User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Jul 2012
    Messaggi
    16,125
    Mentioned
    118 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Marino minaccia le dimissioni se il governo non finanzia i debiti del comune

    Ultimatum del sindaco al governo ?Lascio se non arrivano i soldi? - Roma - Repubblica.it
    Ultimatum del sindaco al governo
    “Lascio se non arrivano i soldi”


    Conti a rischio fallimento, vertice in Comune tra Marino e il ministro Delrio

    di GIOVANNA VITALE Lo leggo dopo






    È stato per tutto il giorno rinchiuso a palazzo Senatorio, a compulsare ossessivamente le simulazioni sui tagli ai servizi e l'aumento delle tasse da imporre ai romani per chiudere il previsionale 2013. Poi, a sera, esasperato dal quadro a tinte fosche emerso dalla contabilità in profondo rosso, il sindaco Marino ha deciso di alzare il telefono e di lanciare un aut aut al governo. Dall'altra parte del filo, il ministro Graziano Delrio. Al quale l'inquilino del Campidoglio ha detto più o meno così: o mi date una mano voi o me ne vado via io.

    Una minaccia di dimissioni frutto della disperazione, della sensazione di impotenza di fronte a un buco - 867 milioni di euro - impossibile da colmare senza l'aiuto dello Stato: a meno di chiudere la città e buttare via la chiave. Talmente duro nei toni da allarmare il responsabile degli Affari regionali. Il quale non ci ha pensato su due volte ed è partito alla volta del Campidoglio. Dove era in corso l'ennesimo vertice della cabina di regia sul bilancio, stavolta riunita per discutere della norma "salvaRoma", ovvero la disposizione messa a punto venerdì scorso dall'assessore Improta e dal capo di gabinetto Fucito per spostare 300 milioni di spese dal bilancio ordinario alla gestione commissariale. Manovra che consentirebbe di alleggerire il peso del debito, facendolo scendere a poco più di mezzo miliardo, e che però necessita di un atto legislativo, passaggio parlamentare o decreto legge che sia.

    Delrio, che peraltro è stato sindaco di Reggio Emilia per quasi dieci anni e dunque di bilanci comunali ne mastica parecchio, ha ascoltato il grido di allarme di Marino, ha dato un'occhiata alle tabelle di sintesi e alla fine, pur convenendo sulla drammaticità della situazione, ha cercato di rassicurare tutti. Consigliando intanto di procedere con l'aumento virtuale dell'Imu - dallo 0,5 allo 0,6 - un punto in più che da solo vale 140 milioni di euro. E poi garantendo la sua disponibilità a coordinare gli emendamenti parlamentari che aiuteranno la capitale a scongiurare il default: non solo quello contenente la norma "salvaRoma", da inserire nel decreto sull'Imu o nella legge di stabilità, ma anche le modifiche chieste dall'Anci al decreto D'Alia sulla pubblica amministrazione. Due in particolare le misure che tornerebbero molto utili al Campidoglio: la deroga alla legge Fornero che consentirebbe di fare 4mila prepensionamenti fra il personale comunale e la ristrutturazione delle aziende partecipate con la previsione della mobilità infragruppo, cioè la possibilità di spostare dipendenti da un'azienda all'altra, per esempio da Atac ad Ama.

    Anche così, in ogni caso, mancherebbero all'appello oltre 400 milioni di euro. Che, a meno di ulteriori aiuti, tuttavia piuttosto improbabili, si tradurranno in tagli drastici alla spesa e aumento delle tasse: dall'occupazione di suolo pubblico al contributo di soggiorno. E se il ministro Delrio, all'uscita del Campidoglio, si preoccupa di spargere unguento ("Il sindaco ha presentato una situazione che merita assolutamente l'attenzione da parte del governo"), a Palazzo senatorio non si vede ancora l'alba: "Siamo sull'orlo dell'abisso" sbuffa a notte fonda uno dei collaboratori più stretti di Marino, "speriamo bene". (01 ottobre 2013) © Riproduzione riservat

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    de-elmettizzato.
    Data Registrazione
    30 Jul 2009
    Località
    Piave
    Messaggi
    50,280
    Inserzioni Blog
    9
    Mentioned
    231 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Re: Ultimatum del sindaco al governo “Lascio se non arrivano i soldi”

    Com'era la canzone, "Arrivederci Roma" ?
    Preferisco di no.

