User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Morto il socialismo, il liberalismo si è riposizionato a sinistra. Dov'è sempre stato




    Socialisti e comunisti non sono più tra noi, spazzati via dalla storia con le loro utopiche certezze. La caduta dell'Unione Sovietica ha infatti certificato la fine della sinistra rivoluzionaria ed il trionfo in Occidente dell’ideologia liberale. La quale, però, nel momento stesso in cui ha affossato la sinistra, l’ha nei fatti surrogata, lasciando di buon grado il lato destro dello spettro politico al suo nemico storico: il conservatorismo.

    La politica occidentale, superato il Novecento con i suoi scontri ideologici – tra autoritarismo e democrazia prima, e tra borghesia e proletariato poi – non è riuscita a procedere avanti, dando per qualche tempo ragione ai profeti della "fine della Storia" come Francis Fukuyama. Il paradosso è che, non potendo andare avanti, è addirittura tornata indietro di un secolo: all’Ottocento, quando lo scontro ideologico tra destra e sinistra vedeva opposti da un lato i conservatori e dall’altro i liberali.
    In un’ottica internazionale è molto facile distinguere gli uni dagli altri: a guidare il fronte del progresso liberale è l’Occidente democratico, intenzionato a permeare di sè il resto del globo; a difesa invece delle istituzioni e culture nazionali ci sono l’Islam, le restanti dittature del Terzo Mondo, l'estrema destra europea, la Russia ancora in parte autocratica e i paleoconservatori americani. Non è però questa una “reazione” coesa sul piano politico e tantomeno su quello filosofico. Il che rende oggi impensabile il formarsi di un’internazionale conservatrice come potè realizzarsi al tempo della Restaurazione. Siamo dinanzi, piuttosto, ad un’opposizione d’inerzia al processo rivoluzionario in corso: un processo iniziatosi in Europa per mano della sinistra radicale e che oggi una presunta "destra" di matrice liberale porta avanti con particolare solerzia, magari non per ideale ma per interesse. Peccato che gli sconvolgimenti sul piano internazionale siano, però, gli stessi.

    Più difficile è individuare oggi i conservatori all'interno dell’Occidente liberaldemocratico. Di sovente, infatti, vengono indicati come tali quel particolare tipo di liberali che sono posizionati appena più a destra dei liberali progressisti, ma che sul piano filosofico non sono in alcun modo passibili di conservatorismo. Tant’è vero che il loro pantheon di riferimento è composto unicamente di intellettuali liberali: Locke, Acton, Mill, Aron, Popper. Al meglio è la vecchia destra orleanista, al peggio un riformismo socialista scacciato a destra dall’arrembante accorrere a sinistra dei postcomunisti.

    In realtà, distinguere un conservatore da un liberale di destra dovrebbe essere molto semplice, non fosse altro in ragione del motivo che vede il destro-liberale sempre pronto a riconoscere come propria nemesi la destra "reazionaria", mentre ai progressisti autocollocatisi alla sua sinistra è riservato soltanto qualche amorevole buffetto. La ragione di questo comportamento è che i liberali, di destra come di sinistra, sono parte integrante di quel mondo moderno che si è lasciato alle spalle quello "antico" con la Rivoluzione francese. Data storica che non a caso viene magnificata dalla destra “moderata” non meno che dalla sinistra "rivoluzionaria”, in quanto entrambe sono nate a sinistra.

    Conservatorismo contro liberalismo, dunque. E ce ne accorgiamo giorno per giorno, quando ad infiammare le politiche occidentali non sono più le vecchie tematiche economiche legate alla redistribuzione del reddito, ma quelle che interessano i diritti dell’uomo, della Natura, di Dio. Si è tornati a parlare di un’etica “laica”, di stato “aconfessionale”, di “anticlericalismo”, una terminologia che negli anni settanta era appannaggio solo di una minima parte della sinistra, quella di estrazione radicale.

