Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 12 di 50
Like Tree10Likes

Discussione: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,331

    Predefinito "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    TERMOMETROPOLITICO_OTHER
    Albania: la rinascita nazionalista
    Albania: la rinascita nazionalista


    Marjola Rukaj

    29 gennaio 2013


    Shutterstock.com

    Per la prima volta nella storia recente dell'Albania il nazionalismo estremo ha una sua rappresentanza politica: l'Alleanza Rossonera. Un'intervista all'antropologa Armanda Kodra

    Armanda Kodra, antropologa di Tirana, si occupa di balcanologia comparata, storia urbana e rapporti interetnici nei Balcani. Ha svolto una ricerca sull'eredità dei bazar ottomani e ha lavorato per diversi anni presso l'Istituto albanese di studi antropologici. Attualmente è ricercatrice presso la School of Slavonic and East European Studies di Londra, dove ha vinto la borsa Alexander Nash in Albanian Studies. Sta svolgendo una ricerca sulle ragioni che hanno portato all'aumento del nazionalismo albanese nei Balcani e sugli scambi transfrontalieri con particolar enfasi sul recente fenomeno dei matrimoni misti serbo-albanesi.

    Il nazionalismo è sempre più presente nel discorso pubblico in Albania. E’ una novità?

    Il nazionalismo nel discorso pubblico albanese non ha mai smesso di esistere, ma si è intensificato in particolar modo dopo la proclamazione dell’indipendenza del Kosovo. Negli ultimi anni, inoltre, è emerso l’interesse dei media a espandere il mercato vendendo i propri prodotti agli albanesi oltre confine. Il fenomeno si è intensificato con l’emersione delle nuove tecnologie digitali introdotte dal gruppo Top Media, il maggiore gruppo mediatico del paese, che ha cominciato a nutrire il nazionalismo per attirare gli albanesi fuori dall’Albania. Questo esempio è stato seguito da altri media, e ha fatto sì che il nazionalismo diventasse anche merce di consumo.

    La novità dell’ultimo anno è che per la prima volta nel discorso politico si è iniziato a parlare apertamente con un linguaggio nazionalista estremista, con forti elementi sciovinisti.

    Dopo il crollo del comunismo Tirana si è però sempre vantata di essere un fattore di pace e stabilità nei Balcani, archiviando il sogno della Grande Albania e proclamando ufficialmente che gli albanesi si sarebbero riuniti solo all’interno dell’Unione europea...


    Questo è stato parte del discorso ufficiale dei partiti, però non vi è mai stato un momento in cui si sia parlato in termini non nazionalisti sul tema della patria, della storia degli albanesi, della storia nazionale, della letteratura o delle arti. Non abbiamo avuto un’alternativa civica, con poche eccezioni, e la storia nazional-comunista non è mai stata messa in discussione.

    Ad esempio non è mai stata messa in discussione la narrazione nazionalista sulle origini illiriche e pelasgiche degli albanesi, o il concetto delle terre etniche albanesi “rimaste ingiustamente fuori dai confini dell’Albania”. Il testo "Storia albanese", pubblicato dall’Accademia delle Scienze dell’Albania all’inizio del 2000, si distingue poco dall’edizione del 1959. L’espressione invece che ci riuniremo nell’UE non cela più di tanto “l’irrisolta causa nazionale albanese”.

    Attualmente esiste secondo lei un progetto politico segreto di riunificazione?

    Non sono in grado di affermare una cosa del genere. Non credo. Sono sempre scettica riguardo ad eventuali progetti segreti, non perché non esistano, ma perché non si può mai sapere quanto facciano sul serio i loro ideatori.

    Dubito fortemente anche che la nostra élite politica abbia degli ideali, a parte il profitto personale. Se vi sono stati progetti del genere in passato si sarà trattato probabilmente di un piano B da attuare nel caso in cui le altre manipolazioni non fossero state più sufficienti per mantenere il potere.

    Per quanto riguarda gli intellettuali, invece, la questione è diversa. Sono sempre stati motivati da una prospettiva del genere. In Albania viene considerato un intellettuale degno di questo nome solo chi si impegna al servizio della nazione.

    Perché quest'apertura senza veli al nazionalismo avviene proprio ora? Non è un paradosso dato che l’Albania sta uscendo sempre più dall'isolamento del passato: i rapporti con i vicini sono molto costruttivi, il libero movimento nei Balcani e nell’area Schengen...

