User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    116,658
    Mentioned
    138 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Cari amici, navigando su internet cercando di risolvere il mio problema (la brescianofobia), mi sono imbattuto nella enciclopedia Treccani, che mi ha spiegato che gli uomini nsono come i gatti.

    Avete presente che i gatti randagi hanno paura dell'uomo e scappano terrorizzati mentre i gatti nati in casa sono dei coccoloni che ti si strusciano contro?

    La differenza la fa l'infanzia del gattino.
    Il gattino che nel primo mese è coccolato dall'0uomo non avrà paura dell'uomo, il gattino che non ha avuto rapporti con gli uomini è omofobo (nel senso anche di donnofobo, non equivocate fratelli xenofobi, il gatto omofobo è il gatto che vede nell'uomo un pericolo potenziale e quindi monm si fa accarezzare ma scappa)

    Lo stesso vale per gli amici xenofoibi, è a otto mesi che si diventa xenofobo, se l'infanzia è infelice. In pratica secondo Mahler ed altri il vostro problema è colpa della mamma, amici xenofobi

    Xenofobia in ?Enciclopedia delle Scienze Sociali? ? Treccani

    3. Le radici psicologiche della paura dello straniero

    Gli psicologi hanno dedicato molti studi alla reazione di rifiuto dello straniero da parte di chi fa parte di un gruppo, formulando varie ipotesi, e hanno osservato altresì come si manifesta questa reazione nella prima infanzia.
    Due indicazioni sembrano particolarmente utili in proposito. La prima è data dall'ipotesi di Sigmund Freud (v., 1921) secondo la quale l'identificazione dell'individuo in un gruppo, che si accompagna a manifestazioni di xenofobia, al pregiudizio negativo nei confronti degli altri gruppi e dei loro membri, avrebbe la sua fonte nell'invidia originaria che ogni bambino prova nei confronti del nuovo fratello. La seconda indicazione è data dal resoconto della cosiddetta crisi dell'ottavo mese nella vita psicologica del bambino (v. Mahler e altri, 1975).Freud collega lo spirito di gruppo e l'avversione per lo straniero all'ostilità, generata da un sentimento di minaccia e di abbandono, con cui il bambino accoglie i fratelli che sembrano sottrargli l'affetto e le cure dei genitori, un'ostilità che comporta pesanti costi psicologici e che il bambino cerca quindi di superare.
    Questo sentimento scomodo e penoso può essere abbandonato solo con un forte investimento in una diversa direzione, e cioè attraverso l'identificazione con gli altri bambini non appartenenti alla famiglia, che negli anni successivi si consolida con l'appartenenza a un gruppo di pari, a una classe scolastica. Secondo Freud (v., 1921; tr. it., p. 308), "ciò che in seguito troviamo operante nella società come spirito comunitario, spirito di corpo, ecc. non smentisce la propria provenienza dall'invidia originaria [...]. Il senso sociale poggia [...] sul volgersi di un sentimento ostile, inizialmente, in un attaccamento caratterizzato in senso positivo, la cui natura è quella dell'identificazione".
    Quanto alla reazione del bambino di fronte a chi non fa parte di coloro che normalmente si occupano di lui, di fronte a un estraneo, sappiamo che l'andamento della 'crisi dell'ottavo mese' è collegato al decorso più o meno soddisfacente della fase simbiotica, cioè del periodo passato in totale dipendenza dalla madre o dalla principale figura che si è presa cura di lui. Nel processo di individuazione-separazione che ha luogo nel primo anno di vita del bambino, la sua reazione all'estraneo appare strettamente collegata al conseguimento di una buona fiducia di base. Se il bambino ha avuto esperienze serene e appaganti nel suo rapporto con la madre, se si è abituato a pensare che i suoi bisogni fondamentali vengono soddisfatti, se ha maturato una tranquilla fiducia nei confronti di chi si occupa di lui e del suo ambiente, l'arrivo di un estraneo lo stupirà e lo preoccuperà sempre in qualche misura, gli metterà un po' di paura, ma prevarranno in lui la curiosità, l'interesse e il desiderio di esplorazione. Il contrario accade quando il bambino non abbia avuto modo di sviluppare una sufficiente fiducia di base: in questo caso la reazione sarà di angoscia, paura, spesso di panico. Ma anche in queste condizioni di sofferenza e rifiuto, il bambino dimostra sempre una certa misura di curiosità e di attrazione.
    L'immutabilità dell'emozione viene confermata da questo tipo di osservazioni sperimentali, e il contesto della conferma è molto eloquente per chi si interroga sulla xenofobia. Anche se immutabile e ambivalente,l'emozione originata dall'ingresso dell'estraneo ha maggiori probabilità di essere vissuta prevalentemente in termini positivi, come avventura, gradita innovazione, gioco, scoperta, quanto più il bambino ha avuto esperienze gratificanti, tranquillizzanti, che lo hanno felicemente predisposto verso la vita.
    Al contrario l'incontro con l'estraneo ha maggiori probabilità di essere vissuto in termini negativi, come fonte di minaccia e pericolo, quanto più lo sviluppo del bambino ha conosciuto difficoltà, e in particolare quanto meno la fase simbiotica con la madre è stata felice, generatrice di fiducia. In ogni caso, l'ambivalenza verso lo straniero è ben evidente e non scompare mai: anche se angosciato, il bambino manifesta una qualche curiosità per l'estraneo, così come, anche quando l'attrazione e la voglia di esplorare prevalgono, non manca mai, sullo sfondo, una certa preoccupazione
    Ultima modifica di brunik; 20-06-13 alle 11:56
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    alias Bestia Nera
    Data Registrazione
    14 Jul 2010
    Località
    Provincia di Fiume (Carnaro)
    Messaggi
    1,866
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    Cari amici, navigando su internet cercando di risolvere il mio problema (la brescianofobia), mi sono imbattuto nella enciclopedia Treccani, che mi ha spiegato che gli uomini nsono come i gatti.

