User Tag List

Pagina 272 di 274 PrimaPrima ... 172222262271272273 ... UltimaUltima
Risultati da 2,711 a 2,720 di 2731
Like Tree213Likes

Discussione: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

  1. #2711
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    31,804
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Un articolo che vuole presentare un'analisi degli itaglioti.

    https://www.rischiocalcolato.it/2017...tituzioni.html
    PERCHE’ GLI ITALIANI *AMANO* I SOPRUSI DELLE ISTITUZIONI.

    Ed il commento di un lettore.

    Comunque caro Blondet, se dobbiamo dirla tutta, facciamolo: la descrizione che tu hai dato della meschinita' tipica italiota (“Non sarà che seguendolo, sto dando troppo potere a lui?
    Che sto facendogli troppo favore, facendolo vincere, dandogli la
    soddisfazione di farmi dirigere da lui? Dopotutto, non sono
    completamente d’accordo con lui: ci sono cose nelle sue idee che non mi
    convincono; e io ho le mie idee. Mica è mio fratello, dopotutto. Se lui
    vince, io cosa ci guadagno?”) e' il tipico prodotto del modo di pensare mafioso/camorristico/ndranghetistico/sacracoronunitistico che in Italia imperversa perche' tutta l'Italia si e' terronificata. Vogliamo essere brutalmente sinceri?

    Oramai i meridionali imperversano in tutta Italia, con la loro subcultura in cui l'accettazione del sopruso (anzi addirittura il godimento del sopruso) e' parte integrante. Oramai circa l'85% degli italioti o sono meridionali o di origine meridionale. Fatti un giro in centro a Milano e prova a orecchiare gli accenti delle persone che passano per la strada. Ecco perche' proprio oggi i migliori tra i nostri se ne vanno dall'Italia (fino a qualche decennio fa questa emigrazione di massa dei migliori ancora non c'era) ed ecco qual e' il nostro vero problema.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2712
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,290
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    completamente d'accordo con il commento riportato... ma non sulla percentuale dell'85% dei cosi detti "terroni"
    se fossero veramente all'85%, l'itaglia sarebbe un nazione vera e potentissima perché l'"idem sentire" è l'unica cosa che fa la forza di una comunità/stato
    il problema è che loro non sono 85% degli abitanti di questa repubblica delle banane (sopratutto nelle regioni Padanoalpine), ma l'85% di "loro" ne occupa istituzioni, informazione e apparato ...danneggiando e incancrenendo tutto il resto

