User Tag List

Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23
Risultati da 21 a 25 di 25
Like Tree4Likes

Discussione: La morte di Maria Antonietta

  1. #21
    Jerome è defunto
    Data Registrazione
    02 May 2006
    Località
    Cimitero
    Messaggi
    54,593
    Mentioned
    954 Post(s)
    Tagged
    14 Thread(s)

    Predefinito Re: La morte di Maria Antonietta

    corrige

    “Finalmente una morte da tutti desiderata! Quella del criminale iraniano Khomeini, uno dei grandi sanguinari del secolo. E folle in delirio che piangono la frusta che ha cessato di flagellarle…”. (G. Ceronetti, Per le strade della Vergine, 2014, "1989")

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #22
    Far-Left Ultranationalist
    Data Registrazione
    23 Nov 2011
    Località
    Ενότρια / Socialnazionalismo bolscevizzante
    Messaggi
    27,454
    Mentioned
    404 Post(s)
    Tagged
    108 Thread(s)

    Predefinito Re: La morte di Maria Antonietta

    Suca
    "L'odio per la propria nazione è l'internazionalismo degli imbecilli"- Lenin
    "Solo i ricchi possono permettersi il lusso di non avere Patria."- Ledesma Ramos
    Israele è il Male Assoluto
    IGNORE LIST : li ammazza stecchiti!
      

  3. #23
    Forumista junior
    Data Registrazione
    18 Oct 2019
    Località
    Roma
    Messaggi
    68
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La morte di Maria Antonietta

    Citazione Originariamente Scritto da Holuxar Visualizza Messaggio
    16 OTTOBRE 2018: ANNIVERSARIO DEL MARTIRIO DELLA REGINA MARIA ANTONIETTA, SAN GERARDO MAIELLA, RELIGIOSO REDENTORISTA, SANTA EDVIGE, DUCHESSA DI POLONIA E VEDOVA; FESTA DELLA PURITÀ DI NOSTRA SIGNORA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA…



    «16 OTTOBRE SANTA EDVIGE, VEDOVA.»
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova



    LA VITA | Miracolo San Gerardo


    http://www.preghiereperlafamiglia.it...do-maiella.htm
    "16 OTTOBRE SAN GERARDO MAIELLA
    Protettore delle mamme e dei bambini.

    All'età di 26 anni, Gerardo (1726-1755) riuscì a pronunciare i voti tra i Redentoristi, accolto come fratello coadiutore, dopo essere stato rifiutato dai Cappuccini a causa della sua fragilità di salute. Prima di partire aveva lasciato alla madre un biglietto con scritto: «Mamma, perdonami. Non pensare a me. Vado a farmi santo!». «Il "si" gioioso e fiducioso alla volontà divina, sorretto da costante preghiera e da spiccato spirito penitenziale, si traduceva in lui in una carità attenta alle necessità spirituali e materiali del prossimo, soprattutto dei più poveri. Pur senza aver compiuto particolari studi, Gerardo aveva penetrato il mistero dei regno dei cieli e lo irradiava con semplicità a coloro che lo avvicinavano». Egli fece dell'obbedienza eroica alla volontà di Dio un punto fermo della sua vita. In punto di morte pronunciò, davanti a Cristo viatico, queste parole: «Mio Dio, voi sapete che quanto ho fatto e detto, tutto l'ho fatto e detto per gloria vostra. Muoio contento, nella speranza di aver cercato solo la vostra gloria e il vostra santissima volontà»."




    Sant'Edvige - Sodalitium
    http://www.sodalitium.biz/santedvige/
    «16 ottobre, Sant’Edvige, Vedova, Duchessa di Polonia (Andechs, 1174 – Trzebnica, 15 ottobre 1243).
    “Santa Edvige Vedova, Duchessa di Polònia, la quale si addor mentò nel Signore il giorno precedente.”

