User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Cavaliere d'oro
    Data Registrazione
    12 Dec 2003
    Località
    L'ultima ridotta d'Italia
    Messaggi
    13,879
     Likes dati
    3,668
     Like avuti
    1,628
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Patriarcato di Costantinopoli

    Salve a tutti,
    penso sia meglio chiarire innanzitutto il mio pensiero, così se vescovo silvano riterrà necessario cancella la discussione e non se ne parli più. Io sono agnostico, al più deista, nel senso che "spero" possa esistere un Ente Supremo o qualcosa di simile, un qualche tipo di coscienza, se non esistenza, dopo la morte, ecc., ma non credo ciecamente per dogmi e di sicuro non a quello di nicea o alle, be' userei una parolaccia, ma avete capito cosa intendo, sull'infallibilità papale et similia.

    D'altro canto però riconosco l'enorme valore politico della religione, qui in questa terra e nel nostro tempo, non in un confuso al di là del quale nessuno sa nulla.

    Ora, cosa ne pensate voi Ortodossi tradizionali dello stato attuale miserando, e ormai tale da 600 anni, del patriarcato ortodosso di Costantinopoli? E cosa ne pensereste se si riuscisse a ripristinare, non dirò l'antico impero bizantino sulle due sponde dell'Egeo, ma almeno un robusto ingrandimento greco con fine totale dell'esperienza turca in Europa e nell'Asia Minore, status indipendente, simil vaticano ma esteso fino alle mura teodosiane per costantinopoli sotto il controllo del patriarca; la Siria ai nestoriani, il Libano ai maroniti, l'Egitto ai copti, il nord africa o almeno la Tunisia ai donatisti. Israele rimarrebbe agli israeliti ebraici, e l'islam sarebbe scacciato da quasi tutto il bacino del Mediterraneo.
    So che siete tradizionalisti, ma sapete bene quanto sia illusorio già QUESTO scenario, quindi non venite a parlare di melchitismo, che già è stato causa non ultima della separazione di queste regioni dall'impero bizantino e dalla cristianità. Ad ognuno la setta, o eresia se preferite, maggiormente in auge nel determinato territorio.
    Quando le armi saranno fuorilegge, solo i fuorilegge avranno le armi

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    18 Apr 2010
    Località
    Pistoia fraz.San Felice
    Messaggi
    2,420
     Likes dati
    0
     Like avuti
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    Questo forum è aperto davvero a TUTTI, purchè siano divili ed educati.
    Rispondo come posso alla tua domanda. Personalmente penso che l'agnosticismo il deismo etc... sono frutto di un annuncio del Vangelo fatto male. O fatto per il potere, o fatto per collusioni col potere civili (e, attenzione, non era l'ideale di Costantinopoli Impero Romano d'Oriente dove si parlava di sinfonia non di collusione per loschi interessi. Nei tempi migliori i migliori imperatori non hanno avuto pausa a deporre Patriarchi indegni e i Patriarchi non hanno avuto paura a scomunicare Imperatore eretici...ma questo funziona solo quando ci sono patriarchi degni ed imperatori degni. e questo non sempre avviene. ma a Bisanzio avveniva più spesso che non soi pensi con buona pace di chi ha voluto darne una immagine sempre distorta.) Se Cristo viene annunciato come si deve ci si accorge che il Dio Cristiano non è un qualcosa di assoluto che ci deve essere per giustificare il mondo. ma Qualcuno di cui si ha una esperienza personale, con cui si intraprende un dialogo e questa è la fede. Ma il discorso è lungo, ma le consiglio un libro su questo argomento che, secondo me è bellissimo e, quando dubitavo, mi ha aperto molti orizzonti (sa, anche i religiosi talvolta dubitano!): YANNARAS CHRISTOS - conto la religione - edizioni Qiqaion - Bose.
    Andando oltre i sogno che delinea è un sogno. Oggi la religione deve esser vissuta all'interno di stati laici (non laicisti) che non ne abbracciano nessuna e le difendono tutte sapendo apprezzarne i valori che possono dare alla società civile e bloccandole quando vanno fuori del loro ambito proprio. D'altra parte lo stato laico sa ascoltare i religiosi quando lo richiamano, in nome dei valori, a doveri trascurati o richiamano i politici appartenenti alla loro religione ai doveri che hanno di testimoniarla nel mondo pubblico con coerenza.
    Im questo stato oggi si può testimoniare la fede e l'Italia non è ancora questo stato, anzi è più lontano da esserlo di quel che sembri.
    L'Islam non è pericoloso in se, è pericoloso nel suo fanatismo ed integralismo. All'epoca dei Califfi cristiani ed islamici convivevano in pace, basti pensare che il padre, cristiano, di S.Giovanni Damasceno del governo arabo. Ed erano frequenti le discussioni (pacifiche) tra gli arabi mussulmani colti ed i cristiani.
    Certo, per quanto riguarda la Turchia, specie se vuole entrare in Europa, dovrebbe fare un gesto simbolico: restitiire Santa Sofia e S. Salvatore in Cosa che non sono state trasformate o non lo sono più in Moschee, ai Cristiani Ortodossi perchè ci possano officiare ortodossi di ogni giurisdizione e denominazione. Sarebbe un gesto che indicherebbe che sono laici, non laicisti perché anche il laicismo è una forma di integralismo e di fanatismo.
    Per quanto riguarda il Patriarcato dovrebbe mantenere il Fanar ma come sede Simbolica dove andare ogni tanto, il Patriarcato dovrebbe diventare anche Primate di Grecia la quale dovrebbe rinunciare alla sua autocefalia e smettere di creare quai come ho ampianebte dimostrato nel mio libro che sta per uscire per "Il Cerchio" di Rimini.