  3. #2713
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    5,702
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Lo Stato odia le partite iva
    Studi di settore, tasse, contributi e ritardi nei pagamenti: ecco perché le partite iva sono a rischio povertà. E lo Stato continua a tartassarle
    Giuseppe De Lorenzo Marco Vassallo
    Qualcuno le chiama “i donatori di imposta”. Altri “l’àncora di salvezza dell’Inps”. Altri ancora il “bancomat dell'esecutivo”. E in fondo sono tutte definizioni azzeccate. Le partite Iva sono, e si sentono, l’ultima ruota del carro nelle attenzioni dei vari governi.
    Mal rappresentate, vessate, tassate e tartassate, con pochi diritti e molti doveri (fiscali). “Non basta un articolo per elencare tutti gli svantaggi di autonomi e commercianti rispetto agli altri lavoratori”, sorridono quasi in coro i diretti interessati.
    Partite Iva a rischio povertà
    E pensare che la retorica (politica e mediatica) ha sempre riconosciuto nelle partite Iva e nelle Pmi il “motore dell’Italia”.
    "La politica non ci ha ascoltato"
    "Burocrazia e controlli uccidono le Pmi"
    "Aumentato l'uso di psicofarmaci"
    ​"Stato fa terrorismo sugli autonomi"
    C’è da crederci. A giugno 2017 la Cgia di Mestre calcolava 2.483.088 autonomi o imprese individuali. Solo nel 2016 ne sono state aperte 502mila: in maggioranza sono persone fisiche (71%), poi vengono le società di capitali (23%) e le società di persone (5,3%). Eppure chi decide di aprire la partita Iva non è più destinato a brindare con lo champagne. Anzi. Sebbene tra il 2013 e il 2015 il reddito medio sia aumentato di 2.600 euro, la media nazionale resta ancorata ad appena 26.248 euro annui. Negli ultimi 8 anni hanno chiuso quasi 158.000 imprese attive tra botteghe artigiane e piccoli negozi di vicinato, lasciando disoccupati circa 400.000 addetti. Senza considerare che tra il 2008 e il 2014 il profitto delle famiglie con fonte principale da lavoro autonomo ha perso oltre 6.500 euro (-15,4%) e che il 25,8% di queste vive al di sotto della soglia del rischio povertà calcolata dall’Istat.
    Spesso il lavoro è variabile, va rincorso ogni giorno e il rischio di impresa è elevato. Rispetto al passato, oggi gli autonomi stanno conoscendo un processo di “proletarizzazione” della professione: crollo dei redditi, aumento della precarietà e intermittenza lavorativa. Circa il 46% delle nuove partite Iva è stato avviato da giovani fino a 35 anni e il 34,5% da soggetti nella classe 36-50 anni. Sono loro a fare i conti con la crisi.
    “Fino ad una decina di anni fa aprire una partita Iva era il raggiungimento di un sogno: un vero status symbol”, fa notare la Cgia. Oggi invece la via dell’indipendenza non è più una scelta di vita, ma un obbligo dettato dall’incubo della disoccupazione. Secondo una ricerca dell'ufficio studi Confcommercio, negli ultimi sei anni il numero di professionisti indipendenti e free lance è cresciuto del 51,6% (contro il +14,8% dei liberi professionisti e il +5,8% di quelli iscritti agli ordini) con un reddito medio pro capite di soli 16.500 euro.
    Studi di settore
    “Sono tanti gli ostacoli che ci rendono complicato il lavoro”, fa notare Lino Ricchiuti, leader del Popolo Partite Iva. E non è solo questione di tasse, ma di tutto cio' che gli ruota attorno. Pensate agli studi di settore, il vero nemico numero uno. Da tempo si discute la possibilità di eliminarli e presto entreranno in vigore i nuovi Indicatori Sintetici di Affidabilità (nome diverso, stessa minestra). Lo Stato stima i ricavi o i compensi da attribuire ad ogni categoria di contribuente: se sei commerciante devi guadagnare “x”, se autonomo “y” e via dicendo. Chi esce da questi schemi finisce attenzionato dal Fisco. “Di fatto - spiega Ricchiuti - inducono i cittadini ad adeguare le dichiarazioni dei redditi a quella cifra”. Alla fine per evitare controlli fiscali “chi guadagna poco è costretto a dichiarare di più” (pagando pero' più tasse) mentre “chi guadagna molto puo' dichiarare di meno” (producendo nero). Un controsenso.
    Stato cattivo pagatore
    A pensarci bene, sul tema della regolarità dei pagamenti lo Stato predica bene e razzola (molto) male. Già, perché le amministrazioni (nazionali e locali) di debiti ne hanno tanti. A miliardi. E a farne le spese sono le stesse Pmi e partite iva cui poi il Fisco non concede sconti. Secondo stime della Banca d’Italia (maggio 2017), lo stock dei debiti commerciali della Pa nei confronti dei fornitori si aggira tra i 64 e i 68 miliardi di euro (cifra di gran lunga sottostimata, dice la Cgia di Mestre). Significa che il 3,8% del Pil viene tolto dalla disponibilità del settore produttivo italiano e finisce col bloccare l’economia del Paese.
    Sul sito del Mef, alla sezione "Pagamenti delle pubbliche amministrazioni" (22mila enti registrati), si legge che nel 2016 la Pa ha fatturato 158,9 miliardi di euro per beni e servizi (152,8 liquidabili), saldandone pero' soltanto 115,4 (solo il 78% del totale). E gli altri 37,4 miliardi che mancano all’appello? Aspetta e spera. Tra i cattivi pagatori risultano anche i ministeri: quello degli Esteri (185 milioni), la Difesa (1,3 miliardi), la Giustizia (661 milioni), il Turismo (210 milioni), il ministero dell'Istruzione (63 milioni) e quello dello Sviluppo Economico (159 milioni). Messi insieme, fanno una finanziaria.
    Per legge il termine ultimo di pagamento sarebbe 30 giorni dopo l’emissione della fattura (60 per la sanità), ma la realtà è ben più amara: la Pa in media impiega 58 giorni per saldare il conto, con punte nell'Ausl di Roma che arrivano a 237 giorni. E cosi' gli imprenditori devono chiedere prestiti per tirare a campare, fidi dai tassi elevati e difficilmente ottenibili. Come se non bastasse, quando il governo ha provato a rimediare, la pezza si è rivelata peggiore del buco. Lo split payment sull’Iva (lo Stato la trattiene invece di attendere di riceverla in seguito), infatti, ha ridotto la liquidità a disposizione delle imprese che di solito usavano quelle somme per mandare avanti l’azienda. Cornuti e mazziati.
    Controlli
    Ovviamente, mentre lo Stato puo' infrangere le regole, se le partite Iva sgarrano sono guai. Ogni anno (stime della Cgia di Mestre) una Pmi puo' ricevere 111 controlli (su tasse, sicurezza, contrattualistica, ecc) da 15 diversi istituti. Significa una visita ogni tre giorni, con un quadro normativo che impone ad autonomi e professionisti di vivere in una sorta di incubo perpetuo. “E'assurdo - spiega Andrea Bernaudo, fondatore di Sos Partite Iva - che i controlli fiscali possano arrivare anche 5 anni dopo la dichiarazione dei redditi, provocando stress e generando costi non indifferenti”. L’81% delle Pmi, non è un caso, deve ricorrere a consulenti esterni per affrontare la burocrazia e il costo annuo si aggira intorno ai 22 miliardi di euro. In pratica il 41,3% delle micro imprese occupa 3 giorni lavorativi al mese per imbastire gli adempimenti burocratici, mentre il 32,2% ne perde ben 5. Un salasso. Senza contare, peraltro, che il 48% degli accertamenti sostanziali si dimostrano un sostanziale buco nell’acqua.
    Solve et Repete
    Oltre l’incubo della visita di un agente del Fisco, gli autonomi devono fare i conti pure con l’incostituzionale truffa dei ricorsi. Quando arriva una cartella esattoriale, giusta o errata che sia, il contribuente puo' appellarsi ai giudici tributari per vedersi riconosciuti i propri diritti. Bene. Peccato debba pagare in anticipo una parte della sanzione che - in linea di massima - potrebbe essere del tutto illegittima. Si tratta dell’incostituzionale istituto del solve et repete: chi fa ricorso deve versare subito 1/3 dell'importo contestato e poi aspettare il pronunciamento del giudice tributario. “In questo modo - spiega Bernaudo - di fatto l’onere della prova ricade sui contribuenti”. Già, perché il Fisco per inviare la cartella si accontenta di produrre deboli prove induttive: la speranza è che il cittadino, viste le lungaggini giudiziarie (il 23% dura oltre mille giorni) e l'obbligo di sborsare l'anticipo, decida di pagare l'obolo senza fare ricorso.
    “Se non esistesse il solve et repete - continua Bernaudo - l'Erario si impegnerebbe a inviare cartelle solo nei casi in cui ha prove certe dell’evasione”. Anche perché i dati trimestrali del Ministero dell’Economia certificano che nel 31% dei contenziosi tributari di primo grado il Fisco soccombe, in un altro 11% dei casi finisce pari e patta e solo nel 44% dei casi vince l'Erario (percentuali quasi invariate pure in secondo grado). Sos Partite Iva, che per prima ha denunciato le storture del sistema, ha presentato una proposta di legge (leggi qui) per l'abolizione del solve et repete. Gli obiettivi sono due: spostare il pagamento di 1/3 della presunta evasione a dopo la sentenza di primo grado (in caso di condanna del contribuente) e accelerare il processo di rimborso dall'amministrazione (in caso di sconfitta dell'Erario).
    Tasse
    Dove non arriva l’Inps, la burocrazia, i ritardi nei pagamenti o i controlli fiscali, ci pensano le tasse. Mai in riduzione. Durante gli sventolati "mille giorni", il governo Renzi ha realizzato riforme fiscali a vantaggio di tutti tranne che degli autonomi: ben 11 milioni di dipendenti a basso reddito si sono visti elargire la mancia da 80 euro; l'eliminazione dell'Irap dal costo del lavoro è stata fatta per le imprese con molti dipendenti, non certo per quelle individuali o per le società di persone; infine, l'abolizione della Tasi ha avvantaggiato le famiglie povere e l'abbassamento dell'aliquota Ires dal 27,5 al 24% le società di capitali. Risultato? Tutti festeggiano, tranne le partite Iva: che si trovano una pressione fiscale tra 54,1% (a Trento) e il 73,4% (Reggio Calabria), con una media del 60,9%. "Gli unici interventi per i piccoli produttori - faceva notare la Cgia ad aprile - hanno riguardato un credito di imposta del 10% dell’Irap per le aziende senza dipendenti, l’incremento delle deduzioni forfetarie della base imponibile Irap, la riduzione dell’Inail e del diritto camerale". Tutto pero' vanificato dall'incremento dei contribuiti previdenziali degli ultimi anni. Tanto che nel confronto tra le capitali Ue sulla pressione fiscale, peggio di Roma (69,3%) fa solo Parigi (77%), entrmbe ben distanziate da Londra (32%) e da Varsavia (31,2%).
    In molti (Lega e Forza Italia in primis) propongono una flat tax unica al 15-20%. Eppure non tutti sembrano apprezzarla: “Non serve - spiega Bernaudo - perché abbassa le tasse a tutti e non solo alle partite Iva”. La proposta, dunque, è quella di stabilire un'aliquota “corporativa” al 15% per i soli autonomi, piccoli imprenditori, artigiani, liberi professionisti e commercianti. Sarebbe l’unico modo per smentire quella che ormai sembra una regola: “In Italia se fatturi, ti massacrano”. E dimostrare finalmente che il Belpaese tiene davvero alla “colonna portante” dell’economia italiana.
    Lo Stato odia le partite iva



