User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 42
Like Tree4Likes

Discussione: L' arruolamento del neofascismo

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito L' arruolamento del neofascismo

    L?arruolamento del neofascismo | Tribuna | Rinascita.eu - Quotidiano di Sinistra Nazionale
    Premessa: non è certamente con la lettura di alcuni testi, anche quelli qui da noi definiti indispensabili e consigliati, che si può arrivare alla verità su certi avvenimenti. Molte le imprecisioni, molte le generalizzazioni, spesso vengono perseguiti dagli stessi autori fini che a noi sfuggono, ma che non hanno niente che vedere con la verità. Non siamo ingenui fino a questo punto.
    Però molti di noi hanno un loro passato, esperienze e militanza politica, occhi per vedere, orecchie per ascoltare e memoria per ricordare, abbiamo anche un ideale e una cultura che si sostanzia in una nostra weltaschuung e quindi possiamo discriminare, leggere tra le righe e saper cogliere elementi e fatti essenziali.
    Se poi a questi testi ci aggiungiamo un lavoro di ricerca, in parte possibile anche attraverso la rete internet, che ci consenta di leggere testimonianze di vario genere, anche di pentiti o dissociati, inchieste, atti processuali e sentenze, seppur anche qui bisogna poi saper capire o intuire quelle che sono confessioni veritiere da quelle che sono menzogne dette o fatte dire per svariati interessi, ebbene mettendo insieme tutte queste possibilità, capacità ed esperienze, è perfettamente possibile comprendere certe verità e smascherare una volta per tutte tanti farabutti che ancora, qualche imbecille, ritiene camerati.
    Ho appena terminato la lettura del pregevole e documentato libro di Stefania Limiti: Doppio livello, l’ho incrociato con tutti gli altri testi, i più importanti dei quali consiglio qui in fondo, e con tutte le altre mie conoscenze e pur trovando conferma a quanto ben sapevo, ne sono rimasto ugualmente sconvolto.
    E mai titolo di un libro, Doppio Livello, fu più azzeccato perchè qui siamo in presenza di gruppi e personaggi che agivano proprio su due piani, su due livelli: uno quello di facciata, a tutti noto e funzionale alla attestazione di un gruppo o di una attività politica, e l’altro quello segreto, attraverso il quale si era al servizio di “chi di dovere”.
    Si può, infatti, dire che oramai abbiamo la “prova provata” che un numero enorme di presunti “camerati”, svariati gruppi e movimenti, sono stati al servizio delle Intelligence occidentali, dei Servizi nostrani, di Commissariati e comandi dei Carabinieri che poi, in virtù della collocazione atlantica del nostro paese, sono tutte strutture riconducibili alle Intelligence occidentali.
    Ci può confortare solo il fatto che, in mezzo a questi farabutti, c’erano anche tanti camerati in buona fede, che hanno profuso lacrime e sangue nella loro attività politica e si spera sia rimasti puliti e moralmente integri, pur passando in questo mare di sterco.
    Spie, delatori, organizzatori di iniziative politiche, ispiratori o esecutori di attentati, stragi, violenze e quant’altro, persino coinvolti in criminalità comune e tutto questo per gli interessi dei nostri colonizzatori che avevano e hanno lo scopo di interferire nelle politiche del paese, attraverso questa specie di guerra “non convenzionale”, praticata anche attraverso l’uso di questi prezzolati, che è il mezzo da loro scelto dal momento in cui, finita la guerra, sapevano di dover ritirare le loro truppe di occupazione dall’Italia, avendo però l’accortezza di creare strutture e cellule in grado di garantirgli comunque un certo controllo ed una loro interferenza nella vita futura degli italiani.
    Corrompere, deviare con false flag, destabilizzare, quando serviva terrorizzare con attentati, violenze o stragi, persino controllare ambienti criminali o incentivare lo spaccio di droghe pesanti, sono stati i mezzi scelti e praticati dai nostri colonizzatori per mantenere la loro egemonia.
    E il nostro ex nemico in guerra ebbe anche la furbizia e l’accortezza di scegliere e di individuare negli sconfitti, che ora potevano chiamarsi “neofascisti”, gli uomini che gli occorrevano per queste sporche operazioni.

