User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 39
  1. #1
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    E così la massoneria avrà la sua data storica da festeggiare: il 27 aprile.
    Il Liquidatore ha così deciso, persino in mancanza di "miracoli".
    La modernità è un dovere, come recita un antico proverbio ebraico.
    Resta da vedere cosa ne sarà della struttura massonica dopo aver raggiunto l'obiettivo.
    Farà la fine dei Templari?
    Ultima modifica di ventunsettembre; 01-10-13 alle 12:35
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    Comunidad El Pais » Otro Punto de Vista. El Blog de Lucrecia Rego de Planas » PERPLEJIDAD, una carta al Papa Francisco

    Huixquilucan, Messico, 23 settembre 2013
    Carissimo Papa Francesco,sono tanto lieta di avere l’opportunità di salutarti.Sicuramente non ti ricorderai di me; vedendo così tante persone nuove ogni giorno deve essere difficile ricordare tutti, anche coloro con cui hai conversato e vissuto durante il lungo corso della tua vita.Negli ultimi 12 anni, tu ed io, più volte ci siamo trovati in diversi incontri, riunioni della Chiesa e conferenze che hanno avuto luogo nelle città dell’America Centrale e Meridionale su temi diversi (la comunicazione, la catechesi, l’educazione). Durante questi incontri pastorali ho avuto la possibilità di vivere con te per tanti giorni, dormendo sotto lo stesso tetto, condividendo la stessa mensa e anche la stessa scrivania.Allora eri l’Arcivescovo di Buenos Aires e io il direttore di uno dei principali mezzi di comunicazione cattolici. Adesso tu sei il Santo Padre e io... solo una madre, cristiana, sposata con un buon marito e nove figli, che insegna matematica presso l’Università e che cerca di collaborare meglio che può con la Chiesa, dal luogo in cui Dio l'ha posta.In questi incontri di diversi anni fa, mi ricordo più di una volta ti sei rivolto a me dicendo:- “Ragazza, chiamami Jorge Mario, siamo amici”; io risposi spaventata:- “Assolutamente no, signor Cardinale! Dio me ne scampi dal dare del tu a uno dei suoi principi sulla terra!”.Ora però mi permetto di darti del tu, perché non sei più il card. Bergoglio, ma il Papa, il mio Papa, il dolce Cristo in terra, al quale ho la fiducia di rivolgermi come a mio padre.Ho deciso di scriverti perché soffro e ho bisogno che tu mi consoli.Ti spiegherò cosa mi succede, cercando di essere il più breve possibile. So che ti piace confortare coloro che soffrono e ora anche io sono una di loro.Quando ti ho conosciuto durante questi ritiri, quando eri ancora il cardinal Bergoglio, mi aveva colpito e lasciata perplessa il fatto che tu non hai mai agito come facevano gli altri cardinali e vescovi. Per fare alcuni esempi: tu eri l’unico lì che non si genufletteva davanti al Tabernacolo o durante la Consacrazione, se tutti i vescovi si presentavano con la sottana e il loro abito talare, perché così richiedevano le regole necessarie per la riunione, tu ti presentavi in completo da strada e collare clericale. Se tutti si sedevano sui posti riservati ai i vescovi e cardinali, tu lasciavi vuoto il posto del cardinale Bergoglio e ti sedevi più indietro, dicendo “qui sto bene, così mi sento più a mio agio”. Se altri arrivavano con una macchina che corrisponde alla dignità di un vescovo, tu arrivavi dopo gli altri, indaffarato e di fretta, raccontando ad alta voce i tuoi incontri nel trasporto pubblico scelto per venire alla riunione.Vedendo queste cose — mi vergogno nel raccontartelo — dicevo dentro di me:

    - “Uff... che voglia di attirare l’attenzione! Perché, se si vuole essere veramente umile e semplice, non è forse meglio comportarsi come gli altri vescovi per passare inosservati?”.

    Anche alcuni miei amici argentini che hanno partecipato questi incontri, in qualche modo notavano la mia confusione, e mi dicevano:

    - “No, non sei la sola. A tutti noi sconcerta sempre, ma sappiamo che ha criteri chiari, e nei suoi discorsi mostra convinzioni e certezze sempre fedeli al Magistero e alla Tradizione della Chiesa, è un coraggioso fedele, difensore della retta dottrina... A quanto pare però ama essere amato da tutti e piacere a tutti. In tal senso potrebbe un giorno fare un discorso in TV contro l’aborto e il giorno dopo, nello stesso show televisivo, benedire le femministe pro-aborto in Plaza de Mayo; potrebbe fare un discorso meraviglioso contro i massoni e, ore dopo, mangiare e brindare con loro al Club Rotary Club”.

