User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    GERUSALEMME - Da una parte c'è il più venduto e antico giornale svedese - l'Aftonbladet - che accusa l'esercito israeliano di essersi appropriato degli organi di giovani palestinesi uccisi nei Territori, insinuando anche un legame con l'arresto negli Stati Uniti dei membri di una banda, tra i quali alcuni rabbini, accusati di traffico di organi umani.

    Dall'altra, le autorità dello stato ebraico che paragonano il prestigioso quotidiano ad "un infame libello antisemita" e revocano ai due inviati del giornale l'accreditamento temporaneo, di solito subito concesso, affermando di aver bisogno di tempo per verificare le loro credenziali.

    Ma non è tutto. Migliaia di israeliani hanno deciso di boicottare i negozi dell'Ikea: "E' inaccettabile continuare a sostenere i negozi svedesi", si legge nel testo della petizione on-line. "Per favore, non firmate solo la petizione, è necessaria un'azione reale", è l'invito rivolto alle migliaia di persone che hanno già sottoscritto il boicottaggio della grande azienda svedese.

    I gestori del negozio Ikea a Netanya, in Israele, hanno descritto l'azienda come un'organizzazione commerciale senza connotazioni politiche e hanno ribadito che continueranno ad avere eccellenti relazioni con i consumatori israeliani. Nello Stato ebraico, sarà aperto all'inizio del 2010 un secondo negozio Ikea nella località di Rishon Letzion.

    Dunque, la crisi diplomatica fra Israele e Svezia - presidente di turno dell'Ue - non solo non tende a scemare, ma sta assumendo toni sempre più aspri. Il ministro dell'interno Eli Ishai ha anche detto di voler riesaminare lo status di tutti i corrispondenti svedesi nel paese. In Israele, infatti, la debole reazione del governo svedese all'articolo, che si è rifiutato di condannarlo per non interferire con la libertà di stampa, ha suscitato grande collera.

    Questa si è accentuata dopo la presa di distanze del ministero degli esteri a Stoccolma dalla sua ambasciatrice in Israele, che invece aveva subito condannato il contenuto dell' articolo. Il premier, Benyamin Netanyahu è parso però voler offrire alla Svezia una via d'uscita, affermando ora che Israele non chiede al governo di Stoccolma di scusarsi per l'articolo incriminato, ma di aspettarsi una condanna o almeno una pubblica presa di distanza dal suo contenuto.

    Il clima resta comunque acceso. Il ministro delle finanze israeliano, Yuval Steinitz, ha affermato che l'articolo ricorda libelli antisemiti medievali, in cui gli ebrei venivano accusati di preparare il pane azzimo col sangue di bambini cristiani.

    Il portavoce del ministero degli esteri, Yigal Palmor, ha aggiunto che Israele non intende annullare la visita del ministro degli esteri svedese Carl Bildt, attesa tra una decina di giorni, ma che senza una soluzione della crisi una "pesante ombra" resterà sulle relazioni tra i due paesi.

    Nell'aspra polemica è entrata anche la stampa israeliana, che dedica alla crisi ampio spazio, parlando perfino di "razzismo biondo" e di una politica di due pesi e due misure a Stoccolma. Si ricorda, a questo proposito, che nel 2006, in seguito alla pubblicazione di caricature ritenute offensive per i musulmani, il governo svedese si comportò ben diversamente, si affrettò a scusarsi con lo Yemen e anche a chiudere un sito internet di estrema destra.

    Il quotidiano Haaretz, pur attaccando il contenuto dell' articolo, definito "un esempio di pessimo giornalismo", rimprovera anche il ministro degli esteri israeliano Avigdor Lieberman, accusandolo di aver trasformato un articolo in un incidente internazionale, dandogli un peso esagerato e spingendo la Svezia "a uno scontro superfluo" con Israele.

    (23 agosto 2009)

    Il più prestigioso giornale svedese accusa Israele "I suoi soldati rubano organi ai palestinesi uccisi" - esteri - Repubblica.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'


  3. #3
    Dio e Po***o
    Data Registrazione
    28 Jan 2007
    Messaggi
    23,499
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    originale la svastica blè !

  4. #4
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    Comment / Lieberman wrongly stirring scandal over Sweden article - Haaretz - Israel News



    Not far from the memorial square in the Yad Vashem compound in Jerusalem, a white vehicle is parked - part bus, part ambulance. It is one of 36 such vehicles that were used during the final weeks of World War II for the transfer of thousands of Nazi concentration camp prisoners from Germany to Sweden.