    Essi avevano in mano due carte importanti da giocare: l’offerta della salvezza personale e la disponibilità di mezzi e il coinvolgimento ideale nella pratica dell’anticomunismo.
    E fu così che sotto la guida di James Jesus Angleton, capo dell’Oss in Italia, ma anche il Soe britannico non stette a guardare e successivamente mettiamoci anche il Mossad israeliano, vennero avvicinati, circuiti e recuperati ai loro scopi, tantissimi reduci del fascismo repubblicano. Altri poi si aggiunsero, pseudo fascisti, o più esattamente “destristi”, per germinazione verminesca spontanea.
    Ecco quindi la creazione di una rete di spionaggio e di delatori, ma anche la costituzione di cellule segrete operative e gruppi politici funzionali alle strategie Stay Behind. Cia, basi Nato, Sifar, Sid, vari Sios, insomma lo Stato Maggiore, AA.RR, ecc., tutti ad arruolare, coinvolgere, corrompere ispirare la destra neofascista.
    Per gli statunitensi soprattutto, l’esca era il coinvolgimento dei neofascisti nella lotta al comunismo, trovare l’adesione di strutture militari o paramilitari sulla base di un presunto fronte comune contro il pericolo sovietico.
    Ma oggi sappiamo perfettamente che dietro questi specchietti per le allodole, visto che Jalta era una scelta strategica perfettamente concordata tra sovietici e occidentali, lo scopo vero di tutte queste iniziative degli Occidentali era quello di avere la possibilità di praticare in Italia la loro “guerra non ortodossa”, di dispiegare all’occorrenza le strategie Chaos elaborate a Washington e Langley, onde mantenere ingessato il nostro paese nell’alleanza atlantica e sotto il tallone americano.
    E ci sono riusciti e alla grande se oggi possiamo contare sul nostro territorio 113 basi Nato, anche nucleari tutte sotto controllo atlantico!
    Ai reduci “neofascisti” così recuperati si aggiunsero, via via con gli anni, i successivi “neofascisti” cresciuti sotto la perfida stella della politica missista, quindi già con una conformazione mentale tipica del destrismo più becero e deteriore.
    Come afferma, con perfetto intuito, Stefania Limiti, in questi neofascisti, avvenne a poco a poco una “mututazione genetica”.
    Verissimo, perchè costoro, eccetto gli infami per convenienza personale, sono magari partiti dalla valutazione demenziale che accettando certe collusioni, chissà, era forse possibile fare la “rivoluzione” (ma quale?!) del resto, pensavano i farabutti, siamo tutti concordi nell’osteggiare quel comunismo di cui ci si offrono i mezzi per apportargli una lotta più decisiva.
    E così, una volta coinvolti, di mese in mese, di anno in anno, di infamità in infamità hanno tutto sceso gli scalini dell’abiezione, del totale tradimento degli ideali fascisti e della Patria. E alcuni si sono sporcati le mani di sangue italiano.
    Da passare per le armi (e alla schiena, aggiungiamo noi!), scrissero per costoro i veri fascisti della Federazione Nazionale Combattenti della RSI, aggiungendo che mai, ad un vero fascista sarebbe passato per la mente di compiere attentati che potevano ferire, mutilare o uccidere degli italiani.
    Possiamo quindi comprendere e dare per scontato come tutto un ambiente, gruppi, movimenti e personaggi, abbiano fatto parte di questa infame e criminale militanza politica. Ma restiamo ugualmente sgomenti nel constatare i nomi di questi farabutti, e sono tanti, nomi di personaggi, spesso anche di cultura, preparati, a volte cultori di dottrine sapienzali, fautori del Tradizionalismo, assertori dei valori eroici, di onore, lealtà e fedeltà, in cui magari pure credevano, ma che nascondevano invece le loro collusioni: Capi, Capetti, Ducetti, attivisti, militanti, scrittori, giornalisti e altri, tutte carogne che hanno circuito, ingannato, spesso rovinato tanti camerati e soprattutto, mettendosi al servizio dei nostri colonizzatori, tradito quella Patria di cui si riempivano la bocca.
    Maledetti! Esaltavate la guerra del sangue contro l’oro, ma avevate scelto “l’oro”, avevate scelto Giuda, giuda voi stessi.
    Camerati Addio! vi disse con parole di fuoco Vincenzo Vinciguerra, e mai definizione fu più appropriata, soprattutto se specifichiamo che Voi, dietro i vostri saluti romani, il culto del “nostro onore si chiama fedeltà”, sotto la camicia nera, avevate la bandiera a stelle strisce, se non la stella di Davide.
    E non solo avete rovinato tanta gente, ma avete finito per rovinare la testimonianza e l’immagine storica del fascismo perchè, anche in virtù del gioco delle parti, svolto dagli avversari politici a cui faceva comodo darvi del “fascista”, eravate voi, maledetti!, che nell’immaginario collettivo rappresentavate il neofascismo.
    Ma oggi, constatando che non siete poche decine di traditori, ma siete centinaia e centinaia, anzi migliaia, anche se magari grazie a Dio molti di voi sono passati a miglior, anzi speriamo “peggior”, vita (pensare che ci sono inguaribili ingenui che vi hanno anche dedicato il “Presente!” o “l’andare oltre”), tutti gli altri dove sono? cosa fanno adesso?
    Perchè ci viene naturale pensare che certe “collusioni”, certe pratiche delatorie e inquinanti, non si cancellano dall’oggi al domani, ma restano sempre, si rimane sempre, se non nei libri paga, nei taccuini di “chi di dovere”. E’ quindi probabile che molti stiano ancora ramazzano cercando di allevare polli, di ispirare azioni o idee, insomma quello che hanno sempre fatto.
    Ed allora dobbiamo tutti fare molta attenzione e diffidare sempre, soprattutto di chi, rispetto a questo problema, minimizza, di chi trova giustificazioni.