    Mio caro Papa Francesco, è vero, questo fu il card. Bergoglio che ho conosciuto da vicino. Un giorno intento a chiacchierare animatamente con il vescovo Duarte Aguer sulla difesa della vita e della liturgia e lo stesso giorno, a cena, a chiacchierare sempre animatamente con Mons. Ysern e Mons. Rosa Chavez sulle comunità di base e i terribili ostacoli che rappresentano “gli insegnamenti dogmatici” della Chiesa. Un giorno amico del card. Card. Cipriani e del Card. Rodriguez Maradiaga a parlare di etica aziendale e contro le ideologie del New Age e poco dopo amico di Casaldáliga e Boff a parlare di lotta di classe e della “ricchezza” che le tecniche orientali potrebbero donare alla Chiesa.

    Con queste premesse, comprenderai quanto enormemente ho sgranato gli occhi, quando ho sentito il tuo nome dopo l’“Habemus Papam” e da quel momento (prima che tu lo chiedessi) ho pregato per te e per la mia amata Chiesa. E non ho smesso di farlo per un solo giorno, da allora.

    Quando ti ho visto sul balcone, senza cotta, senza cappuccio, rompendo il protocollo di saluto e la lettura del testo latino, cercando con questo di differenziarti dal resto dei Papi nella storia, sorridendo, preoccupata, dissi tra me e me:

    - “Sì, senza dubbio. Questo è il cardinale Bergoglio”.

    Nei giorni successivi alla tua elezione, mi hai dato diverse occasioni per confermare che sei la stessa persona che avevo conosciuto da vicino, sempre alla ricerca di una diversità: hai chiesto scarpe diverse, anello diverso, Croce diversa, sedia diversa e persino stanza e casa diverse dal resto dei Papi che sempre si erano accontentati umilmente delle cose previste, senza la necessità di cose “particolari”, apposta per loro.

    In quei giorni stavo cercando di recuperare dall’immenso dolore provato dalle dimissioni del mio amato e molto ammirato Papa Benedetto XVI, nel quale mi sono identificata fin dal principio per la chiarezza nei suoi insegnamenti (il miglior insegnante del mondo), per la sua fedeltà alla Liturgia, per il suo coraggio nel difendere la dottrina giusta fra i nemici della Chiesa e mille cose che non elencherò qui. Con lui al timone della barca di Pietro mi sentivo come se calpestassi la terra ferma. E con le sue dimissioni, ho sentito la terra sparire sotto i miei piedi; ma ho capito, i venti erano veramente tempestosi e il papato significava qualcosa di troppo agitato per la sua forza, ormai diminuita dall’età, nella terribile e violenta guerra culturale che stava sostenendo.

    In quel momento mi sentivo come abbandonata in mezzo alla guerra, al terremoto, nel più feroce uragano, e improvvisamente tu sei venuto a sostituirlo al timone. Abbiamo un nuovo capitano, diamo grazia a Dio! Confidai pienamente (senza dubbio alcuno) che, con l’assistenza dello Spirito Santo, con la preghiera dei fedeli, con il peso della responsabilità, con l’assistenza del gruppo di lavoro in Vaticano e con la coscienza di essere osservato in tutto il mondo, Papa Francesco lasciasse alle spalle le cose speciali e le ambivalenze del card. Bergoglio e subito prendesse il comando dell’esercito e, con rinnovato vigore, continuasse il percorso di lotta che il suo predecessore aveva ingaggiato.

    Purtroppo, con mia sorpresa e smarrimento, il mio nuovo generale, piuttosto che prendere le armi una volta arrivato, cominciò il suo mandato utilizzando il tempo del Papa per telefonare al suo parrucchiere, al suo dentista, al suo lattaio e al suo edicolante, attraendo sguardi sulla sua persona e non su assunti importanti per il Papato. Sono passati sei mesi da allora e riconosco, con amore ed emozione, che hai fatto migliaia di cose buone. Mi piacciono molto (moltissimo) i tuoi discorsi formali (a politici, ginecologi, comunicatori, alla Giornata della Pace, etc.) e le tue omelie delle Solennità, perché in esse si vede una preparazione minuziosa e una profonda meditazione di ogni parola usata. Le tue parole, in questi discorsi e omelie, sono stati un vero e proprio cibo per il mio spirito. Mi piace molto che la gente ti ami e ti applauda. Tu sei il mio Papa, il Supremo Capo della mia Chiesa, la Chiesa di Cristo.

    Tuttavia – e questo è il motivo della mia lettera – devo dire che ho anche sofferto (e soffro), per molte tue parole, perché dici cose che sento come stoccate al basso ventre durante i miei continui tentativi di sincera fedeltà al Papa e al Magistero. Mi sento triste, sì, ma la parola migliore per esprimere i miei sentimenti corrente è: perplessità.