    La sinistra odierna continua infatti a riverire il comunista Berlinguer, ma parla ormai il linguaggio libertario di Pannella. Il progressista liberale moderno si scopre borghese, non proletario, e ha superato il rozzo ateismo rosso con un più raffinato spiritualismo buddista. Il progressista liberale moderno si rispecchia nell'immagine androgina della femminista impegnata piuttosto che in quella rude e becera del maschio da osteria. Il progressista liberale moderno è pronto a difendere il capitalismo "da se stesso", invece che attaccarne filosoficamente le basi. Per questi ed altri motivi la differenza tra un liberale di sinistra e il suo alter ego di destra si presenta oggi alquanto sfumata. E’ una differenza quantitativa e non qualitativa e ricalca il vecchio discrimine tra riformismo e massimalismo. Anche l'attuale scontro sui valori cattolici produce più scintille che fiamme, in quanto il cattolicesimo contemporaneo, anche quello del “conservatore” Ratzinger, è pienamente inserito nella cornice liberale della nostra modernità. Diversamente dal cattolicesimo preconciliare, infatti, quello di Benedetto XVI è un raffinato cattolicesimo progressista, che ha il solo problema di essere pressato alla sua sinistra da correnti filosofiche e politiche ancor più radicali. Nonostante ciò per il Vaticano i maggiori timori sembrano provenire soprattutto da destra: dal fondamentalismo politico protestante, dall’ebraismo ortodosso “guerrafondaio”, dal risorgente nazionalismo antimondialista, come dal populismo antimmigrazionista.

    Bisogna non dimenticare che il cattolicesimo è stato il battistrada del liberalismo filosofico ancor prima di veicolare il suo messaggio “sociale”. Molti cattolici si sono ritrovati loro malgrado “a destra” solo quando il Papa sottostava di fatto all’autorità del Re o dell’Imperatore. Ma appena questa è venuta meno, la natura liberale che albergava nel cattolicesimo si è potuta svelare politicamente. Per il cattolico liberale lo Stato è un potenziale nemico in quanto l’autorità viene solo da Dio e gli umili son da preferirsi ai potenti. C’è da meravigliarsi che Marx non abbia colto al balzo la mano tesa che gli veniva porta. Fu infatti il materialismo dei socialisti a far sì che i cattolici si posizionassero al centro invece che a sinistra.

    In quanto “siamo tutti figli di Dio” per la Chiesa non hanno motivo di esistere le nazioni, che la Cristianità ha sempre combattuto, come qualsiasi altro discrimine di natura etnica, culturale ed economica. L’unica barriera riconosciuta tra i cattolici è stata, per secoli, quella determinata dall'accettazione della Parola di Dio, che si riteneva conservata nella sua Verità soltanto nella Chiesa cattolica. Ma anche questa barriera, di per sè piuttosto flebile, è col tempo venuta progressivamente meno, al punto che oggi i cattolici sono diventati addirittura più ecumenici dei protestanti stessi.

    E allora, visto che da sinistra a destra sono oggi tutti liberali, la destra autentica, quella di estrazione conservatrice, dove sta? La si può trovare in parte mimetizzata, ma non omologata al fronte "moderato"; dispersa nella vasta area del non voto; oppure attiva suo malgrado nell'estremismo di destra. Propriamente i conservatori sarebbero oggi coloro che intendono difendere dalla globalizzazione "mondialista" le culture autoctone. Sono quelli che accettano il cambiamento quando è prodotto dalla Storia e non dai ragionamenti astratti della filosofia. Coloro per i quali le differenze e le disparità tra gli esseri umani vanno accettate in quanto prodotte dalla Natura, che è giusta pur non essendo morale. Coloro per i quali lo Stato gerarchico risponde ad un ordinamento divino, immutabile ed eterno e la Storia è la stessa da sempre in un fatale ripetersi.