    Articolo letto: 622 volte (13 Giugno 2013)
    Ultima modifica di Avanguardia; 24-06-13 alle 20:27
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    22,330
    Mentioned
    107 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Camerati Addio! vi disse con parole di fuoco Vincenzo Vinciguerra, e mai definizione fu più appropriata, soprattutto se specifichiamo che Voi, dietro i vostri saluti romani, il culto del “nostro onore si chiama fedeltà”, sotto la camicia nera, avevate la bandiera a stelle strisce, se non la stella di Davide.
    E' e sarà sempre demenziale sperare che nell'occidente di stampo illuminista e massonico ci sia qualcosa di funzionale al mondo dell'area.Ogni cosa che nasce da là è satanica.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  3. #3
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,886
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Come ho già avuto modo di dire sul forum della DR questo articolo dell'ottimo Barozzi questa volta mi è sembrato un po' ingeneroso. Ingeneroso e che pecca un tantino di presunzione. Intendiamoci sono un assiduo lettore dell'ottimo sito della FNCRSI, leggo Rinascita e simpatizzo per Avanguardia, ma cerco di interrogarmi e capire lo stato d'animo di tanti camerati che si sono trovati a vivere una situazione drammatica, dove essere fascisti e confessarsi tali voleva dire rischiare di morire o di finire in galera. Per molti l'appoggio dato in buona fede alle strutture atlantiche dello stato antifascista fu un modo per cercare di salvarsi la pelle. Chiaramente la condanna con i collusi in malafede non può che essere totale, ma io eviterei di fare di tutta un'erba un fascio.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  4. #4
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    bla bla bla che figo che sono straparlo dietro al pc bla bla bla i patentini di fascismo li posso dare solo io: slalom tra i littori e obbligo di precedenza a destra.
    not-duee, not-duee.. pa-s-sooo!
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Non conosco i cuori e le menti di tutti quelli che vissero quegli anni operando da camerati, forse non bisogna condannare. Io ho soltanto capito che il neofascismo italiano venuto dopo il 1945, tranne le case editrici d' area il cui lavoro è indispensabile per divulgare conoscenze e cultura, fu una cagata, al punto che sarebbe stato meglio per noi e per tutti non ci fosse mai stato.
    Ultima modifica di Avanguardia; 25-06-13 alle 17:32
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  6. #6
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Non conosco i cuori e le menti di tutti quelli che vissero quegli anni operando da camerati, forse non bisogna condannare. Io ho soltanto capito che il neofascismo italiano venuto dopo il 1945, tranne le case editrici d' area il cui lavoro è indispensabile per divulgare conoscenze e cultura, fu una cagata, al punto che sarebbe stato meglio per noi e per tutti non ci fosse mai stato.
    io invece ne conosco, e dato che non ho mai combinato un cazzo al di là di leggere qualche libro "non conforme" o ascoltare musica alternativa e visitare qualche blog di segaioli non mi permetterei mai e poi mai di sputare su gente che alla mia età stava in strada a combattere. anche a quelli di sinistra eh. cosa ho concretamente concluso io fino ad oggi? nulla. certi camerati negli anni di piombo invece ci hanno lasciato le penne, senza neanche sapere che cazzo fosse l'atlantismo.. tanto per dire.
    sarò puntiglioso ad esternare questo concetto ogni volta, ma mi da troppo fastidio chi non fa altro che sputare sui vecchi camerati missini.
    mio nonno era un onest'uomo, un fascista VERO, un eroe di guerra e un reduce della repubblica sociale. e votava msi.
    e se qualche coglione ciccione intende sparlare a cazzo dato che vuole farsi figo perchè è un ciucciamentine blogger fascista duro e puro, solo perchè quei camerati su cui sputa sono morti per dargli la possibilità di aprire bocca (bocca? quale bocca?! ahauahuah i tasti del pc casomai), beh non mi sta bene.
    andate a lavorare vah..

