User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Carmine Schiavone pentito dei Casalesi a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Scritto da: Marina Perotta - sabato 24 agosto 2013

    Dice Schiavone: "Interravamo rifiuti tossici e fanghi nucleari a Latina e in Campania da ditte che venivano da Pisa, Milano, Germania, Austria e Francia"




    Carmine Schiavone,l’esperto di finanza del clan dei Casalesi, l’uomo che muoveva i miliardi degli affari illeciti dell’associazione camorristica si apre alle telecamere di Sky Tg24 e alla maniera sua avverte che ancora tanta gente è destinata a morire a causa dei rifiuti tossici che giacciono nel sottosuolo del basso Lazio e Campania, finanche nella loro stessa terra, Casal di Principe. Esce dal processo Spartacus dove come pentito ha svelato i movimenti economici dell’intero clan ma avverte pure che le mafie sopravviveranno e che nessuno sarà in grado di sconfiggerle (e sembra non sia una minaccia quanto una promessa).
    L’intervista dura 9 minuti e è agghiacciante per due motivi: per il messaggio che manda alle istituzioni, ovvero che non sono migliori della camorra e perché avverte che una bomba a orologeria di veleni e scorie nucleari è destinata a esplodere a breve nel basso Lazio a Latina dove nelle cave sono interrati fusti con rifiuti nucleari. Il che già ha scatenato le reazioni di tutti quei movimenti che da tempo lottano nella Terra dei Fuochi per essere ascoltati proprio da quelle istituzioni che Schiavone non esita a definire corresponsabili con la camorra.
    E ne spiega il perché:
    Ci sono forti interessi a livello economico a livello elettorale e noi spostavamo 70 mila 80 mila voti da un partito all’altro e questo faceva la differenza nelle elezioni. Ma si stanno a rendere conto che ci stanno 5 milioni di persone a morire? Abbiamo scelto basso lazio e Campania perché facevano parte dei Casale. Era terra nostra.
    Caso ha voluto che proprio il giorno prima su Avvenire don Maurizio Patriciello il prete di Caivano che si batte contro l’omertà e la strage nella Terra dei fuochi scrivesse:
    Vedere morire i figli è qualcosa di orrendo, insopportabile. Soprattutto se si poteva evitare. Il popolo semplice non riesce a capire il motivo di tanti ritardi e omissioni, di questo lasciar mano libera a chi viola la legge, a chi uccide. E comincia a serpeggiare il pensiero che, in realtà, non si voglia proprio intervenire. Che sia in atto una strategia per non arrivare a soluzioni. Che si voglia nascondere qualcosa o qualcuno. Che questa situazione «faccia comodo» a tanti. Non ha tutti i torti, la povera gente. Si sente presa in giro. I verbi coniugati da chi comanda sono sempre al futuro: faremo, diremo, provvederemo. Calato il sipario dell’occasione pubblica, resta solo un silenzio angosciante. E la gente muore, di cancro. E la Campania ancora non ha un registro tumori. E il nuovo ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ancora non viene a vedere con i suoi occhi che cosa sta accadendo in questa regione bella e disgraziata. E si fanno illazioni… Qui si agonizza e si lotta tra fuochi e fumi assassini, e chi ci governa e ci rappresenta ancora pronuncia parole come fumo leggero. Queste morti sono sempre più dolorose e insopportabili. Si muore per motivi vergognosi ed evitabili. Per silenzi omertosi. Per denaro e per potere. Ma chi se non lo Stato, nel quale continuiamo caparbiamente a credere e a sperare, deve prendere di petto la situazione?
    Come risponderanno, se risponderanno, politica e istituzioni?

    Carmine Schiavone pentito dei Casalesi avverte: "Per i rifiuti tossici morirà altra gente"



    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"


  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Camorra, l'appello di don Patriciello
    "Schiavone dica dove sono i veleni"


    Lunga lettera su Facebook del sacerdote "anti roghi" di Caivano al boss pentito dei Casalesi che ieri ha raccontato dello smaltimento illegale di rifiuti tossici in Campania: "Indichi in quali terreni sono state state sversate le sostanze che stanno uccidendo la nostra gente"

    Don

    "Esci dal generico. Dicci chiaramente dove, in quale contrada, in quale terreno, in quale sito sono stati sversati i veleni che stanno portando a morte la nostra gente, i nostri giovani, i nostri figli. Sai che un popolo numeroso e impaurito lotta ogni giorno per arrivare a qualche soluzione. Oso chiederti di aggiungerti a noi. Vieni anche tu con noi". E' appello lanciato su Facebook da padre Maurizio Patriciello, il sacerdote "anti roghi" di Caivano, in provincia di Napoli, in una lunga lettera indirizzata al boss pentito dei Casalesi, Carmine Schiavone.