    Non so cosa dire e cosa non dire, non so dove insistere e dove lasciar correre. Ho bisogno che tu mi orienti, caro Papa Francesco. Sto davvero soffrendo, e molto, per questa perplessità che mi immobilizza. Il mio grande problema è che ho dedicato gran parte della mia vita allo studio della Sacra Scrittura, della Tradizione e del Magistero, in modo da avere forti ragioni per difendere la mia fede. E ora, molte di queste solide basi sono in contraddizione con ciò che il mio amato Papa fa e dice. Sono scioccata e ho bisogno che tu mi dica cosa fare.

    Mi spiegherò meglio, con alcuni esempi.

    Io non posso applaudire un Papa che non si genuflette davanti al Tabernacolo né durante la Consacrazione come insegna il rito della Messa; ma non posso criticarlo, perché è il Papa!

    Benedetto XVI ci ha chiesto nella Redemptionis Sacramentum che informassimo il vescovo di delle infedeltà e degli abusi liturgici a cui assistiamo. Ma... chi devo informare se il Papa stesso non rispetta la liturgia? Non so cosa fare. Disobbedisco alle indicazioni del nostro Papa emerito?

    Non posso sentirmi felice per aver eliminato l’uso della patena e degli inginocchiatoi per i comunicandi, e nemmeno mi può piacere che non ti abbassi mai a dare la comunione ai fedeli, che non chiami te stesso “il Papa”, ma solo “Vescovo di Roma” o che non usi l’anello piscatorio. Però non posso nemmeno lamentarmi, perché tu sei il Papa!

    Non mi sento orgogliosa che tu abbia lavato i piedi di una donna musulmana il Giovedì Santo, poiché è una violazione della legge liturgica, ma non posso emettere un pigolio, perché Tu sei il Papa, che rispetto e a cui debbo essere fedele!

    Mi ha fatto terribilmente male quando hai punito i Frati Francescani dell’Immacolata, perché celebravano la Santa Messa in rito antico con il permesso esplicito del tuo predecessore nella Summorum Pontificum. E punirli, significa andare contro gli insegnamenti dei Papi precedenti. Ma a chi posso comunicare il mio dolore, tu sei il Papa!

    Non sapevo cosa pensare o dire quando ti sei burlato pubblicamente di un gruppo che aveva detto per te dei rosari, chiamandoli “quelli che contano le preghiere”. Essendo i rosari una stupenda tradizione nella Chiesa, cosa debbo pensare io, se al mio Papa non piace e deride chi glieli offre?

    Ho tanti amici “pro-life” che pochi giorni fa hai molto rattristato chiamandoli “ossessionati ed ossessivi”. Cosa devo fare? Consolarli, addolcendo falsamente le tue parole o ferirli ancora di più, ripetendo quello che hai detto a loro, per voler essere fedele al Papa e ai suoi insegnamenti?

    Alla GMG chiedesti ai giovani di “fare casino per le strade”. La parola “casino”, per quanto ne so, è sinonimo di “disordine”, “caos”, “confusione”. Davvero questo è quello che si vuole che facciano i giovani cristiani nelle strade? Non ci sono già abbastanza confusione e disordine nel mondo?

    So di molte donne sole e anziane (zitelle), che sono molto allegre, simpatiche e generose e che davvero si sentirono degli scarti quando dicesti alle religiose che non dovevano avere la faccia da zitelle. Hai fatto sentire molto male le mie amiche e me; mi ha fatto male nell’anima per loro, perché non c’è nulla di male nell’essere rimaste sole e dedicar la vita alle buone opere (di fatto, la solitudine viene specificata come una vocazione nel Catechismo). Cosa devo dire alle mie amiche “zitelle”? Che il Papa non parlava sul serio (cosa che non può fare un Papa) oppure che appoggio il Papa nel fatto che tutte le zitelle hanno una faccia da religiose amareggiate?

    Un paio di settimane fa hai detto che “questo che stiamo vivendo è uno dei momenti migliori della Chiesa”. Come può dire questo un Papa quando tutti sappiamo che vi sono milioni di giovani cattolici che vivono in concubinato e altrettanti milioni di matrimoni cattolici dove si usano contraccettivi; quando il divorzio è “il nostro pane quotidiano” e milioni di madri cattoliche uccidono i loro figli non nati con l’aiuto di medici cattolici; quando vi sono milioni di imprenditori cattolici che non sono guidati dalla dottrina sociale della Chiesa, ma dall’ambizione e dall’avarizia; quando vi sono migliaia di sacerdoti che commettono abusi liturgici; quando vi sono centinaia di milioni di cattolici che mai hanno avuto un incontro con Cristo e non conoscono l’essenziale della dottrina; quando l’educazione e i governi sono in mano alla massoneria e l’economia mondiale in mano al sionismo? È questo il momento migliore della Chiesa?

    Quando lo hai detto, amato Papa, fui presa dal panico. Se il capitano non sta vedendo l’Iceberg che abbiamo innanzi, è molto probabile che ci schianteremo contro di esso. Ci credi veramente o è solo un modo di dire caro Papa?

