User Tag List

Pagina 24 di 30 PrimaPrima ... 14232425 ... UltimaUltima
Risultati da 231 a 240 di 299
Like Tree23Likes

Discussione: Musica padana

  1. #231
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Sonpalaria - Guarda la luna


    Ivan della Mea - A quel omm

    A quel omm che incuntravi de nott
    in vial Gorizia l sul Navili,
    quand i viv dormen sognen tranquili
    e per i strad giren quei ch'inn mort
    A quel omm ma te seret 'na magia
    che vegniva su l'asfalt de la strada
    cont la facia on po' gialda e stranida
    cont i oeucc on po' stracc un po' smort
    A quel omm ma te seret on omm
    quater strasc, on po' d'ombra nient'alter
    no Giusepp no Gioann gnanca Walter
    e gnanca adess mi cognossi el to nom
    A quel omm a quel toc de silenzi
    a la nott e anca a lu voeuri dii:
    in vial Gorizia ghe sont mi de per mi
    e so no se 'sti robb g'hann on sens

    Alan Stivell - Pop Plinn


    Coro castiglionese - Il ciabattino

    Io son Mastro Lesina
    son ciabattin
    faccio scarpette
    di tipo assai fin.
    Lavoro contento
    mi piace cantar
    e ai bimbi buoni
    le fiabe narrar.
    Un bel d un ciabattin
    due scarpette volle far
    del color del mar
    con ricami d'or.
    Una bimba le vide
    le volle comperar
    ma quel rubacuor
    le propose allor.
    Se stasera tu verrai con me
    te le donero'
    te le donero'.
    Batti batti ciabattino,
    batti
    e non domandare troppo,
    troppo
    per un paio di scarpette,
    strette
    non ti posso dare il cuor
    non ti posso dare il cuor.

    Patrizia Laquidara - Nota d'anguana
    L'anguana una creatura legata all'acqua, dalle caratteristiche in parte simili a quelle di una ninfa e tipica della mitologia alpina.
    L'antico termine anguana lo si pu trovare nel De Ierusalem celesti, opera scritta da Frate Jakomin da Verona (Giacomino da Verona) nel XIII secolo. Le anguane sono presenti nella celebre, e antichissima, Saga dei Fanes, racconto mitologico delle Dolomiti, conosciuto soprattutto nella versione scritta da Karl Felix Wolff nel 1932.
    Generalmente le anguane sono rappresentate come spiriti della natura affini alle ninfe, i cui caratteri molto spesso si fondono con quelli delle ondine e di altre figure della mitologia germanica e slava (le rusalki in particolare). In molte zone del Friuli il loro mito si sovrappone e si confonde con quello delle Krivapete (tipiche invece delle grotte e delle montagne), con le quali condividono numerose leggende.
    Vengono descritte frequentemente come giovani donne, spesso molto attraenti e in grado di sedurre gli uomini; altre volte per appaiono invece come esseri per met ragazze e per met pesce, in grado di lanciare forti grida (in Veneto esisteva, fino a poco tempo fa, il detto "Sigr come n'anguana", gridare come un'anguana).
    Numerosi luoghi ricordano le anguane nella toponomastica: grotte, massi, rupi valli. L'Anguan-tal, valle dell'Anguana, una zona di contrada Pagani di Campofontana, Verona. Buso dell'anguana il nome dato a diverse caverne del Vicentino.

    Nina nana nota d'anguana,
    canto che incanta
    divina moina
    nenia che ninola
    vose de stra
    lengua rufiana
    strviame via.
    Sguissa dal bojo
    p sconto p fondo
    sagoma e vampa
    in dansa imbriaga
    oh, la voja
    el morbn
    de vardarla
    de tocarla
    almanco ‘na volta.
    E la va la passa rente
    e la va la passa oltra
    fala cantare ma lssela ‘ndar
    E la va la passa rento
    e mi vo mi vo de onda
    fala dansare ma lssela ‘ndar.
    Sbianca la luna sbianca la lana
    salta ne l’aria in dansa imbriaga
    l’onda scontorna in magica forma
    passo felp par fata de fi.
    E la va la passa rente
    e la va la passa oltra
    fala cantare ma lssela ‘ndar
    E la va la passa rento
    e mi vo mi vo de onda
    fala dansare ma lssela ‘ndar.
    Nina nana, nota d’anguana,
    canto che incanta…

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #232
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Malghesetti - La ve zo da le montagne


    Daniele Contardo e Carlo Pestelli - La bergera

    A l'umbrta dl bssun
    bela brgera l' 'ndrmia.
    J'e da l pass
    tre zoli Frans,
    j'n bin die: "Bela brgera,
    vui l'vi la frev!"
    E se vui l'v la frev,
    faruma f na cuvertra:
    cun l me mantel
    ch'a l' cus bel
    faruma f na cuvertra,
    passer la frev.
    E la bela jha rspond:
    "Gentil galant f vsti viagi!
    E lasseme st con l m brg
    che al son de la soa vila
    am far dans!"
    Bel brg, sent lol,
    l' saut for da'nt la baraca,
    cun la viola 'n man
    s' l' bt sun;
    A l'n pi bela brgera,
    l'n fla dans.