    Le piace Brahms?
    Pubblicato da Berlicche
    Stamattina, ascoltavo viaggiando in macchina quella trasmissione radiofonica d’opinione che si intitola radiogiornale RAI3. Lo faccio sempre più raramente: ormai la quantità di informazione corretta o quantomeno attendibile che riesce a fornire è molto inferiore a quella del concerto di musica classica su cui in genere commuto dopo averne ascoltato i titoli alla “Il Manifesto”.
    Quest’oggi il pezzo forte era il suicidio davanti alle videocamere di quell’uomo condannato per crimini di guerra. Servizio, controservizio, approfondimento, commenti, interviste. Tutti unanimemente a insultare il defunto, prendendo in giro lui e il suo gesto. I giornalisti invitavano in pratica ad una gara di sputi contro il morto. Raramente ho assistito ad una così livorosa sceneggiata, tanto da farmi domandare: perché questo accanimento?
    Non sembra davvero fossero gli stessi individui che lodavano la dignità del suicidio, quando si va all'estero ad ingerire la sostanza mortale. Forse si sono sentiti scavalcati nella spettacolarizzazione dell’orrore, e avevano bisogno di distrarre la plebe togliendo ogni possibile dignità alla persona e all’atto. Una lettura alternativa potrebbe anche essere il commento di uno dei giornalisti: il veleno ingerito come metafora per il veleno dei nazionalismi, dei populismi, dell’integralismo religioso (sic).
    Apperò, adesso la colpa è chiara: è dei cristiani tradizionalisti, praticamente neonazisti come tutti quelli che si oppongono allo ius soli (sì, l’hanno asserito subito dopo). E’ allarme! Un gruppo di beceri naziskin, fenomeno pare particolarmente diffuso in norditalia (sic), ha violentemente letto un comunicato contro l’immigrazione selvaggia. Non si registrano morti, ma ci sarebbero potuti essere.
    Inoltre sappiamo tutti di comportamenti abitualmente impuniti di – chiamiamole così – altre aree sociali che questi al confronto sono ragazzini beneducati. E di che stiamo parlando, quindi?
    Subito dopo attaccavano Trump, e ho deciso che ne avevo abbastanza. Mi sembrava di avere appena ascoltato RadioMosca di trent'anni fa, un tuffo nell’era di quando la gloriosa cortina di ferro comunista vegliava sui destini progressivi e sovietici dell’umanità. Qui non l’hanno ancora capito, in America cominciano adesso: chi accusa gli altri di fake news si troverà a dovere giustificare le proprie.
    Sul canale della classica davano la quarta di Brahms. Oddio, mi sono detto, non sarà mica che, siccome quel tedesco mi piace, sono passibile anch’io di filonazismo?
    https://berlicche.wordpress.com/2017...-piace-brahms/

