATORE
    Data Registrazione
    17 Sep 2012
    Località
    Orumbovo - Cisalpino - Italico - Pianeta Terra
    Messaggi
    8,576
    Mentioned
    58 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    103

    Predefinito Re: MAFIA IN LOMBARDIA (Un Cancro tutto Italiano)

    La Mafia, esercita il suo potere, soprattutto dove ci sono i soldi, anche se le basi ancestrali di codeste organizzazioni criminali italiane, stanno tutte al sud..

 

 

Discussioni Simili

  1. in lombardia c'è anche la mafia degli aborti???
    Di WANDA nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 10-06-08, 19:05
  2. Mire convergenti? Eterno inciucio, cancro italiano!
    Di Bianca Zucchero nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-12-05, 19:56
  3. La Mafia Del Cancro !
    Di padus996 (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-10-02, 19:05

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226