    In Europa sono ormai davvero pochi coloro che ragionano ancora in questi termini. I liberali nella loro complementare differenziazione (moderati, riformisti, liberalsocialisti, cattolici liberali, libertari, radicali, anarchici) sono da sempre uniti nel negare l’autorità che si fonda sulla Natura e sulla Storia. Innalzato il vessillo dell’uguaglianza e della fraternità, il liberale ha di fatto costretto il conservatore all’eterno ruolo di minoranza passiva seppur mai doma (la Reazione in agguato). A differenza degli USA, che rimangono ancora in parte una nazione pre-moderna, il che permette alle forze "reazionarie" di essere ancora attive, nel Vecchio Continente il conservatore ha praticamente smesso di essere una persona fisica, diventando soltanto uno spauracchio di cui si serve la sinistra liberale per tenere a bada i competitors (liberali) alla propria destra. Per questo motivo il termine "conservatore" è considerato nel gergo politico europeo alla stregua di un insulto, che mette in soggezione i moderati non meno dei riformisti. "Conservatore" in luogo di "reazionario" e "assolutista". Diciamo pure la destra ottocentesca: il vero orrore di tutti i liberalismi.



    Mr. Right
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,658
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    ( salve, appena tornata dalle vacanze )


    Uhmm... ni..

    Il liberalismo non si può definire di "sinistra".
    Nella vecchia sinistra "comunista" non vi erano ne le libertà civili, ne tantomeno le libertà economiche, tipologie di libertà a cui nessun liberale d.o.c. 100% può rinunciare se si definisce tale.
    Come un liberale d.o.c. 100% fatica a definirsi anche conservatore.. in quanto come i comunisti anche i conservatori non sono disposti a garantire ne le libertà economiche ne quelle civili, a meno che non siano quelle che vanno bene a loro.. ovviamente..

    Poi oh.. per puro calcolo elettorale va bene tutto eh ! In questo caso liberali e conservatori italiani hanno chiuso più di una volta entrambi gli occhi sulle loro palesi differenze politiche ed ideologiche.. pur di assicurarsi la poltrona

    Quindi dal mio punto di vista sono i conservatori più simili ai comunisti che non i liberali.

    Che i liberali non si possono definire "di destra" ( almeno in Italia ) è una affermazione invece che mi trova d' accordo.
    In Italia abbiamo una destra veramente miserevole e provinciale, niente a che vedere con le moderne destre europee.

    Comunque.. se dobbiamo proprio collocarli questi benedetti liberali.. citando Vittorio Sgarbi.. direi.. ne a destra, ne a sinistra.. ma in alto !!

    « Il Magisterium è ciò che occore alla gente. I suoi membri regolano le cose dicendo alla gente cosa fare. [...] Loro non dicono cosa fare in modo gretto e meschino. Loro dicono cosa fare in modo gentile, per tenere lontano i pericoli! »

  3. #3
    L'estremista moderato
    Data Registrazione
    15 Apr 2009
    Messaggi
    1,794
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    fra tanti liberali, o sedicenti tali, proprio sgarbi dovevi citare?
    "Dopo Einaudi cominciò per l'Italia la Repubblica delle pere indivise"

  4. #4
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Citazione Originariamente Scritto da Varoma Visualizza Messaggio
    ( salve, appena tornata dalle vacanze )


    Uhmm... ni..

    Il liberalismo non si può definire di "sinistra".
    A dire il vero il liberalismo, anche quello che oggi oseremmo chiamare più "di destra" (vedi i moderati di Guizot), nasce a sinistra. La destra "orleanista" (a cui si rifà, per intenderci, Sarkozy) è la sinistra rivoluzionaria che ad un certo punto intese "conservare" le libertà acquisite dalla protervia democratica dei radicali. Finirono loro malgrado a destra in quanto furono sorpassati alla loro sinistra dai democratici e poi dai socialisti. Oggi che questi ultimi sono scomparsi dalla scena siamo tornati a questo tet a tet liberale.

