User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Maxadhego

Discussione: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,598
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.



    http://mattinopadova.gelocal.it/regione/2013/06/28/news/grandi-opere-colline-alberi-e-filari-veneto-city-e-green-1.7335400


    GRANDI OPERE / Colline, alberi e filari: Veneto City è green
    Presentato il progetto del polo del terziario a cavallo tra Venezia e Padova.
    Cucinella: «Il mercato rifiuta la cattiva qualità, costruiremo il paesaggio»



    PADOVA «Era infinitamente più facile fare così e anche meno oneroso». L’architetto Mario Cucinella indica sul plastico i capannoni della zona artigianale che si affacciano sulla direttrice autostradale e ferroviaria tra Dolo e Pianiga, in provincia di Venezia. «Ma Veneto City ha un’altra ambizione che è quella di ricostruire il paesaggio tipico della pianura Padana, fatto di colline, filari e canali.
    Recuperando, così, la memoria paesaggistica di quest’area che, nel corso degli anni, è stata cancellata». In vista della presentazione del Piano urbanistico attuativo (Pua), la scadenza è fissata per il prossimo 17 luglio, Veneto City ha alzato il sipario sul masterplan di sviluppo del grande polo veneto del terziario.

    Un progetto che, ha sostenuto l’architetto palermitano (primo italiano a vincere un premio Mipim nella categoria green builindg) sulla filosofia dell’intervento, «punta a combinare paesaggio e architettura. Un approccio con una sensibilità che non c’è mai stata in questo Paese».

    Infrastruttura verde. Insieme alla paesaggista Valeria Pagliaro dello studio Land di Andreas Kipar e all’ingegner Adileno Boeche di Manens Tifs (sviluppo impiantistico-energetico), Cucinella è partito da una fotografia di un paesaggio collinare per spiegare il progetto. Il primo cantiere di Veneto City, è stato spiegato, sarà quello per la piantumazione dell’area con alberi e piante. «Un cantiere che funziona da subito e che prescinde dallo sviluppo edile».
    L’idea è quella di creare una “spina verde” interna all’area delimitata dall’autostrada, da una parte, e dalla ferrovia dall’altra.

    Nessuno scavo, poi, ma piuttosto la creazione di una sorta di podio ad alzare l’attuale livello per permettere interventi di sicurezza idrogeologica (con la creazione di un bacino di laminazione) e di sviluppare le aree pedonabili e ciclabili (6 chilometri) su un livello superiore a quello della mobilità. Stazione e urbanistica. Punti di riferimento principali dello sviluppo “collinare” dell’area saranno la stazione della metropolitana di superficie (Sfmr) e l’area destinata a ospitare la ricettività alberghiera. Cucinella ha declinato costruttivamente il concetto di collina attraverso una serie di archi (in legno o lignite) destinati a ricoprire tutti gli edifici.


    «Parliamo» ha spiegato «per la quota più alta di circa nove piani, paria a 25-30 metri di altezza». Picco che va a degradare e a distendersi sul resto dell’area «diminuendo così l’impatto che, diversamente, avremmo avuto concentrando i volumi su una zona più circoscritta. Gli elementi verticali, se integrati nel paesaggio, non sono negativi ma diventano punti di riferimento». A creare, secondo quella che è stata la suggestione degli architetti «un canyon verde e blu».


    Energia. Le parole d’ordine, qui, sono trigenerazione, geotermia e fotovoltaico. Una delle fonti utilizzate è appunto la trigenerazione a gas, grazie a un punto centralizzato per la produzione combinata di energia termica, frigorifera ed elettrica. Prevista anche una caldaia a biomasse capace di funzionare con il cippato di legno prodotto in loco. La seconda fonte è quella geotermica per finire con il solare. Proprio sul fronte ambientale, Veneto City sarà sottoposta, non per obblighi di legge ma volontariamente, a certificazione ambientale secondo gli standard Leed, uno dei più importanti certificatori al mondo. «Abbiamo discusso molto con i committenti: questo progetto o si fa così o non si fa» ha concluso Cucinella.


