User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Stato biscaziere

  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Stato biscaziere

    Governo battuto su giochi d'azzardo.
    Ok mozione Lega: vietate nuove attività



    Il documento del Carroccio è stato approvato a larga maggioranza nonostante il parere contrario dell'esecutivo. Il sottosegretario all'Economia, Alberto Giorgetti, annuncia l'intenzione di rimettere la delega sui giochi nelle mani del ministro: "Così si perdono 6 miliardi di gettito". Mef: "Dispositivo inapplicabile". Casson (Pd): "Errore di votazione". Maroni: "Ora vada a casa". Bocciata mozione M5S su slot machines
    Lo leggo dopo



    Slot e giochi d'azzardo

    ROMA
    - Il governo è stato battuto in aula al Senato nella votazione di una mozione della Lega Nord che vieta per un anno l'apertura di nuovi centri per i giochi d'azzardo elettronico on line e nei luoghi aperti al pubblico. Il sottosegretario all'Economia, Alberto Giorgetti, ha annunciato l'intenzione di rimettere la delega sui giochi nelle mani del ministro, Fabrizio Saccomanni, che però ha gli ribadito piena fiducia: ''Nel condividere le valutazioni espresse dal sottosegretario rispetto alla votazione avvenuta al
    Senato, ha confermato la sua piena fiducia nell'operato dell'On.le Alberto Giorgetti, ricevendone la disponibilità a proseguire nell'incarico'', ha comunicato il ministero dell'Economia.

    "Bravi senatori leghisti. E adesso governo a casa!!!", ha scritto su Twitter il segretario federale della Lega Nord, Roberto Maroni. E mentre gli operatori minacciano il blocco della raccolta, il Codacons si dice soddisfatto: "Ora chiediamo il blocco immediato delle sale vlt (Videolottery)". Ma il ministero replica: "Applicando la moratoria, il Governo compirebbe un atto illegittimo".

    Mef: "Mozione inapplicabile".
    Un dispositivo inapplicabile, secondo il ministero dell'Economia e delle Finanze, quello della mozione approvata oggi: "Il governo è fortemente impegnato a contrastare gli effetti sociali negativi legati ai giochi, come dimostra, tra l'altro, l'articolo 14 della delega fiscale all'esame della Commissione finanze della Camera, che prevede il riordino dell'intera materia", ma "per quanto riguarda la mozione approvata oggi al Senato, il dispositivo, come ha spiegato il Sottosegretario all'Economia, Alberto Giorgetti, è inapplicabile perché il governo compirebbe un atto illegittimo determinando: 1) un contenzioso con i circa 200 operatori italiani ed esteri che hanno ottenuto la concessione; 2) la riapertura del contenzioso comunitario, dopo due procedure di infrazione chiuse nel 2010 a seguito della regolamentazione del mercato; 3) lo spostamento in massa di giocatori verso il mercato illegale; 4) la perdita della possibilità di contrastare, con strumenti mirati, il gioco problematico e patologico e l'accesso dei minori al gioco". La moratoria, prosegue il ministero, determinerebbe, inoltre, una forte diminuzione delle entrate in una fase estremamente delicata per la finanza pubblica. "Il Governo, facendo affidamento sul sostegno del Parlamento e ritenendo che il Parlamento stesso debba riconsiderare la posizione espressa in data odierna, continuerà a monitorare con attenzione l'efficacia delle misure già introdotte per contrastare e prevenire la ludopatia, verificando anche se vi sia la necessità di predisporre ulteriori interventi per rafforzarle", conclude la nota.

    Ok a larga maggioranza
    . Il documento del Carroccio è stato approvato a larga maggioranza nonostante il parere contrario dell'esecutivo. Il punto di contrasto è rappresentato dalla moratoria di 12 mesi per l'apertura di nuovi centri per i giochi d'azzardo inserita nella mozione della Lega Nord, che secondo Giorgetti rappresenta un "termine così perentorio da risultare inapplicabile, se non creando un conflitto con i diritti esistenti dei concessionari che hanno vinto le gare e perdendo 6 miliardi di gettito".