    Molti grandi predicatori si sono sentiti devastati al sapere che hai detto che ora non bisogna più parlare dei temi dei quali la Chiesa ha già parlato e che stanno scritti nel Catechismo. Dimmi, caro Papa Francesco, cosa dobbiamo fare noi cristiani che vogliamo essere fedeli al Papa ed anche al Magistero e alla Tradizione? Smettiamo di predicare sebbene San Paolo ci abbia detto che bisogna farlo in ogni occasione? La finiamo con i predicatori coraggiosi, li forziamo al silenzio, mentre vezzeggiamo i peccatori e con dolcezza diciamo loro che, se possono e vogliono, leggano il Catechismo per sapere cosa dice la Chiesa?

    Ogni volta che parla dei “pastori con odore di pecore”, penso a tutti quei sacerdoti che si sono lasciati contaminare dalle cose del mondo e hanno perso il loro profumo sacerdotale per acquisire un certo odore di decomposizione. Io non voglio pastori con l’odore di pecora, ma pecore che non odorino di sterco, perché il loro pastore le cura e le mantiene sempre pulite.

    Qualche giorno addietro hai parlato della Vocazione di Matteo con queste parole: «Mi impressiona il gesto di Matteo. Si attacca al denaro, come dicendo: “No, non a me! Questo danaro è mio!”». Non si può evitare di comparare le tue caro Papa parole con il Vangelo (Mt, 9,9), contro quello che lo stesso Matteo dice della sua vocazione: “Andando via di là, Gesù vide un uomo, seduto al banco delle imposte, chiamato Matteo, e gli disse: “Seguimi”. Ed egli si alzò e lo seguì».

    Non riesco a vedere dove sta l’attaccamento al denaro (nemmeno lo vedo nel quadro di Caravaggio). Vedo due narrazioni distinte ed una esegesi sbagliata. A chi devo credere, al Vangelo o al Papa, se voglio essere fedele al Vangelo e al Papa?

    Quando hai parlato della donna che vive in concubinato dopo un divorzio e un aborto, dicesti “adesso vive in pace”. Mi domando: può vivere in pace una signora che si è volontariamente allontanata dalla grazia di Dio?

    I Papi precedenti, da San Pietro fino a Benedetto XVI, hanno detto che non è possibile incontrare la pace lontani da Dio, però Papa Francesco lo ha affermato. Su cosa mi debbo fondare, sul Magistero di sempre o su questa novità? Devo affermare, a partire da oggi, per essere fedele al Papa, che la pace si può incontrare in una vita di peccato?

    Poi hai buttato lì la domanda senza dare risposta su come deve comportarsi un confessore, come se volessi aprire il vaso di Pandora sapendo che ci sono centinaia di sacerdoti che erroneamente consigliano di continuare nel concubinato. Perché il mio Papa, il mio caro Papa, non ci ha detto in poche parole cosa si deve consigliare in casi come questo, invece di aprire il dubbio nei cuori sinceri?

    Ho conosciuto il cardinale Bergoglio in modo quasi familiare e sono testimone fedele del fatto che sia un uomo intelligente, simpatico, spontaneo, molto spiritoso e molto acuto. Però non mi piace che la stampa stia pubblicando tutti i tuoi detti e le tue battute, perché non sei un parroco di paese; non sei l’arcivescovo di Buenos Aires; ora sei il Papa! E ogni parola che dici come Papa, acquista valore di magistero ordinario per molti di quelli che ti leggono e ti ascoltano.

    Ho già scritto troppo abusando del tuo tempo, mio buon Papa. Con gli esempi che ti ho dato, (sebbene ve ne siano molti altri) credo di aver chiarito il dolore per l’incertezza e la perplessità che sto vivendo.

    Solo tu puoi aiutarmi. Ho bisogno di una guida che illumini i miei passi basando su quello che sempre ha detto la Chiesa, che parli con coraggio e chiarezza, che non offenda chi lavora per essere fedeli al mandato di Gesù; che dica “pane al pane, vino al vino”, “peccato” al peccato e “virtù” alla virtù, anche se con questo mette a rischio la sua popolarità. Ho bisogno della tua saggezza, della tua fermezza e chiarezza. Ti chiedo aiuto, per favore, perché sto soffrendo molto.

    So che Dio ti ha dotato di una intelligenza molto acuta, cosicché, cercando di consolarmi da sola, ho potuto immaginare che tutto quello che fai e dici è parte di una strategia per sconcertare il nemico, presentandoti davanti a lui con la bandiera bianca e ottenendo così che abbassi la guardia. Ma mi piacerebbe che tu condividessi questa strategia con quelli che lottano al tuo fianco, perché, oltre che a sconcertare il nemico, stai sconcertando anche noi, che non sappiamo più dove sta il nostro quartier generale e dove si trova il fronte del nemico.