    «Si tratta di un impegno molto oneroso ma il mercato chiede qualità. Si è costruito troppo e male, ma c’è ancora attenzione per la qualità. Sono pochi gli spazi di questo tipo e Veneto City guarda a una visibilità mondiale». Sostenibilità finanziaria. Dopo la presentazione del Pua, la società presieduta da Luigi Endrizzi dovrebbe chiudere il cerchio anche sulla bancabilità del progetto. Aspetto, visto il periodo, particolarmente delicato anche se indiscrezioni raccolte su questo punto parlano di trattative a buon punto.


    A tirare le fila, dall’inizio dell’anno, è stato chiamato Maurizio Boschiero (ex Condotte) che, di fatto, ha preso le deleghe operative che prima erano di Rinaldo Panzarini ex (a questo punto) amministratore delegato. Un ruolo non più previsto, visto che Boschiero è stato nominato direttore generale. Panzarini resta come piccolo azionista (ha l’1,02% del capitale).

    La Spa vede, poi, Endrizzi detenere il 26,9% al pari della Finpiave di Bepi Stefanel. Poco sotto Mantovani (22,2%), Andrighetti (9,8%), la Bieffe (7%) di Biasuzzi e con poco più del 6% la Pittarello Holding. A sostenere, fin qui, il progetto sono state, prevalentemente, Cariveneto e Unicredit. Sarà così anche per futuro?


    colline, alberi, filari...
    ...giusto per vendere un progetto, che alla fine vale
    una cascata di cemento e la devastazione
    definitiva, di una isola di verde
    rimasta fortunatamente, ancora integra.

    bravi gli amministratori;
    l'importante è ribadire la difesa del territorio e lo
    stop al consumo di suoli.










    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,478
    Mentioned
    100 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

    costruzioni su costruzioni... alla fine qualcuno rimarrà con il cerino in mano.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,598
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

    Citazione Originariamente Scritto da MaIn Visualizza Messaggio


    costruzioni su costruzioni... alla fine qualcuno
    rimarrà con il cerino in mano.

    ce ne sono già a migliaia con il cerino in mano,
    ma guai a smettere la devastazione.
    neuro likes this.

  4. #4
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,699
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

    che teste di c.... da 4-5 anni (mica da un mese) non si riesce più a vendere un capannone (neanche quasi a regalarlo) e questi vogliono devastare mezza pianura veneta per fare un nuovo insediamento

    pensino a recuperare le aree industriali dismesse e i disastri ambientali provocati dalla speculazione edilizia

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,598
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Re: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio


    che teste di c.... da 4-5 anni (mica da un mese)
    non si riesce più a vendere un capannone
    (neanche quasi a regalarlo) e questi vogliono
    devastare mezza pianura veneta per fare un nuovo insediamento

    pensino a recuperare le aree industriali dismesse
    e i disastri ambientali provocati dalla speculazione edilizia


    è quello che ripetono i comitati cittadini
    contro il folle progetto, ma non c'è peggior
    sordo di chi non vuol sentire.

    credo comunque che alla fine non se ne farà
    nulla, perchè si può barare sulle promesse,
    non certo sulla realtà di un mercato
    delle costruzioni in caduta libera, con offerte
    di vendita, 10 volte superiori alla domanda.

    si da il caso, che anche il progetto del palais lumière
    sulla laguna di venezia sia stato spento.


    Pierre Cardin rinuncia al suo Palais Lumiere sulle rive della laguna - Cronaca - il Mattino di Padova

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,993
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Ecco la "valorizzazione" del territorio veneto.

    Siamo alla follia, un'altro danno della cultura del lavoro padana, sempre lavorare e mai pensare.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 

Discussioni Simili

  1. I "Responsabili" diventano "Popolo e territorio"
    Di ventunsettembre nel forum Padania!
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 09-07-11, 19:18
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 21-02-08, 19:57
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-02-08, 19:40
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-11-06, 14:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226