    Luigi Maieron - Mago Tiraca


    Pelageya - Я ехала домой(Sono tornata a casa)

    Я ехала домой, душа была полна
    Неясным для самой, каким-то новым счастьем.
    Казалось мне, что все с таким участьем,
    С такою ласкою глядели на меня.
    Я ехала домой Двурогая луна
    Смотрела в окна скучного вагона.
    Далекий благовест заутреннего звона
    Пел в воздухе, как нежная струна
    Раскинув розовый вуаль,
    Красавица-заря лениво просыпалась.
    И ласточка, стремясь куда-то вдаль,
    В прозрачном воздухе купалась.
    Я ехала домой, я думала о вас,
    Тревожно мысль моя пугалась и рвалась,
    Дремота сладкая моих коснулась глаз.
    О, если б никогда я вновь не просыпалась

    Luciano Pavarotti e Irene Grandi - Guarda che luna
    Originale interpretazione del brano scritto dal lombardo Gualtiero Malgoni e lanciato dal piemontese Fred Buscaglione

  3. #233
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Emilio Perazzi - Alla fiora


    Coro Valtanaro Sezione Alessandria - Oh ce biel cjscjel a Udin

    Oh ce biel cjscjel a Udin
    oh ce biele zoventt
    Zoventt come a Udin
    no l'si cjate in nissun lc
    A buss fantatis bielis
    no l' un frgul di pecjt.

    Oh che bel castello a Udine
    oh che bella giovent
    Giovent come a Udine
    non si trova da nessuna parte
    A baciare le belle ragazze
    non c' un minimo di peccato.

    Vittorio de Scalzi - Signore, io sono Irish


    Tamara Obrovac & Transhistria Electric - Guarda che luna


    Fabrizio Poggi e Turututela - La suneta(L'armonica a bocca)
    Poesia del vogherese Angelo Vicini con musica di Fabrizio Poggi ispirata a una melodia tradizionale. La canzone dedicata ad uno degli strumenti pi diffusi nel nostro passato prossimo, quando stato il compagno musicale ideale di tanta gente comune.

    El sogn a g'ho in sacocia
    a l' un sogn lucent
    e mi poess caresal
    propri tutt i moment.
    Lu aiuta i me giurn
    sfragenda alegria
    e di volt colora
    la me malinconia.
    L' un sogn cunt una vus
    legera 'me un respir,
    ma par vess bon sentila
    dal coeur guari sospir.
    Ins se senta na musica
    c'la pasa insima a di fior
    sont l a bosaroela
    e a l'erba dant color.
    Al sogn a g'ho in sacocia
    a l' la me suneta
    e l' al coeur c'al disa
    de f l'amur cunt le.
    L' un sogn cunt una vus
    legera 'me un respir
    ma par vess bon sentila
    dal coeur guari sospir.
    A l' la mia suneta
    el sogn che porti adr
    e l' cunt la sua vus
    che dl'amur troevi el senter.
    E el me, me alter sogn
    a vur sav col c'l,
    la suneta, la me Regina
    e mi, mi vess el su Re.
    L' un sogn cunt una vus
    legera 'me un respir
    ma par vess bon sentila
    dal coeur guari sospir.

    Il sogno che ho in tasca
    E' un sogno lucente
    E io posso accarezzarlo
    Proprio tutti i momenti.
    Lui aiuta le mie giornate
    Spargendo l'allegria
    E a volte colora
    La mia malinconia.
    E' un sogno con una voce
    Leggera come un respiro
    Ma per essere capaci di sentirla
    del cuore ci vogliono i sospiri.
    Cos si sente una musica
    Che passa sopra i fiori
    Che sono l a fare "nascondino"
    E all'erba danno colore.
    Il sogno che ho in tasca
    E' la mia armonica a bocca
    Ed il cuore che mi dice
    di far l'amore con lei.
    E' un sogno con una voce
    Leggera come un respiro
    Ma per essere capaci di sentirla
    del cuore ci vogliono i sospiri.
    E' la mia armonica a bocca
    Il sogno che porto con me
    Ed con la sua voce
    Che dell'amore trovo i sentieri.
    E il mio, mio altro sogno
    Volete sapere qual ?
    L'armonica a bocca la mia Regina
    Ed io, io essere il suo Re.
    E' un sogno con una voce
    Leggera come un respiro
    Ma per essere capaci di sentirla
    del cuore ci vogliono i sospiri.

  4. #234
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Farinei dla brigna - Celestin