    Avviene ora perché l’indipendenza del Kosovo ha dato la libertà ai kosovari di pretendere quello che le élite di Tirana avevano promesso: essere un'unica nazione. Queste idee vengono oggi articolate sempre più anche perché non vi sono più gli ostacoli che impedivano di mettere in piedi attività comuni. Abbiamo mass media in comune, dalla parte kosovara arriva il messaggio di volersi riunire, e in Albania non vi è opposizione a questo poiché in fondo tutti a scuola hanno imparato che la causa albanese è tuttora irrisolta.

    Inoltre, la sostanziale mancanza di differenze tra il Partito democratico, il Partito socialista e le loro clientele fanno del nazionalismo un’alternativa che la gente potrebbe percepire come l’unico ideale in mezzo a tanta mancanza di scrupoli.

    Bruxelles non è più una prospettiva attraente?

    Bruxelles è sempre una prospettiva attraente per gli albanesi. A mio avviso se avessimo ottenuto una data per l’inizio dei negoziati per l'ingresso UE i toni del premier Sali Berisha non sarebbero ora così nazionalisti, non avrebbe promesso i passaporti albanesi a tutti gli albanesi etnici, perché Berisha sarebbe stato orgoglioso di aver portato il paese più vicino all’UE.

    Il premier si è reinventato in veste nazionalista?

    No, Berisha fa tutto per il potere. Se il cosmopolitismo fosse un’ideologia che lo legittima a mantenere il potere, lui diventerebbe un filosofo del cosmopolitismo.

    Fino a che punto può arrivare con il suo nazionalismo?

    Non lo so. Quel poco che si può dire con certezza di Berisha e dei politici albanesi è che sono assolutamente irresponsabili e imprevedibili. Se i rappresentanti UE e USA non si oppongono a queste iniziative, può darsi che continui a fare il nazionalista almeno fino alle prossime elezioni.

    Quanto contano UE e USA oggi in Albania?

    Riguardo alla loro importanza, direi che è enorme. Ma dovrebbero fare più pressioni. Sono forse gli unici che fanno sì che i nostri politici feudali non ci schiaccino del tutto.

    Le reazioni negative di UE e USA però dovrebbero dissuadere gli albanesi dal sostenere leadership nazionaliste...

    Credo che Berisha sia diventato un nazionalista per fare in modo che l’Alleanza Rossonera non porti via elettori al suo Partito democratico. La strategia di Berisha per un verso rafforza la sua immagine presso gli albanesi oltre confine, per l’altro conserva degli equilibri elettorali. Per ora non vi sono formazioni politiche non nazionaliste. Alcuni sono più moderati, vogliono la riunificazione ma evitando guerre, altri sono pronti ad andare in guerra.

    Ci sono diversi tipi di nazionalismo?

    Sì, abbiamo un pluralismo di nazionalismi. Abbiamo un nazional-cattolicesimo, un nazional-islamismo, quelli che dicono che la sinistra ha venduto l’Albania alla Jugoslavia, quello dei socialisti che sostengono che re Zog era un traditore e che quei nazionalisti ci hanno venduto ai nazi-fascisti. Ciascuno di essi sostiene naturalmente di essere il vero nazionalismo.

    Che tipo di conseguenze può avere questo nazionalismo fuori dall’Albania?

    Creerà tensioni nei rapporti etnici in Macedonia e in Serbia. Destabilizzerà la Macedonia facendo aumentare a sproposito le speranze dei kosovari di integrarsi in un unico stato albanese con l’Albania. Il governo macedone ha fatto il possibile per far in modo che la situazione non degeneri tra albanesi e macedoni, ma i rapporti tra i due gruppi sono congelati e vi è scarsa fiducia in un futuro migliore. Nel sud della Serbia non vi sono sforzi seri da parte del governo di Belgrado per migliorare i rapporti interetnici, e il nazionalismo proveniente da Tirana non fa che peggiorare le cose anche a livello micro, nell’interazione tra i cittadini.

    Vi è da temere il peggio?