    Avete presente che i gatti randagi hanno paura dell'uomo e scappano terrorizzati mentre i gatti nati in casa sono dei coccoloni che ti si strusciano contro?

    La differenza la fa l'infanzia del gattino.

    Lo stesso vale per gli amici xenofoibi, è a otto mesi che si diventa xenofobo, se l'infanzia è infelice. In pratica secondo Mahler ed altri il vostro problema è colpa della mamma, amici xenofobi

    Xenofobia in ?Enciclopedia delle Scienze Sociali? ? Treccani

    3. Le radici psicologiche della paura dello straniero

    Gli psicologi hanno dedicato molti studi alla reazione di rifiuto dello straniero da parte di chi fa parte di un gruppo, formulando varie ipotesi, e hanno osservato altresì come si manifesta questa reazione nella prima infanzia.
    Due indicazioni sembrano particolarmente utili in proposito. La prima è data dall'ipotesi di Sigmund Freud (v., 1921) secondo la quale l'identificazione dell'individuo in un gruppo, che si accompagna a manifestazioni di xenofobia, al pregiudizio negativo nei confronti degli altri gruppi e dei loro membri, avrebbe la sua fonte nell'invidia originaria che ogni bambino prova nei confronti del nuovo fratello. La seconda indicazione è data dal resoconto della cosiddetta crisi dell'ottavo mese nella vita psicologica del bambino (v. Mahler e altri, 1975).Freud collega lo spirito di gruppo e l'avversione per lo straniero all'ostilità, generata da un sentimento di minaccia e di abbandono, con cui il bambino accoglie i fratelli che sembrano sottrargli l'affetto e le cure dei genitori, un'ostilità che comporta pesanti costi psicologici e che il bambino cerca quindi di superare.
    Questo sentimento scomodo e penoso può essere abbandonato solo con un forte investimento in una diversa direzione, e cioè attraverso l'identificazione con gli altri bambini non appartenenti alla famiglia, che negli anni successivi si consolida con l'appartenenza a un gruppo di pari, a una classe scolastica. Secondo Freud (v., 1921; tr. it., p. 308), "ciò che in seguito troviamo operante nella società come spirito comunitario, spirito di corpo, ecc. non smentisce la propria provenienza dall'invidia originaria [...]. Il senso sociale poggia [...] sul volgersi di un sentimento ostile, inizialmente, in un attaccamento caratterizzato in senso positivo, la cui natura è quella dell'identificazione".
    Quanto alla reazione del bambino di fronte a chi non fa parte di coloro che normalmente si occupano di lui, di fronte a un estraneo, sappiamo che l'andamento della 'crisi dell'ottavo mese' è collegato al decorso più o meno soddisfacente della fase simbiotica, cioè del periodo passato in totale dipendenza dalla madre o dalla principale figura che si è presa cura di lui. Nel processo di individuazione-separazione che ha luogo nel primo anno di vita del bambino, la sua reazione all'estraneo appare strettamente collegata al conseguimento di una buona fiducia di base. Se il bambino ha avuto esperienze serene e appaganti nel suo rapporto con la madre, se si è abituato a pensare che i suoi bisogni fondamentali vengono soddisfatti, se ha maturato una tranquilla fiducia nei confronti di chi si occupa di lui e del suo ambiente, l'arrivo di un estraneo lo stupirà e lo preoccuperà sempre in qualche misura, gli metterà un po' di paura, ma prevarranno in lui la curiosità, l'interesse e il desiderio di esplorazione. Il contrario accade quando il bambino non abbia avuto modo di sviluppare una sufficiente fiducia di base: in questo caso la reazione sarà di angoscia, paura, spesso di panico. Ma anche in queste condizioni di sofferenza e rifiuto, il bambino dimostra sempre una certa misura di curiosità e di attrazione.
    L'immutabilità dell'emozione viene confermata da questo tipo di osservazioni sperimentali, e il contesto della conferma è molto eloquente per chi si interroga sulla xenofobia. Anche se immutabile e ambivalente,l'emozione originata dall'ingresso dell'estraneo ha maggiori probabilità di essere vissuta prevalentemente in termini positivi, come avventura, gradita innovazione, gioco, scoperta, quanto più il bambino ha avuto esperienze gratificanti, tranquillizzanti, che lo hanno felicemente predisposto verso la vita.
    Al contrario l'incontro con l'estraneo ha maggiori probabilità di essere vissuto in termini negativi, come fonte di minaccia e pericolo, quanto più lo sviluppo del bambino ha conosciuto difficoltà, e in particolare quanto meno la fase simbiotica con la madre è stata felice, generatrice di fiducia. In ogni caso, l'ambivalenza verso lo straniero è ben evidente e non scompare mai: anche se angosciato, il bambino manifesta una qualche curiosità per l'estraneo, così come, anche quando l'attrazione e la voglia di esplorare prevalgono, non manca mai, sullo sfondo, una certa preoccupazione
    Ecco il simpatico perculatore. Simpatico in senso ironico.
    Generale del Regio Esercito e responsabile di crimini di guerra sul fronte jugoslavo al comando della 2a Armata
    TITO BOIA

