User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: In uno scenario simile chi voteresti ?

Partecipanti
27. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Matteo Renzi (Partito Democratico, Psi, Verdi, Italia dei valori)

    7 25.93%
  • Laura Boldrini (Sinistra Ecologia Libertà e indipendenti di sinistra)

    4 14.81%
  • Pietro Grasso (Italia Riformista, Centro Democratico, Radicali)

    0 0%
  • Gianni Letta (Forza Italia, Scelta Civica, UDC)

    1 3.70%
  • Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia, La Destra)

    3 11.11%
  • Beppe Grillo (Movimento 5 Stelle)

    2 7.41%
  • Flavio Tosi (Lega Nord)

    2 7.41%
  • Luigi De Magistris (Movimento Arancione, Azione Civile, Italia Civica)

    0 0%
  • Giorgio Cremaschi ([email protected], Rifondazione, PCL)

    1 3.70%
  • Domenico Losurdo (Comunisti Italiani)

    1 3.70%
  • Marco Rizzo (Comunisti-Sinistra Popolare)

    0 0%
  • Non voto/Astensione/ Scheda bianca

    6 22.22%
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
Like Tree4Likes

Discussione: Presidenziali italiane 2015, primo turno

  1. #1
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Presidenziali italiane 2015, primo turno

    • 2013 Dopo l’IMU il governo Letta supera anche lo scoglio della decadenza di Berlusconi, PD, M5S e SEL votano compatti e il leader del PDL diventa extra-parlamentare, opta per i servizi sociali anche in chiave elettorale, continuando però a gestire di fatto il centro-destra e la sua riorganizzazione. Scelta Civica ha votato contro la decadenza e prepara un ingresso nel PDL formato coalizione.
    • Obama torna indietro sulla Siria e si promuove una conferenza internazionale che porta ad un cessato il fuoco e all’inizio di trattative per raggiungere una pace stabile nell’area.
    • Il congresso del PD, per salvaguardare il governo, viene rimandato a dopo le Europee 2014, per qualche giorno si vocifera di una imminente scissione di Renzi che però decide di aspettare e torna sulle posizioni originarie : sovrapposizione della figura di segretario e candidato premier, opzione pigliatutto insomma.
    • L’assemblea convocata da Landini e Rodotà si rivela un trampolino di lancio per la costruzione di una lista di sinistra per le europee 2014, capeggiata proprio dal segretario della Fiom e dall’ex-presidente del PDS. L’adesione al socialismo europeo e la proposta del Mattarellum come soluzione per il rebus legge elettorale allontana Rifondazione e la sinistra radicale dal progetto, che vede invece SEL in prima linea.
    • A Dicembre il secondo congresso di SEL affianca Fratoianni come segretario a Vendola che rimane presidente, si conferma l’opposizione alle larghe intese e la costruzione della lista-progetto Europa bene comune, a metà tra le sinistre interne del PSE e formazioni più moderne ed europeiste come Syriza
    • 2014 Al contrario del PD a Gennaio 2014 si tiene la rifondazione di Forza Italia, il Popolo della Libertà cambia nome in Popolari per la Libertà e diventa quindi il nome della nuova coalizione, vi aderiscono FI, Scelta Civica e UDC. Alemanno va in Fratelli d’Italia.
    • Si arriva quindi alle europee. Forza Italia (con Marina Berlusconi capolista in tutte le circoscrizioni) conquista il 28,5%, la bicicletta SC-UDC il 4,5%, Fratelli d’Italia il 4,2%, fuori dall’europarlamento sia la Lega Nord (3,5%) che le varie liste della destra radicale e sociale (Destra, FN, Fiamma, CP ecc.. nel complesso il 3% ). Il Partito Democratico si mantiene stabile rispetto ai risultati delle politiche con il 25%, a sinistra del PD la lista Europa Bene Comune formata da SEL+Indipendenti raccoglie il 7,5% e, a sorpresa, fa il quorum il movimento di Cremaschi, [email protected] con il 4,1%. Sotto il 4% le liste Psi (0,5%), Centro Democratico (0,3%), Rifondazione comunista/Pdci (1,2%), Verdi (0,2%), Italia dei Valori (2%), Azione Civile di Ingroia (0,5%), PCL (0,3%), Comunisti di Rizzo (0,1%). Ridimensionato il Movimento 5 Stelle con il 12%. Altre liste (FARE, Radicali ecc…) complessivamente sono al 2,6%.
    • Si tiene il congresso del PD, Renzi conquista la maggioranza in assemblea nazionale e ottiene l’unificazione delle figure di segretario e candidato premier, lo scontro è a tre : Renzi (che recupera Civati e Pittella tra i sostenitori e si sposta più a sinistra dal punto di vista programmatico, chiede la fine delle larghe intese) Vs Letta (garante delle larghe intese sostenuto da Bersani, Franceschini e Fioroni) Vs Cuperlo (sinistra interna, dalemiani, sindacato). Si vota con le regole del 2009, al primo turno tra gli iscritti (quasi 600.000) Renzi si posiziona sul 45%, Letta sul 30, buon risultato di Cuperlo al 25%. Nel secondo turno aperto a tutti gli elettori (nei gazebo, votano circa 3 milioni e mezzo) Renzi vince con il 60%, Letta si ferma al 25%, Cuperlo scende al 15%.
    • Letta si dimette da presidente del consiglio ma Napolitano non manda il paese alle urne, da l’incarico a Grasso per cercare una nuova maggioranza in grado di cambiare la legge elettorale, il Movimento 5 Stelle con una capriola politica storica appoggia l’operazione. Mentre il centro-destra si dichiara favorevole a sostenere il tentativo di Grasso nel PD scoppia il caos, Renzi è fermamente contrario, mentre la maggioranza dei gruppi parlamentari (ancora fedeli a Letta-Bersani-Franceschini) vuole dire si a Napolitano. Si consuma una rovinosa scissione parlamentare, la minoranza (renziani e sinistra interna che fa riferimento a Cuperlo) mantengono il nome Partito democratico, la maggioranza crea il gruppo Italia Riformista che assieme a Forza Italia, SC, UDC e Movimento 5 Stelle sostiene il governo Grasso. Vito Crimi diventa presidente del Senato.
    • Il governo Grasso nato per una rapida legge elettorale dura molti mesi in più del previsto continuando una politica economica all’insegna dell’austerità (la Merkel ha rivinto le elezioni tedesche) e votando un nuovo impianto costituzionale su modello francese. Si va alle elezioni nella primavera del 2015.