    Nessuno può dirlo. Ma quando il male diventa banale, e quindi presente ovunque fino al punto che non ci si accorge più del fatto che esista, è possibile che si crei una galvanizzazione difficile da tenere sotto controllo. E se qualche politico vorrà sfruttare le circostanze per andare al potere, la situazione diventerà esplosiva. Non dobbiamo mai dimenticarci della fine della Jugoslavia.

    Pensa che i nazionalisti albanesi abbiano un programma politico concreto quando parlano della riunificazione delle terre albanesi?

    Il progetto politico è sempre esistito. E’ il progetto che ha spinto alla rivolta armata in Kosovo, quello che è stato sostenuto anche da Enver Hoxha e dal partito comunista albanese, quello da cui è nato l’UCK in Svizzera, e che oggi viene portato avanti da Vetevendosja in Kosovo e da Koço Danaj in Albania. Non penso però che questo progetto abbia il sostegno dello stato albanese dopo il 1990. Ma non significa che ciò non possa accadere.

    Oggi, con un mercato televisivo comune, l’Autostrada della Nazione che accorcia le distanze tra Pristina e Tirana, il libero movimento, gli scambi economici, i social network e numerosi eventi pan-albanesi, ha senso parlare di rimozione di confini?

    Non ha senso. Però il nazionalismo albanese è rimasto quello dei tempi di Rilindja, non ha nulla di civico o di pragmatico. Il problema è che il sostegno all’Albania etnica in Kosovo e in Albania è sempre in crescita, in base a quanto rilevano i sondaggi di ICG e Gallup Balkan Monitor. La domanda da porre oggi sarebbe: siete davvero disposti ad affrontare una guerra per l’Albania etnica?

    A leggere i commenti nei forum albanofoni c’è da spaventarsi, sembra che ci sia gente che non vede l’ora di andare in guerra. Però nei vari sondaggi non è mai stata posta questa domanda.

    Bisogna spiegare che la “riunificazione delle terre albanesi” non si può fare senza una guerra balcanica tra l’Albania, la Grecia, la Macedonia, la Serbia e il Montenegro. Inutile menzionare che tipo di conseguenze distruttive potrebbe avere per l’Albania, e che tipo di disastro umano comporterebbe.

    Io penso che l’unica possibilità sia di creare una forma di Benelux balcanica tra tutti i paesi balcanici. Altrimenti saremo sempre una periferia inquieta dell’Europa.
      

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,331

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

      

  3. #3
    Contro il Demiurgo
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Località
    Verso la Luce
    Messaggi
    34,471

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da Bisentium Visualizza Messaggio
    Leggo nel link di Wiki, 200.000 membri???????????????
    Minkia alle prossime elezioni possono avere il 50%. Probabilmente si tratta di un refuso
      
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso poi anche l'abisso vorrà guardare dentro di te.
    F. Nietzsche.
    Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi.
    Giovanni (8, 31-32)

  4. #4
    Grande Racaille
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    27,184

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da ULTIMA LEGIONE Visualizza Messaggio
    Leggo nel link di Wiki, 200.000 membri???????????????
    Minkia alle prossime elezioni possono avere il 50%. Probabilmente si tratta di un refuso
    Alle elezioni si decimano nei seggi a palle di schioppo.
      

  5. #5
    Contro il Demiurgo
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Località
    Verso la Luce
    Messaggi
    34,471

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Alleanza rosso-nera? Eccomi!
      
    Kavalerists likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso poi anche l'abisso vorrà guardare dentro di te.
    F. Nietzsche.
    Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi.
    Giovanni (8, 31-32)

  6. #6
    Grande Racaille
    Data Registrazione
    29 May 2008
    Messaggi
    27,184

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da Gianky Visualizza Messaggio
    Alleanza rosso-nera? Eccomi!
    Adesso devi solo trovare i rossi.
      

  7. #7
    Contro il Demiurgo
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Località
    Verso la Luce
    Messaggi
    34,471

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da amerigodumini Visualizza Messaggio
    adesso devi solo trovare i rossi.
    :d
      
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso poi anche l'abisso vorrà guardare dentro di te.
    F. Nietzsche.
    Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi.
    Giovanni (8, 31-32)

  8. #8
    Nasista
    Data Registrazione
    12 Apr 2012
    Messaggi
    842

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    In Albania esistono partiti o movimenti che si richiamano più o meno ufficialmente ai Fascismi? O meglio, com'è la situazione della Destra Radicale albanese? Ricordo di aver intavolato una discussione tempo fa con un albanese fortemente filo-nazista, sostenitore dell'Illyrian Power eheh.

