User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree1Likes
  • 1 Post By Frescobaldi

Discussione: Verso il nuovo Pri

  1. #1
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,185
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Verso il nuovo Pri

    La nostra missione: dire la verità sullo stato dell'Italia



    di Giovanni Pizzo




    Il documento pubblicato il 19 luglio scorso individua il nocciolo dell’attuale crisi di identità del Pri, collocandola nel contesto della deflagrazione del sistema politico – partitico del Paese, immerso in una crisi devastante, vittima anche delle contraddizioni della costruzione europea. Il prossimo Congresso dovrà decidere con quale modello di Partito, come selezionarne la classe dirigente e con quale “proposta politica” il nuovo Pri dovrà affrontare la difficilissima fase politico – economica e sociale che ci attende nei prossimi 2 – 5 anni. Si è fatto riferimento alle tre questioni fondamentali, collegate ed interdipendenti: il Paese (con le sue debolezze strutturali), l’Unione Europea, il cui cammino verso l’assetto federale sembra avere invertito la rotta, l’Euro, la cui costruzione su fondamenta non ancora solidificate ne ha fatto una creatura “innaturale” almeno dal punto di vista delle normali teorie economiche; come i mostri descritti in famose pagine di letteratura, potrebbe sfuggire al controllo del “creatore” diventando letale.
    Il documento tocca anche un punto nevralgico della crisi di democrazia: l’informazione. E’ evidente ormai che nella morsa della “concordanza di interessi intrecciati” fra la politica, il sistema finanziario e quello dei media, le informazioni sui temi economici che riguardano la vita dei cittadini sono sempre più addomesticate e distanti dalla realtà. Il Pri deve proseguire nella sua funzione storica che è stata sempre quella di analizzare e raccontare la realtà per il bene del Paese. E dunque se bisognerà dire come stanno effettivamente le cose, sarà necessario uscire dal coro dei “luogocomunisti” (il termine è di A. Bagnai in “Il tramonto dell’euro”, Imprimatur editore) che sembrano recitare un copione scritto nelle stanze di qualche banca centrale.
    Se da un lato non si deve sottovalutare il peso dei difetti strutturali del Paese, a cominciare dall’entità del debito pubblico, dall’altro non si può svilire al rango di una Grecia o una Irlanda un paese che resta ancora il secondo paese manifatturiero d’Europa, e, nell’export, la seconda nazione più competitiva al mondo, dopo la Germania e prima della Cina (Trade Performance Index, WTO 2012), che dal 1993 al 2000 ha registrato saldi positivi della bilancia dei pagamenti ed era esportatore di capitali e “dal 1995 al primo trimestre 2013, con la sola eccezione del 2009, (ha) mantenuto il bilancio statale costantemente in avanzo primario. Nessuno è stato capace di fare altrettanto. In quel periodo abbiamo accumulato un surplus statale primario pari a 593 miliardi. Abbiamo rimborsato interessi sul debito pubblico per 1445 miliardi, metà dei quali finanziati senza creare nuovo debito” (…) Non servono gli occhiali rosa, serve tenere gli occhi aperti. Non serve tacere le ombre, ma è utile conoscere le luci. Anche perché abbiamo il dovere di farle valere nel condominio europeo. Abbiamo un debito pubblico troppo alto (rispetto al pil), ma per il resto non abbiamo lezioni da prendere. In qualche caso possiamo darle“. (D. Giacalone 23 agosto 2013). Ha ragione il nostro amico Davide Giacalone che non perde occasione per rimarcare questo aspetto addossando alla pessima qualità della classe politica il vero problema del Paese.
    E, così, arriviamo alla questione dell’euro: bisogna avere il coraggio di dire come stanno le cose e non temere la reazione indignata dei “luogocomunisti”. Nel percorso di costruzione dell’ideale europeo si è voluto mettere il carro davanti ai buoi con l’unione monetaria senza realizzare le riforme strutturali che potessero consentire ai partecipanti di sostenere la rigidità infinita dei tassi di cambio. Noi non crediamo ai complotti dei signori di Bildenberg, ma crediamo ai nostri occhi: e quello che vediamo è che il “mostro” di una moneta senza Stato sta soffocando gli Stati senza moneta e rischia di affossare le democrazie dei Paesi periferici e di trascinare nel baratro le speranze di un’Europa federale.
    L’Italia può e deve far sentire la sua voce e non può accettare la distruzione del proprio tessuto industriale. Il Pri, la cui funzione storica è stata sempre quella di anticipare il futuro per il bene del Paese, deve ritrovare il senso della propria funzione politica; davanti ad una situazione economica e sociale di una gravità senza precedenti ha l’obbligo di definire un progetto strategico innovativo, un “green new deal” basato sul lavoro, ambiente e programmazione economica, che traguardi il futuro e, sulla base di questo progetto strategico, individuare la nuova classe dirigente e la futura leadership che deve guidare il Partito nella battaglia politica per l’attuazione del progetto e la conquista del consenso.