    La nostra preghiera, o Edvige, si fa oggi supplichevole in favore dei tuoi figli. Dopo il giorno della loro nascita alla grazia sono passati secoli, che hanno meritato alla Polonia il nome di terra dei martiri e la sua anima, che tu hai generata al prezzo eroico di tutta la tua vita, è sempre uscita dalla prova più grande ancora. Ma la coppa dei suoi dolori oggi trabocca, perché non versa solo più il sangue dalle vene dei suoi figli. L’eterno nemico ha da tempo compreso che il sangue dei martiri è seme di cristiani e invece di torturare solo il corpo di un popolo, che ad ogni ferita si fortifica, ne tortura anche l’anima. Scendi in soccorso della Polonia sfortunata e, se è vero che il grido delle madri è sempre ascoltato, quello che tu leverai a Dio porterà la salvezza ai tuoi figli.»
    http://www.sodalitium.biz/wp-content...ge-219x300.jpg





    "Sante Messe - Sodalitium"
    Sante Messe - Sodalitium

    "S. Messa in provincia di Verona - Sodalitium"
    S. Messa in provincia di Verona - Sodalitium

    “Sodalitium - IMBC.”
    https://www.youtube.com/user/sodalitium

    “Omelie dell'I•M•B•C a Ferrara.”
    https://www.facebook.com/OmelieIMBCFerrara/

    Oratorio Sant'Ambrogio ? Milano ? Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11)
    “Oratorio Sant'Ambrogio, Milano - Offertur Oblatio Munda (Malachia 1, 11)”




    «Don Floriano Abrahamowicz - Domus Marcel Lefebvre.
    XXI domenica d. Pentecoste (Santa Messa)
    https://www.youtube.com/watch?v=H84WydDuFFs
    XXI domenica d. Pentecoste (Omelia)
    https://www.youtube.com/watch?v=1NiTVwx9HdM
    https://www.youtube.com/user/florianoabrahamowicz/
    domusmarcellefebvre110815
    Ogni giovedì alle ore 20.30 ha luogo la lettura in diretta di una o due questioni del Catechismo di San Pio X.
    SANTA MESSA - domusmarcellefebvre110815
    La Santa Messa tutte le domeniche alle ore 10.30 a Paese, Treviso.»





    https://tradidiaccepi.blogspot.com/


    https://www.facebook.com/catholictradition2016/
    «Sancti et Sanctae Dei, orate pro nobis.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...a6&oe=5C503089