  3. #3
    anti bufale
    Data Registrazione
    12 Jan 2011
    Messaggi
    41,328
    Mentioned
    135 Post(s)
    Tagged
    13 Thread(s)

    Predefinito Re: Ultimatum del sindaco al governo “Lascio se non arrivano i soldi”

    ciao Marino

    commissario straordinario per piacere

  4. #4
    Forumista storico
    Data Registrazione
    24 Dec 2012
    Località
    genova
    Messaggi
    30,424
    Inserzioni Blog
    3
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Ultimatum del sindaco al governo “Lascio se non arrivano i soldi”

    Citazione Originariamente Scritto da Metabo Visualizza Messaggio
    Ultimatum del sindaco al governo ?Lascio se non arrivano i soldi? - Roma - Repubblica.it
    Ultimatum del sindaco al governo
    “Lascio se non arrivano i soldi”


    Conti a rischio fallimento, vertice in Comune tra Marino e il ministro Delrio

    di GIOVANNA VITALE Lo leggo dopo






    È stato per tutto il giorno rinchiuso a palazzo Senatorio, a compulsare ossessivamente le simulazioni sui tagli ai servizi e l'aumento delle tasse da imporre ai romani per chiudere il previsionale 2013. Poi, a sera, esasperato dal quadro a tinte fosche emerso dalla contabilità in profondo rosso, il sindaco Marino ha deciso di alzare il telefono e di lanciare un aut aut al governo. Dall'altra parte del filo, il ministro Graziano Delrio. Al quale l'inquilino del Campidoglio ha detto più o meno così: o mi date una mano voi o me ne vado via io.

    Una minaccia di dimissioni frutto della disperazione, della sensazione di impotenza di fronte a un buco - 867 milioni di euro - impossibile da colmare senza l'aiuto dello Stato: a meno di chiudere la città e buttare via la chiave. Talmente duro nei toni da allarmare il responsabile degli Affari regionali. Il quale non ci ha pensato su due volte ed è partito alla volta del Campidoglio. Dove era in corso l'ennesimo vertice della cabina di regia sul bilancio, stavolta riunita per discutere della norma "salvaRoma", ovvero la disposizione messa a punto venerdì scorso dall'assessore Improta e dal capo di gabinetto Fucito per spostare 300 milioni di spese dal bilancio ordinario alla gestione commissariale. Manovra che consentirebbe di alleggerire il peso del debito, facendolo scendere a poco più di mezzo miliardo, e che però necessita di un atto legislativo, passaggio parlamentare o decreto legge che sia.

    Delrio, che peraltro è stato sindaco di Reggio Emilia per quasi dieci anni e dunque di bilanci comunali ne mastica parecchio, ha ascoltato il grido di allarme di Marino, ha dato un'occhiata alle tabelle di sintesi e alla fine, pur convenendo sulla drammaticità della situazione, ha cercato di rassicurare tutti. Consigliando intanto di procedere con l'aumento virtuale dell'Imu - dallo 0,5 allo 0,6 - un punto in più che da solo vale 140 milioni di euro. E poi garantendo la sua disponibilità a coordinare gli emendamenti parlamentari che aiuteranno la capitale a scongiurare il default: non solo quello contenente la norma "salvaRoma", da inserire nel decreto sull'Imu o nella legge di stabilità, ma anche le modifiche chieste dall'Anci al decreto D'Alia sulla pubblica amministrazione. Due in particolare le misure che tornerebbero molto utili al Campidoglio: la deroga alla legge Fornero che consentirebbe di fare 4mila prepensionamenti fra il personale comunale e la ristrutturazione delle aziende partecipate con la previsione della mobilità infragruppo, cioè la possibilità di spostare dipendenti da un'azienda all'altra, per esempio da Atac ad Ama.

    Anche così, in ogni caso, mancherebbero all'appello oltre 400 milioni di euro. Che, a meno di ulteriori aiuti, tuttavia piuttosto improbabili, si tradurranno in tagli drastici alla spesa e aumento delle tasse: dall'occupazione di suolo pubblico al contributo di soggiorno. E se il ministro Delrio, all'uscita del Campidoglio, si preoccupa di spargere unguento ("Il sindaco ha presentato una situazione che merita assolutamente l'attenzione da parte del governo"), a Palazzo senatorio non si vede ancora l'alba: "Siamo sull'orlo dell'abisso" sbuffa a notte fonda uno dei collaboratori più stretti di Marino, "speriamo bene". (01 ottobre 2013) © Riproduzione riservat
    Fatemi capire.....quel cazzo di comune ha una paccata di societa' municipalizzate e controllate, ma la mobilita' del personale e' nulla?

    E' uno scherzo?

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-09-13, 13:35
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-06-13, 13:32
  3. Comune a guida leghista finanzia Panto!
    Di Felsineo nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 02-11-06, 18:09
  4. il comune di roma finanzia telepadania
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 07-02-06, 00:42
  5. Il Comune finanzia la CGIL, CISL e UIL per protestare contro il governo
    Di S.P.Q.R. nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 05-10-04, 13:28

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226