User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19
Like Tree4Likes

Discussione: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambiente

  1. #1
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambiente

    apro la seduta di presentazione dei DDL, il Governo è invitato a presentare la sua proposta

    durerà fino al 29 di Giugno
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,071
    Mentioned
    882 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    In qualità di ministro del governo Occidentale presento il seguente disegno di legge appovato nel Consiglio dei ministri
    DDL del governo Occidentale Sull'ambiente e sulla gestione dei rifiuti
    Preambolo
    La gestione dei rifiuti è un tema apparentemente banale e di ordinaria amministrazione ma che in realtà banale non è ne tantomeno facile da gestire implicando in realtà una decisa capacità di gestione politica del servizio. Sono ben noti infatti i disastr prodotti da ormai venti anni in certe regioni dell’Italia dalla pessima gestione del servizio dei rifiuti come ad esempio in Campania dove manca quasi totalmente una raccolta differenziata ed abbondano le discariche illegali gestite dalla camorra mentre quelle legali si limitano di fatto ad un solo inceneritore totalmente insufficiente per il territorio al punto da trovare un'unica soluzione nel trasferimento continuo in paesi esteri dei rifiuti prodotti nel territorio. Quello però è solo il caso di punta perché sia pure con punte meno critiche lo stesso problema di incapacità a gestore nel territorio i rifiuti d si ripresenta in altre regioni a cominciare dal Lazio dove ugualmente il territorio non riesce a programmare una seria raccolta differenziata e finisce per trovarsi in una situazione in cui le discariche non sono piu sufficienti.
    Il Presente disegno di legge si propone pertanto di promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-utilizzo
    spostare risorse dallo smaltimento e dall’incenerimento verso la riduzione, il riuso e il riciclo
    limitare progressivamente il ricorso crescente alle pratiche di smaltimento dei rifiuti distruttiv e dei materiali tenendo però conto di un minimo di realismo che sconsiglia l’abolizione immediata degli inceneritori esistenti nelle zone che gestiscono i rifiuti in situazioni di emergenza e che non sarebbero comunque in grado di passare in tempi brevi alla raccolta differenziata dei rifiuti
    ridurre progressivamente il conferimento in discarica e l'incenerimento
    Introdurre forme di cooperazione tra Comuni per la raccolta porta a porta e la filiera di trattamento al fine di sviluppare l'occupazione locale in bacini di piccola-media dimensione, che favoriscano le attività di produzione e commercializzazione di materiali e prodotti derivati da riciclo e recupero di materia.