    «FESTA DELLA PURITÀ DI NOSTRA SIGNORA BEATA VERGINE MARIA SANTISSIMA.
    Doppio maggiore.
    Paramenti bianchi.
    La devozione del Messale Romano al 16 ottobre propone una Messa “Puritatis beatae Mariae Virginis” (della Purezza della beata Vergine Maria).
    Dio ci ha rivelato che Maria Santissima fin dal suo concepimento fu preservata dal peccato originale e quindi non commise nessun peccato. Ella, l’Immacolata concezione, fu pura in maniera perfetta: Pura nella mente ordinata esclusivamente a Dio, sommo Vero, sommo Bene, sommo Bello. Pura nel cuore - "orto chiuso e fontana sigillata" (Cant. IV, 12) - in cui nulla vi risiedette se non l'amor di Dio e gli affetti più pii e più casti. Pura nel corpo in quanto come ci ricorda la liturgia “sempre intatta nella gloria verginale, generò al mondo la luce eterna, Gesù Cristo nostro Signore”. Nell'anima e nel corpo era tutta di Dio: "Nulla di contaminato in essa s'infiltra" (Sap. VII, 25). Invochiamo dalla Madonna la grazia di vincere l’impurità: “O Maria, o purissima colomba, quanti sono nell'inferno per questo vizio! Signora, liberatecene; fate che nelle tentazioni sempre ricorriamo a voi e v'invochiamo, dicendo: Maria, Maria, aiutaci. Amen” (Sant’Alfonso).
    • Dal libro di sant’Ambrogio vescovo sulle vergini.
    Libro 2 dopo l’inizio.
    La vita della beata Maria rappresenti per voi, come in un quadro, la verginità; della quale, come in uno specchio, rifulge la bellezza della castità e l’ideale della virtù. Prendetene pure gli esempi di vivere: poiché essi esprimono, come in un modello, le lezioni della santità, ciò che dovete correggere, evitare, conservare. La prima cosa che accende ardore nell'apprendimento è la grandezza del maestro. Che cosa più nobile delle Madre di Dio? Che cosa più magnifico di lei, che la stessa magnificenza elesse? Che cosa più casto di lei, che generò un corpo senza contatto con altro corpo?
    Che cosa dirò delle altre sue virtù? Vergine era non solo nel corpo, ma anche nella mente, che non ha macchiato la sincera volontà da nessuna disposizione di astuzia. Era umile di cuore, grave nel discorso, prudente nell’animo, più parca di parole, più studiosa nella lettura, riponendo la sua speranza non sull’incertezza delle ricchezze, ma sulla preghiera del povero; intenta al lavoro, modesta nel discorso, solita non cercare l’uomo, ma Dio come giudice dei suoi pensieri; non far del male a nessuno, voler bene a tutti, sfuggire il vanto, rispettare la ragione, amare la virtù.
    • Dai Sermoni di san Pietro Crisologo.
    Sermone 143.
    Costei diede gloria ai cieli, Dio alla terra, fede alle Genti, fine ai vizi, ordine alla vita, disciplina ai costumi. La Vergine, che stava per restituire la salute ai secoli, accettò la grazia, che l’Angelo conferì. Veramente benedetta la Vergine, che possiede sia l’onore della verginità sia la dignità della Madre; veramente benedetta, che sia fu degna della grazia della concezione divina sia preservò la corona dell’integrità. Veramente benedetta, che sia generò la gloria del germe divino sia apparve Regina di tutta la castità.
    SANTA MESSA
    - Al Vangelo.
    • Omelia di san Bernardo abate.
    Omelia 2 sul Missus est.
    Nessun che discuta quel nuovo cantico, che sarà accordato alle sole vergini nel regno di Dio di esaltare la stessa Regina delle vergini, la prima tra le altre ad esser esaltata dal basso. Inoltre ritengo che quella città di Dio, oltre a quel cantico che è permesso alle sole vergini e sarà comune, come ho detto, a lei con tutte esse pure, si allieterà di un certo carme più soave e più distinto. Ritengo che il suo ritmo dal suono così melodioso cava fuori ed esprime che non si troverà senza dubbio alcuna degna delle stesse vergini, poiché ciò che è da decantare giustamente sarà riservato a colei, che sola si gloria del parto, del parto divino. Si gloria, ho detto, del parto, non in se stessa, ma in colui stesso, che ha generato. Dio, dato che stava per concedere alla sua Madre (infatti è Dio, colui che ha generato) una gloria singolare nei cieli, provvide di prevenirla sulla terra anche con una grazia singolare, con la quale evidentemente concepisse ineffabilmente ed intatta, e partorisse incorrotta.
    Conveniva a Dio una nascita di tal genere, nella quale fosse generato soltanto dalla Vergine. Tale parto si confaceva anche alla Vergine, che non generasse se non Dio. Dunque il Creatore degli uomini, affinché divenisse uomo, per nascere dall’uomo, dovette scegliere una tale Madre per sé tra tutte e custodirla nella bassezza, sia sapeva quale gli convenisse sia conosceva quale sarebbe stata gradita a sé. Volle che fosse pertanto Vergine, dalla quale immacolata procedesse l’immacolato per purgare le macchie di tutti. Volle che fosse anche umile, dalla quale il mite e l’umile di cuore nascesse, per mostrare a tutti l’esempio necessario e molto salutare di queste virtù in sé. Concesse il parto alla Vergine, colui che già precedentemente le aveva sia inspirato il voto della verginità, sia accordato il merito dell’umiltà. Affinché allora, colei che stava per concepire il Santo dei Santi allo stesso modo, fosse destinata a mostrarsi santa nel corpo, ricevette il dono della verginità; affinché lo fosse anche nell’animo, ricevette il dono dell’umiltà.
    O Vergine ammirevole e degnissima di ogni onore! O donna singolarmente veneranda, ammirabile su tutte le donne, riparatrice dei progenitori, vivificatrice dei posteri! L’Angelo fu inviato a una Vergine, vergine nella carne, vergine nell’animo, vergine nella professione di fede, vergine infine, come descrive l’Apostolo, santa nell’animo e nel corpo, né di recente né trovata per caso, ma eletta dal secolo, prevista dall’Altissimo, predisposta anche per sé, custodita dagli Angeli, prefigurata dai Padri, promessa dai Profeti.
    PROPRIUM MISSAE:
    https://tradidiaccepi.blogspot.com/2...ine-maria.html »
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...dd&oe=5C4F98D8





