User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
Like Tree6Likes

Discussione: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

  1. #1
    Christianita
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Ελευσίνα
    Messaggi
    16,946
    Mentioned
    26 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    5 luglio 2013
    Di L'indipendenza



    di CHRIS WILTON
    Per favore amici dell’Indipendenza, non cadete nella trappola. Non date la colpa al Fondo Monetario Internazionale se l’Imu sulla prima casa non verrà abolita o se l’Iva verrà aumentata: non c’entra nulla. Anche perché i suoi funzionari non sono in grado di giungere a conclusioni, di nessun genere: sono dei poveretti, gente che non ha azzeccato una previsione sul Pil greco dal 2008 ad oggi, gente che si è dovuta scusare perché ha ridotto Atene un mercatino delle pulci con le sue ricette di austerity, gente che sfrutta il roboante nome dell’istituto per cui lavorano al fine di rendere credibili le cazzate che spara (chiedete ai liberisti americani veri cosa pensano dell’Fmi e vedrete che non sbaglio). L’Fmi si è limitato a fare un favore al governo Letta, al fine di ottenere il sigillo di Washington su ciò che Pd e Scelta Civica vogliono ma non possono avere a causa della presenza del PdL in maggioranza. Quelle indicazioni, compresa quella su MPS che ormai sta andando alla malora e quindi il Tesoro deve essere pronto a intervenire (un capolavoro assoluto, ammettiamolo, altrimenti toccava farlo dire ai cittadini dal ministro delle Finanze, con l’ovvia reazione di panico e la gente che volava in banca a ritirare i soldi), le hanno scritte in via XX Settembre: l’Fmi ha solo finto che siano sue. Poi, in autunno, passerà all’incasso, imponendo all’Italia le misure che fanno loro comodo.
    Deja vù, nel 2011 fu la lettera della Bce scritta da Brunetta per far fuori Tremonti, oggi è quella dell’Fmi scritta da chissà chi a Roma. Tanto Enrico Letta ha poco da alzare eventualmente la cresta in fatto di sovranità (cosa che tra l’altro non gli passa nemmeno per la testa di fare, lui è un uomo Aspen): un fiato e tra settembre e ottobre un altro contratto derivato verrà chiuso in anticipo da una banca (c’è una clausola apposita, “Bermuda litigation clause”), come fece lo scorso anno Morgan Stanley ma questa volta il conto sarà di 8 miliardi. Ovvero, il fallimento del Paese. L’operazione che si vuole ottenere è politica: il PdL rompe ma moltissimi dei suoi, sentendo puzza di condanna definitiva di Berlsusconi in autunno e sapendo che Napolitano non permetterà nuove elezioni con l’attuale legge elettorale, formeranno un gruppo autonomo, fedele al governo e senza falchi. Le scuse non mancano: siamo contrari al ritorno di Forza Italia, sarebbe da irresponsabili verso il Paese, noi e Scelta Civica siamo moderati e possiamo dar vita al PPE italiano e altre cazzate simili… A quel punto, via con la macelleria in nome del bene superiore della Patria, con tanto di benedizione quirinalizia: Iva, Imu, riforma della governance delle banche popolari che tanto dà fastidio al Corriere degli Agnelli e agli istituti con istinti cannibali che stanno nel suo patto di sindacato, nazionalizzazione di Monte dei Paschi (già oggi fallita nei fatti, fatevi una ragione del fatto che pagherete voi per mantenere in vita lo stipendificio del Pd), patrimoniale per far contento Fassina, la Cgil, Sel e anche i grillini, privatizzazioni degli asset migliori dello Stato non proprio in ossequio ai principi sacri del libero mercato (gli amici vanno ringraziati, ve l’ho già detto), tracciabilità totale, divieto di utilizzo del contante sopra i 500 euro per garantire alle banche il business della moneta elettronica, ritorno di Equitalia nei comuni per decreto legge e quant’altro possa mantenere in vita artificialmente il carrrozzone Italia e le sue rendite di posizione. La falsa minaccia di Monti a Letta di qualche giorno fa era propedeutica a tutto questo, lo si era capito subito.
    Il vostro destino è questo, la pantomima dell’Fmi che dà ordini è tale e tale deve restare. Stanno facendo un golpe, esattamente come in Egitto. Ma morbido, sobrio, tecnocratico, presidenziale. Con la vaselina che reca la scritta “made in Usa”, anche se in realtà è prodotta in via XX Settembre. Un paio di cose posso dirvele. Primo,quando Monte dei Paschi verrà nazionalizzata, per alcuni giorni saranno imposti controlli sui capitali in stile cipriota per evitare quella che nel mio Paese si chiama una bank-run. A quel punto, con i bancomat limitati e le operazioni di cassa e on-line al minimo, chi di dovere potrà anche spiare con calma nei vostri conti correnti. Secondo, casualmente il piano europeo per le risoluzioni bancarie, quello che prevede che in caso di fallimento di una banca a pagare per il salvataggio non sia lo Stato in prima istanza ma depositari sopra i 100mila euro e detentori di bond, verrà presentato mercoledì prossimo. Lo ha annunciato ieri EuropeanVoice. Se per caso e dico solo per caso, la Commissione Europea bocciasse i Monti-bond da 4 miliardi per Monte dei Paschi, ancora non si è pronunciata al riguardo, chi pensate che pagherà di botto per salvare MPS? Ammesso che ci siano ancora sufficienti depositi nelle casse senesi. Altrimenti paga lo Stato. Ma se i Monti-bond fossero già stati bocciati una volta dall’Europa, magari lo farà con Cassa Depositi e Prestiti e con una tassa di scopo. Per tutti voi, sui conti correnti. Di tutti gli istituti. D’altronde, lo dice l’Europa, il povero Letta non può farci nulla, solo le nuove regole condivise. Pregate che accada una cosa: l’esplosione dell’eurozona in estate, sarebbe la vostra salvezza. Good luck.
    da L’indipendenza
    mariamills and Juv like this.
    «Feared neither death nor pain,
    for this beauty;
    if harm, harm to ourselves.»
    (Ezra Pound - Canto XX, The Lotus Eaters)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    my uncle's nephew
    Data Registrazione
    27 Feb 2012
    Messaggi
    1,075
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da dedelind Visualizza Messaggio
    L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    5 luglio 2013
    Di L'indipendenza