    The official Web site of Yad Vashem states the convoy of vehicles rescued some 27,000 prisoners from Germany, including several thousand Jews, mostly women. The historian Yehuda Bauer says some 21,000 persons were rescued this way, and among them were 6,500 Jews.

    The diplomatic scandal that Foreign Minister Avigdor Lieberman stirred over the article in the Swedish daily Aftonbladet is wrong since the government of a state that respects the freedom of the press is not responsible for what newspapers publish. That there was a demand for the Swedish government to "condemn" the article in question suggests Lieberman must still be thinking in Soviet terms.

    The comparison between Sweden's refusal to condemn the article and its alleged silence during the Holocaust will not further Israel's foreign policy any more than the racist ideology of Yisrael Beiteinu.

    From a historic point of view, too, the minister's claims are misplaced. Sweden's King Gustav V demanded of the Hungarian ruler at the time, Admiral Miklos Horthy, that the Jews in Hungary not be expelled. What is much more important is that Sweden saved the lives of some 20,000 Jews.

    Like other countries, Sweden failed to aid persecuted Jews in the 1930s, mostly in Germany and Austria, and only a few were allowed to settle in its territory. So it is possible to say the Swedes are partly responsible for the death of every Jewish refugee who was not allowed entry into Sweden and was later murdered by the Nazis. This is an accusation that can be directed at any country that turns away refugees who are fleeing death, including Israel.

    During the war Sweden was neutral. Many Swedes made a living, and a few became wealthy, as a result of trade with Nazi Germany; they also provided items that contributed to the efforts of the Nazi war machine. It may well be the Swedes would have been able to look themselves in the mirror of history with greater pride had they decided at the time to join the war against the Nazis. Either way, Swedish neutrality enabled the various rescue organizations, including Jewish groups, to base themselves in Stockholm and work from there in support of the persecuted. The main rescue efforts were carried out with the acknowledgment of the Swedish government, and some even as a result of its initiatives.

    In October 1943, Sweden permitted nearly 8,000 Jews to enter the country, and thus saved their lives. In the summer of 1944, the Swedish embassy in Budapest issued documents to some 4,500 Hungarian Jews. These documents served to save thousands of other Jews. The Swedish banker Raul Wallenberg, who later disappeared in a Soviet prison, is best known for this operation.

    The White Bus Operation, during the last weeks of the war, was made possible in part as a result of the negotiations between the SS Commander Heinrich Himmler and the Swedish Count Folke Bernadotte, who was later murdered in Jerusalem because of the peace plan he had proposed.

    Sweden is one of the few countries that has passed special legislation against anti-Semitism. In January 2000, it also hosted an important international conference that gave a major boost to the global struggle against Holocaust denial.

  5. #5
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    L'articolo incriminato:
    Frammenti vocali in MO:Israele e Palestina: Israele: IDF e traffico di organi nei TO. Traduzione articolo




