User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Thumbs up La vera storia del termovalorizzatore di Acerra

    Acerra e il mantra del No. A tutti i costi


    Il vantaggio delle politiche demagogiche, soprattutto in materie economiche, è che la memoria è corta. Ci si dimentica. Il caso più tipico è quello dei vari comitati del No, che imperversano per l’Italia.

    È facile dire no, più difficile sopportarne i costi.

    Il problema è che i costi del non fare si pagano domani.

    È come un grande debito pubblico, che invece di essere alimentato dalla spesa corrente è generato dal non fare.

    Non vedevamo l’ora di raccontarvi il caso di Acerra e del suo termovalorizzatore: in effetti sono passati quasi dieci anni.

    Sì, non vedevamo l’ora, perché già a quei tempi sapevamo della buffonata che si stava consumando.

    Era il 2003 e l’Impregilo (che ha costruito circa 500 impianti simili in giro per il mondo) era pronta per aprire i cantieri per la realizzazione del termovalorizzatore di Acerra. Si tratta di un impianto che si mangia i rifiuti, li digerisce e produce energia elettrica (piuttosto incentivata).

    Dallo sbruciacchiamento a mille gradi dei rifiuti, si producono anche sostanze inquinanti, che però sono fermate dai filtri predisposti sui camini.

    In Italia ce ne sono una cinquantina, nel resto dell’Europa poco meno di 500.

    Ebbene, nella zona più calda per la gestione dei rifiuti, cioè la Campania, spuntarono Comitati del No come funghi.

    La politica locale fu silente (meglio dire pavida) e ovviamente non mancò il plauso allo stop dell’opera da parte del vescovo locale.

    Il problema era diventato Impregilo(che pure ne ebbe di questioni da risolvere, compreso un sequestro monstre di 750 milioni di euro, poi cancellato dalla Cassazione) e la costruzione del mostro inquinante.

    Il cantiere che doveva partire nel 2001 fu bloccato e l’area fu liberata solo nell’agosto del 2004 e solo grazie all’intervento di cinquecento uomini delle forze dell’ordine.

    Il termovalorizzatore restava un mostro: la sua realizzazione fu ancora interrotta diverse volte.

    E la soluzione finale fu trovata dall’allora capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, che, complice il governo, dichiarò il sito di interesse strategico nazionale.

    Insomma, l’area fu militarizzata: per passare dai cancelli era necessario un cartellino di sicurezza.
    E la gestione fu affidata, attraverso una gara internazionale, alla lombarda A2A.


    Un amarcord per dire che finalmente abbiamo i dati ufficiali di questa battaglia tra lo Stato e gli interessi localistici.

    L’impianto è ormai a pieno regime e nei primi sei mesi di quest’anno ha trattato 314mila tonnellate di rifiuti. E rischia così di chiudere l’anno con un saldo superiore alle 600mila previste.

    Per darvi una dimensione, il supposto mostro digerisce e tratta il 40 per cento di tutti i rifiuti indifferenziati prodotti dalla Campania. Ne restano ancora 900mila tonnellate: che vanno a finire all’estero (a caro prezzo) o nelle discariche prevalentemente di altre regioni.

    Il termovalorizzatore inoltre produce energia elettrica equivalente al fabbisogno energetico di 200mila famiglie, che si accendono lavatrici e lampadine grazie ai rifiuti: si risparmiano così 56mila tonnellate di petrolio.

    Che, a differenza dei rifiuti, non si è ancora scoperto in Campania.

    Per inciso, l’azienda fa lavorare circa duecento dipendenti.

    Arriviamo finalmente all’inquinamento.

    L’impianto veniva bloccato perché giudicato (da chi? dal vescovo? dall’opinione pubblica? dai comitati?) tecnologicamente obsoleto. E inquinante.

    Ebbene, le direttive europee prevedono limiti alle emissioni pari a 100. L’autorizzazione ambientale che fu data ad Acerra abbassava l’asticella a 50. Il termovalorizzatore sta facendo meglio di quanto già prudentemente previsto dall’A.I.A. A questo punto delle due l’una: o il legislatore europeo e quello italiano sono degli inquinatori e lo decidono con atti normativi, o l’impianto di Acerra, rispettando abbondantemente questi limiti, non inquina.