    di CHRIS WILTON
    Per favore amici dell’Indipendenza, non cadete nella trappola. Non date la colpa al Fondo Monetario Internazionale se l’Imu sulla prima casa non verrà abolita o se l’Iva verrà aumentata: non c’entra nulla. Anche perché i suoi funzionari non sono in grado di giungere a conclusioni, di nessun genere: sono dei poveretti, gente che non ha azzeccato una previsione sul Pil greco dal 2008 ad oggi, gente che si è dovuta scusare perché ha ridotto Atene un mercatino delle pulci con le sue ricette di austerity, gente che sfrutta il roboante nome dell’istituto per cui lavorano al fine di rendere credibili le cazzate che spara (chiedete ai liberisti americani veri cosa pensano dell’Fmi e vedrete che non sbaglio). L’Fmi si è limitato a fare un favore al governo Letta, al fine di ottenere il sigillo di Washington su ciò che Pd e Scelta Civica vogliono ma non possono avere a causa della presenza del PdL in maggioranza. Quelle indicazioni, compresa quella su MPS che ormai sta andando alla malora e quindi il Tesoro deve essere pronto a intervenire (un capolavoro assoluto, ammettiamolo, altrimenti toccava farlo dire ai cittadini dal ministro delle Finanze, con l’ovvia reazione di panico e la gente che volava in banca a ritirare i soldi), le hanno scritte in via XX Settembre: l’Fmi ha solo finto che siano sue. Poi, in autunno, passerà all’incasso, imponendo all’Italia le misure che fanno loro comodo.
    Deja vù, nel 2011 fu la lettera della Bce scritta da Brunetta per far fuori Tremonti, oggi è quella dell’Fmi scritta da chissà chi a Roma. Tanto Enrico Letta ha poco da alzare eventualmente la cresta in fatto di sovranità (cosa che tra l’altro non gli passa nemmeno per la testa di fare, lui è un uomo Aspen): un fiato e tra settembre e ottobre un altro contratto derivato verrà chiuso in anticipo da una banca (c’è una clausola apposita, “Bermuda litigation clause”), come fece lo scorso anno Morgan Stanley ma questa volta il conto sarà di 8 miliardi. Ovvero, il fallimento del Paese. L’operazione che si vuole ottenere è politica: il PdL rompe ma moltissimi dei suoi, sentendo puzza di condanna definitiva di Berlsusconi in autunno e sapendo che Napolitano non permetterà nuove elezioni con l’attuale legge elettorale, formeranno un gruppo autonomo, fedele al governo e senza falchi. Le scuse non mancano: siamo contrari al ritorno di Forza Italia, sarebbe da irresponsabili verso il Paese, noi e Scelta Civica siamo moderati e possiamo dar vita al PPE italiano e altre cazzate simili… A quel punto, via con la macelleria in nome del bene superiore della Patria, con tanto di benedizione quirinalizia: Iva, Imu, riforma della governance delle banche popolari che tanto dà fastidio al Corriere degli Agnelli e agli istituti con istinti cannibali che stanno nel suo patto di sindacato, nazionalizzazione di Monte dei Paschi (già oggi fallita nei fatti, fatevi una ragione del fatto che pagherete voi per mantenere in vita lo stipendificio del Pd), patrimoniale per far contento Fassina, la Cgil, Sel e anche i grillini, privatizzazioni degli asset migliori dello Stato non proprio in ossequio ai principi sacri del libero mercato (gli amici vanno ringraziati, ve l’ho già detto), tracciabilità totale, divieto di utilizzo del contante sopra i 500 euro per garantire alle banche il business della moneta elettronica, ritorno di Equitalia nei comuni per decreto legge e quant’altro possa mantenere in vita artificialmente il carrrozzone Italia e le sue rendite di posizione. La falsa minaccia di Monti a Letta di qualche giorno fa era propedeutica a tutto questo, lo si era capito subito.
    Il vostro destino è questo, la pantomima dell’Fmi che dà ordini è tale e tale deve restare. Stanno facendo un golpe, esattamente come in Egitto. Ma morbido, sobrio, tecnocratico, presidenziale. Con la vaselina che reca la scritta “made in Usa”, anche se in realtà è prodotta in via XX Settembre. Un paio di cose posso dirvele. Primo,quando Monte dei Paschi verrà nazionalizzata, per alcuni giorni saranno imposti controlli sui capitali in stile cipriota per evitare quella che nel mio Paese si chiama una bank-run. A quel punto, con i bancomat limitati e le operazioni di cassa e on-line al minimo, chi di dovere potrà anche spiare con calma nei vostri conti correnti. Secondo, casualmente il piano europeo per le risoluzioni bancarie, quello che prevede che in caso di fallimento di una banca a pagare per il salvataggio non sia lo Stato in prima istanza ma depositari sopra i 100mila euro e detentori di bond, verrà presentato mercoledì prossimo. Lo ha annunciato ieri EuropeanVoice. Se per caso e dico solo per caso, la Commissione Europea bocciasse i Monti-bond da 4 miliardi per Monte dei Paschi, ancora non si è pronunciata al riguardo, chi pensate che pagherà di botto per salvare MPS? Ammesso che ci siano ancora sufficienti depositi nelle casse senesi. Altrimenti paga lo Stato. Ma se i Monti-bond fossero già stati bocciati una volta dall’Europa, magari lo farà con Cassa Depositi e Prestiti e con una tassa di scopo. Per tutti voi, sui conti correnti. Di tutti gli istituti. D’altronde, lo dice l’Europa, il povero Letta non può farci nulla, solo le nuove regole condivise. Pregate che accada una cosa: l’esplosione dell’eurozona in estate, sarebbe la vostra salvezza. Good luck.
    da L’indipendenza
    mi sembra tutto dannatamente verosimile
    I am sorry if I non speak very well l'itagliano, but lo capiscio motto bene.
    Datemi pure del clown pagliaccia, a voi è consentito...