    Mi potreste chiamare un “mediatore”, ha detto Levy Izhak Rosenbaum, di Brooklyn, negli USA, in una registrazione segreta con un agente dell’FBI, che credeva fosse un cliente. Dieci giorni dopo, verso la fine del luglio scorso, Rosenbaum è stato arrestato ed è stato rivelato un grosso affare di riciclaggio e di traffico illegale di organi, stile “I Soprano”. L’attività di intermediazione di Rosenbaum non aveva niente a che fare con il romanticismo. Consisteva solo nell’acquisto e nella vendita di reni da Israele sul mercato nero. Rosenbaum dice che compra i reni a 10 000 dollari dalle persone indigenti. Poi procede a vendere gli organi ai pazienti disperati negli Stati Uniti a 160 000 dollari. Le accuse hanno scosso l’attività dei trapianti in America. Se corrispondono a verità, vuol dire che il traffico di organi è stato documentato per la prima volta negli USA, dicono gli esperti al New Jersey Real-Time News.
    Alla domanda sul numero di organi che ha venduto, Rosenbaum risponde: “Davvero molti. E non ho mai fatto fiasco”, dice vantandosi. L’attività va avanti da parecchio tempo. Francis Delmonici, professore di chirurgia dei trapianti a Harvard e membro del consiglio di amministrazione della National Kidney Foundation, dice allo stesso quotidiano che il traffico di organi, simile a quello riportato da Israele, esiste anche in altre parti del mondo. Secondo Delmonici da 5000 a 6000 operazioni all’anno, il dieci per cento circa dei trapianti di reni nel mondo, vengono effettuate illegalmente. I paesi sospettati di queste attività sono il Pakistan, le Filippine e la Cina, dove gli organi verrebbero espiantati dai corpi dei prigionieri giustiziati. Ma i Palestinesi nutrono anche forti sospetti che Israele catturi i giovani per impinguire le riserve di organi del paese – un’accusa molto grave, con tanti punti interrogativi da indurre la Corte Internazionale di Giustizia (CIG) ad avviare un’inchiesta sui possibili crimini di guerra.
    Israele è stato più volte nel mirino per i suoi modi non etici di gestione degli organi e dei trapianti. La Francia è stata uno dei paesi che ha cessato la collaborazione di organi con Israele negli anni novanta. Il Jerusalem Post ha scritto che “ci si aspetta che gli altri paesi europei seguano presto l’esempio della Francia”.
    La metà dei reni trapiantati sugli Israeliani dall’inizio del 2000 sono stati acquistati illegalmente dalla Turchia, dall’est europeo o dall’America latina. Le autorità sanitarie israeliane hanno la piena consapevolezza di questa attività ma non fanno niente per fermarla. Durante una conferenza nel 2003 è stato dimostrato che Israele è l’unico paese occidentale con una professione medica che non condanni il traffico illegale di organi. Il paese non prende provvedimenti legali contro i medici che partecipano a questo business illegale – al contrario, secondo il [quotidiano svedese] Dagens Nyheter i funzionari sanitari delle grandi strutture ospedaliere di Israele sarebbero coinvolti nella maggior parte dei trapianti illegali (5 dicembre 2003).
    Nell’estate del 1992 Ehud Olmert, allora ministro della sanità, ha cercato di affrontare la questione dell’insufficienza di organi lanciando una grande campagna finalizzata all’inserimento del pubblico israeliano nel registro dei donatori di organi. Sono stati distribuiti mezzo milione di volantini nei quotidiani locali. Lo stesso Ehud Olmert è stato il primo a firmare. Un paio di settimane dopo, il Jerusalem Post ha riferito che la campagna era stata un successo. Non meno di 35 000 persone avevano firmato. Prima della campagna ce ne sarebbero state di norma 500 al mese. Tuttavia nello stesso articolo, il cronista Judy Siegel ha scritto che il divario tra la domanda e l’offerta era ancora grande. C’erano 500 persone in lista per il trapianto del rene, ma sono stati possibili solo 124 trapianti. Delle 45 persone in attesa di un fegato, solo tre sono potute essere operate in Israele.
    Mentre la campagna era in corso, sono iniziati a scomparire dei giovani palestinesi dai villaggi della Cisgiordania e di Gaza. I soldati israeliani li riportavano morti dopo cinque giorni, con i corpi squarciati.
    Le notizie dei corpi terrorizzavano la popolazione dei territori occupati. C’erano voci di un notevole aumento delle scomparse di ragazzi giovani, e dei conseguenti funerali notturni dei corpi sottoposti ad autopsia.
    Ero in quella zona in quel momento, stavo preparando un libro. In svariate occasioni sono stato interpellato dai membri del personale dell’ONU preoccupati per gli sviluppi. Le persone che mi contattavano dicevano che il furto di organi avveniva sicuramente, ma che gli era impedito di intervenire in alcun modo. In occasione di un incarico da parte di una rete di emittenti televisive mi sono poi spostato per intervistare un grande numero di famiglie palestinesi in Cisgiordania e a Gaza – incontrando genitori che mi hanno raccontato come erano stati espiantati gli organi dei loro figli prima che fossero stati uccisi. Un esempio [delle persone] che ho incontrato in questo macabro viaggio è il giovane lanciatore di sassi Bilal Achmed Ghanan.
    Era quasi mezzanotte quando è risuonato il rombo dei motori da una colonna militare israeliana dalla periferia di Imatin, un piccolo villaggio nelle parti settentrionali della Cisgiordania. I duemila abitanti erano svegli. Stavano immobili, aspettavano, come ombre silenziose nella notte, alcuni stavano stesi sui tetti, altri erano nascosti dietro le tende, i muri, o gli alberi, che fornivano protezione durante il coprifuoco pur offrendo una visuale completa di quella che sarebbe diventata la tomba del primo martire del villaggio. I militari avevano interrotto la corrente elettrica e l’area era ora una zona militarizzata isolata – neanche un gatto avrebbe potuto muoversi all’esterno senza rischiare la pelle. L’opprimente silenzio nel buio della notte era interrotto solo da qualche pianto sommesso. Non ricordo se tremavamo per il freddo o per la tensione. Cinque giorni prima, il 13 maggio 1992 un reparto speciale dell’esercito israeliano aveva usato la falegnameria del villaggio per un’imboscata. La persona che erano stati incaricati di fare fuori era Bilal Achmed Ghanan, uno dei giovani palestinesi che lanciano sassi e che rendevano difficile la vita dei soldati israeliani.