    Nella vecchia sinistra "comunista" non vi erano ne le libertà civili, ne tantomeno le libertà economiche, tipologie di libertà a cui nessun liberale d.o.c. 100% può rinunciare se si definisce tale.
    Come un liberale d.o.c. 100% fatica a definirsi anche conservatore.. in quanto come i comunisti anche i conservatori non sono disposti a garantire ne le libertà economiche ne quelle civili, a meno che non siano quelle che vanno bene a loro.. ovviamente..

    Poi oh.. per puro calcolo elettorale va bene tutto eh ! In questo caso liberali e conservatori italiani hanno chiuso più di una volta entrambi gli occhi sulle loro palesi differenze politiche ed ideologiche.. pur di assicurarsi la poltrona

    Quindi dal mio punto di vista sono i conservatori più simili ai comunisti che non i liberali.
    Perchè tu hai come metro di giudizio il tema delle libertà. Per i socialisti che ragionano in termini di eguaglianza liberali e conservatori son tutt'uno. Il vero conservatore ricorda, invece, che i liberali sono stati il battistrada di quel processo rivoluzionario che doveva spazzar via l'autoritarismo dalla politica.

    Che i liberali non si possono definire "di destra" ( almeno in Italia ) è una affermazione invece che mi trova d' accordo.
    In Italia abbiamo una destra veramente miserevole e provinciale, niente a che vedere con le moderne destre europee.
    Miserevole? E perchè?
    Provinciale? Boh!

    E le moderne destre, poi... Se son moderne difficilmente son destre, in quanto la modernità l'ha seppellita la destra...

    Comunque.. se dobbiamo proprio collocarli questi benedetti liberali.. citando Vittorio Sgarbi.. direi.. ne a destra, ne a sinistra.. ma in alto !!

    Perfetto! Sgarbi, da sempre uomo di sinistra, finito a destra per elemosinare un ministero da Berlusconi e poi di nuovo a sinistra e poi... boh, lo sa solo lui!


    (bentornata )
    SADNESS IS REBELLION

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,658
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Citazione Originariamente Scritto da santiago Visualizza Messaggio
    fra tanti liberali, o sedicenti tali, proprio sgarbi dovevi citare?
    A sua volta citava qualcun altro, ma ora non ricordo chi, sono passati diversi anni
    « Il Magisterium è ciò che occore alla gente. I suoi membri regolano le cose dicendo alla gente cosa fare. [...] Loro non dicono cosa fare in modo gretto e meschino. Loro dicono cosa fare in modo gentile, per tenere lontano i pericoli! »

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,658
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Perchè tu hai come metro di giudizio il tema delle libertà.

    Mi pare ovvio.


    Per i socialisti che ragionano in termini di eguaglianza liberali e conservatori son tutt'uno.

    Pazienza non è la prima cantonata che prendono da quando sono nati.


    Il vero conservatore ricorda, invece, che i liberali sono stati il battistrada di quel processo rivoluzionario che doveva spazzar via l'autoritarismo dalla politica.

    Autoritarismo, assolutismo monarchico, clericalismo ( "gloriosa rivoluzione" in GB, Rivoluzione francese, rivoluzione americana ) ma anche i vari comunismi e nazifascismi.

    Abbiamo dato cannonate a destra come a sinistra.
    « Il Magisterium è ciò che occore alla gente. I suoi membri regolano le cose dicendo alla gente cosa fare. [...] Loro non dicono cosa fare in modo gretto e meschino. Loro dicono cosa fare in modo gentile, per tenere lontano i pericoli! »

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,658
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Citazione Originariamente Scritto da Varoma Visualizza Messaggio
    Autoritarismo, assolutismo monarchico, clericalismo ( "gloriosa rivoluzione" in GB, Rivoluzione francese, rivoluzione americana ) ma anche i vari comunismi e nazifascismi.
    P.s. mi ero dimenticata la rivoluzione Romana
    « Il Magisterium è ciò che occore alla gente. I suoi membri regolano le cose dicendo alla gente cosa fare. [...] Loro non dicono cosa fare in modo gretto e meschino. Loro dicono cosa fare in modo gentile, per tenere lontano i pericoli! »

  8. #8
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    25,532
    Mentioned
    139 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Right,6 troppo avanti....i socialisti mica sono ancora morti.....