    Dispositivo

    Articolo 1

    Lo stato e le regioni privilegiano ed incentivano (anche attraverso gli incentivi fiscali ai territori che ne fanno uso) il sistema di gestione dei rifiuti basato sulla raccolta differenziata e sulla raccolta porta a porta rispetto al sistema basato sugli inceneritori che non possono godere di tali sistemi di incentivazione. Restano però in uso gli inceneritori esistenti nei territori e nelle regioni in cui la gestione dei rifiuti è in forte stato di difficoltà .
    Vengono inoltre vietati i sistemi di gestione dei rifiuti basati unicamente sul trasferimento all’estero dei rifiuti prodotti nel territorio salvo un periodo transitorio per zone che si trovano emergenza ambientale periodo transitorio che però non puo’ superare un anno.
    L'articolo 2,Raccolta differenziata”, indica il criterio generale nell’organizzare la raccolta differenziata domiciliare di tipo mono-materiale o multi-materiale “leggera” e le frazioni comprese ed escluse dalla raccolta differenziata domiciliare, i criteri generali di calcolo della raccolta differenziata in modo sia da creare la minor forbice possibile fra raccolta differenziata e riciclo, forbice oggi troppo ampia, sia da evitare forzate assimilazioni di rifiuti speciali, che già prima erano inviati a riciclo, ai soli fini di aumentare le rese di raccolta differenziata, e infine stabilisce i tempi entro cui gli enti locali dovranno adeguare i regolamenti ed il meccanismo dei poteri sostitutivi in caso di inadempienza.
    L'articolo 3, “Iva agevolata”, disciplina la riduzione dell'IVA da applicarsi ai beni e materiali oggetto di riuso e riciclaggio ai fini di dare loro maggiore competitività economica rispetto ai beni prodotti con materiale vergine, e destina parte dell’IVA legata a questi beni alla riconversione del sistema di gestione dei rifiuti.
    L'articolo 4, “Revoca degli incentivi all'incenerimento”, abolisce tutti gli incentivi all’incenerimento, essendo questa pratica equiparata allo smaltimento o al massimo al recupero di energia che si trova al di sotto di qualsiasi forma di recupero di materia nella scale delle priorità della gestione dei rifiuti, e pertanto pratica da ritenersi residuale e in via di esaurimento.
    L'articolo 6, “Revoca dei contratti di fornitura”, introduce l'obbligo di rinegoziazione di tutti i contratti di fornitura sottoscritti dai Comuni nei confronti di tutte le tipologie di impianti di cui all'art. 5, i cui gestori potranno ottenere una nuova autorizzazione aderendo ad un “Patto di Riconversione Impiantistica”, attivato dal Ministero dell'Ambiente, per la riconversione degli impianti di cui all'art. 5 in nuovi impianti di trattamento di riciclo/recupero di frazioni differenziate di materia prodotte nello stesso bacino di riferimento.Si prevede l'esclusione da qualsiasi appalto per la gestione complessiva dei materiali post-utilizzo dei soggetti indicati al comma 1 che non aderiranno al “Patto di riconversione impiantistica” che è parte di un più vasto “Programma di riconversione impiantistica industriale”.
    L'articolo 7, “Divieto di smaltimento dei rifiuti riusabili, riciclabili, e non trattati.”, dispone la revoca e il decadimento delle autorizzazioni ad inviare in discarica o incenerire frazioni di rifiuti riusabili, riciclabili e compostabili, sia che provengano delle raccolte differenziate, sia dagli scarti di selezione delle raccolte differenziate, ma con ancora potenzialità di riciclaggio, sia dal trattamento del rifiuto residuale, ma recuperate come materia sia al fine di riciclaggio sia perché utilizzabili in quanto materia. Pone il divieto di depositare in discarica rifiuti biologicamente non stabilizzati.
    L'articolo 8,Divieto di esportazione dei rifiuti”, dispone la revoca delle norme in materia di autorizzazione all'esportazione dei rifiuti non riciclabili sia urbani che speciali fuori regione, concedendo una deroga limitata alle regioni in cui sia stata deliberato lo stato di emergenza per la gestione dei rifiuti dal Consiglio dei ministri, ma limitatamente ai rifiuti speciali non pericolosi ed ai rifiuti urbani non trattati da inviare ad impianti per esclusivo recupero di materia, e non oltre i due anni di tempo per adeguare l’impiantistica. Pone il divieto di esportare fuori i confini della UE rifiuti pericolosi, anche riciclabili, in particolare quelli identificati con la sigla RAEE. Fanno eccezione per un periodo transitorio i comuni e le regioni che si trovano emergenza ambientale periodo transitorio che però non puo’ superare un anno.
    L'articolo 9, “Divieto di diluizione e di riciclo delle scorie di incenerimento”, dispone il divieto di utilizzo diretto o di diluizione delle scorie e delle ceneri da combustione/incenerimento con altri materiali ai fini del riciclo, evitando che prodotti che possono venire a contatto con le persone contengano sostanze pericolose in concentrazioni maggiori ai materiali originari,
    L'articolo 10, “Tributo speciale allo smaltimento”, adegua il tributo speciale alla scala delle priorità della gestione dei rifiuti e alle nuove classificazioni delle operazioni di smaltimento e recupero applicando 3 livelli di tassazione di cui il livello massimo viene applicato a tutti i rifiuti soggetti non solo alla messa in discarica, ma a tutte le operazioni di smaltimento comprendente anche lo smaltimento in inceneritori con rese inferiori al 60% o al 65% a seconda della loro entrata in funzione prima o dopo il 1/1/2009, un secondo livello con importo dimezzato, per le operazioni di recupero energetico, e un terzo livello per le operazioni di recupero di materia diverso dal riciclaggio. Tale adeguamento del tributo alla direttiva serve sia per rendere economicamente più competitivo il riuso e il riciclo rispetto alle operazioni di smaltimento e recupero diverse dal riciclo, sia per spostare da queste ultime operazioni risorse verso le prime attraverso l’utilizzo del tributo speciale per la riconversione del sistema.L’articolo introduce, attraverso lo sconto al tributo speciale, rendendolo regressivo dalla misura massima allo zero, legato ai risultati dei singoli Comuni, il primo dei tre meccanismi economici automatici per premiare le pratiche virtuose messe in campo dai Comuni che danno i migliori risultati in termini di riduzione dei rifiuti, riuso e riciclo, introducendo un importante criterio legato più alla