    La lettera integrale

    In un'intervista andata in onda ieri su Sky, Schiavone ha raccontato dell'avvelenamento, con i rifiuti provenienti da ogni angolo di Italia ma anche dall'estero, delle terre della Campania. "Il pane macchiato dal sangue che gli innocenti della catastrofe ambientale stanno versando - ha aggiunto don Patriciello - è indigesto. pane che non sazia. Pane avvelenato. Pane velenoso".

    "E' giunta l'ora - scrive don Patriciello - che si facciano avanti tutti coloro che hanno avvelenato, o permesso di avvelenare, le nostre campagne. E' giunta l'ora del coraggio e della verità. Aiutaci anche tu a svergognare questi loschi figuri".

    Il sacerdote del Parco Verde di Caivano, non ha perso la speranza: "Mafia e mafiosi, camorra e camorristi - scrive - possono essere e di fatto saranno distrutti. Il male non ha l'ultima parola. L'ultima parola l'avrà solamente il bene. A trionfare sarà l'amore, non la cattiveria. Sempre e dappertutto, anche in Campania. Ma questo avverrà quando sapremo, noi campani e chi i campani ha comprato per una manciata (potrà essere anche un autotreno, è la stessa cosa) di monete. Quei soldi, lo hai visto, bruciano più del fuoco". Un impegno contro il "male" che deve vedere tutti in prima linea perché, ha concluso don Patriciello, "i nostri figli non abbiamo a maledirci".

    (24 agosto 2013)
    Camorra, l'appello di don Patriciello "Schiavone dica dove sono i veleni" - Napoli - Repubblica.it
    Ultima modifica di Napoli Capitale; 25-08-13 alle 09:20

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    TERRA DEI FUOCHI
    Schiavone: indicai i luoghi dove sono interrati i rifiuti tossici, mi dissero che costava troppo bonificare
    Il collaboratore di giustizia dei Casalesi al Fatto Quotidiano: a Giugliano, Villaricca e Parete sotterrati tonnellate di materiali radioattivi





    GIUGLIANO. "La verità è che i pentiti esistono solo tra i camorristi. Loro hanno colpe terribili ma i criminali del nord, la loro voce io non l`ho sentita, non ho sentito alcun politico corrotto ammettere le proprie responsabilità". Sono le durissime parole di don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, intervistato da Sky TG24 nel corso dello Speciale "Schiavone, i veleni del pentito". Il sacerdote di frontiera rivolge un appello a Carmine Schiavone: "Carmine vieni insieme a noi, è il momento di scendere in campo, dacci la mappa esatta, chi sono i fratelli che ci hanno inviato i rifiuti, vieni fratello Carmine a lottare, noi siamo condannati a morte ma fallo per le future generazioni per i figli che non abbiamo amato". Dopo 20 anni di collaborazione con la giustizia, l`ex tesoriere dei casalesi, a 70 anni, parla a volto scoperto della holding criminale e dell`affare piu redditizio quello dei rifiuti tossici dello smaltimento di materiali provenienti dalle imprese del nord e dall`Europa. "Me ne sono accorto - ha ricordato il pentito - perché uscì un fusto tossico dal giardino di casa di mia figlia, dissi: 'ma che state facendo? ?i rendete conto che state avvelenando tutto!!" Ma - ha proseguito - loro hanno continuato imperterriti e mi hanno fatto arrestare per mettermi fuori gioco. Nei primi anni 90 quando mi sono pentito nel '93 erano ancora in piena attività anche sotto la superstrada, centinaia di migliaia di ettari di terreno, i contadini ricevevano 20-40 milioni. A Latina era mio cugino Sandokan che gestiva tutto". "Il discorso della 'muzzezza' è stato il fatto trainante del mio pentimento e tutt`oggi non riesco a dormire mi passano ancora i morti avanti agli occhi, pure quelli colpevoli". "Non è stata colpa mia quel fatto, ho cercato di rimediare, mi sono ribellato, però hanno cercato di mandarmi in galera e di ammazzarmi quando ero in carcere..." Infine, Schiavone afferma anche che i rifiuti arrivavano nel basso lazio ma soprattutto in Campania, venivano sotterrati fino a 18 metri noi gestivamo i consorzi, erano creature del clan dei casalesi. Il viaggio di Sky TG24 nei luoghi indicati da Carmine Schiavone e altri pentiti di camorra nell`anticamera dell`inferno là dove sono stati sepolti i rifiuti, nelle campagne, fra campi coltivati e aree sequestrate mostra come sono stati interrati i rifiuti speciali e pericolosi, "artatamente nascosti" ha spiegato il comandante del Corpo forestale di Napoli. Mentre per l`ex pm antimafia Raffaele Cantone "ci attende un futuro disastroso" avverte, "in alcuni luoghi si parla di effetti, 2060, paragonabili a Chernobyl".