    Voto confuso. Al momento del voto si è creata una certa confusione, vista la proposta anche di un ordine del giorno unitario Pd, Pdl, Sc, Sel, Gal, poi approvato, che invece "impegna il governo a prevedere una moratoria per le nuove autorizzazioni in attesa della riorganizzazione e pianificazione dell'intero sistema". Il senatore del Pd Felice Casson ha spiegato: "Quando si è trattato di votare c'è stato una certa confusione. Quelli che avevano capito, come me, hanno votato contro la mozione, altri no". Il documento della Lega è stato approvato anche da molti senatori del Pdl. Si sono espressi contrari all'ordine del giorno unitario i senatori M5s e Ln. Per Roberto Calderoli l'odg rappresentava "una specie di contentino che non serve a nulla perché la nostra mozione pone condizioni precise".

    Pd: "Passo avanti". In una nota poi il vicecapogruppo del Pd al Senato Stefano Lepri ha commentato: "La novità principale inserita nell'ordine del giorno votato a maggioranza è la moratoria sulle nuove aperture delle sale da gioco e sulle concessioni delle scommesse online in attesa di un vero e proprio riordino complessivo dell'intero sistema. Questo è un impegno preciso che grazie alla nostra battaglia delle ultime ore abbiamo affidato al governo e siamo fiduciosi verrà rispettato. Ce lo chiedono tutti, cittadini, sindaci, associazioni di volontariato e associazioni cattoliche".

    Bocciata la mozione M5S su slot machines. Per quanto riguarda le slot machines, però, è stata bocciata la mozione di M5S che proponeva tra le altre cose "la cancellazione dell'articolo 14 del decreto Imu che prevede il condono per le società concessionarie di slot machines" come riporta il primo firmatario, Giovanni Endrizzi. Il senatore ricorda che "invece di pagare i 98 miliardi di multa, poi 'scontati' dalla Corte dei Conti a 2,5 miliardi, i 'signori dell'azzardo grazie al governo Letta ora dovranno restituire allo stato solo 611 milioni di euro". Pd e Pdl si sono astenuti, riferisce ancora Endrizzi, ricordando che l'astensione in Senato vale come voto contrario. Il documento ha ricevuto "solo 76 voti favorevoli: M5S, Lega, Sel, Scelta Civica, sei dissidenti Pd e due dissidenti Pdl". Di "ennesima vergogna favore delle lobby del gioco d'azzardo" parlano i grillini in una nota.

    Operatori minacciano blocco raccolta. Dopo la mozione approvata al Senato, l'Associazione degli operatori Assotrattenimento ha convocato il proprio direttivo non escludendo "sin da ora il blocco della raccolta di gioco". "La tutela della dignità di una categoria di operatori onesti, che nulla fanno se non attuare precetti normativi di fonte statale, impone di mettere in preventivo anche l'immediato blocco della raccolta - spiega l'Associazione - posto che non pare sensato continuare ad esporre aziende e lavoratori a gogne infamanti, oltre a rischi d'impresa oramai intollerabili, solo per garantire un provento erariale a cui, pare, la maggioranza trasversale del Senato intenda fare a meno...La politica ha scelto di tornare al passato e in tale meandro non c'è più spazio per aziende che hanno sposato la legalità e la responsabilità d'impresa", conclude la nota.

    Lo sconcerto di Confindustria- Gioco. È "sconcertante la proposta di
    moratoria sul gioco" per Confindustria Sistema Gioco Italia: "Apprendiamo con sconcerto e grande preoccupazione" il voto oggi della mozione al Senato. Si "invita il governo a sospendere un'attività economica di migliaia di imprese che operano nel settore dando lavoro a oltre 200.000 persone, a seguito di gare pubbliche e avendo effettuato investimenti importanti. Un provvedimento del genere avrebbe effetti drammatici piano sociale ed erariale". Massimo Passamonti, presidente di Confindustria Sistema Gioco Italia, ha detto: "Se c'è stato un errore nella votazione, come apprendiamo dai mezzi d'informazione, se ne prenda atto e si annulli la proposta. Questa mozione contiene spropositi inauditi come l'assurda equiparazione tra la rete legale e i circuiti del gioco non autorizzato e non tiene conto degli adempimenti contrattuali che migliaia di aziende si sono accollate sulla base di un rapporto di lavoro regolato da concessione dello Stato italiano. Se errore c'è stato, forse sarà finalmente l'occasione per chiarire qual è la posizione dello Stato sulla tutela del gioco legale nel nostro Paese".