    Detto ciò, continuo a reputare gli albanesi peggio delle scimmie, non ci posso fare nulla.
      
    Ultima modifica di Hatamoto; 25-06-13 alle 00:22
    Ogni sentimento nobile deve celarsi.
    Per non infastidire il democratico.


    soleacciaio.org

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,331

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da ULTIMA LEGIONE Visualizza Messaggio
    Leggo nel link di Wiki, 200.000 membri???????????????
    Minkia alle prossime elezioni possono avere il 50%. Probabilmente si tratta di un refuso
    Ho visto il link, ma è matematicamente impossibile che abbiano 200.000 aderenti quando la Repubblica di ALbanai conta 3 milioni e 200.000 abitanti.
    Vedremo quanti voti prendono, intanto la c.d. "Alleanza per un'Albania Europea" del socialista Edi Rama ha prevalso con il 56% sul centro-destra di Sali Berisha, fermo al 40%.

    Anche l'Albania volta pagina, finisce l'epoca di Berisha - Diritto di critica
      

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Jul 2009
    Località
    Campidano
    Messaggi
    3,331

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Alcune considerazioni generali riguardo all'area dei Balcani sud-occidentali e ai rapporti tra Italia, Albania e Serbia.
    La mia posizione è stata filo-serba in tutte le guerre svoltesi sul territorio della ex Jugoslavia dal 1991 al 1999, quindi sia nella guerra del 1991-95 che in quella del Kosovo.
    Ciò in primo luogo per chiari motivi di scenario internazionale, legati agli interessi prima tedeschi e vaticani (Croazia e Slovenia), poi americani (Bosnia, Kosovo).
    Sono sempre rimasto indenne, inoltre, dall'ubriacatura filo-croata che agli inizi degli anni '90 infestava l'ambiente.
    Il mio filo-serbismo nasceva dalla conoscenza diretta del mondo degli esuli giuliano-dalmati e dalla memoria storica dell'amicizia italo-serba, conservatasi di fatto persino quando, nella II Guerra Mondiale, purtroppo eravamo formalmente nemici.
    Di contro, è inevitabile rilevare la naturale e insanabile inimicizia tra italiani da un lato e croati e sloveni dall'altro.
    Però, per i rapporti italo-albanesi la questione deve essere valutata diversamente.
    Nei Balcani sud-occidentali gli autoctoni, discendenti dagli antichi Illiri, sono gli albanesi, non i Serbi, che sono arrivati come tutti gli Slavi tra il VI e il VII secolo d.C..
    Anzi, a rigore i Serbi non sono altro che l'esito di mescolanze etniche tra le popolazioni slave arrivate nel Basso Medioevo e gli Illiri romanizzati ivi presenti.
    Di questi Illiri romanizzati, peraltro, sono rimasti anche relitti linguistici costituiti dai Valacchi a Aromuni, presenti in Grecia, Albania, ex Jugoslavia e Bulgaria: trattasi di popolazioni di lingua latina (affine all'attuale romeno), ormai quasi estinte, ma una volta molto diffuse in tutti i Balcani.
    Quindi, in un certo senso, Albanesi e Serbi sono anche in buona parte consanguinei, anche se parlano lingue completamente diverse.
    Storicamente il Kosovo ha vissuto una evoluzione demografica altalenante: prima illirico, poi nel Medioevo a popolazione mista serba e illirica, poi nuovamente a prevalenza illirica (albanese): già alla fine del XIX secolo i Serbi erano solo il 25% della popolazione del Kosovo.
    Prima della conquista turca e della famosa sconfitta serba a Kosovo Poje (1389), Serbi e Albanesi convivevano pacificamente sotto la corona del re serbo Stefano Dusan, che infatti si procolamò Zar dei Serbi, degli Albanesi e dei Greci nel periodo di massima espansione dello Stato serbo medievale.
    In realtà, la soluzione più giusta per il Kosovo sarebbe la spartizione: il 15-20%, cioè l'area serbofona e i monasteri e i luoghi importanti per la storia nazionale serba, alla Serbia, il resto integrato nella Grande Albania.
    L'Italia non ha nessun interesse a "parteggiare" per gli uni o per gli altri, al contrario proponendo un'intesa ragionevole si conquisterebbe l'amicizia delle due Nazioni.
    Ricordiamoci anche che la "Grande Albania" ha un precedente storico che è quello del 1941, nel periodo in cui l'Albania faceva parte dell'impero fascista italiano: il Kosovo entrò a far parte del Regno fascista di Albania sotto la sovranità italiana.
    Ricordiamo anche la grandissima figura del capo militare Skanderbeg, l'eroica resistenza albanese contro l'invasione turca (gli albanesi distrussero 15 eserciti turchi prima di essere sottomessi, quando i Serbi erano già stati domati da tempo) e gli stretti vincoli di sangue tra l'Albania e il Meridione d'Italia (dove è presente da oltre 600 anni, chiamata in Italia come forza mercenaria dai Re di Napoli, la consistente minoranza albanese "arberesh", che ha dato tra l'altro all'Italia due primi ministri: Crispi e Craxi, nonchè altre figure illustri).
    Insomma, secondo me è giusto essere amici di tutti in quella zona, sia dei Serbi che degli Albanesi, svolgendo semmai una funzione arbitrale e autorevole nell'interesse dell'Italia e della stabilità geopolitica di quella che dovrò tornare a essere una nostra area d'influenza.
    Parteggiare per gli uni o per gli altri è sbagliato.
    Hanno invece interesse a soffiare sul fuoco potenze lontane che a vario titolo, per motivi di potere, non hanno interesse alla stabilità dell'area adriatico-balcanica e la utilizzano come terreno di scontro "a distanza".
      