    Torna a parlare anche al Fatto Quotidiano Carmine Schiavone "Io certe cose, come i luoghi esatti dove è interrata l'immondizia più pericolosa, le ho dette nel 1997 durante le audizioni in commissione Ecomafie – racconta Schiavone – Sapete cosa mi dissero? Che era impossibile bonificare perché servivano troppi soldi". L'ex boss della camorra casalese, Carmine Schiavone, attualmente collaboratore di giustizia, dopo l'intervista a Sky Tg24 dove aveva rivelato oltre alla connivenza di pezzi dello stato con la criminalità organizzata casetana anche il traffico dei rifiuti tossici sotterrati nelle cave e nelle campagne della Campania, torna sull'argomento attraverso una intervista rilasciata a "Il Fatto Quotidiano". "Otto giorni è il tempo del dolore e della meraviglia. Per questo facevamo passare una settimana fra un omicidio e l'altro". Secondo l'ex capoclan, nelle terre dell'agro di Caserta sarebbero finite anche "cassette di piombo con materiale nucleare", arrivate dal nord Europa. "Andammo a fare un sopralluogo a Casale – ricorda – Siamo dovuti scappare via per il livello di radioattività. Le denunce del collaboratore di giustizia furono raccolte nel 1997 anche dalla Commissione bicamerale d'inchiesta sui rifiuti, presieduta all'epoca da Massimo Scalia. Secondo il suo racconto, Schiavone consegnò alla commissione appunti e documenti con l'indicazione delle società coinvolte, delle targhe dei mezzi usati e dei luoghi degli smaltimenti. La sua deposizione risulta ancora oggi secretata e non è possibile capire quanto realmente raccontò.

    Schiavone: indicai i luoghi dove sono interrati i rifiuti tossici, mi dissero che costava troppo bonificare - InterNapoli.it
    Ultima modifica di Napoli Capitale; 01-09-13 alle 09:08

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Traffico di rifiuti, il boss pentito Carmine Schiavone: “Mie denunce inascoltate”

    L'ex cassiere dei Casalesi racconta il sistema dello smaltimento illecito dei veleni, anche radioattivi, in Campania. Dichiarazioni messe a verbale già negli anni Novanta, a cui però non sono seguiti interventi sui territori colpiti. E la sua audizione del 1997 in Commissione parlamentare è ancora secretata


    di Andrea Palladino | 31 agosto 2013Commenti (7)




    Le parole di
    Carmine Schiavone – che accusa direttamente lo Stato sulle mancate bonifiche dei siti inquinati dai veleni di Gomorra – hanno solide basi, riscontrabili in tantissimi atti giudiziari. Buona parte degli elementi che confermano la sua ricostruzione del traffico illecito di rifiuti sono contenuti negli atti di un processo in corso in questi mesi, condotto dal pm della Dda di NapoliAlessandro Milita. Imputati sono alcuni esponenti del gruppo di Francesco Bidognetti, alias Cicciotto ‘e mezzanotte: nomi che ricorrono nella testimonianza di Schiavone, come Gaetano Cercie Cipriano Chianese. L’accusa è pesante, disastro ambientale.