    Per finire, e promettiamo di smetterla, gli attuali gestori del termovalorizzatore (cioè l’A2A) stanno facendo molto bene il loro mestiere.

    E cioè produrre energia elettrica a più non posso.

    Il che vuol dire che l’opera, così maledetta, porta nelle casse dell’azienda e della Regione (che è proprietaria dell’impianto) circa 150 milioni di euro l’anno (che si dividono in parti quasi uguali) per la vendita dell’energia elettrica.


    ...

    ...MA ANDATEVENE AFFANGALA!!!








    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Carpe Diem
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    9,897
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    stasera su La7 c'è un programma politico
    si parla dell'alluminio della Sardegna
    gli operai della sardegna sono straincazzati xkè licenziati e cassaintegrati

    la multinazionale se ne è andata xkè lenergia elettrica costa troppo
    ...nessuno ha il coraggio di dirgli che è colpa loro che hanno votato contro il nucleare

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    18 Apr 2009
    Località
    Milan
    Messaggi
    10,522
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    10

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    Citazione Originariamente Scritto da EURIDICE Visualizza Messaggio
    stasera su La7 c'è un programma politico
    si parla dell'alluminio della Sardegna
    gli operai della sardegna sono straincazzati xkè licenziati e cassaintegrati

    la multinazionale se ne è andata xkè lenergia elettrica costa troppo
    ...nessuno ha il coraggio di dirgli che è colpa loro che hanno votato contro il nucleare
    Chi perde il lavoro è sempre da sostenere, MAAA...

    L'ALCOA sarda DOVRA' CHIUDERE E DOVEVA ANDARSENE VIA GIA' DA AAAAANI!!



    Il costo italiano dell'energia elettrica è ELEVATISSIMO, soprattutto PER LE AZIENDE CHE ACQUISTANO ENORMI QUANTITA' D'ENERGIA ELETTRICA, e benché sia stato agevolato per aaanni proprio per LO STABILIMENTO ALCOA dati gli elevatissimi consumi che richiede la trasformazione dell'allumina, ora, sia per i vincoli europei che per la concorrenza di nazioni che producono ENERGIA ELETTRICA soprattutto CON NUCLEARE E CARBONE, non consente più di produrre Alluminio in Italia ai costi di mercato!



    AMEN, l'Alcoa sarda chiuderà...



    Telese e Parenzo stasera hanno fatto più cacare del solito...i quaquaraquà di fabbrica ciarlano di cose che forse non sanno e cmq ci tengono a ribadire che loro vogliono il lavoro e basta...

    ...E TUTTO IL RESTO E' LA7...

    ________________________________


    Impossibilia nemo tenetur

  4. #4
    Roberto il Guiscardo
    Data Registrazione
    01 Jul 2010
    Località
    Salerno
    Messaggi
    23,588
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    Citazione Originariamente Scritto da salvo.gerli Visualizza Messaggio
    Acerra e il mantra del No. A tutti i costi


    Ebbene, le direttive europee prevedono limiti alle emissioni pari a 100. L’autorizzazione ambientale che fu data ad Acerra abbassava l’asticella a 50. Il termovalorizzatore sta facendo meglio di quanto già prudentemente previsto dall’A.I.A. A questo punto delle due l’una: o il legislatore europeo e quello italiano sono degli inquinatori e lo decidono con atti normativi, o l’impianto di Acerra, rispettando abbondantemente questi limiti, non inquina.



    Ah, che cosa interessante! Il limite massimo è 100, ma Acerra non supera 50: veramente interessante! Naturalmente tu caro salvogerli sai di che si sta parlando, no? Cosa sono quei 100 e 50, intendo dire.