    Kavalerists likes this.

  11. #11
    Contro il Demiurgo
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Località
    Verso la Luce
    Messaggi
    34,471

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da Bisentium Visualizza Messaggio
    Alcune considerazioni generali riguardo all'area dei Balcani sud-occidentali e ai rapporti tra Italia, Albania e Serbia.
    La mia posizione è stata filo-serba in tutte le guerre svoltesi sul territorio della ex Jugoslavia dal 1991 al 1999, quindi sia nella guerra del 1991-95 che in quella del Kosovo.
    Ciò in primo luogo per chiari motivi di scenario internazionale, legati agli interessi prima tedeschi e vaticani (Croazia e Slovenia), poi americani (Bosnia, Kosovo).
    Sono sempre rimasto indenne, inoltre, dall'ubriacatura filo-croata che agli inizi degli anni '90 infestava l'ambiente.
    Il mio filo-serbismo nasceva dalla conoscenza diretta del mondo degli esuli giuliano-dalmati e dalla memoria storica dell'amicizia italo-serba, conservatasi di fatto persino quando, nella II Guerra Mondiale, purtroppo eravamo formalmente nemici.
    Di contro, è inevitabile rilevare la naturale e insanabile inimicizia tra italiani da un lato e croati e sloveni dall'altro.
    Però, per i rapporti italo-albanesi la questione deve essere valutata diversamente.
    Nei Balcani sud-occidentali gli autoctoni, discendenti dagli antichi Illiri, sono gli albanesi, non i Serbi, che sono arrivati come tutti gli Slavi tra il VI e il VII secolo d.C..
    Anzi, a rigore i Serbi non sono altro che l'esito di mescolanze etniche tra le popolazioni slave arrivate nel Basso Medioevo e gli Illiri romanizzati ivi presenti.
    Di questi Illiri romanizzati, peraltro, sono rimasti anche relitti linguistici costituiti dai Valacchi a Aromuni, presenti in Grecia, Albania, ex Jugoslavia e Bulgaria: trattasi di popolazioni di lingua latina (affine all'attuale romeno), ormai quasi estinte, ma una volta molto diffuse in tutti i Balcani.
    Quindi, in un certo senso, Albanesi e Serbi sono anche in buona parte consanguinei, anche se parlano lingue completamente diverse.
    Storicamente il Kosovo ha vissuto una evoluzione demografica altalenante: prima illirico, poi nel Medioevo a popolazione mista serba e illirica, poi nuovamente a prevalenza illirica (albanese): già alla fine del XIX secolo i Serbi erano solo il 25% della popolazione del Kosovo.
    Prima della conquista turca e della famosa sconfitta serba a Kosovo Poje (1389), Serbi e Albanesi convivevano pacificamente sotto la corona del re serbo Stefano Dusan, che infatti si procolamò Zar dei Serbi, degli Albanesi e dei Greci nel periodo di massima espansione dello Stato serbo medievale.
    In realtà, la soluzione più giusta per il Kosovo sarebbe la spartizione: il 15-20%, cioè l'area serbofona e i monasteri e i luoghi importanti per la storia nazionale serba, alla Serbia, il resto integrato nella Grande Albania.
    L'Italia non ha nessun interesse a "parteggiare" per gli uni o per gli altri, al contrario proponendo un'intesa ragionevole si conquisterebbe l'amicizia delle due Nazioni.
    Ricordiamoci anche che la "Grande Albania" ha un precedente storico che è quello del 1941, nel periodo in cui l'Albania faceva parte dell'impero fascista italiano: il Kosovo entrò a far parte del Regno fascista di Albania sotto la sovranità italiana.
    Ricordiamo anche la grandissima figura del capo militare Skanderbeg, l'eroica resistenza albanese contro l'invasione turca (gli albanesi distrussero 15 eserciti turchi prima di essere sottomessi, quando i Serbi erano già stati domati da tempo) e gli stretti vincoli di sangue tra l'Albania e il Meridione d'Italia (dove è presente da oltre 600 anni, chiamata in Italia come forza mercenaria dai Re di Napoli, la consistente minoranza albanese "arberesh", che ha dato tra l'altro all'Italia due primi ministri: Crispi e Craxi, nonchè altre figure illustri).
    Insomma, secondo me è giusto essere amici di tutti in quella zona, sia dei Serbi che degli Albanesi, svolgendo semmai una funzione arbitrale e autorevole nell'interesse dell'Italia e della stabilità geopolitica di quella che dovrò tornare a essere una nostra area d'influenza.
    Parteggiare per gli uni o per gli altri è sbagliato.
    Hanno invece interesse a soffiare sul fuoco potenze lontane che a vario titolo, per motivi di potere, non hanno interesse alla stabilità dell'area adriatico-balcanica e la utilizzano come terreno di scontro "a distanza".
    Concordo.
      