  4. #2714
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    39,787
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #2715
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    19,732
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Citazione Originariamente Scritto da sciadurel Visualizza Messaggio
    completamente d'accordo con il commento riportato... ma non sulla percentuale dell'85% dei cosi detti "terroni"
    se fossero veramente all'85%, l'itaglia sarebbe un nazione vera e potentissima perché l'"idem sentire" è l'unica cosa che fa la forza di una comunità/stato
    il problema è che loro non sono 85% degli abitanti di questa repubblica delle banane (sopratutto nelle regioni Padanoalpine), ma l'85% di "loro" ne occupa istituzioni, informazione e apparato ...danneggiando e incancrenendo tutto il resto
    Loro non hanno l'idea di stato , ma di famiglia e tribù .Ed in questo hanno fatto sempre il gioco della chiesa , tant'è che le due cose meridionalità e cattolicesimo sono parecchio fuse , nell'idem pensare .
    La furbizia pretesca è sorella di quella italiota .
    psico likes this.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  6. #2716
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    39,787
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    meridionalità e cattolicesimo sono parecchio fuse
    Entrambe mediorientali.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  7. #2717
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    31,804
    Mentioned
    7 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Il cattolicesimo dei terry è molto simile alla scaramanzia.
    Cornetti e san gennaro sono molto simili.
    sciadurel likes this.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #2718
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,290
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Citazione Originariamente Scritto da ventunsettembre Visualizza Messaggio
    Il cattolicesimo dei terry è molto simile alla scaramanzia.
    Cornetti e san gennaro sono molto simili.