    Ti ringrazio ancora una volta per tutto il bene che hai fatto e quello che hai detto durante le solennità, quando hai pronunciato omelie e discorsi bellissimi, perché davvero ci sono serviti moltissimo. Le tue parole ci hanno animato e dato l’impulso ad amare di più, ad amare sempre, ad amare in modo migliore, a mostrare al mondo intero il volto amoroso di Gesù.

    Ti mando un abbraccio filiale molto amorevole, mio caro Papa, con la certezza delle mie preghiere. Chiedo anche le tue, per me e per la tua famiglia, di cui allego una foto, perché tu possa pregare per noi, conoscendo il nostro viso.

    Tua figlia che ti ama e prega ogni giorno per te,

    Lucrecia Rego de Planas

    Perplessità.
    Chiamiamole così.
    Per ora.

    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  3. #3
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    Papa: la Chiesa è fatta di peccatori - Top News - ANSA.it

    Ne consegue che sia giusto "premiare" quelli massimi.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,960
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    Ringrazierò di questo l'apatico popolo cattolico che incontro tutte le volte che vado a messa, senza di voi questo non sarebbe possibile.
    Il Silenzio per sua natura è perfetto , ogni discorso, per sua natura , è perfettibile .

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,603
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    Citazione Originariamente Scritto da Freezer Visualizza Messaggio
    Ringrazierò di questo l'apatico popolo cattolico che incontro tutte le volte che vado a messa, senza di voi questo non sarebbe possibile.
    Sono pecore, non dimenticarlo.
    E quelle polentone sono anche beote.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

  6. #6
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    LA SERA ANDAVAMO A SANTA MARTA

    Se Eugenio diventa papista e Francesco repubblichino

    Nell’intervista ufficiale a Padre Spadaro di Civiltà Cattolica, quel gesuita del Papa dice: «…il Papa mi aveva parlato della sua grande difficoltà a rilasciare interviste. Mi aveva detto che preferisce pensare, più che dare risposte di getto in interviste sul momento. Sente che le risposte giuste gli vengono dopo aver dato la prima risposta: “non ho riconosciuto me stesso quando sul volo di ritorno da Rio de Janeiro ho risposto ai giornalisti che mi facevano le domande”». So’ soddisfazioni certi sdoppiamenti di personalità in un pontefice!

    Ma non mi sorprendono: pure da cardinale, in un libro-intervista, consapevole del suo fare autoritario e precipitoso, aveva riconosciuto che «ho imparato col tempo che quando prendo su due piedi, incalzato dagli eventi, una decisione, è immancabile quella sbagliata: quella giusta è la seconda, dopo averci pensato su». Una lezione che sembra aver dimenticato da papa, purtroppo.

    Dunque il Papa ammette di non sentirsi a proprio agio e riconosce la necessità di dover magari correggere qualcosa: eppure ci ricasca, è più forte di lui, telefona a Scalfari e gli fissa un appuntamento per una intervista. Mi ha colpito su fb il commento di uno studente 20enne, siciliano: «Francesco e Eugenio fanno a gara a chi dice cose più insensate e confuse e continuano per tutto il tempo dell’intervista a farsi reciproche scappellate. Due personaggi narcisisti e boriosi: sono fatti apposta per andare d’accordo».

    L’intervista a Spadaro e quella a Scalfari, dunque. Quest’ultima specialmente. Dove in alcuni passi sembra contraddire l’intervista ufficiale. E poi quel sentore…. come se volesse o avesse voluto dare ragione alle interpretazioni, ma diciamo pure all’ermeneutica che Scalfari ha dato della famosa Lettera del papa a Repubblica. Che oramai, oltre ad essere da immemorabili il giornale più clericale immaginabile, persino nel suo anticlericalismo lo è, ultimamente, al pari di certi atei, parla solo di cose di Chiesa: sembra l’Osservatore Romano dei ricchi, che sostituisce quello dei poveri che sta in Vaticano. Tant’è che ormai le lettere papali al quotidiano radical-chic vengono direttamente annoverate tra gli atti ufficiali della Santa Sede e come parti di magistero son presentate. Moriremo tutti repubblichini anziché cattolici?

    Ci si sforza di capire, accettare senza colpo ferire tutta questo stillicidio, questo profluvio di chiacchiere papaline che vengono dopo sue reprimende del giorno prima contro le “chiacchiere in Vaticano”, questa quotidiana colata lavica di amenità e stravaganze bergogliose, ma è sempre più difficile. Capire e accettare supinamente. La confusione, il disorientamento c’è e aumenta ogni giorno per un cattolico che cerca di fare apostolato. Tuttavia stavolta non taceremo, non essendo l’intervista magistero ma sue opinioni, strane e discutibili “secondo me” su una immagine di Chiesa alquanto soggettiva, onirica certe volte.