    Come uno dei principali lanciatori di sassi, Bilal Ghanan era stato ricercato dai militari per un paio d’anni. Insieme ad altri ragazzi lanciatori di sassi si era nascosto sulle montagne intorno alla città Nablus, senza un tetto sopra la testa. Per questi ragazzi essere presi voleva dire tortura e morte – dovevano rimanere sulle montagne a tutti i costi.
    Il 13 maggio Bilal ha fatto un’eccezione quando, per qualsivoglia ragione camminava non protetto vicino alla falegnameria. Neanche il suo fratello maggiore Talal sa perché ha corso questo rischio. Forse i ragazzi erano rimasti senza cibo e avevano bisogno di fare rifornimento.
    Per il reparto speciale israeliano è andato tutto secondo i piani. I soldati hanno spento le sigarette, hanno messo da parte le loro lattine di Coca-Cola e hanno mirato con calma attraverso la finestra rotta. Quando Bilal era abbastanza vicino hanno dovuto solo premere il grilletto. Il primo colpo l’ha colpito al petto. Secondo gli abitanti del villaggio che sono stati testimoni dell’incidente gli avrebbero successivamente sparato un colpo a ciascuna gamba. Allora due soldati sono corsi fuori dalla falegnameria e hanno sparato a Bilal allo stomaco. Infine l’hanno afferrato per i piedi e l’hanno trascinato su per i venti gradini di pietra della scalinata della falegnameria. Gli abitanti del villaggio dicono che c’erano persone sia dell’ONU che della Red Crescent (Mezzaluna Rossa) nelle vicinanze che hanno sentito i colpi e che sono accorsi in cerca di feriti da soccorrere. Ci sarebbero state delle divergenze su chi avrebbe dovuto prendersi cura della vittima. Le discussioni si sono concluse quando i soldati israeliani hanno caricato Bilal gravemente ferito, su una Jeep portandolo alla periferia del villaggio, dove l’attendeva un elicottero militare. Il ragazzo è stato portato in una destinazione sconosciuta alla sua famiglia. È ritornato cinque giorni dopo, morto e avvolto in un tessuto verde ospedaliero.
    Un abitante del villaggio ha riconosciuto il capitano Yahya, che era a capo della colonna militare che ha trasportato Bilal dal centro per le autopsie di Abu Kabir, fuori da Tel Aviv, al suo luogo finale di riposo. “Il capitano Yahya è il peggiore di tutti”, mi ha sussurrato nell’orecchio l’abitante del villaggio. Dopo che Yahya ha scaricato il corpo e ha sostituito il lenzuolo verde con un altro di cotone leggero, i soldati hanno scelto alcuni uomini tra i familiari della vittima per scavare [la fossa] e impastare il cemento.
    Insieme ai rumori delle pale si potevano sentire le risate dei soldati che si raccontavano le barzellette mentre aspettavano di tornare a casa. Quando Bilal è stato sepolto gli è stato scoperto il petto. È stato subito chiaro per le poche persone presenti il genere di abuso che aveva subito il ragazzo. Bilal non è certo il primo giovane palestinese ad essere stato sepolto con uno squarcio dall’addome al mento.
    Le famiglie in Cisgiordania e a Gaza erano certe di sapere esattamente quello che era successo: “i nostri figli vengono usati come donatori non volontari di organi”, mi hanno detto i parenti di Khaled di Nablus, come ha fatto anche la madre di Raed della città di Jenin e gli zii di Machmod e Nafes di Gaza, che erano tutti scomparsi per un certo numero di giorni, e che sono ritornati di notte, morti, dopo un’autopsia.
    Perché tengono le salme fino a cinque giorni prima di lasciarcele seppellire? Che succedeva ai corpi in quel lasso di tempo? Perché fanno le autopsie contro la nostra volontà, quando la causa del decesso è ovvia? Perché restituiscono le salme di notte? Perché viene fatto con le scorte militari? Perché l’area viene isolata durante il funerale? Perché tolgono l’elettricità? Lo zio di Nafe era sconvolto e aveva tante domande.
    I parenti dei Palestinesi morti non nutrivano più alcun dubbio sul motivo delle uccisioni, ma il portavoce dell’esercito israeliano ha affermato che le accuse di furto di organi erano menzogne. Ha detto che tutte le vittime palestinesi vengono sottoposte ad autopsia di routine. Bilal Achmed Ghanem è stato uno dei 133 Palestinesi rimasti uccisi in vario modo quell’anno. Secondo le statistiche palestinesi le cause dei decessi erano: colpito con arma da fuoco per strada, esplosione, gas lacrimogeno, investito intenzionalmente, impiccato in prigione, colpito con arma da fuoco a scuola, ucciso mentre era a casa, eccetera. Le 133 persone avevano da quattro mesi a 88 anni. Solo la metà di queste, 69 vittime, sono state sottoposte all’autopsia. La routine dell’autopsia per i Palestinesi uccisi, di cui parlava il portavoce dell’esercito, non ha riscontri con la realtà nei territori occupati. Gli interrogativi rimangono.
    Sappiamo che Israele ha una grande necessità di organi, che c’è un grosso traffico illegale di organi che va avanti da molti anni, che le autorità ne sono al corrente e che i medici con posizioni dirigenziali nelle grandi strutture ospedaliere partecipano [al traffico illegale] insieme ai pubblici funzionari a vari livelli. Sappiamo inoltre che sono scomparsi dei giovani palestinesi, che sono stati riportati dopo cinque giorni, di notte, in assoluta segretezza, e ricuciti dopo aver subito un’incisione dall’addome al mento.
    È il momento di fare chiarezza su questo affare macabro, di fare luce su quello che sta succedendo e su quello che si è verificato nei territori occupati da Israele dall’inizio dell’Intifada.
    Fonte: Aftonbladet: Sveriges nyhetsportal
    traduzione MICAELA MARRI
    Donald Boström om hur palestinier anklagar Israels armé för att stjäla kroppsdelar från sina offer. | Kultur | Aftonbladet
    ?Mamma har aldrig slutat lida? | Nyheter | Aftonbladet