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Jun 2012
    Località
    Orotelli (NU)
    Messaggi
    114
     Likes dati
    0
     Like avuti
    16
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    Restaurare l'impero romano d'oriente é ormai un sogno lontano, l'impero ha ormai esaurito la sua funzione storica e ritengo che i greci debbano guardare avanti e non vivere di nostalgia per il passato, poi la situazione etnica dell'Anatolia, a cominciare dalla sconfitta bizantina di Manzikert del 1071 e a finire colla cacciata dei greci del 1923, é cambiata per sempre. Riguardo al rapporto di "sinfonia" tra chiesa e impero, per me le cose sono state meno "sinfoniche" di ció che dice la Chiesa Ortodossa oggi; é vero che ci sono stati imperatori che hanno fatto del bene alla Chiesa (San Costantino, Costantino IV Pogonato e l'imperatrice Irene, madre di Costantino VI, tanto per fare dei nomi), ma altri hanno fatto veramente dei danni come ad esempio Leone III Isaurico, iniziatore della contesa iconoclasta. Io credo che il potere civile debba generalmente rimanere fuori dalle questioni ecclesiastiche e religiose e intervenire in casi eccezionali, come nel caso dell'imperatore del sacro romano impero Sigismondo, grazie al cui intervento é finito lo scisma d'occidente (mi pare che avesse convocato il concilio di Costanza nel XV secolo). Ma l'imperatore d'oriente si credeva ieréus kái basiléus!
    Riguardo alla Turchia, ritengo che essa deve entrare a far parte dell'Unione Europea, peró:
    1) come dice sua Eccellenza, deve restituire Santa Sofia e le altre chiese via via sottratte dal 1453 all'ortodossia in quanto non sono cosa sua;
    2) deve riconoscere i massacri degli Armeni del 1915 e dei nestoriani alla fine del XIX secolo, rimediando per quanto si puó;
    3) garantire una vera libertá religiosa anche a chi non é musulmano.

  4. #4
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,885
     Likes dati
    2,423
     Like avuti
    14,806
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    Vedendo come si sviluppa la situazione nella attuale Turchia islamista di Erdogan, temo che la situazione dei pochi cristiani rimasti in Anatolia e a Costantinopoli debba purtroppo peggiorare, fortunatamente la fine del comunismo ha ridato vigore all'Ortodossia nell'Europa dell'est, soprattutto alla Russia e al patriarcato di Mosca che rimane per tutti gli ortodossi del mondo il massimo punto di riferimento. Il patriarcato ecumenico di Costantinopoli rimane un'isola in mezzo ad un tormentoso mare islamico, dobbiamo essere vicino a SS Bartolomeo I° e ai pochi cristiani rimasti in quella che una volta era il centro della cristianità.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  5. #5
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,885
     Likes dati
    2,423
     Like avuti
    14,806
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    +BARTOLOMEO I
    PER MISERICORDIA DI DIO
    ARCIVESCOVO DI COSTANTINOPOLI, NUOVA ROMA
    E PATRIARCA ECUMENICO
    A TUTTO IL PLEROMA DELLA CHIESA
    GRAZIA, PACE E MISERICORDIA
    DA PARTE DI CRISTO SALVATORE GLORIOSAMENTE RISORTO


    Fratelli Concelebranti e Figli amati nel Signore,

    Cristo è risorto!

