User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
Like Tree2Likes
  • 1 Post By
  • 1 Post By Tular

Discussione: Il Conte Cesare Mattei e l'elettromeopatia

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Messina
    Messaggi
    18,415
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Conte Cesare Mattei e l'elettromeopatia

    Cesare Mattei

    di Francesca Farnetani


    Immagine tratta dal sito HOMOPATHE INTERNATIONAL

    Nacque a Bologna l’11 genn. 1809 da Luigi e Teresa Montignani, in una agiata famiglia di origini ferraresi appartenente alla ricca borghesia locale.

    Il M. ricevette un’educazione adeguata allo status dei genitori: allievo con M. Minghetti di P. Costa, del quale conservò l’amicizia, maturò idee liberali e, ma sostanzialmente – anche per propensioni caratteriali – rimase un moderato, contrario a ogni estremismo. Nel 1823, intanto, la famiglia Mattei ampliava il suo patrimonio con l’acquisto della fortezza di Magnavacca e dei territori circostanti. Il M. iniziò la sua attività occupandosi prevalentemente di questioni finanziarie: nel 1837 fu uno dei cento fondatori della Cassa di risparmio di Bologna.

    Nel 1847, il M. e il fratello Giuseppe fecero dono a Pio IX di tutti i loro possedimenti situati sul canale della Magnavacca, via di comunicazione di Comacchio con il mare e naturale separazione da questo delle fortezze di Comacchio e di Ferrara nelle quali gli Austriaci avevano potenziato il proprio insediamento militare, offrendo così la possibilità alle truppe pontificie di attestarsi in una favorevole posizione strategica. Il papa ricompensò i due fratelli conferendo loro il titolo ereditario di conte.

    Nella primavera del 1848, preposto all’arruolamento della guardia civica bolognese, nel cui VII battaglione prestò servizio con il grado di tenente colonnello, ne divenne poi capo dello stato maggiore. Fece poi parte del gruppo di volontari bolognesi che, al comando di Enea Bignami, prestò servizio presso il quartier generale di Carlo Alberto. Partecipò poi con i volontari alla difesa del Veneto dalla controffensiva austriaca (aprile-maggio 1848). Il 18 maggio 1848, durante il periodo costituzionale dello Stato pontificio, ricevette dai collegi S. Vitale di Bologna e di Budrio il mandato di rappresentarli a Roma nel Consiglio dei deputati. Il clima di incertezza e di tensione determinatosi dall’evolversi degli eventi, culminato con l’uccisione di P. Rossi e la fuga del papa a Gaeta, indusse alla fine di novembre del 1848 il M. a rinunciare definitivamente alla vita politica, rompendo l’amicizia che lo legava a M. Minghetti con il quale non si sarebbe più riconciliato.

    Acquistati nel 1850 i terreni ove sorgevano le rovine dell’antica Rocca di Savignano, il 5 novembre dello stesso anno vi iniziò i lavori per la costruzione del nuovo castello che avrebbe chiamato la Rocchetta. La struttura, progettata inizialmente secondo l’originario stile medievale, fu arricchita poi di aggiunte sul modello dell’Alhambra di Granada e della Mezquita di Cordoba e sarebbe stata completata solo nel 1875; la Rocchetta divenne dal 1859 la sua residenza abituale.

    Ritiratosi a vita privata, il M., che seppure non laureato aveva sempre provato una viva attrazione per le scienze mediche, cominciò a dedicarsi allo studio e alla pratica della medicina omeopatica, subendone rapidamente un irresistibile fascino. Probabilmente nel determinare e consolidare tale interesse giocarono un ruolo decisivo la morte della madre e il conseguente acuirsi di una certa diffidenza nei riguardi della metodologia clinica ufficiale. Così, sfruttando sapientemente i mezzi dei quali disponeva e la buona affermazione che l’omeopatia andava registrando nell’Italia della seconda metà del secolo, riuscì a pubblicizzare e valorizzare in breve tempo un nuovo, personale metodo terapeutico, che chiamò elettromiopatia e dichiarò ottimo rimedio per un gran numero di patologie, in modo particolare per il cancro: consisteva, in buona sostanza, in una sorta di mescolanza di omeopatia e di fitoterapia, di alchimia e di magnetismo, che andava ben oltre i principî hahnemanniani dei similia similibus e delle diluizioni.