  3. #3
    AUT CONSILIO AUT ENSE
    Data Registrazione
    30 Oct 2009
    Località
    Granducato di Toscana
    Messaggi
    78,861
    Mentioned
    691 Post(s)
    Tagged
    61 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Speriamo che si sbaglino, ma ho i miei dubbi.
    La religione di Cristo è troppo sottile per gli Orientali, a loro servono più principi politici. Ai loro occhi Maometto è superiore a Gesù, perché lo vedono agire.
    Possono tenersi il loro paradiso.
    Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo.

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 Oct 2012
    Messaggi
    8,720
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Non date la colpa al FMI? Andatelo a dire ai greci o agli argentini che hanno seguito per filo e per segno tutte le direttive del FMI e sono tecnicamente in default dopo che hanno svenduto tutto il patrimonio pubblico.

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    17 Feb 2011
    Località
    Roma
    Messaggi
    9,092
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Sveliaaaaa 111!!!!!111


  6. #6
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da seven77 Visualizza Messaggio
    Non date la colpa al FMI? Andatelo a dire ai greci o agli argentini che hanno seguito per filo e per segno tutte le direttive del FMI e sono tecnicamente in default dopo che hanno svenduto tutto il patrimonio pubblico.
    Potevano dichiarare default, uscire dall'euro e dalla UE.
    ma non lo hanno fatto.
    peccato.
    Perchè se fosse andata così, avremmo speso 1\3 di quello che ci sta costando salvare l'insalvabile.
    occidentale and Arikel like this.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 Oct 2012
    Messaggi
    8,720
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da benjamin_linus Visualizza Messaggio
    Potevano dichiarare default, uscire dall'euro e dalla UE.
    ma non lo hanno fatto.
    peccato.
    Perchè se fosse andata così, avremmo speso 1\3 di quello che ci sta costando salvare l'insalvabile.
    Non l'hanno permesso perché avere stati comunisti (logica conseguenza del default capitalista) sono sempre delle gran rotture (vedasi il comportamento del Venezuela nell'affare Snowden). Meglio pagare un po' e riprendersi tutto con gli interessi per tenersi il cagnolino buono dentro casa.