riduzione dei rifiuti che alla raccolta differenziata, vale a dire il premio in base alle quantità procapite abitante/equivalente inviate a smaltimento o recupero energetico. L’introduzione del nuovo criterio si rende indispensabile dato che in troppe regioni l’aumento delle rese di raccolta differenziata è stato ottenuto più con l’aumento della produzione dei rifiuti, in genere legato all’aumento dell’assimilazione, piuttosto che attraverso una differenziazione spinto, andando così in contrasto con il primo obiettivo nella scale delle priorità della gestione dei rifiuti: la riduzione della produzione.Le modalità di applicazione dello sconto, fatto salvo il criterio prima citato, sono demandate alle singole Regioni, e devono tradursi in un minor costo del servizio per i Comuni virtuosi che si traduce in un minor costo in bolletta ai cittadini di quel comune. La differenza di costo del servizio a favore dei Comuni virtuosi serve per far dirigere sullo stesso percorso i Comuni meno virtuosi.
    L'articolo 11, “Utilizzo del gettito del tributo speciale”, destina tutto il tributo, e non solo una parte come attualmente, per la riconversione del sistema, attuando pertanto lo spostamento delle risorse dallo smaltimento e recupero energetico verso riduzione, riuso e riciclo. Il gettito viene destinato sia ad investimenti per la filiera del riuso e riciclo, sia a progetti di riconversione da raccolta stradale a raccolta domiciliare con tariffa puntuale, in modo da abbattere i costi di avvio del nuovo sistema, sia a progetti di riduzione dei rifiuti. Una parte del gettito viene poi destinata al secondo meccanismo automatico di incentivazione economica ai comuni che raggiungono i migliori risultati in fatto di minimizzazione dei rifiuto inviati a smaltimento.
    L'articolo 12, “ Tariffa di ingresso agli impianti di smaltimento, di recupero diverso dal riciclo e di rifiuto residuale”, contiene il terzo meccanismo automatico di incentivazione economica per i comuni virtuosi destinato a diminuire il loro costo del servizio e quindi le bollette dei cittadini. Prevede che le tariffe di conferimento agli impianti di smaltimento, di recupero diverso dal riciclo e comunque di rifiuto residuale, siano determinate in maniera differenziata sulla base del criterio di minimizzazione del rifiuto pro capite/equivalente smaltito. Si penalizzano in tal modo i Comuni che producono maggiori quantità pro capite di rifiuti da inviare a smaltimento, si incentivano quelli che ne minimizzano la produzione, demandando alle regioni la sua applicazione.
    L'articolo 13, “Incompatibilità fra gestione della raccolta, gestione dello smaltimento e gestione del riciclo”, il comma 1 stabilisce il principio di netta separazione in ogni territorio dei ruoli tra soggetti pubblici gestori della fasi di raccolta e gli attuali soggetti privati gestori proprietari di impianti di smaltimento, sotto forma di qualsiasi collegamento societario. La separazione si rende necessaria perché finora si è verificato che la gestione unica ha fatto sì che la fase della raccolta fosse finalizzata dal gestore ad assicurare il pieno utilizzo degli impianti di discarica e incenerimento, mettendo pertanto in subordine la riduzione, il riuso e il riciclo.
    Il comma 3 assegna definitivamente alle Amm.ni Comunali la gestione sul servizio di raccolta dei rifiuti che, pertanto, sono i titolari delle scelte di gestione, nonché garanti del rispetto di precauzione in merito alla tutela dell'ambiente e della salute, garantendo forme di gestione partecipata permanenti delle comunità locali.Il comma 5 dispone la realizzazione di centri di ricerca e analisi finalizzati alla riprogettazione dei beni ai fini del riciclo, presso ogni impianto di smaltimento.
    L'articolo 14, “Semplificazione delle procedure per l'impiantistica del riciclo”, prevede procedure di autorizzazione semplificate per l’impiantistica legata al riuso, al riciclaggio e al compostaggio, e l'adozione da parte delle Regioni di un iter amministrativo accelerato. Si individuano le tipologie di impianti che potranno godere di questo regime speciale, tra cui i digestori anaerobici alimentati a FORSU di capacità limitata.Introduce per tutti i digestori anaerobici una nuova disposizione per cui sono privilegiati gli impianti che prevedono la re-immissione in rete del bio-metano da biogas prodotto,
    L'articolo 15,Tariffa puntuale”, prevede introduce l’obbligo dell’introduzione della tariffa puntuale, tariffa che responsabilizza le singole utenze che dovranno pagare il servizio sulla base della quantità e qualità dei rifiuti conferiti, stimolandole in questo modo a produrne di meno e a dividerli di più. Demanda ai comuni la sua applicazione all’interno di criteri prestabiliti, prevedendo che le utenze che praticano il compostaggio domestico dovranno avere almeno il 20% di sconto sulla tariffa. Si prevede inoltre che nei comuni che applicano la tariffa puntuale tale sistema tariffario sarà sostitutivo della TARES.
    L'articolo 16, “Programma di riconversione impiantistica industriale”, al fine di finanziare il programma di riconversione stesso istituisce i certificati bianchi quali sistema di incentivazione dell’impiantistica legata al riuso, al riciclaggio e al compostaggio, impianti ricompresi all'art. 6 comma 1 ed elencati nell'art. 14, per il finanziamento delle attività di riconversione impiantistica industriale e di gestione ordinaria dei nuovi impianti. Detto provvedimento, unitamente ai provvedimenti disposti dagli artt. 3 e 10, permette di spostare importanti risorse dagli impianti di discarica e incenerimento, impianti che si trovano nei due ultimi gradini della scala delle priorità nella gestione dei rifiuti, verso gli impianti di riuso, riciclo e compostaggio, che si trovano al secondo e terzo gradino della scala delle priorità. Viene qui inserito un nuovo sistema di tassazione sul “vuoto a perdere” che consiste in una tassa dovuta dalle industrie che utilizzano contenitori per bevande di cui non è previsto il ritiro diretto ai fini della riutilizzazione. Da detta tassazione sono esentati i contenitori distribuiti con il sistema del “vuoto a rendere” che prevede una cauzione da versare al momento dell’acquisto recuperabile al momento della resa. Tale tassazione sarà finalizzata interamente al finanziamento del programma di riconversione impiantistica nazionale