    IL PAPA NON DEVE CAMBIARE LA CHIESA, PERCHÉ NON È SUA: DEVE SERVIRLA
    Non siamo chiamati a “cambiare” la Chiesa: questo è l’insegnamento di tutti i santi, ma a servirla, mentre Francesco non vede l’ora di cambiarla come la vuole lui, ammesso sappia davvero cosa vuole.
    Domanda di Scalfari a riguardo dell’esempio di san Francesco: «Lei dovrà seguire la stessa strada?»
    «Non sono certo Francesco d’Assisi e non ho la sua forza e la sua santità. Ma sono il Vescovo di Roma e il Papa della cattolicità. Ho deciso come prima cosa di nominare un gruppo di otto cardinali che siano il mio consiglio. Non cortigiani ma persone sagge e animate dai miei stessi sentimenti. Questo è l’inizio di quella Chiesa con un’organizzazione non soltanto verticistica ma anche orizzontale. Quando il cardinal Martini ne parlava mettendo l’accento sui Concili e sui Sinodi sapeva benissimo come fosse lunga e difficile la strada da percorrere in quella direzione. Con prudenza, ma fermezza e tenacia».
    Animati dagli stessi sentimenti? Ma questa è una Chiesa soggettiva: chi non la pensa come lui, non ha questa immagine di Chiesa è messo fuori automaticamente, ipso-facto? Nessuno, insegna Benedetto XVI, neppure il Papa può imporre una Chiesa come la vuole lui: non è un caso che per tutto febbraio ha detto in ogni incontro “ridare la Chiesa a Cristo”; e san Pio X diceva restaurare “omnia in Christo”. Qualcuno ha visto (come al solito le risposte di Francesco possono facilmente interpretarsi nell’uno e nell’altro senso) un’altra prospettiva, diametralmente opposta, in queste affermazioni: «No, no. “Animati dai miei stessi sentimenti” io lo intendo invece in un altro modo. Non una Chiesa soggettiva, ma una Chiesa che sente con il Papa». Tutto può essere ormai, persino che ci sia un significato ortodosso nelle cose che dicono i papi.
    Ma la Chiesa “secondo Martini”? Ma che sciocchezza è mai questa? Il Consiglio di cardinali “animati” dai suoi stessi sentimenti? Ma che stravaganza è mai questa? Se sono animati dagli stessi suoi sentimenti, non ci sarà alcun contraddittorio, non ci saranno proposte differenti, alla faccia della libera espressione, e in definitiva non serviva neppure un “consiglio” per farsi dire “hai ragione”. Un Consiglio si fa anche con persone che non la pensano come te, ma che dottrinalmente sono impeccabili; diversamente si è creato un consiglio soggettivo, una gabbia con dei pappagalli dentro. Ammaestrati.

    Poi il solito vecchio slogan che puzza di putrefazione ma che fa sempre felici i giornalisti: “la Chiesa deve aprirsi alla modernità” e poco c’è mancato, ma era tra le righe, che dicesse “adeguarsi”. Ma la Chiesa è segno di contraddizione e lo sarà sempre, e mai potrà “adeguarsi” alla modernità, né ad alcun partito, né ad alcun sentimento mondano.

    “La chiesa deve aprirsi alla modernità”, ma che vuol dire? A parte le tecnologie dinanzi alle quali ci leviamo il cappello, vogliamo renderci conto o no che la modernità come il mondo la concepisce non solo ha fallito ma è agonizzante, ha superato se stessa e stiamo già alla post-modernità? Che significano ‘sti slogan? a chi giovano? Il guaio è che Bergoglio sa bene in cosa consista questa modernità e l’ha denunciato parecchie volte: nella solitudine, l’isolamento dell’uomo, la rottura dei legami d’affetto, l’anarchia dell’egoismo, la morte morale dell’uomo nato come essere sociale, la dittatura cioè dell’individualismo secondo la dottrina liberal, ossia quanto di più anticristiano possa immaginarsi. Lo sa, ma fa finta che no. Per non dispiacere a Scalfari. Ma è a Cristo e al popolo cattolico che tra mille tempeste ogni giorno naviga a vista, a questi e non a Repubblica deve rendere conto.
    EPPURE DIO “E’ CATTOLICO”. E IL PAPA?
    Dice Scalfari: «Le sono grato di questa domanda. La risposta è questa: io credo nell’Essere, cioè nel tessuto dal quale sorgono le forme, gli Enti». A momenti gli scappava fuori l’Ente, Essere, ci mancava solo il Grande Architetto per completare la terna massonica.

    E il papa a lui: «E io credo in Dio. Non in un Dio cattolico, non esiste un Dio cattolico, esiste Dio. E credo in Gesù Cristo, sua incarnazione. Gesù è il mio maestro e il mio pastore, ma Dio, il Padre, Abbà, è la luce e il Creatore. Questo è il mio Essere. Le sembra che siamo molto distanti?».

    Aveva ragione Rino Camilleri, lo scrittore cattolico, quando nel 2009 firmò il libro, a questo punto profetico, “Dio è cattolico?”. E nell’intervista a domanda rispose:

    «Lei sostiene che l’unico Dio è cattolico. Perché?»