    Custa a l' la storia ad Celestin
    l' nen tant bel, e gros pi di 'n bocin
    giranda 'nt ij pais a pasa l' s giurn
    in srca di na fia per gaveij 'l fi
    A munta an sla coriera a la matin-a
    a l'ha 'na strategia ca taca 'nt ij cujun
    S'anseta l davzin a la Giuana
    a fa l'indifferente, per peui tach butn
    Ca ma scusa vura 'n informassion
    a l' costa la curriera ca a va a Castel d'Anun
    ca ma scusa vura dc saveij
    se l'doni preferissu ij brut opura ij bei
    Giuana a cala gi e Celestin da dr
    peui chiel ij v dapress fin-a 'nden al panat
    l a-i l'Ernestin-a ca vnd l pan
    e chiel a fa finta 'd gnente,
    peui a taca a f 'l gadan
    Chila a l' 'na mata prpi bla
    travaja cn s pare e la sorela
    ma guarda cas a i j'ero tuti 'n fera
    Chiel a n'aprofita e a part la Tiritera
    Ca ma scusa vuria 'n infurmassion
    riguard a cul pagnti ca t'hei 'n esposission
    t'hei doi bivi e 'n panaton da dr
    ca mi am vn fin-a veuja d femi panat
    Ca ma scusa vura 'n infurmassion
    a l' la strategia ca taca 'nt ij cujun
    Tut 'l d Celestn avant 'n dr
    e gira gira parla per pdj ciul
    Ernesti-na a l' 'na blssa (e-oh)
    Celestn l' n'a schifssa (e-oh)
    chiel a ij d 'n appuntamento (e-oh)
    e scapa via cuma 'l vento (e-oh)
    a ripart cun la curriera
    e a va fin-a Valmanera (nana, na na na nann)
    qui a s'ancuntra cun Vanssa
    che l' apen-a andaja a mssa
    (nana, na na na nann)
    a i d 'n gancio cun so mari
    quand ca sortu dal rosari
    ma l'ha gi vist ca a-j Maria
    e aij la bat anche a s fia
    e peu a ij cima a la Marisa
    se a ij fa vghi la barbsa
    e se propi nn na busa
    anche cula 'd la s amisa
    a va fin-a a 'n ti na crta
    perch l a-j Pinota
    peui s ricorda 'd l'Ernestin-a,
    la Teresa e la Giuan-a
    per nen perde la coriera
    a deuv subit turn 'n drera
    tira l'ultima sua pera
    salutanda la maslra
    Ma 'n corteo lento lento
    sort a fora da 'n convento
    e purtrp an sa manera
    a ij f prdi la coriera
    cula dp ris a ciapla
    ma ai- gnanca 'na fumela
    chiel a buta a testa fora
    e cria: "Ciao Signora Suora!!!"
    Ca ma scusa vuria 'n infurmassion
    Sa l' vei che 'l preive l' 'n pc 'n ciocatn...
    Ca ma scusa vura 'n infurmassion
    Celestin a l' ura ca 't gavi da 'n ti cujun
    e tra l'altro vuriu derc saveij
    se 'd tute 'ste bigioie
    at n'hei vistne almeno 'n pi
    Ca ma scusa vuria 'n infurmassion
    sa l' mej and 'n sel rischio
    o se no dovr 'l gundn
    Ca ma scusa Ca ma scusa...
    Veuti vughi Veuti vughi...
    Veuti vughi cust qui a forsa ad parl
    'na vlta o l'altra...
    ...a ries anche a ciul!
    Bom!

    Valla & Scurati - Alpe di Gorreto, Festa delle Aie 2015


    Erica Boschiero - Balintondo del Batimarzo

    Soni soni sn...
    del brondo fondo
    sn ardentini
    de i campanei
    fanfun e fret
    bat i bat bandi
    brondo brondo
    senti come che sona 'l brondo
    bala in tondo
    bala, baln in tondo!
    Torner la primavera
    sgionfa d'erba e pra de fiori
    e de zighe de bocete
    che i cor via par i pr novi
    a ciapar le lusariole
    da inpizar le not pi fonde
    par confonderle co 'l d
    co 'l calduz che n fi 'l ne onde
    Soni soni sn...
    del brondo fondo
    sn ardentini
    de i campanei
    fanfun e fret
    bat i bat bandi
    brondo brondo
    senti come che sona 'l brondo
    bala in tondo
    bala, baln in tondo!
    Dai strasina ste cadene
    che le canta via de longo
    fin in in cao de le crosere
    fin a le zesure in fondo
    che sti camp devente sgionfi
    e che i scipe in bone biave
    parch 'l aque sie giulive
    par fontane e par contrade.
    Soni soni sn...
    del brondo fondo
    sn ardentini
    de i campanei
    fanfun e fret
    bat i bat bandi
    brondo brondo
    senti come che sona 'l brondo
    bala in tondo
    bala, baln in tondo!

    Suoni, suoni, suono
    profondo del campanaccio
    suoni argentini
    dei campanelli
    fame, fumo e freddo
    vincono battendo le lamiere
    bronzo bronzo
    senti come risuona il bronzo
    balla in tondo
    balla, balliamo in tondo!
    Torner la primavera
    gonfia derba e prati fioriti
    e di grida di bambini
    che corrono per i prati novelli
    ad acchiappare le lucciole
    per accendere le notti pi scure
    fino a confonderle col giorno
    col calduccio che un poco ci unge
    Suoni suoni suono
    Dai trascina queste catene
    che cantano lungo la via
    fino in capo ai crocevia
    fino ai confini in fondo
    perch questi campi si gonfino
    fino a scoppiare di cereali
    perch le acque cantino allegre
    nelle fontane e per le contrade

    Inaugurato il passo Ave Maria in Genovese
    Edoardo Meoli
    Genova - E stato inaugurato il nuovo passo Ave Maria in Genovese, creato a seguito dei lavori di trasformazione del vecchio deposito Amt di Boccadasse in un quartiere residenziale. La dedica toponomastica della strada, che si trova a levante di via Cavallotti, si deve allassociazione Conoscere Genova Onlus, che aveva proposto lintitolazione allAve Maria Zeneize del maestro dodero.
    La versione dellAve Maria in Genovese uno dei canti pi conosciuti in citt, scritto da Piero Bozzo e musicato dal boccadassino Agostino dodero (la canzone fu pubblicata nel 1964). dodero, poeta e musicista vivente, visse a Boccadasse fino 1965, lasciando la casa che fu poi di Gino Paoli. Oggi vive a San Fruttuoso. Ha composto pi di 800 brani fra musica sacra, tradizionale e dialettale. Ha collaborato con Nilla Pizzi e Katia Ricciarelli, ed stato maestro di Cristiano de Andr. Brani delle sue canzoni sono incisi su lapidi a Sturla e nella chiesa di San Rocco di Camogli. Il suo successo pi grande rimane l'Ave Maria zeneize una preghiera in dialetto genovese che fu tradotta anche in tedesco, inglese, francese, portoghese e spagnolo.
    Boccadasse - Inaugurato il passo ?Ave Maria in Genovese? | Liguria | Genova | Il Secolo XIX

    Associazione corale citt di Genova - Ave Maria zeneize

    Campann-a che ti sunni in mzo a-o verde
    co-a voxe secolare e tanto ca
    in questa paxe l'anima a se perde
    e i toreciocchi invitan a preg
    Ave Maria
    a-o f da seia
    quande in te l'ombra
    s'asconde o m
    Ave Maria
    co chu sincero
    e n co pensiero
    pe chi lontan
    Ave Maria
    pe chi va via
    co-a nostalgia
    do sofogo
    Ave Maria
    pe chi l' in penn-a
    pe chi ha na spinn-a
    ciant in to chu
    O Stella Maris
    Ave Maria
    pe chi va via
    co-a nostalgia
    do sofogo
    Ave Maria
    pe chi l' in penn-a
    pe chi ha na spinn-a
    ciant in to chu
    O Stella Maris
    Ave Maria
    avarda sempre
    chi l' pe-o m.