    Codacons soddisfatto. Soddisfazione la per mozione approvata al Senato è stata espressa dal Codacons: "L'azione di lobbing del Codacons e dei parlamentari che assieme all'associazione stanno lottando contro il gioco d'azzardo ha avuto la meglio sui meri interessi economici dello Stato e degli operatori di settore", spiega il presidente Carlo Rienzi. "Ora - aggiunge - alla luce del passaggio della mozione dalla Lega Nord che impegna il Governo a varare una moratoria di 12 mesi sul gioco d'azzardo on line e sui sistemi di gioco d'azzardo elettronico in luoghi pubblici e aperti al pubblico, chiediamo il blocco immediato delle sale vlt (Videolottery) presenti sul territorio, fino al momento in cui il governo emanerà l'atteso decreto sulla prevenzione delle ludopatie, che da anni aspetta di essere varato a causa dell'illegale immobilismo dell'esecutivo". Il Codacons critica poi chi afferma che la mozione approvata oggi arrecherà danni alle casse dello Stato. "E' assurdo e immorale affermare che, a causa di questo provvedimento, il gettito subirà una pesante riduzione - spiega Rienzi - Al contrario lo Stato ci guadagnerà e parecchio, considerato che i costi sociali legati al gioco d'azzardo e alle dipendenze da gioco sfiorano quota 7 miliardi di euro, e che un singolo giocatore patologico costa allo Stato 38 mila euro annui".

    Coldiretti: "Azzardo vale 70% spesa alimentare famiglie". L'importo che gli italiani potrebbero giocare nel 2013, al lordo delle vincite, raggiunge il tetto dei 100 miliardi di euro nel 2013, pari ad oltre il 70% di quello che le famiglie italiane spendono per acquistare prodotti alimentari durante l'anno: è quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati del rapporto Coop consumi e distribuzione 2013. Il 47% degli italiani tra i 15 e i 64 anni ha giocato almeno una volta, ma - ha sottolineato la Coldiretti - si conta che siano almeno 3 milioni quelli affetti da ludopatia che spesso sottraggono risorse per i più elementari
    bisogni familiari come l'alimentazione. Più della metà della spesa in giochi e scommesse è destinata a slot machine e videolottery che - ha concluso la Coldiretti - hanno avuto "una vera esplosione negli ultimi anni nonostante la crisi economica".

    Governo battuto su giochi d'azzardo. Ok mozione Lega: vietate nuove attività - Repubblica.it
    Ultima modifica di Eridano; 06-09-13 alle 08:03
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    98 miliardi di euro che lo stato biscaziere e mafioso si rifiuta di esigere dalle società che non hanno collegato le macchinette alla rete.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,688
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    i 98 miliardi, già incredibilmente ridotti a 2,5, andranno sicuramente "in fanteria" in quanto le società in questione (sicurissime di farla franca) non accettano nemmeno la proposta del governo di chiudere la faccenda a 0,7 miliardi.............. un qualsiasi cittadino farebbe la firma per pagare SOLO il 7 x mille di una sanzione/multa
    Ultima modifica di sciadurel; 06-09-13 alle 10:53

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    il Partito Demoniaco non riesce ad imporre le bische…

    6 settembre 2013 | Autore Redazione | Stampa articolo


    … per creare dipendenza e distruggere l’individuo, le famiglie e la civiltà… Ovvero, come cercare di derubare qualche decina di miliardi di euro ai cittadini drogati dal gioco. ndr
    AGI – Gioco d’azzardo, il PD sbaglia ‘puntata’: governo battuto. Sei miliardi a rischio

    15:20 05 SET 2013 (AGI) – Roma, 5 set. – Governo battuto in Aula al Senato su una mozione presentata dalla Lega su cui

    l’esecutivo, con il sottosegretario all’Economia Alberto Giorgetti, aveva dato parere contrario. La mozione della Lega prevede una moratoria di 12 mesi per l’apertura di nuove sale slot.