    CANDIDATI ALLE PRESIDENZIALI



    Matteo Renzi
    Il candidato alla presidenza per il Partito democratico, punta tutto sulla carica rinnovatrice e su parole d’ordine meno liberali del passato, condizionato dall’accordo con SEL. Lo sostengono anche i Socialisti, i Verdi e quel che rimane dell’IDV.

    Laura Boldrini
    Nonostante l’accordo programmatico comune per le legislative Sinistra ecologia libertà presenta comunque un nome autonomo per il primo turno e si tratta ovviamente della presidente della Camera uscente, Laura Boldrini che incentra la sua campagna sui temi della pace, dell’uguaglianza e della giustizia sociale. L’appoggiano oltre a SEL anche le altre personalità della sinistra che avevano sostenuto Europa bene comune.


    Pietro Grasso

    Il premier uscente ed ex-presidente del Senato si candida per Italia Riformista, Radicali e Centro Democratico.


    Gianni Letta

    E’ il candidato forte sostenuto dai Popolari per la Libertà (Forza Italia, Scelta Civica, Udc). Per il ballottaggio punta a stringere un accordo con Grasso al centro e la Meloni a destra.


    Giorgia Meloni

    Candidata di punta per Fratelli d’Italia e Destra di Storace (che allontanatosi dai lidi più radicali della destra si è ridotto a fare da satellite di Fd’I). Nonostante l’adesione al gruppo europeo Conservatori e Riformisti (lo stesso dei Tories) sta conducendo una campagna elettorale molto più a destra in stile Le Pen.


    Beppe Grillo

    Ovviamente il comico è il candidato alla presidenza del Movimento 5 Stelle, che rimane il terzo partito italiano dopo Forza italia e PD ma si è ridimensionato rispetto al 2013, soprattutto per la perdita dell’elettorato più politicizzato tornato nei bacini tradizionali. I cavalli di battaglia contro la vecchia politica e i partiti, nonostante l’operazione Grasso e il governo con lettiani e centrodestra sono rimasti immutati.


    Flavio Tosi

    Maroni continua a gestire la Lega con pugno di ferro e impone la candidatura autonoma di Tosi, Bossi al contrario voleva appoggiare Gianni Letta e stringere un accordo di coalizione per le legislative con il centro-destra.

    Luigi De Magistris


    Sconfitto alle elezioni comunali, l’ex-sindaco di Napoli si candida sostenuto dal suo Movimento Arancione, da Azione Civile di Ingroia e da Italia Civica, un piccolo movimento messo su da attivisti 5 stelle delusi dal sostegno del MoV al governo Grasso. Un programma a metà tra sinistra movimentista e liberal-giustizialismo.


    Giorgio Cremaschi

    Dopo il successo di [email protected] alle europee 2014 Cremaschi è diventato il capo della sinistra a sinistra di SEL, oltre al suo movimento anche Rifondazione e PCL si sono accodati. Punto di forza del programma il rifiuto dei trattati europei e un piano di ingenti nazionalizzazioni.


    Domenico Losurdo

    Il Partito dei comunisti italiani, rifiutando la candidatura di Cremaschi, si è ri-diviso da Rifondazione per lanciare la candidatura di bandiera del filosofo stalinista. Un programma veterocomunista ed anti-europeo.