    Klaus Tennstedt/London Philharmonic - Walkrenritt (Richard Wagner: Die Walkre)

  5. #235
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Localit
    Lothlorien
    Messaggi
    38,913
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #236
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Dario Zampa - Il ceriesr


    Maghi di CarrOz - Duelling violins


    Coro Saint Roch - Sui nostri monti


    Davide Van De Sfroos - Breva e Tivan/Riders on the storm

    Brva e Tivn, Brva e Tivn,
    la vela la se sgnfia e'l timn l' in'di mann,
    Valtelna cira e Valtelna scra,
    l' una partida a dama cun't el cieel che fa pagra...
    Slti in se l'unda e p se lssi n...
    el soo che fra un pezztt el tca a tempest,
    el soo che in se la riva i henn l tcc a preg,
    me cipen per un mtt che ver dum neg...
    E la barca la dnda e la paar che la fnda,
    che baranda vss che in mzz al laagh...
    El laagh che l'e' balss, el laagh che'l tradss,
    el flmin lsss e'l cieel el tusss...
    Brva e Tivnn. Brva e Tivnn,
    i tren e i mlen e i te prten luntn,
    vrda de sci e vrda de l,
    la spnda la cima ma la barca la v...
    Ma urmi sun ch... in mzz al tempuraal
    tuvess fe di bll che a me me piaas insc...
    E urmi sun ch... in mzz al tempuraal
    tuvess fe di bll che a me me piaas insc...

    Breva e Tivano, Breva e Tivano,
    la vela si gonfia e il timone nelle mani,
    Valtellina chiara, Valtellina scura,
    una partita a dama con il cielo che fa paura...
    salto sull'onda e poi mi lascio andare...
    lo so che tra poco inizia a tempestare,
    lo so che sulla riva sono l tutti a pregare
    mi prendono per un matto che vuole solo annegare
    E la barca dondola e sembra che affondi,
    che baraonda essere qui in mezzo al lago....
    il lago che furbo, il lago che tradisce,
    il fulmine luccica e il cielo tossisce....
    Breva e Tivano, Breva e Tivano,
    tirano e mollano e ti portano lontano,
    guarda di qua e guarda di l,
    la sponda chiama ma la barca va...
    Ma ormai sono qui.... in mezzo al temporale
    toglietevi dalle scatole che a me piace cosi'....
    e ormai sono qui... in mezzo al temporale
    toglietevi dalle scatole che a me piace cosi'...

    Martin Carthy and Dave Swarbrick - A sailor's life

    A sailor's life, it's a merry life,
    He robs young girls of their hearts' delight.
    Leaving them behind for to weep and mourn,
    They never know when they will return.
    "Well, there's four-and-twenty all in a row,
    My sweetheart comes the finest show.
    He's proper tall, genteel withal,
    And if I don't have him, I'll have none at all."
    "Oh father, build me a bonny boat,
    That on the wide ocean I may float.
    And every Queen's ship that we pass by
    There I'll enquire for my sailor boy."
    They had not sailed long upon the deep
    Before the Queen's ship they chanced to meet.
    "You sailors all, pray tell me true,
    does my sweet William sail among your crew?"
    "Oh no, fair lady, he is not here,
    For he's been drownded we greatly fear.
    On yon green island as we passed by,
    There we lost sight of your sailor boy".
    Now she wrung her hands and she tore her hair.
    Much like a young girl in great despair.
    And her little boat against a rock did run.
    "How can I live now my William is gone?"

  7. #237
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Coro ZM19 - Il magnano

    Donne donne gh' ch el magnano
    che'l gh'ha voeuja de lavor
    e se gh'av quajcoss de f giust
    tosann gh' ch el magnan
    che'l gh'ha voeuja de lavor
    Salta foeura ona sposotta
    cont in man 'na pignatta rotta
    E se me la giust propi de galantmm
    m s ve baseria de nascost del m omm
    El marito dietro l'uscio
    el gh'aveva sentito tutto
    el salta foeura cont on mattarll in man
    e pirn e pum e parn su la crapa del magnan
    El magnano tutto ferito
    non ha mosso neppure un dito
    senza ciam dottr n avocatt
    el s' stagna la crapa al post del pignatt
    senza ciam dottr n avocatt
    el s' stagna la crapa al post del pignatt.