    QUESTIONI AMBIENTALI

    art.1)
    limitare la caccia e lo sport aumentando le aree protette e garantendo le aree idonee(esempio le isole che già sono considerate zone o solo marittime o solo terrestri protette, lo saranno in tutte e due i casi)
    art.2)
    organizzare la guardia forestale e costiera per combattere le attività illecite per motivi ambientalie di salute con maggiori pattugliamenti( come si faceva una volta) contro abusi e piromani, viene anche utilizzata l'attività telematica per questi ultimi(modello Wicap).
    art.3)
    Multa per chi provoca valanghe con aggiunta della sospensione delle attività sciistiche del compevole
    .

    Ultima modifica di [email protected]; 21-06-13 alle 12:56
    Haxel likes this.

  3. #3
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    QUESTIONI AMBIENTALI

    art.1)
    limitare la caccia e lo sport aumentando le aree protette e garantendo le aree idonee(esempio le isole che già sono considerate zone o solo marittime o solo terrestri protette, lo saranno in tutte e due i casi)
    art.2)
    organizzare la guardia forestale e costiera per combattere le attività illecite per motivi ambientalie di salute con maggiori pattugliamenti( come si faceva una volta) contro abusi e piromani, viene anche utilizzata l'attività telematica per questi ultimi(modello Wicap).
    art.3)
    Multa tra i 500 ai 1000 euro per chi provoca valanghe con aggiunta della sospensione delle attività sciistiche del colpevole
    .
    modifico la seconda parte della proposta per chiarire meglio
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  4. #4
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    QUESTIONI AMBIENTALI