  6. #6
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'



    Levy Izhak Rosenbaum

  7. #7
    Cancellato
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    34,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    Se i sionisti temono queste notizie e fanno casino,vuol dire
    che sono notizie fondatissime.

  8. #8
    Caucus of Mind
    Data Registrazione
    20 May 2009
    Messaggi
    2,047
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    Kamprad camerata \O
    "Talvolta si vorrebbe essere cannibali, non tanto per il piacere di divorare il tale o il talaltro, quanto per quello di vomitarlo."

  9. #9
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'

    Citazione Originariamente Scritto da Nazionalistaeuropeo Visualizza Messaggio
    Se i sionisti temono queste notizie e fanno casino,vuol dire
    che sono notizie fondatissime.
    Ma che dici... se un giornale svedese si mette a rilanciare in Europa una notizia passata inosservata che arriva dagli USA (l'arresto del rabbino Rosenbaum) e in più rincara la dose con le accuse all'IDF, è solamente il segno dell'islamizzazione della Svezia, Malmo, Eurabia, ecc... ecc...
    Povera Europa: quanti padroni stranieri si contendono la nostra partecipazione, i nostri soldi o il nostro silenzio a colpi di accuse di razzismo, anti...ismo, immobilismo, e così via a seconda dei gustii e del momento.

  10. #10
    .
    Data Registrazione
    24 May 2009
    Messaggi
    2,945
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Boicottare IKEA: contro il 'razzismo biondo'


 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 02-05-11, 10:14
  2. Ikea - pubblicità offensiva contro i meridionali e boicottaggio
    Di Napoli Capitale nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 25-04-11, 11:41
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 01-02-07, 20:38
  4. De Benoist: Contro il razzismo, Contro l'Immigrazione
    Di ardimentoso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 08-01-05, 21:08
  5. Girotondo contro Gentilini....contro ogni razzismo.
    Di Oasis nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-09-02, 01:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226