    In questo il sottosegretario Giorgetti ha ravvisato “aspetti di conflitto con i diritti dei gestori che gia’ si sono aggiudicati la concessione e il problema del mancato gettito per 6 miliardi di euro” per lo Stato. Giorgetti, in virtu’ di questo, ha annunciato che rimettera’ la delega ai giochi nelle mani del ministro. Felice Casson, senatore del Pd, ha spiegato che “tutto e’ avvenuto in un momento di grande confusione in Aula.
    In pratica si e’ trattato di un errore di votazione”.
    Un errore che puo’ costare oltre 6 miliardi di gettito.
    Grida vittoria la Lega che, con un post sul profilo twitter del segretario federale Roberto Maroni, invita il governo ad “andare a casa”. Nel Pd si parla di “errore nella votazione” dovuto “alla situazione caotica” nell’Aula di Palazzo madama.
    Ma sono in molti, anche tra i democratici, ad esprimere soddisfazione: il vicepresidente dei senatori del Pd rivendica al suo partito la battaglia per la moratoria sulle sale slot.
    Nella stessa seduta, l’Aula di palazzo Madama ha anche approvato l’ordine del giorno unitario contro la ludopatia: “Finalmente il Senato entra nel merito del gioco d’azzardo e approva modifiche qualificanti all’attuale sistema”, ha commentato la senatrice del Pd Stefania Pezzopane, “l’odg approvato questa mattina e’ un significativo passo avanti e una risposta concreta all’esigenza di mettere un freno a un sistema che ha enormi risvolti economici, sociali e criminali”. Soddisfazione anche dal gruppo Grandi Autonomie e Liberta’.
    “L’approvazione dell’ordine del giorno unitario contro il gioco d’azzardo patologico e’ un passo importante per la tutela dei nostri giovani e delle persone in difficolta’. Il gioco d’azzardo non e’ consentito per legge eppure in questo paese assistiamo all’indecenza della concessione di spazi per queste attivita’: basti pensare che sul territorio italiano ci sono 400 mila macchinette e oltre 7 mila punti autorizzati”, ha sottolineato il senatore del gruppo Grandi Autonomie e Liberta’, Antonio Scavone.
    “Adesso chiediamo al Governo Letta di rispettare l’impegno preso con l’Odg volto a contrastare il gioco d’azzardo, varando provvedimenti ‘ad hoc’ per offrire una prospettiva di societa’ basata anzitutto sul lavoro”, ha dal canto suo detto il senatore di Sel Massimo Cervellini. “Il gioco d’azzardo e’ un fenomeno drammatico che coinvolge non a caso i ceti piu’ deboli, i disoccupati, e dal punto di vista generazionale, anche i giovanissimi al di sotto dei 18 anni”, ha aggiunto.
    GIOCHI: 6,516 MLD ENTRATE 2013 E 800MILA GIOCATORI
    Secondo un dossier dell’associazione ‘Libera’ il gioco puo’ essere considerato la terza impresa italiana per fatturato, con una raccolta di circa 103 miliardi di euro, 88 legali e 15 derivanti dal mercato clandestino. Le entrate totali relative ai giochi nel primo semestre 2013 si sono attestate a 6.516 milioni di euro, registrando un calo dell’1,9% (126 milioni di euro in meno) rispetto allo stesso periodo del 2012. Nel paese sarebbero 800mila le persone dipendenti dal gioco d’azzardo e si spendono circa 1.450 euro pro capite (neonati compresi) per tentare la fortuna tra videopoker, slot machine, Gratta e vinci sale Bingo. Secondo l’anagrafe di inizio ottobre 2012 sono 6.181 i punti gioco e le agenzie autorizzate sul territorio.
    IL CODACONS, “ORA DECRETO SU LUDOPATIE”
    Il Codacons esprime soddisfazione la per mozione approvata al Senato relativa alla moratoria sul gioco. “L’azione di lobbing del Codacons e dei parlamentari che assieme all’associazione stanno lottando contro il gioco d’azzardo ha avuto la meglio sui meri interessi economici dello Stato e degli operatori di settore – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Ora, alla luce del passaggio della mozione dalla Lega Nord che impegna il Governo a varare una moratoria di 12 mesi sul gioco d’azzardo on line e sui sistemi di gioco d’azzardo elettronico in luoghi pubblici e aperti al pubblico, chiediamo il blocco immediato delle sale VLT (Videolottery) presenti sul territorio, fino al momento in cui il Governo emanera’ l’atteso decreto sulla prevenzione delle ludopatie, che da anni aspetta di essere varato a causa dell’illegale immobilismo dell’esecutivo”. Il Codacons critica poi chi afferma che la mozione approvata oggi arrechera’ danni alle casse dello Stato.
    “E’ assurdo e immorale affermare che, a causa di questo provvedimento, il gettito subira’ una pesante riduzione – spiega Rienzi – Al contrario lo Stato ci guadagnera’ e parecchio, considerato che i costi sociali legati al gioco d’azzardo e alle dipendenze da gioco sfiorano quota 7 miliardi di euro, e che un singolo giocatore patologico costa allo Stato 38mila euro annui”.(AGI)