    Livio Morosin - Piova

    La piova vignero' sula sulita
    la bagnero' el me ben ca si in casita.
    La piova vignero' sula sulagna
    la bagnero' el me ben ca si in campagna.
    Se ti savisi el ben che mi te voio
    mi te magnasi el cor frito ne loio

    Gipo Farassino - Sangon Blues

    Al Vnner i smonto
    al saba fas festa,
    i vad con la Vespa al Sangon;
    l pin ed gorin-e,
    n pch serie, n pch min-e
    che vdo sempre a bal;
    perci cosa importa
    se i sai nen no,
    mi devo cari
    e perci: Sangon Blues
    L slip a quadretin
    la maja da pistin
    im campo n mes a ij rch
    a lasert come n magnin,
    mi devo rustime
    prch n bel neiras
    a dizo cha pias
    e perci Sangon Blues.
    I fazo la squadra
    a ij torn a revolver
    ma vado n palestra
    a doi bt
    prch c John Vigna
    che il muscolo insegna
    anche a ij p brut tracagnt
    e peui a la festa
    mei cari giovint
    mi gonfio l cassit
    e poi: Sangon Blues.
    A j na madamin
    riunda d Busolin
    lha dime: Vuoi venire
    ho due mansarde gi al Nichlin
    Stasseira mi vado!
    Lha dime chai pias
    bas n bel neiras
    cha canta Sangon Blues.
    Al lun-es l dura
    e l cap-oficina
    m diz sempre: Ma Berto cosa t fas
    Je svaso le stafe,
    je sbalo ij bolon,
    ma penso sempre al Sangon.
    Il muscolo loffio
    la shin-a l a tch
    ma penso a ij pacich
    che fazo al Sangon.
    Ma al sabat d matin
    mi i sauto dal balin
    e coro n mez ai rch
    a lasert come n magnin,
    mi devo rustime
    prch n bel neiras
    a dizo cha pias
    e perci: Sangon Blues.

    Al venerdi' smonto
    al sabato faccio festa
    e vado con la Vespa al Sangone.
    E' pieno di ragazze
    un po' serie, un po' leggere
    che vedo sempre a ballare.
    Percio' cosa importa
    se non so nuotare
    io devo "caricare"
    e percio': Sangon blues
    Gli slip a quadrettini
    la maglia da scicchettone
    mi butto in mezzo ai sassi
    a "lucertolare" come uno stagnaro
    devo arrostirmi
    perch un bel morettone
    dicono che piace
    e percio': Sangon blues
    Faccio il turno
    ai turni a revolver
    ma vado in palestra
    alle due
    perch c' John Vigna
    che il muscolo insegna
    anche ai pi brutti e tracagnotti
    e poi alla domenica
    miei cari giovanotti
    gonfio il torace
    e poi: Sangon blues
    C' una signora
    oriunda di Bussolino
    mi ha detto: "Vuoi venire?
    Ho due mansarde gi al Nichelino".
    Stasera ci vado
    mi ha detto che le piace
    baciare un bel morettone
    che canta Sangon blues
    Al lunedi' dura
    e il capo officina
    mi dice sempre: "Ma Berto, cosa fai?"
    sbaglio i pezzi
    e sballo i bulloni
    ma penso sempre al Sangone
    Il muscolo fiacco
    la schiena a pezzi
    ma penso alle "limonate"
    che faccio al Sangone.
    Ma il sabato mattina
    io salto dal letto
    e corro in mezzo ai sassi
    a lucertolare come uno stagnaro
    devo arrostirmi
    perch un bel morettone
    dicono che piace
    e percio': Sangon Blues.

    Marco Zappa: Balabiott
    L'accezione attualmente utilizzata di balabiott nacque nel 1796, durante le fasi costituenti della Repubblica Cispadana, dopo la conquista fatta dall'esercito rivoluzionario francese, guidato da Napoleone Bonaparte. In quei mesi anche a Milano venne piantato l'albero della libert, una sorta di palo addobbato con ghirlande e nastri, sormontato da un rosso cappello frigio, simbolo della Rivoluzione francese. Sotto questi "alberi" la gente era invitata a ballare. Si trattava di balli privi di formalit tradizionali, ai quali partecipava soprattutto la fascia di popolazione pi indigente, spesso composta da scamiciati e straccioni seminudi. Da cui l'appellativo balabiott.
    Altre fonti, pi credibilmente, attribuiscono una valenza politica a balabiott, ritenendo sia la versione lombarda di giacobino o sanculotto, dal termine francese sans-culottes, traducibile in "senza mutande". In effetti, i balli intorno all'albero della libert, iniziavano con la celebre danza della Carmagnola, per eseguire la quale venivano spesso scritturati attori di strada, a scopo dimostrativo e di richiamo, vestiti da sanculotti.
    All'inizio del XX secolo il termine balabiott fu anche utilizzato dai contadini ticinesi per designare la comunit eterogenea di utopisti/teosofi insediatasi sulle pendici del monte Monescia. Tale comunit si ispirava alle teorie di Bakunin, Mhsam (famosi anarchici), Oedenkoven, Ida Hofman e Grser (socialisti utopici), Franz Hartmann e Pioda (teosofi ed umanisti vegetariani). La comunit degli utopisti del Monte Verit (cosi' venne rinominato il monte) era finanziata soprattutto da una certa borghesia europea, affascinata dalle teorie che miravano a una utopica elevazione dell'uomo, anche attraverso l'espressione artistica dei corpi e la rivoluzione sessuale. Gli abitanti locali, in effetti, osservavano con perplessit gli atteggiamenti dei membri della comunit del monte e, a causa delle loro stramberie, li avevano catalogati come stolti.