    Verso il nuovo Pri | : La nostra missione: dire la verità sullo stato dell'ItaliaLa Voce Repubblicana
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    resurrected
    Data Registrazione
    26 Apr 2013
    Messaggi
    1,939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Verso il nuovo Pri

    Citazione Originariamente Scritto da Frescobaldi Visualizza Messaggio
    La nostra missione: dire la verità sullo stato dell'Italia



    di Giovanni Pizzo




    Il documento pubblicato il 19 luglio scorso individua il nocciolo dell’attuale crisi di identità del Pri, collocandola nel contesto della deflagrazione del sistema politico – partitico del Paese, immerso in una crisi devastante, vittima anche delle contraddizioni della costruzione europea. Il prossimo Congresso dovrà decidere con quale modello di Partito, come selezionarne la classe dirigente e con quale “proposta politica” il nuovo Pri dovrà affrontare la difficilissima fase politico – economica e sociale che ci attende nei prossimi 2 – 5 anni. Si è fatto riferimento alle tre questioni fondamentali, collegate ed interdipendenti: il Paese (con le sue debolezze strutturali), l’Unione Europea, il cui cammino verso l’assetto federale sembra avere invertito la rotta, l’Euro, la cui costruzione su fondamenta non ancora solidificate ne ha fatto una creatura “innaturale” almeno dal punto di vista delle normali teorie economiche; come i mostri descritti in famose pagine di letteratura, potrebbe sfuggire al controllo del “creatore” diventando letale.
    Il documento tocca anche un punto nevralgico della crisi di democrazia: l’informazione. E’ evidente ormai che nella morsa della “concordanza di interessi intrecciati” fra la politica, il sistema finanziario e quello dei media, le informazioni sui temi economici che riguardano la vita dei cittadini sono sempre più addomesticate e distanti dalla realtà. Il Pri deve proseguire nella sua funzione storica che è stata sempre quella di analizzare e raccontare la realtà per il bene del Paese. E dunque se bisognerà dire come stanno effettivamente le cose, sarà necessario uscire dal coro dei “luogocomunisti” (il termine è di A. Bagnai in “Il tramonto dell’euro”, Imprimatur editore) che sembrano recitare un copione scritto nelle stanze di qualche banca centrale.
    Se da un lato non si deve sottovalutare il peso dei difetti strutturali del Paese, a cominciare dall’entità del debito pubblico, dall’altro non si può svilire al rango di una Grecia o una Irlanda un paese che resta ancora il secondo paese manifatturiero d’Europa, e, nell’export, la seconda nazione più competitiva al mondo, dopo la Germania e prima della Cina (Trade Performance Index, WTO 2012), che dal 1993 al 2000 ha registrato saldi positivi della bilancia dei pagamenti ed era esportatore di capitali e “dal 1995 al primo trimestre 2013, con la sola eccezione del 2009, (ha) mantenuto il bilancio statale costantemente in avanzo primario. Nessuno è stato capace di fare altrettanto. In quel periodo abbiamo accumulato un surplus statale primario pari a 593 miliardi. Abbiamo rimborsato interessi sul debito pubblico per 1445 miliardi, metà dei quali finanziati senza creare nuovo debito” (…) Non servono gli occhiali rosa, serve tenere gli occhi aperti. Non serve tacere le ombre, ma è utile conoscere le luci. Anche perché abbiamo il dovere di farle valere nel condominio europeo. Abbiamo un debito pubblico troppo alto (rispetto al pil), ma per il resto non abbiamo lezioni da prendere. In qualche caso possiamo darle“. (D. Giacalone 23 agosto 2013). Ha ragione il nostro amico Davide Giacalone che non perde occasione per rimarcare questo aspetto addossando alla pessima qualità della classe politica il vero problema del Paese.
    E, così, arriviamo alla questione dell’euro: bisogna avere il coraggio di dire come stanno le cose e non temere la reazione indignata dei “luogocomunisti”. Nel percorso di costruzione dell’ideale europeo si è voluto mettere il carro davanti ai buoi con l’unione monetaria senza realizzare le riforme strutturali che potessero consentire ai partecipanti di sostenere la rigidità infinita dei tassi di cambio. Noi non crediamo ai complotti dei signori di Bildenberg, ma crediamo ai nostri occhi: e quello che vediamo è che il “mostro” di una moneta senza Stato sta soffocando gli Stati senza moneta e rischia di affossare le democrazie dei Paesi periferici e di trascinare nel baratro le speranze di un’Europa federale.
    L’Italia può e deve far sentire la sua voce e non può accettare la distruzione del proprio tessuto industriale. Il Pri, la cui funzione storica è stata sempre quella di anticipare il futuro per il bene del Paese, deve ritrovare il senso della propria funzione politica; davanti ad una situazione economica e sociale di una gravità senza precedenti ha l’obbligo di definire un progetto strategico innovativo, un “green new deal” basato sul lavoro, ambiente e programmazione economica, che traguardi il futuro e, sulla base di questo progetto strategico, individuare la nuova classe dirigente e la futura leadership che deve guidare il Partito nella battaglia politica per l’attuazione del progetto e la conquista del consenso.