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Apr 2009
    Messaggi
    1,658
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Citazione Originariamente Scritto da Eric Draven Visualizza Messaggio
    Right,6 troppo avanti....i socialisti mica sono ancora morti.....
    I comunisti/socialisti si ricicleranno conservatori ( già succede oggi nel PDL ), poi si estingueranno tutti da soli nei prossimi decenni per mancanza e carenza di donnine USA anni 50 .
    « Il Magisterium è ciò che occore alla gente. I suoi membri regolano le cose dicendo alla gente cosa fare. [...] Loro non dicono cosa fare in modo gretto e meschino. Loro dicono cosa fare in modo gentile, per tenere lontano i pericoli! »

  10. #10
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    111 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Il nemico è a sinistra. Tra i liberali

    Citazione Originariamente Scritto da Varoma Visualizza Messaggio
    Autoritarismo, assolutismo monarchico, clericalismo ( "gloriosa rivoluzione" in GB, Rivoluzione francese, rivoluzione americana ) ma anche i vari comunismi e nazifascismi.

    Abbiamo dato cannonate a destra come a sinistra.
    Bisogna fare una doverosa puntualizzazione.

    Tanto la "Gloriosa Rivoluzione" quanto la Rivoluzione americana avevano le loro basi nel pensiero "Old Whig", altra cosa dal liberalismo continentale e da quel Liberal Party che in Inghilterrà si costituì grazie al fondamentale apporto dei "New Whigs", ovvero i radicali benthamiani (ricordo di sfuggita che Hayek definì Bentham "il grande sovversivo").

    Per quanto Whigs e Tories non corrispondevano in alcun modo al concetto europeo di conservatorismo e liberalismo, è certo che entrambi propendessero più per il primo che per il secondo, essendo entrambi di sicura fede monarchica. Inoltre, il partito whig si divise proprio in merito alla Rivoluzione Francese con i Burkeani che andarono a formare insieme ai tories quella coalizione che più tardi prenderà il nome di Conservative Party.

    Non a caso il politico e storico conservatore inglese Hugh Cecil pose il 1789 quale data di nascita del conservatorismo politico.

    Ancora, la lettura liberale della nascita degli Stati Uuniti come diretta conseguenza dell'Illuminismo francese è controversa. Esiste infatti un'altra lettura, di parte conservatrice, che nega questa filiazione e mette in relazione il pensiero dei "Whigs" rivoluzionari con le radici classiche e cristiane.

    Infine, per essere chiari, quello che io chiamo "liberalismo" è il pensiero filosofico che ha promosso in definitiva la Rivoluzione francese. E considero "liberali" quei pensatori e quei partiti che in toto o in parte vi si sono ricollegati. Ciò vale per tutti i "liberali" continentali (di destra come di sinistra), per i liberals anglosassoni, ma non per gli Old Whigs e tantomeno per gli autori americani del Federalist a cui si deve quella Costituzione conservatrice che "non fu fatta per essere esportata" (Robert Sirico).
    SADNESS IS REBELLION

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il nemico è a sinistra. Tra i liberali
    Di Florian nel forum Destra Radicale
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 26-08-09, 11:21
  2. Ma i liberali di sinistra?
    Di Venom nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 17-04-07, 19:32
  3. Liberali con un nemico......
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-06-03, 22:04
  4. L’ex Nemico (della Sinistra)
    Di Gianfranco nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-05-03, 22:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226