    hanno travestito il cristianesimo con tutte le loro "menate" superstiziose
    Freezer likes this.

  9. #2719
    Forumista senior
    Data Registrazione
    05 Oct 2010
    Messaggi
    1,964
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Entrambe mediorientali.
    Stessa psicologia.

  10. #2720
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    19,732
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Paese do sole che non può essere chiamato di menta.

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Entrambe mediorientali.
    Il Cristianesimo si è sviluppato in Europa per ragioni etniche ed ora che che i veri europei vanno estinguendosi , segue la loro sorte .Come l'impero romano , che declinò venendo a mancare l'elemento ario , così la Chiesa Cattolica farà lo stesso .
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

 

 

Discussioni Simili

  1. Chist'è 'o paese d''o sole
    Di MaIn nel forum MoVimento 5 Stelle
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-01-14, 00:06
  2. Risposte: 50
    Ultimo Messaggio: 06-12-10, 10:40
  3. RaiDue - Un paese chiamato Po
    Di Furlan nel forum Padania!
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 16-01-09, 16:40
  4. Denominazioni con cui può essere chiamato Ratzinger in questo forum
    Di Guelfo Nero nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 28-07-08, 19:48
  5. Il Paese Del Bengodi (e Delle Banane) Chiamato Italia
    Di D.BOMBACCI nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-06-05, 02:14

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Clicca per votare

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225