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso poi anche l'abisso vorrà guardare dentro di te.
    F. Nietzsche.
    Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi.
    Giovanni (8, 31-32)

  12. #12
    Nasista
    Data Registrazione
    12 Apr 2012
    Messaggi
    842

    Predefinito Re: "Alleanza rosso-nera", il nuovo nazionalismo albanese

    Citazione Originariamente Scritto da Bisentium Visualizza Messaggio
    Alcune considerazioni generali riguardo all'area dei Balcani sud-occidentali e ai rapporti tra Italia, Albania e Serbia.
    La mia posizione è stata filo-serba in tutte le guerre svoltesi sul territorio della ex Jugoslavia dal 1991 al 1999, quindi sia nella guerra del 1991-95 che in quella del Kosovo.
    Ciò in primo luogo per chiari motivi di scenario internazionale, legati agli interessi prima tedeschi e vaticani (Croazia e Slovenia), poi americani (Bosnia, Kosovo).
    Sono sempre rimasto indenne, inoltre, dall'ubriacatura filo-croata che agli inizi degli anni '90 infestava l'ambiente.
    Il mio filo-serbismo nasceva dalla conoscenza diretta del mondo degli esuli giuliano-dalmati e dalla memoria storica dell'amicizia italo-serba, conservatasi di fatto persino quando, nella II Guerra Mondiale, purtroppo eravamo formalmente nemici.
    Di contro, è inevitabile rilevare la naturale e insanabile inimicizia tra italiani da un lato e croati e sloveni dall'altro.
    Però, per i rapporti italo-albanesi la questione deve essere valutata diversamente.
    Nei Balcani sud-occidentali gli autoctoni, discendenti dagli antichi Illiri, sono gli albanesi, non i Serbi, che sono arrivati come tutti gli Slavi tra il VI e il VII secolo d.C..
    Anzi, a rigore i Serbi non sono altro che l'esito di mescolanze etniche tra le popolazioni slave arrivate nel Basso Medioevo e gli Illiri romanizzati ivi presenti.
    Di questi Illiri romanizzati, peraltro, sono rimasti anche relitti linguistici costituiti dai Valacchi a Aromuni, presenti in Grecia, Albania, ex Jugoslavia e Bulgaria: trattasi di popolazioni di lingua latina (affine all'attuale romeno), ormai quasi estinte, ma una volta molto diffuse in tutti i Balcani.
    Quindi, in un certo senso, Albanesi e Serbi sono anche in buona parte consanguinei, anche se parlano lingue completamente diverse.
    Storicamente il Kosovo ha vissuto una evoluzione demografica altalenante: prima illirico, poi nel Medioevo a popolazione mista serba e illirica, poi nuovamente a prevalenza illirica (albanese): già alla fine del XIX secolo i Serbi erano solo il 25% della popolazione del Kosovo.
    Prima della conquista turca e della famosa sconfitta serba a Kosovo Poje (1389), Serbi e Albanesi convivevano pacificamente sotto la corona del re serbo Stefano Dusan, che infatti si procolamò Zar dei Serbi, degli Albanesi e dei Greci nel periodo di massima espansione dello Stato serbo medievale.
    In realtà, la soluzione più giusta per il Kosovo sarebbe la spartizione: il 15-20%, cioè l'area serbofona e i monasteri e i luoghi importanti per la storia nazionale serba, alla Serbia, il resto integrato nella Grande Albania.