  5. #5
    Roberto il Guiscardo
    Data Registrazione
    01 Jul 2010
    Località
    Salerno
    Messaggi
    23,588
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    La multiutility lombarda A2A ha le idee chiare e cambia strategia. O meglio: la affina e si concentra sui settori più redditizi. Nel nuovo piano industriale dell’azienda, infatti, il settore energetico lascia spazio a quello della gestione dei rifiuti e della termovalorizzazione. Questo perchè, ammette la stessa A2A, con la crisi di energia ne serve sempre meno ma quello dell’incenerimento dei rifiuti resta sempre un affare interessante.A2A ha già esperienza nel campo in quanto gestisce i due inceneritori più famosi d’Italia: quello di Brescia e quello di Acerra. Il primo, secondo la Columbia University di New York è “il miglior termovalorizzatore al mondo“. Peccato, però, che chi abita vicino a questo gioiellino di tecnologia che piace tanto agli americani non la pensi esattamente nello stesso modo. Il secondo, quello di Acerra, è stato inaugurato in pompa magna da Berlusconi in persona. Poi, appena Berlusconi se ne è andato, ha iniziato a sforare i limiti di emissioni. Ma, si disse, lo stavano rodando…Fatto sta che A2A preferisce l’inceneritore alla centrale elettrica e, parlando di vil denaro, non gli si può certo dare torto visto che questi impianti godono ancora, e godranno ancora per molto visto che senza vanno presto in perdita, dei fantasmagorici incentivi Cip6.Continua a leggere: A2A, fuga dall'energia. Rende di più l'inceneritore

    termovalorizzatore acerra »Ecoblog.it

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    Citazione Originariamente Scritto da Roberto il Guiscardo Visualizza Messaggio
    La multiutility lombarda A2A ha le idee chiare e cambia strategia. O meglio: la affina e si concentra sui settori più redditizi. Nel nuovo piano industriale dell’azienda, infatti, il settore energetico lascia spazio a quello della gestione dei rifiuti e della termovalorizzazione. Questo perchè, ammette la stessa A2A, con la crisi di energia ne serve sempre meno ma quello dell’incenerimento dei rifiuti resta sempre un affare interessante.A2A ha già esperienza nel campo in quanto gestisce i due inceneritori più famosi d’Italia: quello di Brescia e quello di Acerra. Il primo, secondo la Columbia University di New York è “il miglior termovalorizzatore al mondo“. Peccato, però, che chi abita vicino a questo gioiellino di tecnologia che piace tanto agli americani non la pensi esattamente nello stesso modo. Il secondo, quello di Acerra, è stato inaugurato in pompa magna da Berlusconi in persona. Poi, appena Berlusconi se ne è andato, ha iniziato a sforare i limiti di emissioni. Ma, si disse, lo stavano rodando…Fatto sta che A2A preferisce l’inceneritore alla centrale elettrica e, parlando di vil denaro, non gli si può certo dare torto visto che questi impianti godono ancora, e godranno ancora per molto visto che senza vanno presto in perdita, dei fantasmagorici incentivi Cip6.Continua a leggere: A2A, fuga dall'energia. Rende di più l'inceneritore

    termovalorizzatore acerra »Ecoblog.it
    si deve supporre che austriaci, svedesi, crucchi etc etc siano pienamente imbecilli e vogliosi di autoinquinarsi fino alle orecchie......vai a vedere dove e' l'inceneritore di vienna.....

  7. #7
    La mia Juventus
    Data Registrazione
    23 Oct 2012
    Messaggi
    7,175
    Mentioned
    33 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Acerra: il mantra miserabile dei NO TUTT...

    Quando avete tempo andate ad informarvi sulla beffa dei CSS e della produzione del cemento.

 

 

Discussioni Simili

  1. Una storia vera
    Di Mithrandir nel forum Arte
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-11-07, 21:34
  2. una storia vera...
    Di _oltre la morte_ nel forum Destra Radicale
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 12-06-06, 18:27
  3. Una Storia Vera
    Di GEORGE (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14-09-04, 09:06
  4. Ma è vera sta storia?
    Di Sonic nel forum Fondoscala
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 29-06-04, 16:36
  5. Una storia vera
    Di vescovosilvano nel forum Chiesa Ortodossa Tradizionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-04-02, 02:21

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226