  8. #8
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da seven77 Visualizza Messaggio
    Non l'hanno permesso perché avere stati comunisti (logica conseguenza del default capitalista) sono sempre delle gran rotture (vedasi il comportamento del Venezuela nell'affare Snowden). Meglio pagare un po' e riprendersi tutto con gli interessi per tenersi il cagnolino buono dentro casa.
    Però non è andata esattamente così.
    In primo luogo perchè comunque a votare ci sono andati i greci e per 2 volte non han scelto chi proponeva la tua soluzione.
    In secondo luogo, perchè comunque "i salvatori" ci han già rimesso e pure di brutto visto che è già stato fatto un bell'haircut sul debito greco.
    E probabilmente, non sarà neanche l'ultimo.
    infine, non so se poi le cose fossero andate come dici tu, se avresti avuto una nazione comunista, una fascista o un bell'ibrido rossonero che quassù avrebbe fatto orgasmare in diversi...
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    08 Oct 2012
    Messaggi
    8,720
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da benjamin_linus Visualizza Messaggio
    Però non è andata esattamente così.
    In primo luogo perchè comunque a votare ci sono andati i greci e per 2 volte non han scelto chi proponeva la tua soluzione.
    In secondo luogo, perchè comunque "i salvatori" ci han già rimesso e pure di brutto visto che è già stato fatto un bell'haircut sul debito greco.
    E probabilmente, non sarà neanche l'ultimo.
    infine, non so se poi le cose fossero andate come dici tu, se avresti avuto una nazione comunista, una fascista o un bell'ibrido rossonero che quassù avrebbe fatto orgasmare in diversi...
    I greci hanno votato gli stessi perché le grancasse hanno suonato l'allarme rosso in caso di uscita dall'euro (tipo: morte, fame e distruzione) per poi scoprire che gli eventi catastrofici sono ben vivi proprio grazie a chi gridava al lupo, al lupo.
    Per quanto riguarda, nazione rossa, nazione nera o rossonera hai ragione. Ma stando al voto Syriza è quasi il primo partito con circa il 30% ed il KKE ha un altro 5%, mentre Alba Dorata è intorno al 10%, ciò mi fa pensare che la protesta tende più verso sinistra.
    Ultima modifica di seven77; 06-07-13 alle 23:14

  10. #10
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: L’Italia è cotta: i diktat del Fmi in realtà sono stati scritti a Roma

    Citazione Originariamente Scritto da seven77 Visualizza Messaggio
    I greci hanno votato gli stessi perché le grancasse hanno suonato l'allarme rosso in caso di uscita dall'euro (tipo: morte, fame e distruzione) per poi scoprire che gli eventi catastrofici sono ben vivi proprio grazie a chi gridava al lupo, al lupo.
    Per quanto riguarda, nazione rossa, nazione nera o rossonera hai ragione. Ma stando al voto Syriza è quasi il primo partito con circa il 30% ed il KKE ha un altro 5%, mentre Alba Dorata è intorno al 10%, ciò mi fa pensare che la protesta tende più verso sinistra.
    Adesso comunque al governo son rimasti solo i Socialisti e neo Democratia, il terzo partito si è sfilato.
    Se ricordo bene, hanno 153 seggi su 300, ossia la situazione è appesa a un filo.
    Vediamo cosa succede questo inverno, a questo punto se decidono di uscire da UE e dall'Euro e dichiarano default, è la cosa migliore per tutti.
    Ovviamente ci saranno delle conseguanze, non è che la cosa finisce lì, ma probabilmente sarebbe il male minore.
    Per loro e per chi deve prestargli i soldi.
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 149
    Ultimo Messaggio: 16-08-08, 22:27
  2. Mi sono preso una cotta per un certo Gianluca !
    Di Daltanius nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 12-04-08, 14:56
  3. Lega e Forza Italia sono stati un deterrente
    Di Roberto Mime nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 68
    Ultimo Messaggio: 20-06-06, 14:50
  4. In realtà a new orleans non ci sono stati morti
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-09-05, 17:12

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226