    «SANTA EDVIGE
    Vedova.
    Semidoppio.
    Paramenti bianchi.
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova
    Edvige, di stirpe regale, e ancor più illustre per innocenza di vita, nata ad Andescj nell'alta Baviera nel 1174, era figlia di Bertoldo, principe di Carinzia, e zia materna di santa Elisabetta di Ungheria. Sposa di Enrico I, duca di Polonia, adempì così santamente i suoi doveri di sposa, che la Chiesa la paragona alla donna forte, di cui lo Spirito Santo ci parla nell'Epistola di oggi. Dal suo matrimonio nacquero tre maschi e tre fanciulle. Macerava il suo corpo col digiuno e con le veglie, e anche con la severa ruvidezza dei suoi abiti. Animata da una grande carità verso i poveri, li serviva a tavola; inoltre, lavava e baciava le ulceri dei lebbrosi. Per meglio dedicarsi al servizio del Signore indusse il suo sposo ad inpegnarsi in un con essa col voto di castità. Morto il duca, Edvige, come il mercante di cui ci parla il Vangelo, si spogliò di tutti i suoi beni per comperare la perla preziosa della vita eterna. Dopo incessanti preghiere e per ispirazione divina, con slancio generoso d'amore, passò dalle pompe del secolo all'umile sequela della croce (Orazione) entrando nel monastero dell'ordine cistercense di Trebnitz (l'attuale Tzrebnica) in Polonia, che era stato da lei stesso fondato e ove sua figlia Geltrude era badessa. Ivi si addormentò nel Signore il 15 ottobre 1243. Fu inscritta nell'albo dei Santi da papa Clemente IV nel 1267. La Polonia la onora in modo particolare quale sua patrona.

