User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Internet brucia posti di lavoro e classe media, le corporation guadagnano

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013...agnano/629092/
    “Internet brucia posti di lavoro e classe media. E le corporation guadagnano”

    A sostenerlo è Erik Brynjolfsson, professore della MIT Sloan School of Management. Una tesi che molti economisti non condividono. Tutti però ritengono che tecnologia e web abbiano creato più domanda di professionalità molto semplici o molto sofisticate. In mezzo, c'è una curva sgonfia


    di Francesco Magnocavallo | 21 giugno 2013

    Erik Brynjolfsson, professore della MIT Sloan School of Management, lo chiama “il grande disaccoppiamento”. Lo spiega con un grafico in cui mostra come gli indicatori della ricchezza e dell’occupazione abbiano preso negli ultimi dieci anni una direzione divergente. Sale la produttività, e quindi la ricchezza del paese, ma non sale più la creazione di nuovi posti di lavoro. Tra il 2000 e il 2009, la crescita dell’indice di produttività negli Stati Uniti è stato del 2,5%, il più alto dagli anni ’60, ma il numero di posti di lavoro è sceso dell’1,1%. Il motivo? Secondo il professore, responsabili sarebbero tecnologia e Internet. Jeremy Rifkin lo aveva profetizzato già nel 1995 con il suo The end of work: “Negli anni a venire, software sempre più sofisticato porterà la nostra civiltà più vicina ad essere un mondo senza lavoro”. L’effetto non sarebbe limitato al lavoro operaio, vittima dell’automazione industriale già dagli anni ’80, anzi. Sarebbe il terziario a subire più gravemente quella che Brian Arthur del Palo Alto Research Center definisce “economia autonoma”, quella del software che gestisce attività complesse con grande facilità e costi bassi. A guadagnarci sarebbero le grandi corporation, che vedono i profitti ad un picco storico negli ultimi 50 anni.
    Technology Review riapre il dibattito e in un lungo articolo riporta le voci di economisti secondo cui i dati macroeconomici di Brynjolfsson sono troppo difficili da interpretare in maniera univoca. Quindi è tutto da dimostrare l’effetto deleterio di Internet sul mercato del lavoro. Ma quello su cui tutti concordano è che le tecnologie digitali polarizzano la situazione: meno spazio per la classe media, più domanda di professionalità molto semplici o molto sofisticate, in mezzo una curva sgonfia. Dice Brynjolfsson: “È lo scheletro nell’armadio dell’analisi economica. Il progresso tecnologico espande l’economia e crea ricchezza, ma nessuna legge economica dice che i benefici saranno di tutti”. Il grande dubbio è se l’essere umano sarà in grado di evolversi velocemente, o se invece sarà ilsoftware ad imparare per primo quanto esso stesso richiede al lavoratore del futuro. L’esempio è quello degli algoritmi per le transazioni finanziarie automatizzate, dette HFT (high frequency stock trading): sono così sofisticati da non poter esser sviluppati se non con un altro software specializzato, riducendo la domanda di lavoro per i programmatori, spiega Charles Hugh Smith suBusiness Insider. Il pericolo più immediato è la resistenza al cambiamento, l’ostilità alla tecnologia caratteristica dei cosiddetti neo-luddisti.
    Brynjolfsson sostiene che l’uomo dovrà imparare a competere grazie alle macchine, e non contro le macchine. John Leonard del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory presso il Massachusetts Institute of Technology, dice: “Vedo accelerare il progresso, ma vedo anche ripetersi gli stessi problemi. Vedo quanto è difficile fare le cose con i robot. La grande sfida è l’incertezza. Persone e robot che lavorano insieme sono la strada più probabile, la cosa che può succedere nell’immediato. Non succederà nell’arco della nostra vita di vedere i robot che soppiantano del tutto l’essere umano”. Gli fa eco Marina Gorbis dello Institute for the Future di Palo Alto, con i toni classici del cyber utopismo: “Le macchine ci permetteranno di fare cose che non avremmo mai sognato di poter fare”. Posizioni cui fornisce un supporto più concreto McKinsey nel rapporto Internet matters: in Francia, il digitale avrebbe distrutto 500mila posti di lavoro negli ultimi 15 anni, creandone però 1,2 milioni di nuovi.
    Eppure, le voci pessimistiche non mancano nemmeno nel cuore della Silicon Valley: secondo l’imprenditore Martin Ford, autore di Lights in the tunnel, il 40% dei posti di lavoro americani (circa 50 milioni in valore assoluto) sarebbero potenzialmente a rischio estinzione a causa delle tecnologie informatiche moderne. E proprio da un ex guru del progresso tecnologico, Jaron Lanier, arrivano le parole più disilluse. Nel suo nuovo libro Who Owns the Future?, presentato con una lunga intervista a Salon, Lanier attacca la cosiddetta sharing economy e spiega come ormai tutti noi contribuiamo gratis a creare contenuti e valore per le piattaforme globali dei social network. I profitti però vengono distribuiti in forma di piramide rovesciata: pochi dipendenti in basso, e algoritmi che creano tanto valore a beneficio di pochi. Kodak: 140 mila impiegati, fallita nel 2012. Instagram: 13 impiegati, acquisita nello stesso anno da Facebook per 1 miliardo di dollari. Il nostro destino? Dice Lanier: “La democrazia non è stabile se la distribuzione della ricchezza è ristretta”.