    Seppure non bene precisata nei suoi numerosi scritti, la teoria sottesa al suo sistema di cura sembra basata sulla adesione ai vecchi concetti eziologici delle alterazioni umorali e temperamentali e sulla convinzione dell’esistenza nei vari segmenti dell’organismo di due metà, una fornita di elettricità positiva e l’altra di elettricità negativa, dal cui costante equilibrio dipenderebbe lo stato di benessere, mentre il prevalere dell’una sull’altra sarebbe in grado di provocare i vari sintomi dello stato di malattia. Coerentemente a tale impostazione dottrinaria, il M. allestì rimedi specifici per uso interno ed esterno dotati di azione omeopatica (preparati composti, anziché semplici come quelli impiegati dagli omeopati) e di azione elettrica (acque vegetali elettriche, dotate di effetto potenziante dei primi), la cui composizione e il cui metodo di preparazione mantenne accuratamente segreti. Il metodo, che ottenne subito un vasto successo in Italia e all’estero, soprattutto in Francia e in Germania, suscitò aspre critiche e polemiche nel mondo medico e tra gli omeopati: tra le varie contestazioni che gli furono rivolte una fra le più insistenti riguardò l’effettiva presenza di elettricità nei prodotti che aveva elaborato, che non poteva in alcun modo essere dimostrata. Tuttavia il M., colto, dotato di buon eloquio, felice scrittore, seppe validamente affermarsi e dar vita a un vivace movimento in suo favore, così che un numero sempre crescente di pazienti accorreva a consultarlo in una casa che possedeva a Bologna o ne richiedeva l’intervento al proprio domicilio: tuttavia, non essendo laureato, per non incorrere nel reato di esercizio abusivo della professione ebbe cura di operare sempre alla presenza di un medico. In seguito, però, quando sulle ali del successo ottenuto mise in vendita i suoi prodotti nelle farmacie, non poté evitare un processo presso la pretura di Vergeto, il 19 luglio del 1887.

    Nel 1869, grazie alla sua dimestichezza con gli ambienti pontifici, riuscì a ottenere da Pio IX l’autorizzazione a sperimentare i suoi rimedi per tre mesi nell’ospedale militare romano di convalescenza di S. Teresa, il cui direttore sanitario, L. Pascucci, era un suo convinto estimatore.

    Nel 1881, infine, spinto dal successo ottenuto e indifferente all’avversione manifestatagli ripetutamente dalla medicina ufficiale e da quella omeopatica, decise di avviare la produzione in massa dei rimedi elettromiopatici e di promuoverne l’esportazione anche all’estero. Per la realizzazione di tale ambiziosa iniziativa si rese necessario l’allestimento di una serie di depositi, che dai 26 iniziali (il primo dei quali sito in Bologna), raggiunsero nel 1884 il ragguardevole numero di 107, dislocati in tutto il mondo, dall’Europa agli Stati Uniti, a Haiti, alla Cina.

    Il M. illustrò i suoi principî in numerose opere, molte delle quali furono tradotte nelle principali lingue europee: Un poco di storia sui rimedj Mattei (Bologna 1874; 2ª ed., ibid. 1881); Emancipazione dell’uomo dal medico pei rimedi Mattei (ibid. 1875); Elettromiopatia…: scienza nuova che cura il sangue e sana l’organismo: libro dettato dal conte C. M. a bene dei popoli che la massima parte dei medici rifiuta di curare con l’elettromiopatia (Casale Monferrato 1878; 2ª ed., Bologna 1881); La scienza nuova del conte C. M. e la scienza vecchia del dott. C (Casale Monferrato 1878); Vade-mecum della elettromeopatia. Breve guida per chiunque voglia curarsi coll’elettromeopatia (Nizza 1879 e successive edizioni: dalla 2ª riveduta e ampliata dall’autore, Elettro-omeopatia: nuovo vade-mecum: nuova e vera guida ad ognuno che voglia curarsi da se stesso con la elettromeopatia, Bologna 1883, alla 11ª, ibid. 1937); Scienza nuova: storia dell’elettromiopatia (Bologna 1892).

    Figura quanto mai singolare, il M., accanto a critiche feroci, seppe suscitare grandi consensi (nel 1883 alcuni suoi sostenitori portarono la questione al Parlamento: La elettro-omeopatia del conte C. M. di Bologna dinnanzi al Parlamento italiano, Nizza 1883): tuttavia la notorietà del suo metodo non gli sopravvisse. Generoso ed estroverso, amava le riunioni conviviali e le allegre giornate trascorse alla Rocchetta. Non contrasse matrimonio, e adottò come figlio il giovane amministratore M. Venturoli.

    Il M. morì alla Rocchetta il 3 apr. 1896.

    Cesare Mattei in Dizionario Biografico ? Treccani
    Tular likes this.
    "Tante aurore devono ancora splendere" (Ṛgveda)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    25 Apr 2009
    Messaggi
    1,089
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Il Conte Cesare Mattei e l'elettromeopatia

    Interessante, ci sarebbe tanto da sperimentare e riscoprire con attitudine pratica.

 

 

Discussioni Simili

  1. Dare a Cesare quel che è di Cesare (di Alessandro Parino)
    Di Daniele (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-02-08, 16:07
  2. “Date a Cesare quel che è di Cesare” - Lino Rossi
    Di Outis nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 16-07-07, 22:59
  3. Diamo a Cesare ciò che è di Cesare: BRAVO ALEMANNO
    Di Dark Knight nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 45
    Ultimo Messaggio: 06-07-07, 15:02
  4. diamo a cesare quel che è di cesare
    Di Legionnaire nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 09-04-06, 13:53
  5. Sconfitta referendum: a Cesare quel che è di Cesare
    Di Francor nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-06-03, 14:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225