    • Edvige, di famiglia reale, ma ancora più illustre per la innocenza della vita, era zia di sant'Elisabetta regina d'Ungheria, e figlia di Bertoldo e d'Agnese marchesi di Moravia, e fin dalla prima età fece conoscere la saggezza del suo animo. Infatti bambina s'astenne da ogni puerilità, e sposata a dodici anni a Enrico duca di Polonia, adempì santamente i doveri di fedele sposa, ed allevò nel timor di Dio i figli che n'ebbe. Ma per dedicarsi meglio a Dio, indusse il marito a consentire e a impegnarsi con voto, come lei, a osservare la continenza. Mortole il marito, ella, dopo reiterate preghiere e dietro ispirazione divina, prese generosamente l'abito Cistercense nel monastero di Trebnitz; e là, intenta alla contemplazione, e assistendo con assiduità dal levar del sole fino a mezzogiorno agli Uffici divini e alla celebrazione delle Messe si mostrò coraggiosa nel disprezzare l'antico nemico del genere umano.
    Non volle più parlare né sentir parlare di cose del secolo, purché non si riferissero alla gloria di Dio o alla salute delle anime. Fu tale la sua prudenza nell'operare, che né trasmodava nel modo né errava nell'ordine da eseguire, del resto era affabile e dolce col prossimo. Coi digiuni, veglie, vesti austere e rozze onde affliggeva il suo corpo, trionfò grandemente di sé; perciò fiorirono in lei le più sublimi virtù cristiane, e divenne un modello di pietà religiosa per la gravità de' suoi consigli, il candore e la serenità del suo animo. Mettersi volentieri al disotto di tutte le altre monache e compierne con gioia i servizi più vili, servire i poveri perfino in ginocchio, lavare e baciare i piedi dei lebbrosi, le era cosa famigliare; né, padrona di sé, l'arrestava la nausea della marcia che scaturiva dalle loro ulceri.
    Fu ammirabile la sua pazienza e fortezza d'animo, principalmente nella morte del suo figlio Enrico, duca di Slesia, che amava teneramente, ucciso in una guerra contro i Tartari; piuttosto che versar lacrime su questo figlio, ne ringraziò Dio. I miracoli accrebbero la sua gloria; che, chiamata, rese la vita a un fanciullo caduto nell'acqua, impigliato fra le ruote d'un Mulino e quasi stritolato; e ne fece ancora altri, che, canonicamente provati, indussero Clemente IV ad iscriverla nel novero dei Santi, e a concedere che la Polonia, la quale l'onora con venerazione particolare come patrona, ne celebrasse la festa il 15 Ottobre. In seguito Innocenzo XI la estese a tutta la Chiesa, fissandola al giorno 17; dipoi Pio XI l'ha anticipata al 16.
    SANTA MESSA
    - Al Vangelo.
    • Omelia di san Gregorio papa.
    Omelia 11 sui Vangeli.
    Il regno dei cieli, fratelli carissimi, si dice simile a cose terrene, affinché l'anima si elevi da ciò che conosce a ciò che non conosce affatto, così che dall'esempio delle cose visibili si sollevi alle invisibili, e come incitata da ciò che ha appreso, s'infiammi a tal punto da imparare ad amare, per mezzo dell'affetto per un bene conosciuto, anche beni sconosciuti. Ecco dunque che il regno dei cieli si paragona ad un tesoro nascosto in un campo. L'uomo che l'ha trovato, lo tiene nascosto e, per la gioia di possederlo, va a vendere tutto ciò che possiede e compra quel campo.
    Ed in ciò si deve anche notare che il tesoro trovato viene nascosto perché sia conservato: poiché non riuscirà a difendere dagli spiriti maligni l'ardore del desiderio che sente per il cielo, colui che non lo sottrae alle umane lodi. Infatti nella vita presente ci troviamo come in una via, lungo la quale ci dirigiamo alla patria. Gli spiriti maligni ci tendono insidie lungo la strada, come ladruncoli. Portare dunque pubblicamente un tesoro per via è come desiderare di essere derubati. Ora io dico questo, non perché il prossimo non veda le nostre opere buone, poiché sta scritto: "Vedano le vostre opere buone e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli"; ma perché non cerchiamo lodi dall'esterno per quello che facciamo. L'opera quindi sia pure pubblica, ma rimanga occulta l'intenzione: affinché noi possiamo dare al prossimo l'esempio di un'opera buona, e tuttavia con l'intenzione, per la quale cerchiamo di piacere soltanto a Dio, desideriamo sempre il segreto.
    Il tesoro è il desiderio del cielo, e il campo nel quale è nascosto, è una vita degna del cielo. Vende subito ogni cosa per comperare questo campo chi, rinunziando ai piaceri della carne, con pratica esatta di questa vita di cielo, calpesta tutti i suoi desideri terreni, così che nulla più gli piaccia di ciò che solletica la carne, e il suo spirito non tema nulla di ciò che distrugge la vita carnale.
    https://sardiniatridentina.blogspot....edova.html?m=0
    • Dalla «VIta di santa Edvige» scritta da un autore contemporaneo.
    (Acta Sanctorum Octobris 8 [1853], 201-202)
    Il suo animo tendeva sempre a Dio.

    Ben sapendo la serva di Dio che le pietre vive, che sono destinate alla costruzione della Gerusalemme celeste, devono essere rifinite in questo mondo a colpi di contrarietà e di umiliazioni, e che per salire alla felicità eterna ed alla patria gloriosa bisogna passare per molte tribolazioni, si espose totalmente ai rovesci delle sofferenze, e senza compassione logorò il suo corpo con molti flagelli. Si macerò infatti ogni giorno con digiuni ed astinenze tali, che molti si meravigliavano come mai una donna così debole e delicata potesse sopportare tormenti di tal genere. Quanto più spesso si dava alla mortificazione del corpo, in cui tuttavia usava intelligente discrezione tanto più speditamente avanzava nel vigore dello spirito e nell'aumento della grazia, continuamente alimentata dal fuoco del divino amore e della devozione. Infatti assai spesso era trasportata in alto e si intratteneva con Dio con desiderio tanto infuocato che, resa insensibile, non avvertiva più la presenza di questo mondo.
    Come con la devozione dell'anima tendeva sempre a Dio, così si chinava verso il prossimo con la sua benefica carità. Dava generosamente l'elemosina ai bisognosi, elargiva benefici a comunità e persone religiose, sia fuori che dentro i monasteri, fu munifica con le vedove e gli orfani, coi malati e i deboli, coi lebbrosi e i carcerati, coi pellegrini e le nutrici bisognose di sostentamento. Insomma, concedeva ogni genere di favori e non permise che alcuno se ne andasse da lei senza aver ricevuto aiuto. E siccome questa serva di Dio non trascurò mai di compiere tutto il bene che poteva, Dio le concesse una particolare grazia. Quando si sentiva umanamente del tutto esaurita e priva di forze, con la potenza divina della passione di Cristo riusciva ancora a fare ciò che la necessità del prossimo richiedeva da lei. Perciò a quanti ricorrevano a lei per la salute dell'anima e del corpo, a tutti portava aiuto secondo il beneplacito della divina bontà.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...d4&oe=5C552F05










    http://www.sursumcorda.cloud/
    https://www.sursumcorda.cloud/sostienici/libri.html
    https://www.facebook.com/CdpSursumCorda/



    «Ultimi comunicati - Centro studi Giuseppe Federici - Per una nuova insorgenza
    “Non serviam: il ’68 contro il principio dell’autorità”
    http://www.centrostudifederici.org/n...-dellautorita/
    IN RILIEVO: Omelia su Paolo VI
    Omelia su Paolo VI - Centro Studi Giuseppe Federici
    “Esiste il pericolo di un “tradizionalismo” gay friendly?”
    "Esiste il pericolo di un ?tradizionalismo? gay friendly?" - Centro Studi Giuseppe Federici
    Il Vicino Oriente sotto una cattiva stella
    Il Vicino Oriente sotto una cattiva stella - Centro Studi Giuseppe Federici
    I cento anni della chiesetta sul Colle Don Bosco
    I 100 anni della chiesetta sul Colle Don Bosco - Centro Studi Giuseppe Federici
    Segnalazione canale You Tube
    Segnalazione canale You Tube - Centro Studi Giuseppe Federici
    Com'è umano lei
    Com'è umano lei - Centro Studi Giuseppe Federici
    San Francesco d’Assisi e mons. Umberto Benigni
    San Francesco d?Assisi e mons. Umberto Benigni - Centro Studi Giuseppe Federici
    Lepanto, 7 ottobre 1581
    Lepanto, 7 ottobre 1571 - Centro Studi Giuseppe Federici
    Rieducazione comunista in salsa bolognese
    Rieducazione comunista in salsa bolognese - Centro Studi Giuseppe Federici
    60 anni dalla morte di Pio XII
    60 anni dalla morte di Pio XII - Centro Studi Giuseppe Federici
    “Colombo è uomo nostro”
    ?Colombo è uomo nostro? - Centro Studi Giuseppe Federici »


    “Cuore Eucaristico di Gesù, modello del cuore sacerdotale, abbiate pietà di noi. (Indulgenza 300 giorni ogni volta).”
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...b5&oe=5C5E25F8





    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...04&oe=5C4D2BEF







    https://www.agerecontra.it/2018/10/d...-sursum-corda/


    https://www.facebook.com/pietroferrari1973/




    Radio Spada | Radio Spada ? Tagliente ma puntuale
    Edizioni Radio Spada - Home
    https://www.facebook.com/radiospadasocial/?fref=nf
    «16 ottobre 2018: Sant'Edvige, duchessa di Slesia e vedova.

    Nata nel 1174 nell’Alta Baviera, fu duchessa della Slesia, sposa di Enrico I detto il Barbuto. La sua condizione nobile non le vietò di vivere a fondo la propria fede, dando prova di profonda devozione ed esprimendo in diversi modi la carità verso gli ultimi e l’intenzione totale di porre tutta la sua persona a servizio degli altri. Provata da diverse sventure familiari e addolorata dalla rivalità tra i due figli, seppe mostrare sempre la mitezza e la saggezza di chi vive un profondo desiderio di pace. Stile che applicò nella vita di corte e nella politica estera. Quando il marito fu fatto prigioniero di guerra ne ottenne la liberazione. Si adoperò per migliorare le condizioni di vita dei carcerati e usò gran parte delle sue rendite per i poveri. Praticò un’austerità personale volta a una mortificazione offerta come segno concreto per chi viveva chiuso nel peccato e nell’egoismo. Principessa e penitente, sposa fedele e madre dolorosa, sovrana giusta e benefica, Edvige morì nel 1243 e subito venerata come santa, sia dai fedeli germanici che da quelli slavi.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...f2&oe=5C407D7A





    «In memoria della Regina Maria Antonietta, ghigliottinata il 16 ottobre 1793.