    Ultima modifica di Avanguardia; 21-06-13 alle 15:14
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    288 amu
    Data Registrazione
    19 Sep 2009
    Località
    115
    Messaggi
    21,155
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Internet brucia posti di lavoro e classe media, le corporation guadagnano

    Mi pare tutto il contrario. Il comparto informatico è l'unico che va anche perché vi sono tantissime branche e ognuna di queste porta con sé un gran numero di opportunità lavorative. In Italia penso che i posti di lavoro siano stati bruciati da Pd e Pdl in vario modo.
    Demonizzare la tecnologia è sempre sbagliato.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: Internet brucia posti di lavoro e classe media, le corporation guadagnano

    Citazione Originariamente Scritto da mirkevicius Visualizza Messaggio
    Mi pare tutto il contrario. Il comparto informatico è l'unico che va anche perché vi sono tantissime branche e ognuna di queste porta con sé un gran numero di opportunità lavorative. In Italia penso che i posti di lavoro siano stati bruciati da Pd e Pdl in vario modo.
    Demonizzare la tecnologia è sempre sbagliato.
    Rispetto al passato ci sono più opportunità nell' informatica et similia, lo so; ma ci sono meno opportunità nell' industria, nell' agricoltura e nella pubblica amministrazione. Il saldo tra i nuovi posti richiesti nell' ITC e in quello dell' economia tradizionali e del pubblico impiego è assai negativo. Ci sono richieste nell' informatica proprio perché l' informatizzazione e l' automazione servono a ridurre la manodopera, producendo e facendo più di prima.
    Io non sto a demonizzare la tecnologia per partito preso, io non vedo una tragedia nella fine del lavoro. Il problema è come riadattare la vita di un umanità legata al lavoro sia come metro di valutazione sociale che come strumento per vivere.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  4. #4
    288 amu
    Data Registrazione
    19 Sep 2009
    Località
    115
    Messaggi
    21,155
    Inserzioni Blog
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Internet brucia posti di lavoro e classe media, le corporation guadagnano

    Ti dò ragione sulla tragedia dell'abbandono delle campagne. Un paese come l'Italia dovrebbe essere un punto d'eccellenza l'agricoltura, ed in effetti non di rado lo è. Permettimi un appunto però: In agricoltura la perdita di posti di lavoro è dovuta principalmente ai grandi speculatori finanziari che costringono a bassissimi introiti i lavoratori. Non parlo delle strane direttive UE sul formaggio senza latte, omg e aranciata senza arancia e via dicendo. L'industria se ne va dove il lavoro costa meno e questo col silenzio di chi ci governa . E' vero l'automatizzazione tende a soppiantare l'uomo in alcuni campi ma è altresì vero che la dittatura liberista sta creando in Italia un esercito di intoccabili.
    La tecnologia è emanazione dell'uomo in quanto suo elemento potenziale si potrebbe creare un bel campo di ricerca tipo la sociologia informatica in modo da far coniugare l'uomo e la tecnologia, sarebbe bello creare un 3D apposito, che ne pensi?

 

 

Discussioni Simili

  1. Il digitale bucia posti di lavoro e classe media.
    Di samuel cramer nel forum Destra Radicale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 20-07-13, 16:39
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-07-13, 00:50
  3. Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 25-11-08, 01:35
  4. OTAM, la Classe Media e La classe Bassa!
    Di ascaro41 nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-11-07, 11:08
  5. qual è il miglior sito internet per ricerca posti di lavoro?
    Di ----- nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 04-05-06, 19:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226