    per inciso, parlo in generale, non ce l'ho con il buon Avanguardia.
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  7. #7
    Ghibellino
    Data Registrazione
    22 May 2009
    Messaggi
    48,886
    Mentioned
    94 Post(s)
    Tagged
    5 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Capisco la rabbia di Caligola, io gli anni terribili, li ho vissuti seppur da democratico non fascista, e so bene l'assoluto deserto di odio che circondava il MSI e tutto il neofascismo italiano, so bene lo stato d'animo dei neofascisti di allora, l'isolamento in cui tanti giovani e meno giovani si trovavano a vivere anche nella vita quotidiana di tutti i giorni e come ho ribadito, l'articolo ed anche un certo modo di affrontare il tema da parte di qualcuno oggigiorno sia troppo duro e francamente ingeneroso verso i tanti camerati che in buona fede seppero affrontare e mai tradire l'Ideale in quei giorni terribili. Detto questo e ribadita la mia ammirazione per le decine di migliaia di camerati di allora ritengo però che una doverosa critica debba essere fatta alle classi dirigenti missine e anche non missine che, spesso in malafede, agirono in quel contesto. Buttare nel cesso tutto il neofascismo è un errore, non solo, è una ingiustizia, analizzare criticamente il fenomeno e denunciarne le indubbie storture è altrettanto doveroso.
    Adriano likes this.
    Se guardi troppo a lungo nell'abisso, poi l'abisso vorrà guardare dentro di te. (F. Nietzsche)