    Illustrazioni di divinit aryo-slave realizzate dell'artista russo Igor Ozhiganov


    Slavic mythology by Igor Ozhiganov ? Slavorum

  8. #238
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Folk Friulano - El plui biel di Udin

    E duc mi clamin Cont, no ai nie ce conta
    O' ai centmil morosis, o' ai centmil morosis
    E duc mi clamin Cont, no ai nie ce conta
    O' ai centmil morosis, dutis golosis
    Di f l'amr cun me.
    E jo no vuei nissune, o' cerci la fortune
    E jo no vuei nissune, o' cerci la fortune
    E jo no vuei nissune, o' cerci la fortune
    O' cerci la fortune, la fie di un marchs
    Ch'e' vedi un grum di bs, un grum di dote
    E jo no soi un pote, o' fs il marangon
    Mi pls il biel e il bon, mi pls il biel e il bon
    E jo no soi un pote, o' fs il marangon
    Mi pls il biel e il bon, la biele ande
    Frutas tiraisi in bande, tiraisi ju il cjapiel
    O' soi il plui biel di Udin, o' soi il plui biel di Udin
    Frutas tiraisi in bande, tiraisi ju il cjapiel
    O' soi il plui biel di Udin, di Udin il plui biel
    De puarte di Puscuel

    La Ciapa Rusa - Polka di Jacmon, Polka di Centi, Polka Antica


    Claudio Sanfilippo - I paroll che fann vol


    Holohan Sisters - Bold Fenian men

    'Twas down by the glenside, I met an old woman
    A-plucking young nettles, she neer saw me coming
    I listened a while to the song she was humming
    Glory O, Glory O, to the bold Fenian men
    When I was a young girl, their marching and drilling
    Awoke in the glenside sounds awesome and thrilling
    They loved dear old Ireland, to die they were willing
    Glory O, Glory O, to the bold Fenian men.
    'Tis fifty long years since I saw the moon beaming
    On strong manly forms, on eyes with hope gleaming
    I see them again, sure, in all my sad dreaming
    Glory O, Glory O, to the bold Fenian men.
    Some died by the glenside, some died next a stranger
    And wise men have told us their cause was a failure
    But they loved old Ireland and never feared danger
    Glory O, Glory O, to the bold Fenian men
    I passed on my way, God be praised that I met her
    My life long or short, I'll never forget her
    We may have great men, but we'll never have better
    Glory O, Glory O, to the bold Fenian men

    La Piva dal Carner - Sotto l'albero del Piemonte

    Sotto l'albero del Piemonte,
    C' una donna l che canta
    Sotto l'albero del Piemonte,
    C' una donna l che canta
    Tanto ben che la canteva
    Fiol dal re s'inamoreva
    Tanto ben che la canteva
    Fiol dal re s'inamoreva
    Chi la donna l che canta
    L' una donna del Piemonte
    Chi la donna l che canta
    L una donna maritata
    Maritata non maritata
    Io la voglio far mia sposa
    Maritata non maritata
    Io la voglio far mia sposa
    Fiol dal re dar una festa
    Delle donne maritate
    Fiol dal re dar una festa
    per le donne maritate
    O marito marito mio
    alla festa voglio andare
    O marito marito mio
    alla festa voglio andare
    Tutti vanno e poi ritornan
    tu sei bella non ritorni
    Tutti vanno e poi ritornan
    tu sei bella non ritorni
    Ritornare non ritornane
    Alla festa voglio andare
    Ritornare non ritornane
    Alla festa voglio andare
    Quando fu 'n mezzo alla festa
    Fiol dal re l'ha conosciuta
    Quando fu 'n mezzo alla festa
    lha portata in cambra suja
    Che diranno i miei bambini
    Che non vedon la sua mamma
    Che diranno i miei bambini
    Che non vedon la sua mamma
    Lesa sti i tuoi bambini
    Pensa pur d'averan d'itar
    Lesa sti i tuoi bambini
    Pensa pur d'averan d'itar
    Pi bellini e pi carini
    E padroni di tanta roba
    Pi bellini e pi carini
    E padroni di tanta roba
    Sotto l'albero del Piemonte,
    c' una donna l che canta
    Sotto l'albero del Piemonte,
    c' una donna l che canta
    Tanto ben che la canteva
    Fiol dal re s'inamoreva
    Tanto ben che la canteva
    Fiol dal re s'inamoreva

  9. #239
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Trelilu - Fa caud

    Fa caud, sud fin suta le bale
    fa caud, la flanela en s'le spale
    stago si suta la topia ma fa caud
    fa na caud ca se sciopa
    fina el can cun la lingua de fora smia c'an disa
    "Bau bau bau bau, si fa caud che s'mora".
    Posu nen beive perch fa sud
    ma si fa caud, fa na caud da sciup
    ma si vadu en tel frigu
    en tach en poch a la buta
    po na bira e na spremuta
    gi che subit e te stai bin
    ma dop due minute sei sud pei 'd en crin
    E alura vadu en tel bagn
    en dagu na bela lav
    p en campu n'ura, n'ura en tel suf
    anche se fa tropa caud
    a fa na caud da sciup
    mei stesne s pitost che travaj.
    Sun sempre s mentre che en lament
    perch pensu nen a l'autra gent
    che a l' perl cha travaja
    e mi beles che bugiu nen na paja
    quindi ades basta parej, stagu citu che a l' mej.
    E alura vadu en tel bagn
    en dagu na bela lav
    p en campu n'ura, n'ura en tel suf
    anche se fa tropa caud
    a fa na caud da sciup
    mei stesne s pitost che travaj.