  3. #3
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    116,658
    Mentioned
    138 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da Roatta Mario Visualizza Messaggio
    Ecco il simpatico perculatore. Simpatico in senso ironico.
    purtroppo la Treccani ci spiega da cosa nasce la xenofobia ma non ci dice se e come si possa curare questo disturbo psichico.

    Pero' sono contento che mia madre mi abbia trattato bene da piccolo, penso che il mio problema sia venuto in una fase successiva all'ottavo mese perché non odio tutti gli stranieri ma solo i bresciani.
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

  4. #4
    alias Bestia Nera
    Data Registrazione
    14 Jul 2010
    Località
    Provincia di Fiume (Carnaro)
    Messaggi
    1,866
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    purtroppo la Treccani ci spiega da cosa nasce la xenofobia ma non ci dice se e come si possa curare questo disturbo psichico.

    Pero' sono contento che mia madre mi abbia trattato bene da piccolo, penso che il mio problema sia venuto in una fase successiva all'ottavo mese perché non odio tutti gli stranieri ma solo i bresciani.
    Di problemi ne hai ben più di uno
    Generale del Regio Esercito e responsabile di crimini di guerra sul fronte jugoslavo al comando della 2a Armata
    TITO BOIA

  5. #5
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    116,658
    Mentioned
    138 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da Roatta Mario Visualizza Messaggio
    Di problemi ne hai ben più di uno
    La differenza tra me e te è che io il mio problema lo affronto, tu invece il tuo lo neghi disperatamente. Come tutti gli xenofobi, del resto

    Anche i gatti randagi quando di notte si trovano in strada a litigare dicono che ad essere pazzi sono i gatti domestici che non sanno cosa rischiano a contatto con l'uomo
    Ultima modifica di brunik; 20-06-13 alle 12:13
    lo rimpiangerete, Renzi, KOGLIONI

  6. #6
    alias Bestia Nera
    Data Registrazione
    14 Jul 2010
    Località
    Provincia di Fiume (Carnaro)
    Messaggi
    1,866
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio
    La differenza tra me e te è che io il mio problema lo affronto, tu invece il tuo lo neghi disperatamente. Come tutti gli xenofobi, del resto

    Anche i gatti randagi quando di notte si trovano in strada a litigare dicono che ad essere pazzi sono i gatti domestici che non sanno cosa rischiano a contatto con l'uomo
    hai poco da pigliar per il culo nelle tue condizioni. Tra l'altro sta discussione va spostata perchè non c'entra nulla con la cronaca
    Generale del Regio Esercito e responsabile di crimini di guerra sul fronte jugoslavo al comando della 2a Armata
    TITO BOIA

  7. #7
    Ipocrita non si può dire
    Data Registrazione
    06 Oct 2011
    Messaggi
    35,640
    Mentioned
    315 Post(s)
    Tagged
    22 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Citazione Originariamente Scritto da brunik Visualizza Messaggio

    Pero' sono contento che mia madre mi abbia trattato bene da piccolo, penso che il mio problema sia venuto in una fase successiva all'ottavo mese perché non odio tutti gli stranieri ma solo i bresciani.
    Tranquillo amico, odiare i bresciani non solo è normale ma è anche giusto.
    e come possiamo escludere l'ipotesi che i druidi fossero migliori medici dei medici odierni? (darksunshine)

  8. #8
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,478
    Mentioned
    344 Post(s)
    Tagged
    28 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Re: Enciclopedia Treccani : tutta la verità sugli xenofobi

    Sbagli, per dire che devono stare a Brescia non c'è nessun bisogno di odiarli.

    Per esempio io non sono mai emigrato da Parma eppure non odio i parmigiani.
    " Solo i Sith ragionano per assoluti. "
    " Si ! "

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 05-12-09, 20:24
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-11-09, 18:52
  3. Fascisti islamici. Tutta la verità nient'altro che la verità.
    Di costantino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 31-08-06, 14:19
  4. Tutta la verità sugli USA: il mito della violenza
    Di Squalo nel forum Politica Estera
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 16-05-06, 23:18
  5. Sparare sugli xenofobi? D'accordo 9 italiani su 10.
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-08-04, 12:08

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225