    L'Italia non ha nessun interesse a "parteggiare" per gli uni o per gli altri, al contrario proponendo un'intesa ragionevole si conquisterebbe l'amicizia delle due Nazioni.
    Ricordiamoci anche che la "Grande Albania" ha un precedente storico che è quello del 1941, nel periodo in cui l'Albania faceva parte dell'impero fascista italiano: il Kosovo entrò a far parte del Regno fascista di Albania sotto la sovranità italiana.
    Ricordiamo anche la grandissima figura del capo militare Skanderbeg, l'eroica resistenza albanese contro l'invasione turca (gli albanesi distrussero 15 eserciti turchi prima di essere sottomessi, quando i Serbi erano già stati domati da tempo) e gli stretti vincoli di sangue tra l'Albania e il Meridione d'Italia (dove è presente da oltre 600 anni, chiamata in Italia come forza mercenaria dai Re di Napoli, la consistente minoranza albanese "arberesh", che ha dato tra l'altro all'Italia due primi ministri: Crispi e Craxi, nonchè altre figure illustri).
    Insomma, secondo me è giusto essere amici di tutti in quella zona, sia dei Serbi che degli Albanesi, svolgendo semmai una funzione arbitrale e autorevole nell'interesse dell'Italia e della stabilità geopolitica di quella che dovrò tornare a essere una nostra area d'influenza.
    Parteggiare per gli uni o per gli altri è sbagliato.
    Hanno invece interesse a soffiare sul fuoco potenze lontane che a vario titolo, per motivi di potere, non hanno interesse alla stabilità dell'area adriatico-balcanica e la utilizzano come terreno di scontro "a distanza".
    Ammetto di essere irrimediabilmente "filo-serbo". Ciò a causa della mia passione per la cultura serba, per il popolo serbo, per amicizia e mille altri motivi.
    Ammetto però che forse, nei primi anni '90, probabilmente avrei guardato con simpatia alla lotta per l'indipendenza della Croazia, come d'altronde fece buona parte del nostro ambiente.
    A torto o a ragione, fu interpretata come la lotta per l'indipendenza di un popolo europeo contro un fittizio stato formalmente ancora comunista. Tale opinione, molto probabilmente, si sarebbe scontrata invece con la dura verità, ma è un altro discorso.
    Perciò non condivido in toto il tuo discorso, proprio a causa di una mia pregiudiziale filo-serba e anti-albanese. Tuttavia ammetto che il tuo è un punto di vista equilibrato, ragionato e corretto.
      
    Ogni sentimento nobile deve celarsi.
    Per non infastidire il democratico.


    soleacciaio.org

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 105
    Ultimo Messaggio: 04-10-12, 12:28
  2. Risposte: 72
    Ultimo Messaggio: 02-07-11, 12:53
  3. Bersani : "Nuovo Ulivo e una Alleanza per la Democrazia"
    Di SteCompagno nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 30-08-10, 11:19
  4. Risposte: 89
    Ultimo Messaggio: 26-05-09, 02:21
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14-09-08, 16:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Forum & Hosting Managed By NEXTODIGITAL
Nextodigital




1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214