    Furlan di doman - Masse Biel

    Soi rivt in tun pas
    L che duc rin contenz
    L che duc rin ams
    Cence f tanc cumplimenz
    Lere il pal da la cucagne
    E j fruz tal miez dal prt
    E di front la biele glesie
    Lostarie A lonestt
    Masse biel, al ere masse biel
    Masse biel, al ere masse biel
    Soresere si vedvin
    Mil lusr come in t un spieli
    E lis rosis sinchinavin
    Dut par ringrazi il soreli
    Lere il cjat cu la pantiane
    Chal zuive di platsi
    Lere il cjn fr chal cjalve
    Che no vessin di mangjsi
    E j li dut stupidt
    Mi fermvi a cjal
    Ma ce biel chist gnf pas
    J mi fermi e o resti c
    Masse biel, al ere masse biel
    Masse biel, al ere masse biel
    Ma mi sint tocj une spale
    E di colp mi soi girt
    Une vs mi dit l trt
    E di colp mi soi svelt!
    Masse biel, al ere masse biel.
    Masse biel, al ere masse biel

    Sidera Noctis - Fame la nana

    Fame la nana: ti nassa de magio;
    In quel bel tempo che l'erba fioriva.
    L'erba fioriva e i alberi frutava:
    Le fasse del mio ben le se sugava.
    Le se sugava, e no ghe gra sole:
    Se recamava i panesi col fiore.
    I panesi col fior d'oro e d'arzento:
    Te vora ben se ne gh'avesse cento.
    Se ne gh'avesse cento fantolini,
    A tuti quanti ghe fara i manini.
    E ghe fara i manini e 'l cordon d'oro:
    Dormi, 'l mio ben, che ti 'l mio tesoro.

    Memo Remigi - Emme come Milano


    La tragedia fulminea di Daniela Dess, la diva della lirica
    Piera Anna Franini
    Il mondo del canto ha perso una stella. Il soprano Daniela Dess, 59 anni, si spenta sabato, al Poliambulanza di Brescia. Di Genova, risiedeva da anni sul lago di Garda.
    Una scomparsa prematura causata da una malattia breve e incomprensibile, ha spiegato il tenore Fabio Armiliato, il compagno nella vita e nell'arte. Di fatto, solo nelle ultime settimane la Dess aveva cancellato gli impegni dell'estate.
    E' stata uno dei soprani pi intelligenti e intriganti degli ultimi decenni. Eletta a soprano assoluto dalla critica, per voce di nobile pasta, tecnica impeccabile e istinto drammatico. Si aggiunga poi la vastit del repertorio: pi di 70 ruoli, dal Barocco in su. Aveva 11 anni, in casa era considerata il canarino (Perch non facevo altro che cantare). Tempo quatto anni ed era in Conservatorio per studiare seriamente canto. Poi accadde tutto velocemente, da vero talento. Ventenne gi era in palcoscenico per La Serva Padrona di Pergolesi. Vinceva un concorso indetto dalla Rai. Il direttore Herbert von Karajan si interessava subito a lei, che prese al volo un aereo e and a Berlino per l'importante audizione.
    Una donna grintosa, la Dess. Accusata da Zeffirelli di esser troppo in l con gli anni per fare Traviata, piant in asso lo spettacolo. E a 53 anni, accettava il ruolo della giovanissima Minnie. Perch un artista diventa grande dopo i 35 anni, quasi impossibile trovare una Minnie ventenne all'altezza del compito. La carriera si fa con la voce e non credo che i compositori pensassero alla taglia 42 mentre scrivevano le loro opere.
    La tragedia fulminea di Daniela Dess la diva della lirica - IlGiornale.it

    Daniela Dess - Casta Diva
    Casta Diva il cantabile della cavatina della protagonista nella Norma di Vincenzo Bellini. Costituisce una preghiera che la sacerdotessa celtica eleva alla luna. preceduta dalla didascalia: "Norma falcia il vischio: le altre sacerdotesse lo raccolgono in canestri di vimini. Norma si avanza, e stende le braccia al cielo. La luna splende in tutta la sua luce. Tutti si prostrano."

    Casta Diva che inargenti
    Queste sacre antiche piante,
    A noi volgi il bel sembiante
    Senza nube e senza vel.
    Tempra, o Diva,
    Tempra tu de' cori ardenti,
    Tempra ancor lo zelo audace,
    Spargi in terra quella pace
    Che regnar tu fai nel ciel.

  10. #240
    email non funzionante
    Data Registrazione
    16 Oct 2010
    Messaggi
    4,997
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Musica padana

    Quinta Rua - Bourree 3 tempi


    Nanni Svampa - La ragazza guerriera

    E lhan tagli i suoi biondi capelli
    la si veste da militar
    l la monta sul cavallo
    verso il Piave la se ne va.
    Quan fu giunta in riva al Piave
    dun tenente s lha incontr
    rassomigli a una donzella
    fidanzata di un mio sold.
    Na donzella io non sono
    n lamante di un suo sold
    sono un povero coscritto
    dal governo son st richiam.
    Il tenente la prese per mano
    la condusse in mezzo ai fior
    e se lei sar una donna
    la mi coglier i miglior.
    I soldati che vanno alla guerra
    non raccolgono mai dei fior
    ma han soltanto la bajonetta
    per combattere limperator.
    Il tenente la prese per mano
    la condusse in riva al mar
    e se lei sar una donna
    la si laver le man.
    I soldati che vanno alla guerra
    non si lavano mai le man
    ma soltanto una qualche volta
    con il sangue dei cristian.
    Il tenente la prese per mano
    e poi la condusse a dormir
    ma se lei sar una donna
    la dir che non pu venire.
    I soldati che vanno alla guerra
    lor non vanno mai a dormir
    ma stan sempre su lattenti
    se lattacco lor vedon venir.
    Suo pap lera alla porta
    e sua mamma lera al balcon
    per vedere la sua figlia
    che ritorna dal battaglion.
    L tre anni che faccio il soldato
    sempre a fianco del mio primo amor
    verginella ero prima
    verginella io sono ancor.