    art.1)
    limitare la caccia e lo sport aumentando le aree protette e garantendo le aree idonee (esempio le isole che già sono considerate zone protette o solo marittime o solo terrestri, lo saranno in tutte e due i casi)
    art.2)
    organizzare la guardia forestale e costiera per combattere le attività illecite per motivi ambientali e di salute con maggiori pattugliamenti contro abusi e piromani, viene anche utilizzata l'attività telematica per questi ultimi (modello Wicap).
    art.3)
    Multa tra i 500 ai 1000 euro per chi provoca valanghe con aggiunta della sospensione delle attività sciistiche del colpevole
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  5. #5
    FIAT EUROPA - PEREAT UE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    70,364
    Mentioned
    548 Post(s)
    Tagged
    58 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Emenderei cosi' secondo il modello USA>

    art.1)
    L
    imitare la caccia e lo sport aumentando le aree protette e garantendo le aree idonee
    (esempio le isole che già sono considerate zone protette o solo marittime o solo terrestri, lo saranno in tutte e due i casi)

    art.2)
    Organizzare la guardia forestale e costiera per combattere le attività illecite per motivi ambientali e di salute con maggiori pattugliamenti contro abusi e piromani, viene anche utilizzata l'attività telematica per questi ultimi (modello Wicap).
    Immettere sotto forma di servizio civile non retribuito (o retribuito come forma di multa/pena accessoria) i cittadini condannati per reati non violenti in servizi di tutela e gestione del territorio.
    (Ha funzionato alla grande negli Stati Uniti)
    La presenza senza interruzione e senza problemi riscontrati dalle autorita' per anni cinque comportera' l'estinzione del reato per il cittadino ammesso.


    art.3)
    Multa tra i 500 e i 5.000 euro per chi provoca valanghe con aggiunta della sospensione delle attività sciistiche del colpevole se cittadino utente.
    Multa tra i 5.000 e i 50.000 euro per chi provoca valanghe e cancellazione delle licenze di gestione o attivita' se il colpevole e' fornitore o gestore o organizzatore di servizi.
    Haxel likes this.

    [Occidentale Gestioni Commerciali] Il Caffe' di POL
    PIU' TETRAGONIA PER TUTTI
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.


  6. #6
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Propongo la seguente modifica:



    DDL del governo Occidentale Sull'ambiente e sulla gestione dei rifiuti
    Preambolo
    La gestione dei rifiuti è un tema apparentemente banale e di ordinaria amministrazione ma che in realtà banale non è ne tantomeno facile da gestire implicando in realtà una decisa capacità di gestione politica del servizio. Sono ben noti infatti i disastr prodotti da ormai venti anni in certe regioni dell’Italia dalla pessima gestione del servizio dei rifiuti come ad esempio in Campania dove manca quasi totalmente una raccolta differenziata ed abbondano le discariche illegali gestite dalla camorra mentre quelle legali si limitano di fatto ad un solo inceneritore totalmente insufficiente per il territorio al punto da trovare un'unica soluzione nel trasferimento continuo in paesi esteri dei rifiuti prodotti nel territorio. Quello però è solo il caso di punta perché sia pure con punte meno critiche lo stesso problema di incapacità a gestore nel territorio i rifiuti d si ripresenta in altre regioni a cominciare dal Lazio dove ugualmente il territorio non riesce a programmare una seria raccolta differenziata e finisce per trovarsi in una situazione in cui le discariche non sono piu sufficienti.
    Il Presente disegno di legge si propone pertanto di promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-utilizzo
    spostare risorse dallo smaltimento e dall’incenerimento verso la riduzione, il riuso e il riciclo
    limitare progressivamente il ricorso crescente alle pratiche di smaltimento dei rifiuti distruttiv e dei materiali tenendo però conto di un minimo di realismo che sconsiglia l’abolizione immediata degli inceneritori esistenti nelle zone che gestiscono i rifiuti in situazioni di emergenza e che non sarebbero comunque in grado di passare in tempi brevi alla raccolta differenziata dei rifiuti
    ridurre progressivamente il conferimento in discarica e l'incenerimento
    Introdurre forme di cooperazione tra Comuni per la raccolta e la filiera di trattamento al fine di sviluppare l'occupazione locale in bacini di piccola-media dimensione, che favoriscano le attività di produzione e commercializzazione di materiali e prodotti derivati da riciclo e recupero di materia.