    Noi tutti fedeli Ortodossi festeggiamo anche quest’anno con gioia la Resurrezione del Signore nostro Gesù Cristo e cantiamo: “Festeggiamo la morte della morte, la distruzione dell’Ade, di un’altra vita la primizia eterna, e tripudianti cantiamo Colui che ne è la causa”. (Tropario del Canone della Resurrezione).
    E mentre noi con gioia festeggiamo la Resurrezione del Signore, quale realtà di vita e di speranza, attorno a noi, nel mondo, sentiamo le grida e le minacce della morte, che lanciano da molti punti della terra, coloro i quali credono di poter risolvere le differenze degli uomini con l’uccisione degli avversari, fatto che costituisce anche la più grande dimostrazione della loro debolezza. Infatti, attraverso la provocazione della morte del prossimo, attraverso la vendetta contro l’altro, il diverso, il mondo non migliora, né si risolvono i problemi degli uomini. D’altra parte è riconosciuto e da tutti risaputo, e particolarmente dagli uomini pensanti di ogni epoca, che il male viene vinto attraverso il bene e mai attraverso il male.
    I problemi si risolvono in verità col riconoscere e l’onorare il valore della persona e col rispetto dei suoi diritti. Al contrario invece, i problemi di ogni sorta vengono provocati e inaspriti dal disprezzo della persona umana e dalla violazione dei suoi diritti, soprattutto del debole, il quale deve poter sentirsi sicuro ed il forte deve essere giusto perché ci sia pace.
    Ma Cristo è risorto dai morti e ha dimostrato in questo modo la impossibilità della morte di prevalere e di provocare un mutamento costante nel mondo. Le situazioni createsi con la morte sono controvertibili, poiché, malgrado gli eventi, sono momentanee, non hanno radice e linfa, mentre è sempre presente invisibilmente, colui che ha vinto la morte per sempre, Cristo.
    Noi, che abbiamo la nostra speranza in Lui, crediamo che il diritto della vita appartenga a tutti gli uomini. La Vita e la Resurrezione sono offerti da colui che ha calpestato la morte e il suo potere sugli uomini, Cristo Gesù e in Lui solo e nel Suo insegnamento l’uomo deve sperare. La fede in Cristo conduce alla Resurrezione, alla Resurrezione di tutti noi, la fede e la realizzazione del suo insegnamento nella nostra vita portano alla salvezza di tutti noi, ma anche ad affrontare i nostri problemi nel mondo.
    Fratelli e figli,
    Il messaggio della Resurrezione, questo superamento della debolezza umana, sono il proclama della vita di fronte alla corruzione del mondo e alle vicissitudine degli esseri umani e a questo dal Patriarcato Ecumenico, noi, in quanto Primate per misericordia di Dio, dell’amore Ortodosso in verità, invitiamo ogni uomo a riconoscerlo e a viverlo, ritenendo che solo attraverso di lui, si ritroverà la “nostra speranza rubata” dalla confusione umana e di tutto il mondo.
    Dio voglia che la luce della Resurrezione illumini i cuori di tutti, per rallegrarsi insieme col proprio prossimo in amore, pace e concordia nel Figlio e Logos di Dio, il quale è la Luce del mondo, la Verità e la Vita.
    A Lui solo, il Signore della gloria, il Risorto dai morti, il “signore della vita e dominatore della morte”, colui che vive nei secoli e “dona la vita ai giacenti nei sepolcri”, sia la gloria, l’onore e la gratitudine. Amen.

    Fanar, Santa Pasqua 2015Il Patriarca di CostantinopoliFervente intercessore verso il Cristo Risortodi voi tutti

    Sacra Arcidiocesi Ortodossa d'Italia e Malta
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  6. #6
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,885
     Likes dati
    2,423
     Like avuti
    14,806
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  7. #7
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,885
     Likes dati
    2,423
     Like avuti
    14,806
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: Patriarcato di Costantinopoli

    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

 

 

Discussioni Simili

  1. PATRIARCATO DI ANTIOCHIA
    Di Aj Maxam nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 01-02-16, 18:43
  2. Patriarcato d'occidente
    Di Ambrosiano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 17-09-07, 18:43
  3. Il Patriarcato Ecumenico
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 29-09-05, 14:35
  4. patriarcato di antiochia
    Di catholikos nel forum Cattolici
    Risposte: 59
    Ultimo Messaggio: 17-08-05, 15:10
  5. Patriarcato di Antiochia
    Di catholikos nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-08-05, 19:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •