Yahoo Notizie - Ultime Notizie dall'Italia e dal Mondo

Torino, 24 ott. (LaPresse) - Sergio Chiamparino, attuale presidente della Compagnia di San Paolo, ha annunciato di aver messo a disposizione il proprio mandato al consiglio della fondazione bancaria torinese (principale azionista di Intesa San Paolo) comunicando di aver ricevuto un avviso di garanzia nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Torino che riguarda la gestione degli affitti e delle autorizzazioni per i locali dei Murazzi (sono ospitati nelle arcate dei bastioni del Po prospicenti piazza Vittorio Veneto nel centro della città). Il reato contestato a Chiamparino è abuso d'ufficio. Lunedì prossimo il consiglio della Compagnia di San Paolo si riunirà per decidere riguardo alla comunicazione del presidente. Non si tratta dunque di dimissioni, ma sarà lo stesso consiglio a dover stabilire se la posizione del presidente è ancora compatibile con il suo status di indagato. Negli ambienti della Compagnia (principale azionista di Intesa San Paolo) si precisa che la lettera non è affatto di dimissioni immediate, ma sarà lo stesso Consiglio Generale a dover decidere se l'avviso di garanzia sia o meno compatibile con il mantenimento da parte di Chiamparino della carica di presidente. Sempre gli stessi ambienti interni precisano che, visto lo stato ancora preliminare dell'inchiesta della procura torinese, è molto probabile che il Consiglio generale confermi la propria fiducia a Chiamparino. L'ex sindaco di Torino ha già nominato il proprio legale che lo tutelerà nel procedimento, l'avvocato Fulvio Gianaria, ed è probabile che sia sentito dai pm già la prossima settimana.
Nella lettera inviata al Consiglio Generale della Compagnia di San Paolo, Chiamparino scrive: "Oggi mi è stato recapitato un avviso di garanzia per fatti risalenti al periodo del mio precedente incarico di sindaco della Città di Torino". "Sono assolutamente sereno e pronto a collaborare con la magistratura - prosegue - convinto come sono di aver sempre cercato di perseguire l'interesse generale della Città, quindi anche a proposito delle concessioni di locali sui Murazzi del Po, oggetto dell'indagine. Rendendomi tuttavia conto dei possibili danni reputazionali che questa vicenda potrebbe arrecare alla Fondazione, che ho l'onore di presiedere, e per tenerla al riparo da questioni ad essa totalmente estranee, rimetterò il mio mandato al Consiglio Generale, già convocato per lunedì prossimo".