    Dispositivo

    Articolo 1

    Lo stato e le regioni privilegiano ed incentivano (anche attraverso gli incentivi fiscali ai territori che ne fanno uso) il sistema di gestione dei rifiuti basato sulla raccolta differenziata rispetto al sistema basato sugli inceneritori che non possono godere di tali sistemi di incentivazione. Restano però in uso gli inceneritori esistenti nei territori e nelle regioni in cui la gestione dei rifiuti è in forte stato di difficoltà .
    Vengono inoltre vietati i sistemi di gestione dei rifiuti basati unicamente sul trasferimento all’estero dei rifiuti prodotti nel territorio salvo un periodo transitorio per zone che si trovano emergenza ambientale periodo transitorio che però non puo’ superare un anno.
    occidentale likes this.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  7. #7
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,071
    Mentioned
    882 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Come ministro che ha presentato il Disegno di legge chiedo un chiarimento tecnico al senatore Benjiamin al fine di decidere se inserire direttamente nel testo l'emendamento.Senatore la proposta di emenddamento è relativa all'inserimento della frase sottolineata in nero nell'articolo 1 del dispositivo? Ovvero si tratta di una proposta di incentivare la racccolta differenziata piu che la raccolta porta a porta? Dico bene? Anticipo che ci sto seriamente riflettendo e che potrei accogliere la sua proposta ma prima potrebbe illustrare le ragioni che a suo avviso fanno ritenere preferibile una scelta strategica di questa portata ? Lo chiedo al fine di poter avere qui in senato un buon dibattito che faccia comprendere a tutti i senatori tutte le possibili scelte che si possono fare nella gestione dei rifiuti
    Ultima modifica di [email protected]; 23-06-13 alle 20:49

  8. #8
    Apologia cattolica
    Data Registrazione
    23 Aug 2010
    Località
    Latina
    Messaggi
    31,953
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Citazione Originariamente Scritto da occidentale Visualizza Messaggio
    Emenderei cosi' secondo il modello USA>

    art.1)
    L
    imitare la caccia e lo sport aumentando le aree protette e garantendo le aree idonee
    (esempio le isole che già sono considerate zone protette o solo marittime o solo terrestri, lo saranno in tutte e due i casi)

    art.2)
    Organizzare la guardia forestale e costiera per combattere le attività illecite per motivi ambientali e di salute con maggiori pattugliamenti contro abusi e piromani, viene anche utilizzata l'attività telematica per questi ultimi (modello Wicap).
    Immettere sotto forma di servizio civile non retribuito (o retribuito come forma di multa/pena accessoria) i cittadini condannati per reati non violenti in servizi di tutela e gestione del territorio.
    (Ha funzionato alla grande negli Stati Uniti)
    La presenza senza interruzione e senza problemi riscontrati dalle autorita' per anni cinque comportera' l'estinzione del reato per il cittadino ammesso.


    art.3)
    Multa tra i 500 e i 5.000 euro per chi provoca valanghe con aggiunta della sospensione delle attività sciistiche del colpevole se cittadino utente.
    Multa tra i 5.000 e i 50.000 euro per chi provoca valanghe e cancellazione delle licenze di gestione o attivita' se il colpevole e' fornitore o gestore o organizzatore di servizi.
    per me va bene
    (Gv 3, 20-21)
    Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio

  9. #9
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,071
    Mentioned
    882 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Citazione Originariamente Scritto da benjamin_linus Visualizza Messaggio
    Propongo la seguente modifica:



    DDL del governo Occidentale Sull'ambiente e sulla gestione dei rifiuti
    Preambolo
    La gestione dei rifiuti è un tema apparentemente banale e di ordinaria amministrazione ma che in realtà banale non è ne tantomeno facile da gestire implicando in realtà una decisa capacità di gestione politica del servizio. Sono ben noti infatti i disastr prodotti da ormai venti anni in certe regioni dell’Italia dalla pessima gestione del servizio dei rifiuti come ad esempio in Campania dove manca quasi totalmente una raccolta differenziata ed abbondano le discariche illegali gestite dalla camorra mentre quelle legali si limitano di fatto ad un solo inceneritore totalmente insufficiente per il territorio al punto da trovare un'unica soluzione nel trasferimento continuo in paesi esteri dei rifiuti prodotti nel territorio. Quello però è solo il caso di punta perché sia pure con punte meno critiche lo stesso problema di incapacità a gestore nel territorio i rifiuti d si ripresenta in altre regioni a cominciare dal Lazio dove ugualmente il territorio non riesce a programmare una seria raccolta differenziata e finisce per trovarsi in una situazione in cui le discariche non sono piu sufficienti.
    Il Presente disegno di legge si propone pertanto di promuovere e incentivare anche economicamente una corretta filiera di trattamento dei materiali post-utilizzo
    spostare risorse dallo smaltimento e dall’incenerimento verso la riduzione, il riuso e il riciclo
    limitare progressivamente il ricorso crescente alle pratiche di smaltimento dei rifiuti distruttiv e dei materiali tenendo però conto di un minimo di realismo che sconsiglia l’abolizione immediata degli inceneritori esistenti nelle zone che gestiscono i rifiuti in situazioni di emergenza e che non sarebbero comunque in grado di passare in tempi brevi alla raccolta differenziata dei rifiuti
    ridurre progressivamente il conferimento in discarica e l'incenerimento
    Introdurre forme di cooperazione tra Comuni per la raccolta e la filiera di trattamento al fine di sviluppare l'occupazione locale in bacini di piccola-media dimensione, che favoriscano le attività di produzione e commercializzazione di materiali e prodotti derivati da riciclo e recupero di materia.

    Dispositivo

    Articolo 1

    Lo stato e le regioni privilegiano ed incentivano (anche attraverso gli incentivi fiscali ai territori che ne fanno uso) il sistema di gestione dei rifiuti basato sulla raccolta differenziata rispetto al sistema basato sugli inceneritori che non possono godere di tali sistemi di incentivazione. Restano però in uso gli inceneritori esistenti nei territori e nelle regioni in cui la gestione dei rifiuti è in forte stato di difficoltà .
    Vengono inoltre vietati i sistemi di gestione dei rifiuti basati unicamente sul trasferimento all’estero dei rifiuti prodotti nel territorio salvo un periodo transitorio per zone che si trovano emergenza ambientale periodo transitorio che però non puo’ superare un anno.
    Visto che i tempi di discussione e presentazione dei disegni di legge si sono risptretti (scadono il 28) accolgo fin da ora l'emendamento del senatore Benjamin nel ddl

  10. #10
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: VII seduta del Senato, fase di presen, 1° tema del governo tema su rifiuti e ambi

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected] Visualizza Messaggio
    Come ministro che ha presentato il Disegno di legge chiedo un chiarimento tecnico al senatore Benjiamin al fine di decidere se inserire direttamente nel testo l'emendamento.Senatore la proposta di emenddamento è relativa all'inserimento della frase sottolineata in nero nell'articolo 1 del dispositivo? Ovvero si tratta di una proposta di incentivare la racccolta differenziata piu che la raccolta porta a porta? Dico bene? Anticipo che ci sto seriamente riflettendo e che potrei accogliere la sua proposta ma prima potrebbe illustrare le ragioni che a suo avviso fanno ritenere preferibile una scelta strategica di questa portata ? Lo chiedo al fine di poter avere qui in senato un buon dibattito che faccia comprendere a tutti i senatori tutte le possibili scelte che si possono fare nella gestione dei rifiuti
    La risposta è semplice: il sistema porta a porta è solo uno dei tanti metodi con cui si può realizzare la raccolta differenziata.
    Tra l'altro, è anche uno di quelli più onerosi.
    Ho proposto di modificare il testo nella forma da me indicata poichè sul piano logico concettuale probabilmente è più indicato dire "raccolta differenziata" senza aggiungere altro, visto che il porta a porta è appunto un modo per realizzarla e non qualcosa di complementare.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 30-06-13, 21:21
  2. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 30-06-13, 21:20
  3. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 28-06-13, 11:53
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-06-13, 10:55
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-06-13, 10:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226