    Verso il nuovo Pri | : La nostra missione: dire la verità sullo stato dell'ItaliaLa Voce Repubblicana
    Il problema è che, capisco l'orgoglio per una grande storia politica, a credo che il PRI debba essere corrente di un grande e importante contenitore Riformista.
    Sognando Copenaghen...

  3. #3
    Repubblicano nella sx
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    bologna
    Messaggi
    1,906
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Verso il nuovo Pri

    Citazione Originariamente Scritto da Makaveli Visualizza Messaggio
    Il problema è che, capisco l'orgoglio per una grande storia politica, a credo che il PRI debba essere corrente di un grande e importante contenitore Riformista.
    Interessante osservazione Makaveli,ma puoi articolarla di più ?
    Ultima modifica di lucrezio; 11-09-13 alle 18:13

  4. #4
    resurrected
    Data Registrazione
    26 Apr 2013
    Messaggi
    1,939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Verso il nuovo Pri

    Citazione Originariamente Scritto da lucrezio Visualizza Messaggio
    Interessante osservazione Makaveli,ma puoi articolarla di più ?
    Grazie.

    Ecco secondo me ad oggi il PRI è condannato a prendere percentuali da prefisso telefonico. L'Italia e la politica sono cambiate in peggio, il voto di opinioneè una chimera. Gli italiani trovano più facile votare i partiti grandi e spesso lo fanno da ultras (da una parte i sostenitori del barzellettiere, dall'atra chi lo odia).
    Per questo, per non perdere delle idee e delle proposte, secondo il PRI dovrebbe essere corrente dentro un contenitore di stampo Riformista.
    Sognando Copenaghen...

  5. #5
    resurrected
    Data Registrazione
    26 Apr 2013
    Messaggi
    1,939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Verso il nuovo Pri

    http://forum.termometropolitico.it/m...adicali-5.html


    ecco secondo me questa è una proposta interessante
    Sognando Copenaghen...

  6. #6
    Partito d'Azione
    Data Registrazione
    22 Apr 2007
    Località
    Roma - Sicilia
    Messaggi
    12,185
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Re: Verso il nuovo Pri

    Citazione Originariamente Scritto da Makaveli Visualizza Messaggio
    http://forum.termometropolitico.it/m...adicali-5.html


    ecco secondo me questa è una proposta interessante
    Nel contesto attuale forse sì…ma, come ho già avuto modo di scrivere in un altro 3d, ritengo a dir poco insulso l’attuale quadro politico italiano (tra ulivi, cipressi, “rinascite” di Forza Italia, Forza Roma, ecc.)…a mio parere esso va totalmente ridisegnato…auspicavo, semplificando molto, la nascita di tre grandi partiti (socialdemocratico, popolare, liberale) “pungolati” da un paio di minoranze…e il PRI potrebbe essere una di queste…poi, sinceramente, mi sfuggono i motivi per i quali, nel caso in cui si realizzasse quanto sopra auspicato, lo stesso PRI debba “sciogliersi” dentro uno dei tre partiti summenzionati…mentre vedrei bene delle alleanze…


    …detto questo, non posso non aggiungere che, al momento, ciò è pura utopia…
    mirkevicius likes this.
    Il mio stile è vecchio...come la casa di Tiziano a Pieve di Cadore...

    …bisogna uscire dall’egoismo individuale e creare una società per tutti gli italiani, e non per gli italiani più furbi, più forti o più spregiudicati. Ugo La Malfa

 

 

Discussioni Simili

  1. Il PLI verso il nuovo congresso
    Di Gaetano nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 23-05-11, 20:10
  2. Verso un nuovo ambientalismo
    Di Burton Morris nel forum Radicali Italiani
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 03-08-09, 23:46
  3. 12 tappe verso un nuovo '29
    Di Manfr nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-04-08, 20:08
  4. 12 tappe verso un nuovo '29
    Di Manfr nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-04-08, 19:14
  5. 12 tappe verso un nuovo '29
    Di Manfr nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 03-04-08, 19:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225