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    22 Apr 2009
    Messaggi
    10,635
    Mentioned
    22 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Citazione Originariamente Scritto da -Caligola- Visualizza Messaggio
    io invece ne conosco, e dato che non ho mai combinato un cazzo al di là di leggere qualche libro "non conforme" o ascoltare musica alternativa e visitare qualche blog di segaioli non mi permetterei mai e poi mai di sputare su gente che alla mia età stava in strada a combattere. anche a quelli di sinistra eh. cosa ho concretamente concluso io fino ad oggi? nulla. certi camerati negli anni di piombo invece ci hanno lasciato le penne, senza neanche sapere che cazzo fosse l'atlantismo.. tanto per dire.
    sarò puntiglioso ad esternare questo concetto ogni volta, ma mi da troppo fastidio chi non fa altro che sputare sui vecchi camerati missini.
    mio nonno era un onest'uomo, un fascista VERO, un eroe di guerra e un reduce della repubblica sociale. e votava msi.
    e se qualche coglione ciccione intende sparlare a cazzo dato che vuole farsi figo perchè è un ciucciamentine blogger fascista duro e puro, solo perchè quei camerati su cui sputa sono morti per dargli la possibilità di aprire bocca (bocca? quale bocca?! ahauahuah i tasti del pc casomai), beh non mi sta bene.
    andate a lavorare vah..

    per inciso, parlo in generale, non ce l'ho con il buon Avanguardia.
    Ripeto, io non sono stato in quegli anni e non sono probabilmente nelle condizioni di sindacare sui sentimenti e sulle problematiche di chi quegli anni gli ha vissuti. Il mio è un giudizio che nasce col senno del poi, vedendo le cose che sono state nel 2013, inerente al fenomeno della destra radicale e neofascismo in quegli anni lì. Dall' "alto" dell' avere 34 anni nel 2013, il mio giudizio non può essere che negativo, ritengo che se la strada per coloro che si ispirano ai fascismo et similia sia sbarrata oggi è in buona parte per il comportamento del neofascismo in generale, o magari di una parte di esso che proprio per ciò che ha fatto ha avuto maggiore visibilità perché al sistema faceva comodo dipingerci come "antipatici" eccetera.
    Poi, non devi sentirti inferiore a loro perché quelli stavano a combattere nelle strade. Tu (come altri qui) hai fatto tanto, di meglio senza fare risse e cose del genere. Hai fatto, hai dato per patria, l' Italia, le nostre idee, molto di più e senza comportarti "male". Quando hai capito (come altri tipo me) che farsi rompere le scatole per una patria e un popolo di coglioni serve solo a farsi passare per quello che non si è,hai mandato a quel paese tutto e hai fatto bene. Se proprio si vuole fare casino, meglio, molto meglio, farlo proprio per divertimento e sfogo senza bandiere politiche.
    Ultima modifica di Avanguardia; 26-06-13 alle 15:52
    Adriano likes this.
    FASCISMO MESSIANICO E DISTRUTTORE. PER UN MONDIALISMO FASCISTA.

    "NELLA MIA TOMBA NON OCCORRE SCRIVERE ALCUN NOME! SE DOVRO' MORIRE, LO FARO' NEL DESERTO, IN MEZZO ALLE BATTAGLIE." Ken il Guerriero, cap. 27. fumetto.