    Cammilleri: Nel mio pamphlet un certo Teofilo, un uomo «in ricerca» (come si direbbe oggi) chiede a me chi è Dio. Perché a me? Perché sa che sono un credente. Io (cioè, l’Autore) rispondo per come so farlo. E gli snocciolo i motivi che hanno portato me a ritenere molto probabile che Dio, se esiste, sia cattolico. Cioè, sia esattamente Quello che da duemila anni predica la Chiesa di Roma.

    «Perché non potrebbe essere musulmano, ebreo, o di qualche altra religione?»
    Cammilleri: Oggi, per quanto riguarda la religione, quel che manca è la domanda, non certo l’offerta. Teofilo è uno che a un certo punto, come Pascal, si è detto: se Dio non esistesse bisognerebbe inventarlo. In effetti, uno che si accorge della necessità di un Dio ha già compiuto gran parte del percorso. Ma, quando si guarda intorno, si trova all’interno del supermarket del Sacro, con gli scaffali che presentano una grande varietà. Per definizione, solo una può essere quella giusta, perché Dio, se esiste, non ha alcun interesse a indurci in confusione. Tutto il mio libro è teso a far sì che Teofilo si rivolga direttamente alla Fonte per conoscere la verità.

    Così Camilleri. E’ vero, sostiene una mia amica, che «probabilmente Francesco intende dire che Dio “non è cattolico” nel senso che Dio non è mai rinchiuso in qualcosa, ma che è cattolico è patristico lo dicevano i Padri per intendere proprio la sua universalità». Ma alla fine anche questa mia amica allarga le braccia affranta, dopo il suo tentativo di capriola teologica, e si sfoga: «… se dice di essere il Papa della cattolicità ma poi dice che “Dio non è cattolico”… al diavolo!… non è possibile dover spiegare ogni singola battuta…».
    APRIRE “LA REPUBBLICA” OGNI MATTINA COME FOSSE IL VANGELO
    C’è pure un aspetto positivo in questa fiumana di parole inarrestabili che esondano da Santa Marta sino quasi ad affogare la cristianità: è da un pezzo che il papa ha rinunciato a dirsi solo “vescovo di Roma”, e del resto il suo autoritarismo sarebbe poco giustificabile con una così sola macilenta qualifica. Anche davanti a Scalfari si riferisce a se stesso dicendo “sono vescovo di Roma e papa della cattolicità”; solo l’altro giorno si era riferito a se stesso in terza persona come “padre”. Abbiamo fatto progressi. Mi aspetto che da un giorno all’altro dichiari la sua natura divina.

    Adesso, però, comincia ad essere ora di smettere di fare il piacione tutti i giorni su tutti i giornali, di misurare le parole, dirne di meno e lavorare un po’ di più e in silenzio. Prima che si renda del tutto indifendibile (e Dio solo sa il veleno che ogni giorno ingoiamo per non essere tentati di perdere la pazienza), anche perché è evidente la grande confusione che sta creando tra i cattolici: un giorno ne dice una, un altro una diversa, mezze frasi oblique sempre buttate là senza chiarire, volutamente ambigue e per giunta l’unica cosa chiara che rimane, poi, è l’ermeneutica di Scalfari: io, lo dico chiaro, non mi regolo in base ai papi, ma alla dottrina, però mi rendo conto che i papi possono annullare del tutto i miei sforzi. La confusione tra i cattolici c’è, l’avverto io stesso su di me, e sono un militante cattolico, ossia cerco… cercavo di fare apostolato di quella che, mi sembrava essere, così mi dicevano da Roma, la “verità”. Anche ecclesiologica. Ora ho dubbi di sorta, e ogni volta che il papa parla si moltiplicano questi dubbi non le certezze, che anzi vacillano. Va bene come Gesù lasciare le 99 pecore per rincorrere quella smarrita che in questo caso è Scalfari, ma giocare tutto il giorno a nasconderella con Scalfari lasciando il gregge a cavarsela de sé, mi pare troppo.