    “Io muoio nella religione cattolica, apostolica e romana, in quella dei miei padri, in quella nella quale son stata allevata, e che ho sempre professato, non avendo alcuna consolazione spirituale da aspettare, non sapendo se esistano ancora qui preti di questa religione e, anche se ciò fosse, il luogo in cui mi trovo li esporrebbe troppo se vi entrassero una volta, io chiedo sinceramente perdono a Dio di tutti gli errori che ho potuto commettere da quando esisto; spero che nella sua bontà vorrà accogliere i miei ultimi voti, come quelli che ho fatto da molto tempo perché voglia ricevere la mia anima nella sua misericordia e nella sua bontà. Chiedo perdono a tutti quelli che conosco” (Dall'ultima lettera alla cognata Elisabetta).»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...34&oe=5C5631A9





    «Il 16 ottobre 1591 muore Gregorio XIV Sfondrati, Sommo Pontefice.»
    https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net...71&oe=5C471DD8










    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova
    Dom Prosper Guéranger, L'Anno Liturgico - 16 ottobre. Santa Edvige, vedova
    «16 OTTOBRE SANTA EDVIGE, VEDOVA.
    Madre dei popoli.

    All'origine di ogni vita vi è un atto generatore e questo fatto, che nell'ordine naturale tutti possono costatare, obbedisce a identiche leggi nell'ordine spirituale. Da una parte e dall'altra è uguale il processo che esige il concorso di due elementi e consegue il suo risultato dopo un parto doloroso, che dopo il peccato originale è condizione di qualsiasi nascita.
    Per realizzare la maternità spirituale Dio è libero di scegliere come vuole, ma, per rispetto alle leggi che ha stabilite, si contenta ordinariamente di servirsi di quello che già esiste nella natura delle cose, elevandolo all'ordine soprannaturale.
    Così noi vediamo alla culla di molti paesi cristiani colei, che per le funzioni esercitate era già madre della grande famiglia nazionale: una regina, che dà la vita a tutto un popolo con le acque del battesimo. È il caso di Clotilde, che forgia l'anima del suo paese in vista di lotte future ed è il caso di Edvige, Duchessa di Polonia.
    Queste sante principesse restano madri della patria anche dopo la morte, perché per sua stessa natura, il legame che le univa al loro popolo resta intatto e la loro protezione si afferma attraverso i secoli con la potenza di un amore materno sopra il cuore di Dio.
    Storia.
    Nata verso il 1174, Edvige, figlia del Marchese di Moravia, zia di santa Elisabetta di Ungheria, andò sposa ancor giovanissima a Enrico, Duca di Polonia, cui diede sei bambini. Fece poi col marito voto di continenza e, alla morte di lui, si ritirò nel monastero cistercense di Trebnitz nella Slesia, dove, ricevuto l'abito religioso, condusse una vita dedita alla contemplazione, alla penitenza e all'elemosina.
    Conobbe con tre anni di anticipo la sorte del figlio, il Duca Enrico il Pio, che morì sul campo di battaglia di Liegnitza, difendendo la cristianità contro i Tartari e offrì a Dio il suo sacrificio, ringraziandolo di averle dato un figlio simile. Morta il 15 ottobre del 1243, fu canonizzata da Clemente IV, che la dichiarò Patrona della Polonia.
    Preghiera per la Polonia.
    La nostra preghiera, o Edvige, si fa oggi supplichevole in favore dei tuoi figli. Dopo il giorno della loro nascita alla grazia sono passati secoli, che hanno meritato alla Polonia il nome di terra dei martiri e la sua anima, che tu hai generata al prezzo eroico di tutta la tua vita, è sempre uscita dalla prova più grande ancora. Ma la coppa dei suoi dolori oggi trabocca, perché non versa solo più il sangue dalle vene dei suoi figli. L'eterno nemico ha da tempo compreso che il sangue dei martiri è seme di cristiani e invece di torturare solo il corpo di un popolo, che ad ogni ferita si fortifica, ne tortura anche l'anima.
    Scendi in soccorso della Polonia sfortunata e, se è vero che il grido delle madri è sempre ascoltato, quello che tu leverai a Dio porterà la salvezza ai tuoi figli.
    da: P. GUÉRANGER, L'anno liturgico. - II. Tempo Pasquale e dopo la Pentecoste, trad. it. L. ROBERTI, P. GRAZIANI e P. SUFFIA, Alba, Edizioni Paoline, 1959, pp. 1190-1192.»