    Marco Rizzo

    I Comunisti-Sinistra Popolare si candidano in maniera autonoma su posizioni politiche molto vicine a quelle di Losurdo, ma la diatriba Pdci-Rizzo non ha permesso una lista comune. Programmaticamente molto vicini al KKE greco.


    COALIZIONI PER LE LEGISLATIVE

    Per quanto riguarda i collegi, gli accordi di coalizione sono tra PD (che ingloba una manciata di candidati Psi, Verdi e Idv) e SEL da una parte con Cuperlo o Vendola come possibili primi ministri e Forza Italia e SC-UDC dall’altra dove i nomi per la premiership sono Alfano o Lupi. I partiti che sostengono De Magistris si presentano alle legislative in un'unica lista chiamata Azione Democratica, [email protected] di Cremaschi ingloba Prc e PCL, il Pdci e Csp si presentano autonomi. Centro Democratico e Radicali si candidano con Italia Riformista, Fratelli d’Italia (+ candidati Destra Storace), Movimento 5 Stelle e Lega Nord si presentano da soli. Si presentano in maniera autonoma in determinati collegi Casa Pound, Fiamma Tricolore e Forza Nuova senza però presentare nessuno alle presidenziali.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Boldrini e SEL ovviamente.

  3. #3
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    perdonatemi per qualche refuso nel testo ma non posso modificare +

  4. #4
    Sospeso/a
    Data Registrazione
    01 Sep 2011
    Messaggi
    6,655
    Mentioned
    89 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Cremaschi.

    Che però dubito fortemente verrebbe appoggiato dagli zombie di Rifondazione (con De Magistris in libera uscita poi figuriamoci...).

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    22 Jul 2012
    Messaggi
    16,483
    Mentioned
    97 Post(s)
    Tagged
    7 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    se c'era vendola al posto della boldrini lo votavo visto che la lega si presenta da sola e quindi non ha possibilità di andare al governo

  6. #6
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Citazione Originariamente Scritto da matteox2 Visualizza Messaggio
    Cremaschi.

    Che però dubito fortemente verrebbe appoggiato dagli zombie di Rifondazione (con De Magistris in libera uscita poi figuriamoci...).
    diciamo che quel pirla di Ferrero lo han defenestrato

  7. #7
    Populista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Messaggi
    5,648
    Mentioned
    136 Post(s)
    Tagged
    41 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Renzi, sperando come come presidente sia abbastanza forte da mettere gli interessi del paese davanti a quelli dei sindacati.

  8. #8
    Anti-liberista
    Data Registrazione
    12 Apr 2010
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    22,800
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Citazione Originariamente Scritto da Alepk Visualizza Messaggio
    Renzi, sperando come come presidente sia abbastanza forte da mettere gli interessi del paese davanti a quelli dei sindacati.
    Gli interessi del paese reale ovvero la stragrande maggioranza della popolazione (dipendenti, pensionati, precari, studenti ecc..) corrispondono con le linee guida per il rilancio economico e sociale proposte dai Sindacati.
    Se poi per te gli interessi del paese sono quelli della Confindustria...

  9. #9
    Populista
    Data Registrazione
    24 Sep 2010
    Messaggi
    5,648
    Mentioned
    136 Post(s)
    Tagged
    41 Thread(s)

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    Citazione Originariamente Scritto da SteCompagno Visualizza Messaggio
    Gli interessi del paese reale ovvero la stragrande maggioranza della popolazione (dipendenti, pensionati, precari, studenti ecc..) corrispondono con le linee guida per il rilancio economico e sociale proposte dai Sindacati.
    Se poi per te gli interessi del paese sono quelli della Confindustria...
    "Perché ho votato per Berlusconi? I suoi interessi coincidevano con quelli del paese..."

    Voglio solo mettere in evidenza come sia impossibile che gli interessi di un paese coincidano con quelli di una delle sue "caste".

  10. #10
    Forumista storico
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    47,759
    Mentioned
    1004 Post(s)
    Tagged
    38 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Re: Presidenziali italiane 2015, primo turno

    non voterei nessuna di queste personalità, forse se dovessi dare una leggera preferenza direi Tosi, Gianni letta rapppresenta tutto il vecchio del vecchio del peggio della DC, si vede proprio che è un sondaggio lanciato da uno di sinistra che disprezza il CDX
    Scommetti su Dio. Se Lui esiste hai fatto un buon affare; se non esiste non hai perso niente (Pascal)

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Elezioni italiane 2015
    Di Monsieur nel forum FantaTermometro
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 20-07-13, 22:09
  2. Risposte: 114
    Ultimo Messaggio: 21-12-10, 14:47
  3. Elezioni presidenziali italiane 2009 - II turno
    Di Enrico1987 nel forum FantaTermometro
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 22-07-08, 21:48
  4. PRESIDENZIALI FRANCIA: I turno
    Di Lollo87Lp nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 713
    Ultimo Messaggio: 06-05-07, 13:03
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-01-03, 13:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225