    Il complesso e difficile percorso della giustizia per cercare di scrivere una verità definitiva sui traffici di materiale contaminato – e forse radioattivo – dal nord al sud ha subito, negli anni, moltissimi ostacoli. La prima inchiesta della procura napoletana, conosciuta come “Adelphi”, non riuscì ad arrivare alle condanne degli imprenditori che avevano utilizzato i servizi del clan dei casalesi per smaltire illegalmente migliaia di tonnellate di scorie pericolose. La figura di Cipriano Chianese, avvocato oggi imputato nel processo per la contaminazione delle falde acquifere campane, è stata indicata – insieme a Gaetano Cerci e a Francesco Bidognetti – per la prima volta da Carmine Schiavone già nei suoi interrogatori del 1993.
    Il Gip di Napoli Anita Polito, nell’ordinanza di custodia cautelare per l’indagine sul disastro ambientale conclusasi nei mesi scorsi, ricorda nei dettagli le date degli interrogatori del collaboratore di giustizia ex cassiere del clan: Schiavone venne ascoltato due volte nel 1993, due volte nel 1994 e poi nel 1996. Nel suo raccolto dell’epoca “il collaboratore riferiva in particolare, riassuntivamente, che verso la fine degli anni 80 — a partire dal 1988 — Chianese Cipriano (aderente ad un circolo culturale occultante una loggia massonica cui partecipava Cerci Gaetano), già operante per suo conto nello smaltimento dei rifiuti, ebbe ad avvicinarsi al gruppo diSandokan (il boss Francesco Schiavone, ndr) e Bidognetti Francesco, intessendo con loro rapporti di affari per le discariche. (…) Erano state rilasciate altresì alcune concessioni ottenute per la realizzazione di vasche ittiche, in realtà utilizzate per l’estrazione della sabbia, poi affidate a Cerci e riempite con rifiuti tossici”. E ancora: “Il Chianese procedette quindi a scaricare rifiuti nelle cave di sabbia che vanno dal Lago Patria fino a Mondragone (cave prodotte dal prelievo di sabbia destinate per le costruzioni del consorzio Con. Cav. per la superstrada Nola-Villa Literno)”. Tutte informazioni che, dunque, sono note da circa vent’anni. Tra il 1995 e il 1996 la Criminalpol di Roma – su delega della procura napoletana – ha ripreso i verbali delle dichiarazioni di Schiavone, effettuando una serie di sopralluoghi nella provincia di Caserta, per cercare di individuare con precisione i punti di interramento dei rifiuti tossici. Secondo il Gip di Napoli le dichiarazioni di Carmine Schiavone furono puntualmente riscontrate: “L’esito degli accertamenti disposti sul terriccio prelevato da alcuni dei siti individuati, consentiva di acclarare l’effettività della destinazione a discarica dei luoghi medesimi”.
    Le denunce del collaboratore di giustizia furono raccolte nel 1997 anche dalla Commissione bicamerale d’inchiesta sui rifiuti, presieduta all’epoca da Massimo Scalia. Secondo il suo racconto, Schiavone consegnò alla commissione appunti e documenti con l’indicazione delle società coinvolte, delle targhe dei mezzi usati e dei luoghi degli smaltimenti. La sua deposizione risulta ancora oggi secretata e non è possibile capire quanto realmente raccontò. Di certo quel mondo di trafficanti descritto fin dal 1993 non appare – se non per sommi capi – nelle relazioni finali approvate dal parlamento nel 2001. Oggi, vent’anni dopo, è giunto il momento di aprire quegli archivi.

    Traffico di rifiuti, il boss pentito Carmine Schiavone: ?Mie denunce inascoltate? - Il Fatto Quotidiano

    ALTRA VIDEO INTERVISTA CLICCANDO SUL LINK
    Ultima modifica di Napoli Capitale; 01-09-13 alle 09:25

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Rivelazioni pentito Schiavone: Scotto (Sel) presenta un'interrogazione parlamentare
    L'iniziativa del parlamentare dopo l'intervista di Sky tg 24 al boss pentito Fanelli: «Fuori i nomi di chi hanno fatto violenza a nostra madre terra»

    di REDAZIONE



    Il parlamentare di Sel Arturo Scotto (archivio InterNapoli.it)