    il Partito Demoniaco non riesce ad imporre le bische? | STAMPA LIBERA
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,956
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    Ma che schifo, l'italia è un casino...
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  6. #6
    SILVIO INNOCENTE!!!!!!!!!
    Data Registrazione
    25 May 2002
    Messaggi
    18,754
    Mentioned
    46 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    I biscazieri hanno un margine di guadagno sulla puntata molto minore a quello dello stato, che di fatto è una truffa.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,956
    Mentioned
    48 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    Citazione Originariamente Scritto da Naitmer Visualizza Messaggio
    I biscazieri hanno un margine di guadagno sulla puntata molto minore a quello dello stato, che di fatto è una truffa.
    Eticamente è vergognoso che uno stato guadagni da queste cose, ma si sa l'italia è un paese dove l'etica è un'ospite sgradita.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Ma che schifo, l'italia è un casino...
    L'italia è mafia.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    Gioco d’azzardo, Ncd: “Trasferimenti dallo Stato ridotti per chi ostacola le slot”

    L'emendamento al decreto "Salva Roma" è stato presentato dal Nuovo centrodestra ed è stato approvato in Senato. Endrizzi (M5S): "E' uno scandalo. Provvedimento da Stato cravattaro. In questo modo si lasciano soli gli amministratori e si penalizza la prevenzione". Contraria la senatrice Puppato (Pd): "Non me la sono sentita di votare per l'ennesima bastonata ai sindaci. E' un brutto messaggio delle istituzioni ai cittadini"



    Ostacoli le slot machines nel tuo territorio? Lo Stato ti taglia i trasferimenti di denaro. La bastonata ai sindaci e alle regioni che lottano contro il gioco d’azzardo arriva in Senato con l’emendamento presentato dal Nuovo centrodestra al decreto “Salva Roma” e approvato con i voti di 140 senatori di Partito democratico, Scelta Civica, Ncd e Gal. Prevenzione, guerra alla ludopatia e sale bingo lontane dalle scuole: gli spot elettorali di partiti e parlamentari scompaiono non appena è ora di fare cassa. E così nel decreto recante misure finanziarie per gli enti locali (e che verrà votato il 19 dicembre in Aula) compare un provvedimento molto lungo e dettagliato dal punto di vista tecnico. Contrari sono stati 128 parlamentari di M5S, Sel, Forza Italia, Lega e quattro dissidenti del Pd (Laura Puppato, Lucrezia Ricchiuti, Roberto Ruta e Stefano Vaccari). Il testo riguarda i comuni o le regioni che emanano norme restrittive contro il gioco d’azzardo, diminuendo così le entrate dell’erario. L’anno successivo, questi enti territoriali subiranno tagli ai trasferimenti che verranno interrotti solo quando le norme e regolamenti “scomodi” saranno ritirati.