  9. #9
    Οὖτις
    Data Registrazione
    30 Nov 2012
    Località
    in mona
    Messaggi
    1,778
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Citazione Originariamente Scritto da ULTIMA LEGIONE Visualizza Messaggio
    Capisco la rabbia di Caligola, io gli anni terribili, li ho vissuti seppur da democratico non fascista, e so bene l'assoluto deserto di odio che circondava il MSI e tutto il neofascismo italiano, so bene lo stato d'animo dei neofascisti di allora, l'isolamento in cui tanti giovani e meno giovani si trovavano a vivere anche nella vita quotidiana di tutti i giorni e come ho ribadito, l'articolo ed anche un certo modo di affrontare il tema da parte di qualcuno oggigiorno sia troppo duro e francamente ingeneroso verso i tanti camerati che in buona fede seppero affrontare e mai tradire l'Ideale in quei giorni terribili. Detto questo e ribadita la mia ammirazione per le decine di migliaia di camerati di allora ritengo però che una doverosa critica debba essere fatta alle classi dirigenti missine e anche non missine che, spesso in malafede, agirono in quel contesto. Buttare nel cesso tutto il neofascismo è un errore, non solo, è una ingiustizia, analizzare criticamente il fenomeno e denunciarne le indubbie storture è altrettanto doveroso.
    Citazione Originariamente Scritto da Avanguardia Visualizza Messaggio
    Ripeto, io non sono stato in quegli anni e non sono probabilmente nelle condizioni di sindacare sui sentimenti e sulle problematiche di chi quegli anni gli ha vissuti. Il mio è un giudizio che nasce col senno del poi, vedendo le cose che sono state nel 2013, inerente al fenomeno della destra radicale e neofascismo in quegli anni lì. Dall' "alto" dell' avere 34 anni nel 2013, il mio giudizio non può essere che negativo, ritengo che se la strada per coloro che si ispirano ai fascismo et similia sia sbarrata oggi è in buona parte per il comportamento del neofascismo in generale, o magari di una parte di esso che proprio per ciò che ha fatto ha avuto maggiore visibilità perché al sistema faceva comodo dipingerci come "antipatici" eccetera.
    Poi, non devi sentirti inferiore a loro perché quelli stavano a combattere nelle strade. Tu (come altri qui) hai fatto tanto, di meglio senza fare risse e cose del genere. Hai fatto, hai dato per patria, l' Italia, le nostre idee, molto di più e senza comportarti "male". Quando hai capito (come altri tipo me) che farsi rompere le scatole per una patria e un popolo di coglioni serve solo a farsi passare per quello che non si è,hai mandato a quel paese tutto e hai fatto bene. Se proprio si vuole fare casino, meglio, molto meglio, farlo proprio per divertimento e sfogo senza bandiere politiche.
    ottimi interventi! avete ribadito quello che è assolutamente anche il mio pensiero, solo che io l'ho detto in maniera un po'più cacofonica
    ...vivono tutte ancora le isole madri di Eroi
    ogni anno rifioriscono...


  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Feb 2012
    Messaggi
    118
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L' arruolamento del neofascismo

    Citazione Originariamente Scritto da ULTIMA LEGIONE Visualizza Messaggio
    Come ho già avuto modo di dire sul forum della DR questo articolo dell'ottimo Barozzi questa volta mi è sembrato un po' ingeneroso. Ingeneroso e che pecca un tantino di presunzione. Intendiamoci sono un assiduo lettore dell'ottimo sito della FNCRSI, leggo Rinascita e simpatizzo per Avanguardia, ma cerco di interrogarmi e capire lo stato d'animo di tanti camerati che si sono trovati a vivere una situazione drammatica, dove essere fascisti e confessarsi tali voleva dire rischiare di morire o di finire in galera. Per molti l'appoggio dato in buona fede alle strutture atlantiche dello stato antifascista fu un modo per cercare di salvarsi la pelle. Chiaramente la condanna con i collusi in malafede non può che essere totale, ma io eviterei di fare di tutta un'erba un fascio.
    Ultima Legione se abbiamo detto di essere più volte contro il neofascismo atlantico di servizio non possiamo giustificare alcunchè altrimenti non ci sarà mai quella rottura definitiva con quell'ambiente marcio e corrotto, amico dei servizi come appunto il neofascismo. Il Socialismo Nazionale non è destra radicale, mettiamocelo in testa, sono due mondi totalmente diversi che pur avendo qualche riferimento ideologico in comune sono incompatibili perciò dobbiamo fare delle scelte: o giustificare i destroidi e quindi indirettamente diventare complici del neofascismo oppure prendere le distanze una volta per tutte e pensare di costruire qualcosa di nuovo.
    SOCIALISTA NAZIONALE

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Rinascita : L’arruolamento del neofascismo
    Di abbaraccato nel forum Destra Radicale
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 25-06-13, 19:31
  2. Arruolamento Folgore 2007
    Di Arancia Meccanica nel forum Destra Radicale
    Risposte: 136
    Ultimo Messaggio: 02-12-07, 09:40
  3. Arruolamento Folgore 2007
    Di Arancia Meccanica nel forum L'Osteria
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-05-07, 02:37
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-05-04, 13:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226