    MARANO. L'intervista al collaboratore di giustizia Carmine Schiavone, in passato elemento di spicco del clan dei Casalesi, trasmessa il 24 agosto da Sky TG24, ha fatto emergere uno scenario inquietante: egli avrebbe, nel 1997, alla commissione “Ecomafie” rivelato l'ubicazione dei rifiuti tossici interrati nel territorio casertano, segnalato la presenza di cassette di piombo con materiale nucleare provenienti dal Nord Europa e consegnato alla commissione d'inchiesta documenti e appunti con l'indicazione delle società coinvolte, delle targhe dei mezzi usati e dei luoghi degli smaltimenti. Alla luce di tali affermazioni e della strage silenziosa che continua a mietere vittime in tutta la Campania, l'onorevole Arturo Scotto del gruppo parlamentare di Sinistra Ecologia Libertà ha presentato un'interrogazione parlamentare al Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, al Ministro dell'Interno ed al Ministro della Salute per chiedere che vengano immediatamente svolte analisi a tappeto sui terreni e le falde acquifere dell'agro aversano, che venga effettuata una bonifica del territorio, che si avvii un processo di conversione in agricoltura «no food» dei terreni interessati da coltivazioni ed allevamenti nelle aree coinvolte dallo sversamento di rifiuti tossici e che si prenda ogni misura per fornire alla cittadinanza che rischia malattie gravi e mortali una completa informazione sui pericoli per la salute (come, ad esempio, l'istituzione di un registro dei tumori). Lo rende noto l’ufficio stampa regionale SEL Campania. «Ed intanto - aggiunge Stefania Fanelli della federazione provinciale SEL - finalmente adesso potremo sapere i nomi di tutti coloro che hanno fatto violenza a nostra madre terra, poiché la Presidente della Camera, Laura Boldrini con una procedura d'urgenza ha tolto il segreto di stato dai verbali di Schiavone»

    Rivelazioni pentito Schiavone: Scotto (Sel) presenta un'interrogazione parlamentare - InterNapoli.it
    Ultima modifica di Napoli Capitale; 16-09-13 alle 08:49

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    2,155
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    La presidente Boldrini: «Una Chernobyl premeditata»
    «Toglieremo il segreto di Stato dalle dichiarazioni del pentito Schiavone e individueremo i responsabili del disastro ambientale» L'area a nord di Napoli inserita nei 44 siti più inquinati d'Italia

    di REDAZIONE




    La presidente della Camera Laura Boldrini


    INTERNAPOLI. La presidente della Camera Laura Boldrini intervenendo a Pollica (Sa) sulla questione ambientale a nord di Napoli ha dichiarato che «L'inquinamento dell'area del Giuglianese, è un fatto imperdonabile. Si tratta di una Chernobyl premeditata, un crimine contro quella popolazione - e aggiunge che - è necessario individuare i responsabili». Riferendosi poi alle dichiarazioni del pentito Schiavone, che ha detto di aver già raccontato più di 10 anni fa ad apparati dello Stato dove si trovavano i rifiuti tossici e con quali metodi venivano "smaltiti": «In Italia troppo spesso si è messo il segreto per nascondere situazioni che non erano proprio nell'interesse dei cittadini» ha poi aggiunto. La presidente della Camera ha fatto anche riferimento alla richiesta giunta nei giorni scorsi di desecretare le dichiarazioni del pentito di camorra Carmine Schiavone sul traffico illecito di rifiuti nocivi in alcune aree della Campania. «E' già stata aperta l'istruttoria e l'incarico è stato affidato al vicepresidente Sereni. Ci sono però due esigenze - ha aggiunto - quella di dare risposte ai cittadini ma anche quella di non interferire nel lavoro della magistratura».
    Intanto l'area a nord di Napoli è stata inserita in un elenco dei 44 siti più inquinati d'Italia redatto dal Ministero della Salute. Il documento traccia una mappa dei luoghi dove l'emergenza ambientale rischia di compromettere seriamente la salute della popolazione. Quella dell'area nord di Napoli è il territorio più vasto. In tutt'Italia, sono circa 6 milioni gli abitanti a rischio. (segui la notizia: Ministero della Salute: ecco i 44 siti più inquinati d?Italia. Rischio tumori per 6 milioni di Italiani.. LEGGI | Direttanews.it)


    La presidente Boldrini: «Una Chernobyl premeditata» - InterNapoli.it

  8. #8
    Moderatore
    Data Registrazione
    06 Aug 2010
    Messaggi
    16,917
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Carmine Schiavone a Sky Tg24:"I rifiuti tossici uccideranno in basso Lazio"

    Spesso per la troppa rabbia non si riesce a postare e/o ad esprimere un idea.........è questo un caso

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 503
    Ultimo Messaggio: 06-11-13, 11:39
  2. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 25-08-13, 16:46
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-08-13, 09:19
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-08-13, 12:40
  5. Napolitano: "Rifiuti tossici arrivati in gran parte dal nord"
    Di SPYCAM nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 121
    Ultimo Messaggio: 10-06-08, 13:10

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226