    Ligue Saint Amédée
    Ligue Saint Amédée
    https://www.facebook.com/SaintAmedee/
    «Intransigeants sur la doctrine ; charitables dans l'évangélisation [Non Una Cum].»

    16 octobre : [Diocèses de Bâle et Sion] Saint Gall, Abbé :: Ligue Saint Amédée
    “16 octobre : [Diocèses de Bâle et Sion] Saint Gall, Abbé.”
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...saint_gall.jpg





    16 octobre : Saint Gérard Majella, Frère convers Rédemptoriste (1726-1755) :: Ligue Saint Amédée
    “16 octobre : Saint Gérard Majella, Frère convers Rédemptoriste (1726-1755).”
    http://liguesaintamedee.ch/applicati...rd_majella.jpg







    Regina Sacratissimi Rosarii Ora Pro Nobis!!!
    Luca, Sursum Corda – Habemus Ad Dominum!!!
    @ Holuxar.

    Non mi ero mai informata molto su Santa Edvige, qualcosa di più sapevo su Santa Elisabetta d'Ungheria. Una trattazione molto bella, e ho intenzione di comprare un libro su questa Santa.
    Grazie.

  4. #24
    Forumista junior
    Data Registrazione
    18 Oct 2019
    Località
    Roma
    Messaggi
    68
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: La morte di Maria Antonietta

    @ Jerome-

    Effettivamente troppo melodrammatico questo scritto. La gente conosce Maria Antonietta per la fine che fece, cui si agganciarono scrittori e cineasti.
    Di lei ricordo che aveva emorragie continue, ma non la lasciavano mai sola nella prigione, e la fine sulla ghigliottina. Ricordo poi che l'anno dopo, il 28 luglio del 1794 fu giustiziato Robespierre, e forse espio' tutta la notte il male fatto, infatti qualcuno sparò e lo colpi' alla mascella, la mandibola non si teneva più, aveva un sacchetto dove vomitare sangue, alla fine fu ucciso.
    Tanti problemi restano, come mai per Maria Antonietta, figlia della grande imperatrice Maria Teresa d'Austria e Lorena nessuno in Europa si mosse per salvarla? Abbiamo solo ipotesi.
    FrancoAntonio likes this.

  5. #25
    Super Troll
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    abroad
    Messaggi
    55,584
    Mentioned
    1055 Post(s)
    Tagged
    43 Thread(s)

    Predefinito Re: La morte di Maria Antonietta

    Citazione Originariamente Scritto da liutgarda Visualizza Messaggio
    @ Jerome-

    Effettivamente troppo melodrammatico questo scritto. La gente conosce Maria Antonietta per la fine che fece, cui si agganciarono scrittori e cineasti.
    Di lei ricordo che aveva emorragie continue, ma non la lasciavano mai sola nella prigione, e la fine sulla ghigliottina. Ricordo poi che l'anno dopo, il 28 luglio del 1794 fu giustiziato Robespierre, e forse espio' tutta la notte il male fatto, infatti qualcuno sparò e lo colpi' alla mascella, la mandibola non si teneva più, aveva un sacchetto dove vomitare sangue, alla fine fu ucciso.
    Tanti problemi restano, come mai per Maria Antonietta, figlia della grande imperatrice Maria Teresa d'Austria e Lorena nessuno in Europa si mosse per salvarla? Abbiamo solo ipotesi.
    nessuno poteva salvarla, solo una guerra ma in quel momento la Francia era forte e in preda a una follia collettiva omicida e respinse gli attacchi da parte delle potenze antifrancesi

 

 
Pagina 3 di 3 PrimaPrima ... 23

Discussioni Simili

  1. Le briosches di Maria Antonietta
    Di Gianky nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 07-04-13, 12:08
  2. La Sinistra mi ricorda Maria Antonietta...
    Di Doge nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 19-04-08, 19:48
  3. Sindrome Di Maria Antonietta
    Di pietroancona nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-05-07, 10:39
  4. maria antonietta cofferati
    Di itloox nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 27-10-05, 20:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226