    “Un ricatto”, denuncia il senatore Giovanni Endrizzi del Movimento 5 Stelle, “sono senza parole di fronte a un provvedimento da Stato cravattaro. Ci hanno detto che serve per mantenere la continuità del gettito erariale, ma è solo l’ennesimo modo per lasciare soli i nostri amministratori locali. Questa misura va contro tutti i principi di sussidiarietà e decentramento, ma soprattutto colpisce la prevenzione della diffusione del gioco d’azzardo”. L’intenzione, secondo i promotori del testo, è quella di evitare lo spreco di denaro pubblico sul territorio per quelle che sono considerate “cause perse”: “Una beffa”, continua Endrizzi, “soprattutto a pochi giorni dalla discussione in Aula del disegno di legge sulla cura e prevenzione della ludopatia. Lo Stato deve decidere da che parte stare”.
    Amareggiata anche la senatrice del Partito democratico Laura Puppato, che si espressa contro il provvedimento: ”Non me la sono sentita di votare insieme al mio partito”. “Non c’è stato dibattito su di un emendamento che di fatto bastona i sindaci. Sono d’accordo sul fatto che gli enti locali non possano prendere iniziative su una materia dove lo Stato ha legiferato in maniera diversa, ma gli enti territoriali sono l’ultimo baluardo di difesa in una situazione di emergenza”. L’approvazione di un emendamento che va in senso opposto rispetto alla prevenzione della diffusione del gioco d’azzardo è, secondo la senatrice, un messaggio negativo che si dà ai cittadini: “Lo Stato deve fare qualcosa. E questo non è certo il modo di intervenire”.
    Ma c’è solo la penalizzazione degli enti che ostacolano il gioco d’azzardo. “L’emendamento”, continua Endrizzi (M5S), “prevede anche che i concessionari ai quali vengono ritirate le concessioni per gravi colpe, godano del diritto di continuare il proprio esercizio per 90 giorni. In seguito il subentro a quelle licenze verrà garantito a chi è già titolare di altre licenze. Un meccanismo che prevede una sorta di diritto di prelazione violando le norme sulla concorrenza”.
    L’emendamento a firma della senatrice del Nuovo centrodestra Federica Chiavaroli è il numero1150: “In coerenza con il principio di perequazione ed equilibrio finanziari”, si legge, ”tra livelli di governo, ed in attuazione dello stesso, qualora interventi legislativi regionali ovvero regolamentari di autonomia degli enti territoriali, aventi ad oggetto misure in materia di giochi pubblici riservati allo Stato non coerenti con l’assetto regolatorio statale di settore, determinino nel corso di un esercizio finanziario minori entrate erariali, anche di natura non tributaria, ovvero maggiori spese statali, anche a titolo di eventuale risarcimento del danno nei riguardi dei concessionari statali per la gestione della raccolta dei giochi pubblici, a decorrere dall’esercizio finanziario successivo sono attuate riduzioni degli ordinari trasferimenti statali a favore delle regioni ovvero degli enti locali che hanno deliberato tali interventi in misura corrispondente all’entità delle predette minori entrate ovvero maggiori spese. Le riduzioni cessano a decorrere dal momento nel quale tali interventi legislativi e regolamentari sono abrogati o revocati o comunque modificati in modo tale da risultare coerenti con l’assetto regolatorio statale in materia di giochi pubblici”.

    Questo blog vive di pubblicità: Il governo di Napolitano e Letta partorisce l'ennesima legge pro slot machine. I Sindaci protestano in quanto ....
    Ultima modifica di Eridano; 19-12-13 alle 10:11
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,372
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Stato biscaziere

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-06-13, 12:38
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-11-12, 15:36
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-06-12, 20:45
  4. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 25-02-12, 19:40
  5. Quale è stato il miglior Capo di Stato e di Governo dell'Italia?
    Di Haxel nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 62
    Ultimo Messaggio: 18-05-11, 04:55

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226