    Marco Cambri - Aegoa do bronzin

    Dondemmo ancon dand noatri
    che e c lemmo ps in sce larze
    E basta unn-a buff che au largo
    emmo raxion dand, sensa colisse o carezz
    Con sto vento cu se infia in ta cann dellugia
    u ga e u rega , u ga e u rega
    oua u nasciuga e u ne fa mo
    oua u ne fa roll de sponda e lelica patt
    oua u lincapella londa, oua u lincapella londa
    Allarrivi , allarrivi a ramm
    a schitt in sce sponde
    a deslenguane a s in te rappe ci profonde
    allarrivi , allarrivi a ramm,
    ramm dgoa dse
    goa do bronzin pe questa tra in crxe
    Cos emmo ancon da fa noiatri
    che in ponta de p abbrass ballammo
    E de stu mondo strano e scemmo
    semmo siasse u bon e de f e dref
    vivemmo
    Con sto vento cu se infa in ta cann dellugia
    u ga e u rega , u ga e u rega
    gondon u maroba i foggi
    donde ho scrito sta canson
    u i confonde con i ochin a cri insemme a lu
    e u ninciocca inciocca u passo
    inciocca inciocca u passo
    In scia via dellam
    Ma allarrivi, allarrivi a ramm
    a schitt in sce sponde
    a deslenguane a s in te rappe ci profonde
    Ma allarrivi, allarrivi a ramm
    ramm dgoa dse
    goa do bronzin pe questa tra in crxe
    Semmo faeti daegoa e feugo
    puia, pascion, fortunn-a
    I sonni ne frustan u figto
    ne mettan e ae pe an sensa colisse o carezz
    Con sto vento cu se infia in ta cann dellugia
    e u ga e u rega e u ga e u rega
    u ne spua in faccia a sabbia de deserti insanguin
    u posa in sce ramme a raggia
    uggi grandi de figgieu
    con i scioppi streiti a u chu
    Ma allarrivi, allarrivi a ramm
    a schitt in sce sponde
    A deslenguane a s in te rappe ci profonde
    Ma allarrivi, allarrivi a ramm

    Dove dobbiamo ancora andare noi
    che abbiamo le case appoggiate sullargine
    E basta un soffio che al largo
    abbiamo ragione di andare, senza rotaie o carreggiate
    Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
    E gira e rigira e gira e rigira
    Ora ci asciuga e ci fa morire
    Ora ci fa rullare di sponda e lelica faticare
    Ora mette il capello a londa, ora mette il capelloa londa
    Arriver, arriver lacquazzone
    a saltellare sulle sponde
    A scioglierci il sale nelle rughe pi profonde
    Arriver, arriver lacquazzone
    Acquazzone di acqua dolce
    Acqua del rubinetto per questa terra in croce
    Che cosa abbiamo ancora da fare noi
    Che in punta di piedi abbracciati balliamo
    E di questo mondo strano e scemo
    sappiamo setacciare il buono e di fare e disfare
    viviamo
    Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
    E gira e rigira e gira e rigira
    Dispettoso mi ruba i fogli
    dove ho scritto questa canzone
    li confonde con i gabbiani a gridare insieme a loro
    e ci ubriaca, ubriaca il passo
    ubriaca ubriaca il passo
    sulla via dellamore
    Ma arriver, arriverlacquazzone
    a saltellare sulle sponde
    A scioglierci il sale nelle rughe pi profonde
    Ma arriver, arriver lacquazzone
    Acquazzone di acqua dolce
    Acqua del rubinetto per questa terra in croce
    Siamo fatti di acqua e fuoco
    Paura, passione, fortuna
    I sogni ci consumano il fegato
    Ci mettono le ali per andare senza rotaie o carreggiate
    Con questo vento che si infila nei canali delle orecchie
    E gira e rigira e gira e rigira
    Ci sputa in faccia la sabbia di deserti insanguinati
    posa su i rami la rabbia
    occhi grandi di bambini
    con fucili stretti al cuore
    Ma arriver, arriver lacquazzone
    a saltellare sulle sponde
    A scioglierci il sale nelle rughe pi profonde
    Ma arriver, arriver lacquazzone

    I Birikin - Basin d'amor

    Cun dal vent un cnt a vla
    a vla vers un cheur annamor.
    Profum ed fior, l'aria ancant
    un sospr ed parle d'amor
    'n sel cussin dla letssia.
    Fioris la neuit, doi cheur, la lun-a
    parej dle stile 'n ciel
    basn d'amor.
    T bei cavej, toe man d'evl
    am trasprto 'nt el mar dj pias,
    ant el mar dla delissia.
    Basn d'amor, an na sira 'ncant.
    Canson d'amor, doi cheur ennamor
    Canson d'amor con parle sterm an ms dle fior.
    A l' fresca toa boca per mi, come l'aqua 'd fontan-a.
    Basin d'amor, con la musica dossa del vent,
    a l' fresca toa boca per mi, come l'acqua 'd fontan-a.
    Basn d'amor, an na sira 'ncant.
    Canson d'amor, doi cheur ennamor
    Canson d'amor con parle sterm an ms dle fior.
    A l' fresca toa boca per mi, come l'aqua 'd fontan-a.
    Basin d'amor, con la musica dossa del vent,
    a l' fresca toa boca per mi, come l'acqua 'd fontan-a.

    Andre Rieu & Trio St. Petersburg - Poliushko Polie/ Kalinka

 

 
Pagina 24 di 30 PrimaPrima ... 14232425 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Vi piace la musica fascia o la musica compagna?
    Di Peppe Sombrero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 68
    Ultimo Messaggio: 26-06-12, 11:31
  2. Con Zimbalam promuovi la tua musica su Ovi Musica
    Di Templares nel forum Telefonia e Hi-Tech
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-01-11, 21:30
  3. Musica Padana
    Di Miles nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-05-10, 00:10
  4. [Musica] Musica militante sarda
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunit
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 20-12-06, 23:49
  5. Musica "Padana"................
    Di HIROSHI SHIBA nel forum Padania!
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 31-05-06, 02:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Single Sign On provided by vBSSO

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224