    Non possiamo leggere Repubblica ogni mattina per capire se stiamo in grazia di Dio, peggio: se siamo cattolici o meno. Non vogliamo morire repubblichini, ma cattolici!
    Bergoglio è ora che la smetti per 5 minuti di parlare. A ruota libera
    QUEL VECCHIO GIACOBINO CHE STA MORENDO PAPISTA: SCALFARI
    Siccome io so vedere pure l’aspetto positivo delle cose (e per carità di patria tacciamo su quello ridicolo), perché non sono un ottimista ma un realista, ammetto che questo passo del racconto del vecchio Scalfari, lungi dall’essere patetico, è in un certo senso struggente, mentre forse non volendo si descrive tremebondo come un liceale d’altri tempi che è stato chiamato direttamente dal preside in presidenza. Eppure in quest’approccio c’è del buono.
    LA TELEFONATA DI FRANCESCO A SCALFARI
    Erano le due e mezza del pomeriggio. Squilla il mio telefono e la voce alquanto agitata della mia segretaria mi dice: «Ho il Papa in linea glielo passo immediatamente ».
    Resto allibito mentre già la voce di Sua Santità dall’altro capo del filo dice: «Buongiorno, sono papa Francesco». Buongiorno Santità — dico io e poi — sono sconvolto non m’aspettavo mi chiamasse. «Perché sconvolto? Lei mi ha scritto una lettera chiedendo di conoscermi di persona. Io avevo lo stesso desiderio e quindi son qui per fissare l’appuntamento. Vediamo la mia agenda: mercoledì non posso, lunedì neppure, le andrebbe bene martedì?».
    Rispondo: va benissimo.
    «L’orario è un po’ scomodo, le 15, le va bene? Altrimenti cambiamo giorno». Santità, va benissimo anche l’orario. «Allora siamo d’accordo: martedì 24 alle 15. A Santa Marta. Deve entrare dalla porta del Sant’Uffizio».
    Non so come chiudere questa telefonata e mi lascio andare dicendogli: posso abbracciarla per telefono? «Certamente, l’abbraccio anch’io. Poi lo faremo di persona, arrivederci».

    Commenta una mia amica di CL, Giuliana: «Però il vecchio Barbapapà fa tenerezza. Pensa, un uomo che per tutta la vita è stato ancorato alla sua certezza che Dio non esiste e che ora si trova davanti un papa che lo ascolta, che non lo giudica, che parla con lui semplicemente. Forse è spiazzato da tanta umiltà, forse un fascino nuovo lo sta prendendo. Magari no, magari è tutto chiasso pubblicitario per vendere copie. Ma se anche un piccolo spiraglio si aprisse nella sua anima… sai come schiatta Satanasso?!». Sarà!, ma sono poco propenso alla versione romantica delle cose: ho vissuto abbastanza, tra chiese e giornali, per essere bastantemente scettico. Ma poi è la stessa donna che rompe questo incantesimo rosa e ritornata alla tetragona realtà, e pure in questa ci vede del rosa: «Perché incontra Scalfari? Perché Scalfari è uno che conta nel pensiero dominante di questo Paese, e Bergoglio è un gesuita. Quindi non è scemo». Ossia, vuole dire, usa la stessa tecnica che usarono in Giappone i gesuiti: convertendo i samurai, cioè i vertici di quella società, automaticamente si convertivano i servi e tutti i loro sudditi. Non è un caso che di cattolicesimo, passato quel momento, in Giappone non vi sia rimasto quasi niente. Aggiungo io.

    Questi vecchi giacobini come Scalfari, che nascono anticlericali, vivono da ateisti, finiscono per morire, a 90 anni, papisti… Che strazio! Mentre per noi il problema è riuscire a morire almeno cristiani, se non cattolici. Scalfari ha chiuso l’intervista con queste parole: «Se la Chiesa diventerà come lui, Francesco, la pensa e la vuole sarà cambiata un’epoca».

    Peccato che la Chiesa che Scalfari vuole, non è quella fondata dal Cristo.

    Antonio M. Mastino
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  7. #7
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.


    Il link
    LA SERA ANDAVAMO A SANTA MARTA. Se Eugenio diventa papista e Francesco repubblichino | Qelsi


    Ad un lettore che commentava questo suo articolo, Antonio M. Mastino ha risposto:

    Io credo che il tutto potrà soltanto degenerare. Ci stiamo preparando misteriosamente così a qualcosa di enorme che sento alle porte, e mi fa anche paura
    .
    Ultima modifica di ventunsettembre; 04-10-13 alle 15:40
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  8. #8
    [email protected]
    Data Registrazione
    23 Dec 2011
    Messaggi
    9,128
    Mentioned
    25 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    non vedo l'ora.

  9. #9
    Forumista storico
    Data Registrazione
    04 May 2009
    Messaggi
    34,776
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    E non sei solo.
    Mi sa che fanno affaroni i produttori di sveglie.
    Se il popolo permetterà alle banche private di controllare l’emissione della valuta, con l’inflazione, la deflazione e le corporazioni che cresceranno intorno, lo priveranno di ogni proprietà, finché i figli si sveglieranno senza casa.

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,603
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: La massoneria va in Paradiso. La modernità è un dovere.

    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. 'A modernità
    Di Mike Suburro nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12-08-13, 22:24
  2. Combattere la Massoneria: un dovere imprescindibile
    Di vandeano2005 nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 24-12-09, 12:00
  3. Modernità
    Di nichilista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 37
    Ultimo Messaggio: 09-06-08, 11:36
  4. Distruggere la modernità
    Di Barbudo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-09-06, 15:31
  5. Modernità
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-10-04, 16:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226